venerdì 23 febbraio 2018

Chi ha guidato gli esercizi spirituali del Papa?


Iniziati il 18 febbraio scorso, sono terminati oggi ad Ariccia gli esercizi spirituali della Curia Romana. Guardate un pò qualche notizia su quello che li "detterà"....

L

Corrispondenza Romana, 
Papa Francesco apre le porte della Chiesa cattolica alla “teologia queer”? La domanda sorge spontanea dopo aver appreso che a guidare gli imminenti e oramai tradizionali esercizi spirituali di Ariccia rivolti allo stesso Papa Bergoglio e ai membri della Curia romana è stato chiamato il sacerdote-poeta portoghese José Tolentino de Mendonça, conosciuto per essere un fan di Suor Maria Teresa Forcades i Vila, una teologa nota per le sue posizioni “queer” che proprio in questi giorni si trova in Italia per presentare il suo libro “Siamo tutti diversi! Per una teologia Queer” (Castelvecchi Editore).
Come riferisce l’Osservatore Romano, i prossimi esercizi spirituali di Quaresima in programma dal 18 al 23 febbraio ad Ariccia presso la Casa del Divin Maestro, saranno infatti tenuti dal sacerdote-poeta, vicerettore dell’università cattolica di Lisbona e consultore del Pontificio consiglio della cultura, che ha scelto come tema della sua meditazione l’«Elogio della sete». 

Ma chi è Suor Teresa Forcades? La Forcades è una monaca di clausura presso il monastero benedettino di Montserrat che gira il mondo per diffondere l’odierno verbo omosessualista all’interno della Chiesa cattolica. In tale ruolo, è intervenuta giovedì 1 febbraio a Reggio Emilia, nell’ambito di un ciclo di conferenze sul tema “La teologia delle donne”, volte a promuovere l’accettazione dell’omosessualità nella Chiesa cattolica, di cui, come spiega il sito dei cristiani LGBT gionata.org, “sono protagoniste teologhe donne che con la loro capacità di analisi riescono a caratterizzare e dare un valore specifico al pensiero teologico, per offrire un punto di vista nuovo, differente, rinnovante, inclusivo rivolto a chi si sente ai “margini” della chiesa”. Intervistata a margine della sua presentazione, la suora spagnola ha sottolineato come il rapporto tra Chiesa e omosessualità sia finalmente cambiato grazie all’avvento di Papa Francesco che ha tentato di fare il possibile attraverso il Sinodo sulla Famiglia per mutare l’atteggiamento della Chiesa nei confronti dell’omosessualità: 
“Papa Francesco io penso che abbia provato a fare un passo in avanti in questo senso con il sinodo della famiglia, non è riuscito a farlo ma non è la stessa atmosfera di quando non c’era Papa Francesco. Per esempio suor Jeannine Gramick, che lavora da tanti anni negli Stati Uniti per l’accettazione non solo dell’essere omosessuale ma anche dell’attività omosessuale, dell’amore omosessuale fisico, ha detto che da quando è arrivato Papa Francesco non ha più avuto la pressione che subiva prima per non fare questo tipo di apostolato”. 

Quindi la Forcades ha precisato come in Sudamerica e in Oceania, le Chiese locali stiano compiendo importanti “passi in avanti” nel dialogo con gli omosessuali. in maniera più rapida rispetto all’Europa, ammettendo comunque che, negli ultimi da tempi, e precisamente appunto dall’arrivo del pontefice argentino, anche per quanto riguarda la sua esperienza stia trovando porte molto più aperte: “La mia esperienza fino ad oggi è che ho trovato più gente e persone che mi supportano, mi appoggiano e mi stanno vicino”. 

La Forcades è dunque una suora nettamente “schierata” che non ha mai fatto mistero delle sue posizioni eterodosse in materia di sessualità e di “rinnovamento” della Chiesa e proprio per questo viene celebrata e portata in palmo di mano dal mainstream culturale, favorevole ad una “rivoluzione queer” all’interno della Chiesa cattolica. 

