domenica 19 agosto 2018

Diocesi di La Rochelle e Saintes: il "miracolo" dei dieci nuovi seminaristi. Il Centro Studi Teologici Jean-Baptiste Souzy martire della rivoluzione francese

La disastrosa situazione vocazionale della Diocesi Francese di La Rochelle e Saintes era pressocchè identica a quella maggior parte delle altre in Francia e in Europa.
Altrove invece ad aggravare la morìa delle vocazioni ci si mettono pure i vescovi costretti come sono  ad occuparsi delle cose del mondo che "fanno moda" e che fanno "audience". 
Il Vescovo francese descritto nell'articolo  "au contraire" si avvale solo delle tradizionali "armi celesti" che la Chiesa Cattolica ha sempre avuto  in questi primi 2018 anni di vita.
Il risultato? E' la divina Provvidenza che " fa guadagnare e accumulare ai figli grazie su grazie". Non  elogiamo però troppo questo degno Successore degli Apostoli, come pure meriterebbe, perchè visti i tempi correrebbe il rischio di essere commissariato... da quelli (che pensando di aver vinto) cercano solo la facile strada dei "viri probati" per risolvere cinquant'anni di deserto vocazionale. 
Una Diocesi "ricca di diversità" è invece garanzia di religiosità e di rinascita missionaria e vocazionale.
AC
Maria Madre della Chiesa prega per noi. 


La Diocesi di La Rochelle e Saintes, nel sud-ovest della Francia-
Dodici anni fa aveva avuto una sola ordinazione;  un solo seminarista nel 2016. 
Nel 2018  ha avuto invece dieci nuovi preti : che cosa ha fatto il vescovo? 

