lunedì 29 ottobre 2018

Sinodo sui giovani: come i vescovi hanno votato il documento finale.

Se pur abbiamo riservato le giornate scorse al Pellegrinaggio internazionale a Roma, abbiamo seguito  gli sviluppi e le melensaggini partorite dai vescovi: tralasciando per ora  l’inverecondo ballo finale a cui hanno preso parte anche le LL. EE., e la lettera ai giovani, proponiamo un commento di Aldo Maria Valli che sintetizza i punti salienti delle votazioni finali

7 commenti:

  1. Appena letto su Chiesa e Postocncilio:
    “I sacerdoti hanno perso lo « smalto ». Molti di loro scimmiottano i laici e non ne sono più la guida; hanno ceduto alle lusinghe evanescenti del mondo per seguire fantasmi di piacere: potere, sesso e lusso, oppure si danno ad interessi di carattere sociale, venendo assorbiti da un attivismo che sradica l’identità sacerdotale fatta, per sua essenza, di atti ministeriali e di apostolato. Buona parte dell’editoria cattolica e i giornali, che si fregiano di essere cristiani, non comunicano più dogmi e virtù, ma scelte politiche e sociologiche, puntando su linee progressiste passate ormai di moda: resistono, in parrocchie o altri luoghi di volontariato assistenziale, alcune realtà pseudocattoliche di chiara ideologia comunista, dove il centro non sono la Fede e la preoccupazione a nutrirla e corroborarla, bensì l’uomo e le sue esigenze materiali. Il clero, troppo spesso, imita i laici nel loro stile di vita, nel quale sono compresi vizi e debolezze.”

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Forse i sacerdoti modernisti hanno perso lo smalto ma sicuro non hanno perso il potere.
      I sacerdoti della tradizione (FSSP, ICRSS, IBP) avranno pure lo smalto ma mi pare che non lo dimostrano. Sono diventati come i Carabinieri: "usi a obbedir tacendo e tacendo a morir". I FF.II. appena hanno aperto bocca sono stati azzerati. Si salverà la FSSPX ? Mah.

      Elimina
  2. Fumoso documento che ripete come minestra riscaldata e aromatizzata con le spezie pergogliane, la proposizioni socioculturali e psicoanalitiche relativiste che sentiamo ossessivamente ripetersi, in assenza di vera teologia ed antropologia cristiana. La Chiesa, del dialogo,del discernimento permissivo e quindi della rinuncia, non sembra più in grado di educare i giovani, ricordare loro con fermezza i doveri familiari e sociali prima dei diritti ed evitare di fare della vita un gioco costringendo i genitori, che però dovrebbero dare l'esempio spesso mancante, a fare cose, anche illecite, per consentire loro di agire superficialmente anche nella scelta degli studi e del lavoro, senza avere la possibilità di difenderli con fermezza dai mali divenuti la regola del vivere della società : corruzione, clientelismo e feroce ricerca del danaro che annulla la persona. GPII e Benedetto hanno cercato di farlo nei loro discorsi ai giovani oggi del tutto oscurati e persino disapprovati, ammonendoli ad essere lontani dal populismo che sostituisce la Fede le virtù cristiane comandate.

    RispondiElimina
  3. State diventando l'ombra di voi stessi. Diventati ogni giorno di più sterili e muti. Per il Summorum avete pubblicato una quantità immensa ma inutile di foto. Ma a che cosa sono servite ?. E i commenti, gli interventi, gli insegnamenti, il futuro del Summorum ? Nulla.
    Non avete seguito e commentato il Sinodo sui giovani. Solo un articolo di A. M. Valli generico ed asettico. Avete paura ad esporvi?.
    Vi state limitando a pochi post banali e inutili. Notizie di cronaca (Asia Bibi), ricorrenze religiose (la Festa dei santi). Vi hanno silenziato. Vi siete fatti silenziare. Abbiamo creduto in voi. Censurate i commenti polemici. Il vostro modello è Hierro. Che squallore che siete diventati. Ho il dubbio che questo commento verrà pubblicato.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "Vi hanno silenziato. Vi siete fatti silenziare": è vero? In tempi di sotterfugi e squallore come questi, tutto è possibile. E allora: è vero che vi siete fatti silenziare. Dite qualcosa!


      Elimina
  4. Non sono sono stati pubblicati alcuni commenti. Perché? Esercitate una censura?

    RispondiElimina

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.