Il 19 aprile 2015, intervistata dal Corriere della Sera, alla domanda se fosse favorevole o meno ai matrimoni gay, aveva risposto così: 
«Si, perché le identità sessuali non vanno considerate come scatole chiuse che Dio vuole complementari le une con le altre e che devono restare per sempre così, fissate in ruoli definiti e separati. Vivo nel mondo e vedo persone dello stesso sesso che si amano e mi chiedono: “Perché dovrebbe essere sbagliato?”. Sembrano felici, si amano davvero. Perché dunque non dovrebbero essere benedetti? Perché non dentro alla Chiesa? Perché non dobbiamo esultare di fronte all’amore qualunque forma assuma ». 

Pochi mesi più tardi, il 9 febbraio 2016, su La Repubblica aveva chiarito ulteriormente il suo pensiero in materia, rispondendo alla domanda, “Cosa pensa delle unioni civili e dei matrimoni omosex, possono essere considerati come un sacramento, possono funzionare agli occhi di Dio e della società?”, con le seguenti parole: “Un sacramento è la manifestazione dell’amore di Dio nello spazio e nel tempo. L’amore è sempre sacramento di Dio se rispetta la libertà dell’altro. L’amore possessivo, al contrario, anche se è tra un uomo e una donna, può non essere sacramentale nel significato profondo del termine”. Interpellata poi riguardo al suo pensiero sui bambini “adottati” da una famiglia omosex, con due padri o con due madri, la teologa queer aveva spiegato di non vederci alcun tipo di problema: “Sí, assolutamente. Quello di cui i bambini hanno bisogno è di un amore adulto, maturo e responsabile da genitori che antepongano le loro necessità alle proprie e che sappiano nello stesso tempo porre loro dei giusti limiti e aiutarli a crescere. Il fatto di crescere con due donne o con due uomini non rappresenta nessun problema”. 
Sembra dunque all’apparenza inconcepibile, se non fosse rivelatore di un preciso “disegno politico” interno alla Chiesa cattolica, la scelta vaticana di chiamare a condurre gli esercizi spirituali di Ariccia José Tolentino de Mendonça, un sacerdote noto per il suo legame con un personaggio così “esposto” e discusso come suor Teresa Forcades. Un legame fondato su una evidente comunanza di pensiero attestato da un libro della suora catalana intitolato, A teologia feminista na história, in cui il sacerdote-poeta ha dedicato una lusinghiera prefazione nella quale tesse le lodi dell’originali idee dell’autrice di cui l’Occidente (e la Chiesa), come si legge, farebbe bene a fare tesoro: “Forse la storia dell’Occidente sarebbe stata diversa se fosse stato adottato un modo simbolico, aperto e sensibile di approcciare il reale invece delle trionfali grammatiche univoche che conosciamo. Ripeto: forse la storia era diversa. Ed è proprio qui che questo straordinario lavoro di Teresa Forcades i Vila, la teologia femminista della storia, che il lettore ha in mano, viene in nostro soccorso”. 

Tolentino de Mendonça sottolinea dunque come l’apostolato della Forcades debba essere preso a modello per “liberare” il cristianesimo dai lacci dogmatici del passato e del presente: 
"Teresa Forcades i Vila è un nome che, per molte ragioni, vale la pena aver presente. (…) Ovunque agisca, il suo metodo è coraggiosamente lo stesso: indicare le contraddizioni e cercare alternative di interpretazione che sostengano una rottura di significato e civiltà. Una delle convinzioni con cui questo libro ci lascia è che il futuro del cristianesimo dipende molto dal processo di sgombero che siamo capaci di fare del suo passato e del suo presente. C’è molto silenziamento, c’è troppa vita sommersa, c’è una repressione culturale che fa sì che la storia, nella sua versione dominante, nasconda ciò che la mette in questione e la muove in altre direzioni. Il Vangelo di Giovanni dice che “lo Spirito soffia dove vuole” (Gv 3, 8), ma la storia non sempre lo sa. Ora, abbiamo bisogno di ascoltare la stessa cosa raccontata in un altro modo, segnalata da altre voci, da diciture insolite, a partire da altre esperienze”. 