Dal 9 marzo 2016 Mons.  Georges Colomb è  vescovo della Diocesi di La Rochelle e Saintes  primo presule locale dal 1906.
Solo due anni dopo l'arrivo del nuovo vescovo  i seminaristi sono saliti a 10 : 3 francesi, 2 europei, 4 africani cresciuti in Francia e 1 vietnamita.
Mons. Bishop Colomb vanta un variegato curriculum:  ex ispettore delle Poste e Telecomunicazioni, laurea in legge specializzazione in diritto civile e amministrazione, con studi sul turismo,teologo dell'Institute Catholique de Paris, ordinato sacerdote 34 anni nel 1987 per otto anni missionario in Cina).
Quando è stato elevato alla sede vescovile era Superiore Generale delle Missioni Estere di Parigi, lo  storico e glorioso strumento di evangelizzazione dell'Asia che attraverso la formazione di missionari  ha donato alla Chiesa negli ultimi 350 anni 23 santi e martiri.
Mons. Georges Colomb durante i suoi otto anni come Superiore Generale, l'istituto ha registrato un aumento delle vocazioni.
 "I sacerdoti non sono una specie in pericolo di estinzione"
C'è chi attribuisce a questa idea il dinamismo missionario che il sessantacinquenne vescovo  ha impresso alla sua diocesi .
Ciò che gli è costato anche delusioni, perché, come spiega Frédéric Aimard su France Catholique, la ristrutturazione dell'amministrazione diocesana non ha ovviamente reso contenti tutti gli interessati.
"L'arrivo del nostro nuovo vescovo ci ha resi consapevoli che anche tra noi stessi  ci può essere il germoglio della vocazione: i sacerdoti non sono infatti una specie in pericolo di estinzione se solo riusciremo a modificare in profondità il nostro modo di vivere la fede nelle nostre famiglie e nelle nostre parrocchie ".
L'espressione "specie in via di estinzione" non è casuale.
L'esempio della Diocesi di La Rochelle è perfettamente inquadrato tra le tante del rigido inverno post-conciliare:  nonostante l' aumento del 28% della popolazione  ha conservato  lo stesso numero di cattolici nel 1950. Deprimente la situazione del clero:  nel 1950 aveva 345 sacerdoti; ora solo 93 per la maggior parte anziani.  
Il vescovo Mons. Colomb senza indugio ha dato inizio alla battaglia contro il secolarismo che dalla fine del Concilio Vaticano II aveva sterilizzato  le vocazioni: in una terra che nel corso della storia aveva donato tante sacerdoti e religiosi mettendo a disposizione i tutte le risorse della diocesi occorrenti per una strategia missionaria interna.
Un piano davvero audace:
 -La creazione di un Centro per gli studi teologici, di nome Jean-Baptiste Souzy  (1732-1794), un martire della rivoluzione francese (v.foto), uno dei 64 religiosi uccisi nei pontoni di Rochefort per aver rifiutato di giurare la Costituzione Civile clero.
Proprio su di loro si svolgerà una delle attività estive coperte dalla diocesi, la rappresentazione teatrale La Via del Paradiso.
"Il centro culturale della diocesiJean-Baptiste Souzy assicura la diffusione del pensiero cattolica  attraverso conferenze , servizi di biblioteca e videoteca vengono offerti "a chiunque voglia avvicinarsi alla cultura e presentare una visione cristiana ".
-Ridonare alla Diocesi i germogli della vita contemplativa . Le ultime suore contemplative se ne erano andate per motivi di età. Ora sono state chiamate le Clarisse del
Ramo di Sion  per coprire quell'indispensabile buco della vita orante. Sono una comunità di figlie di Santa Chiara d'Assisi, con una presenza in diverse parti della Francia, che vogliono tornare allo spirito primitivo della vita eremitica della spiritualità contemplativa francescana.
Le nuove Clarisse sono state ricevute come "acqua di maggio" a La Rochelle, che così ha di nuovo una comunità completamente dedita alla preghiera. 
-A La Rochelle ha incardinato la fraternità degli Apostoli della Vita,  provenienti da Fréjus-Toulon: un'associazione privata di fedeli espressamente dediti alla evangelizzazione dei bambini e dei giovani riuniti da Fratel Marie-Angel Carré che si sono stabiliti in una casa che fungeva da residenza per sacerdoti anziani e che era destinata alla chiusura. Non solo l'edificio è stato salvato ma è utilizzato per scopi ecclesiali! 
-Una libreria cattolica sarà aperta a La Rochelle all'inizio del prossimo anno accademico. -Il vescovo ha aperto una casa per i giovani a La Rochelle, Holy Spot, un posto "per vivere, ascoltare, condividere", progettato per ospitare momenti di svago e ricreazione per studenti delle scuole superiori e universitari. 
- Sulla stessa linea, verranno aperte due case di studenti di chiara natura cristiana, affidata a dei missionari laici. 
 -In Diocesi sono stati incardinati dei Sacerdoti provenienti da altri paesi  per rafforzare il carente clero locale. Certamente sono stati utili i buoni contatti del vescovo Colomb nel suo precedente lavoro missionario, anche se il suo predecessore, il vescovo Bernard Housset, aveva iniziato questo percorso: far seguire i giovani dai sacerdoti diocesi è motivo di grandi soddisfazioni e risultati spirituali. 
-La Santa Messa tradizionale, intorno alla quale sono aggregati in Francia gruppi di giovani molto attivi dal 2008 era celebrata una volta al mese, alternativamente nelle due sedi della diocesi , La Rochelle e Saintes, che distano fra loro una distanza di 70 km. 
Dall'arrivo di monsignor Colomb la situazione è cambiata radicalmente: la S.Messa in rito antico ora è celebrata una volta alla settimana, e vicino a Rochefort, a metà strada tra le due città.  
Monseigneur Colomb ha pure confermato in diocesi la comunità delle Piccole Sorelle di San Francisco e Santa Clara, una comunità recente (adottata nel 2003) che vive una spiritualità mariana in base ai passaggi di San Massimiliano Kolbe e hanno "un vero e proprio carisma del primo annuncio ", sempre secondo Frédéric Aimard, il quale sottolinea che il suo periodo presso l'Istituto Fénelon di La Rochelle ha lasciato un profondo impatto sugli studenti. Suor Brune-Marie e Suor Lise-Marie si sono stabilite nella diocesi di La Rochelles e di Saintes e possiamo già vedere il loro impulso evangelizzatore tra i giovani. 
- Per la casa diocesana di Saintes il vescovo ha portato religiosi vietnamiti, anche con la stessa intenzione di ringiovanire tutte le strutture diocesane. 
 -In due parrocchie, una in Rochefort e un altro a La Rochelle, sono venute delle famiglie neocatecumenali provenienti da fuori della Francia in missione ad Gentes, per fornire spirito missionario e rivitalizzare le rinsecchite parrocchie. 
...
Il nuovo Vescovo ha rinnovato la vita spirituale nella cattedrale, con la celebrazione pubblica quotidiana degli uffici di Lodi e dei Vespri, ma anche con un servizio di accoglienza per i visitatori e la presenza permanente dei sacerdoti nel tempio per assistere confessioni o consultazioni.
-Per la promozione delle vocazioni, e seguendo i criteri, statisticamente provati, ha migliorato il gruppo di coloro che servono messa: ( ricordiamo che la maggior parte dei seminaristi sono stati chierichetti) "alla scoperta delle varie vocazioni cristiane, a partire nella vita spirituale e attraverso formazione liturgica" in modo che "i ministranti possono partecipare più intensamente alla liturgia della Messa Domenica nella Cattedrale di San Luis e nella Chiesa di Nostra Signora ". 
Oltre a queste iniziative, verranno immediatamente applicate: 
-Due giovani coppie si impegneranno nel "risveglio alla fede" dei piccoli. 
- Una messa al mese sarà organizzata e animata da un gruppo di adolescenti. 
- Quattro chiese che attualmente sono aperte solo per la Messa saranno aperte in modo permanente. 
- Un percorso di riscoperta della fede per gli adulti sarà lanciato attraverso i corsi Alpha e la catechesi del Cammino Neocatecumenale. 
- Attraverso un progetto di mecenatismo, le nuove famiglie saranno contattate, perché il numero di bambini catechisti nelle parrocchie si era purtroppo ridotto. 
Un incontro tra tutti i cristiani della diocesi 
Alla fine dello scorso anno pastorale, il vescovo Colomb ha voluto ringraziare "dinamismo" di tutti i membri della diocesi, "ricca di diversità, la generosità e l'impegno" e ha annunciato qualcosa che può suonare come un incontro di tutti i cristiani la diocesi nella storica Abbazia di Sablonceaux, di nuovo di proprietà del vescovato e affidata alla comunità di Chemin Neuf, nella festa di Pentecoste, il 9 giugno 2019. 
A quel punto il vescovo impiegherà tre anni al fronte di La Rochelle e di Saintes, dove si percepisce un nuovo slancio che induce Aimard a chiedere: "Quali buone sorprese ci riserva ancora la scatola delle idee del vescovo?"

Fonte: Religione en libertad QUI ( con molti link di collegamento)