martedì 6 novembre 2018

Domanda:"chi celebra la Messa?" Risposta: "il sacerdote in persona Christi" Bocciato perchè troppo cattolico!

Collezioniamo da tempo "ad perpetuam rei memoriam" diverse preziose testimonianze di ex seminaristi (alcuni dei quali sono stati poi "ripescati" da santi e coraggiosi vescovi che li hanno ordinati altrove) che erano stati ingloriosamente bocciati o allontanati dal loro seminario perchè... troppo cattolici. 
Quando le spie (diabolicamente impostate) vedono indugiare il seminarista in sagrestia ( zona Off limits ) o inginocchiato davanti al Santissimo Sacramento nella cappella invece che giocare con gli altri allievi... scatta il campanello d'allarme "valido" anche per la procedura dell'allontanamento con l'accusa (ambiguamente infamante) di "non possedere la perfetta idoneità per il ministero sacerdotale". 
Qualcuno può pensare che stiamo esagerando: può darsi ma le testimonianze che abbiamo a disposizione confermano che la prassi di alcuni rettori di seminario, alcuni di quali ora sono vescovi diocesani, è stata per troppo tempo quella di castrare ogni forma di
sana devozione cattolica dei seminaristi che nella preghiera e nell'adorazione eucaristica trovano la più alta espressione. 
Il despotismo dei rettori e degli inumani kommissari dei seminari hanno generato ed alimentato l'insano ricorso all'inganno dei ragazzi : studenti di teologia che soprattutto in sede di esame hanno dovuto fingersi dogmaticamente e soprattutto liturgicamente progressisti e innovativi? "Un sacerdote un giorno mi raccontò che, in seminario, venne bocciato all'esame di liturgia perché alla domanda "chi celebra la Messa?" lui rispose "il sacerdote in persona Christi" No! Bocciato. La risposta era: tutta l'assemblea... Da allora capì che la verità era il contrario ciò che gli facevano studiare..." ( testimonianza di un ex professore di una facoltà teologica) 
Un altro studente di teologia scoppiò in pianto dopo aver superato finalmente un esame, dopo essere stato bocciato per due volte: "sono un falso: ho dovuto fingere di essere filo-luterano per essere promosso!
E' un "classico" che i poveri seminaristi in alcuni atenei debbono presentarsi alle commissioni esaminatrici nelle vesti di progressisti neo-modernisti pur di essere promossi. 
A forza di fingere qualcuno diventa praticamente progressista al punto tale che in rete sta circolando il "messaggio" che abbiamo postato in alto (cliccare per ingrandire): premettiamo che  potrebbe essere un fake - non si è mai sicuri di quel che circola in rete- ma quanti ragazzi durante il catechismo vengono ingannati a tal punto che si fa loro credere di essere "concelebranti" nella celebrazione della Messa? 
La foto del messaggetto della chat dei ragazzi , vera o falsa che sia, è icona perfetta dell'indottrinamento iper progressista a cui i giovani che frequentano il catechismo, sono sottoposti loro malgrado.

***

Dalla devotissima saggezza di San Carlo Borromeo Vescovo, di cui abbiamo festegggiato  la ricorrenza liturgica,  prendiamo una parte dell' Omelia  nella festa del Corpus Domini 


Tutti i misteri del nostro salvatore Gesù Cristo sono sublimi e profondi: noi li veneriamo in unione con la sacrosanta madre Chiesa. 
Tuttavia il mistero odierno, l’istituzione del santissimo sacramento dell’eucaristia, attraverso il quale il Signore si è donato in cibo alle anime fedeli, è così sublime ed elevato da superare ogni comprensione umana. 
Così grande è la degnazione del sommo Dio, in esso riluce tale amore che ogni intelligenza viene meno; nessuno potrebbe spiegarlo a parole né comprenderlo con la mente… 
Nel Vecchio Testamento è narrata la nobilissima storia dell’agnello pasquale che doveva essere mangiato dentro casa da ogni famiglia; qualora poi ne fosse avanzato e non potesse essere consumato, lo si doveva bruciare nel fuoco. 
Quell’agnello era figura del nostro Agnello immacolato, Cristo Signore, da offrire per noi all’eterno Padre sull’altare della croce… 
Quale motivo, se non l’amore soltanto, poté spingere il Dio buonissimo e grandissimo a donarsi in cibo a quella misera creatura che è l’uomo, ribelle dal principio… 
Tu, Cristo Gesù, che sei il Pane degli angeli, non hai sdegnato di divenire il cibo degli uomini ribelli, peccatori, ingrati. 
Oh grandezza della dignità umana!... 
Dio ci ha fatto un favore singolare! 
Il suo amore per noi è inesplicabile!
Solo questa carità poté spingere Dio a fare tanto per noi. 
Perciò come è ingrato chi nel suo cuore non medita e non pensa sovente a questi misteri!  
O Signore Dio, mi hai tanto favorito, mi hai concesso tante grazie, mi hai eletto al tuo servizio, 
chiamato ad una vocazione tanto sublime, arricchita da tanti tesori spirituali; compi, Signore, questa tua opera, 
donami grazia e luce e spirito perché io corrisponda, con la mia vita, a tanti beni. 

AC

Nessun commento:

Posta un commento

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.