Il pregio di Suor Forcades, sempre secondo Tolentino de Mendonça, sarebbe dunque quello di aver messo in evidenza l’importanza dell’etica della relazione libera da norme rigide e codificate: “Teresa Forcades i Vila ci ricorda la cosa essenziale: che Gesù di Nazareth non ha codificato né regolato. Gesù visse. Cioè, ha costruito un’etica della relazione; somatizzava la poetica del suo messaggio nella visibilità della sua carne; espose come premessa il proprio corpo”. 

Quali frutti spirituali potranno ottenere i partecipanti agli esercizi spirituali di Ariccia date queste premesse? (Lupo Glori, 3-2-2018)

5 commenti:

  1. ma una volta le suore di clausura, come dice la parola stessa, non rimanevano sempre all'interno del convento senza mai uscirne?
    del resto, "chi sono io per giudicare"?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per me tutto il periodo:
      "Ma chi è Suor Teresa Forcades? La Forcades è una monaca di clausura presso il monastero benedettino di Montserrat che gira il mondo per diffondere l’odierno verbo omosessualista all’interno della Chiesa cattolica"
      è completamente privo di senso!!!!
      Una monaca di clausura che va "in giro per il mondo"? a dire certe cose????
      Sono esterefatto!!! A parte che se è in clausura, non solo la sua persona, ma neppure le sue "pazzie" dovrebbero uscire dal convento ma anche quando le sapesse solo la badessa, questa persona andrebbe ridotta immediatamente allo stato laicale! Invece , nonostante il pubblico scandalo, è ancora lì....ma che succede?

      Elimina
  2. Libera nos a malo!!
    Questo papa ( volutamente con la minuscola) è una sciagura per la Chiesa. Preghiamo, preghiamo intensamente per la nostra amata Chiesa

    RispondiElimina
  3. Vergognatevi di parlare così del PAPA lo Spirito Santo scegliendo Papà Francesco ci ha mandato cio' che serve alla Chiesa. E chi infanga il nome del PAPA dovra' rispondente.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caro anonimo del 7 marzo 2018 16:32

      L’efficacia dell’azione dello Spirito dipende dalla collaborazione
      degli uomini, dalla loro intelligenza e dal loro impegno.
      E noi uomini siamo perfettamente capaci di opporre resistenza
      allo Spirito (Mt 12:31), di rattristare lo Spirito (Ef 4:30).

      A San Gallo e non in conclave, è stata pianificata l'agenda della neo-chiesa
      ed è stato scelto colui che aveva i requisiti più idonei per realizzarla.

      Ce lo testimonia il card. belga Danneels, in una video-intervista
      concessa al giornalista Christian Laport dove aggiunge che parlare
      di “gruppo di San Gallo” non è corretto, perché «per descrivere noi stessi
      e questo gruppo, noi dicevamo “mafia”». Humor fiammingo?

      La Chiesa, peraltro, ci spiega che accordi extra-conclave fra gli elettori
      non inficiano la validità dell'elezione. In caso contrario non ci sarebbe un solo Papa valido su 266. Non è da oggi, infatti, che esistono conventicole, fazioni e partiti all'interno della Chiesa: il primo che ne parla è un tal San Paolo nella 1° ai Corinzi.

      Per questa ragione, credo di aver letto da qualche parte, ma correggetemi se sbaglio, che si parla di un intervento "straordinario" dello S.S. in Conclave solo in caso di elezione all'unanimità, evento questo assai raro.

      Certo, in extrema ratio, tutto ciò che succede alla Santa Chiesa è guidato o permesso da Dio e quindi è destinato al Bene.
      La Chiesa, con il senno di poi, riesce a scorgere anche nelle figure storiche più ambigue dei pontefici romani che Dio ha mandato "cio' che serve alla Chiesa" in un dato frangente storico.
      Quindi ora molti si scervellano per capire a cosa serva un pontefice come l'attuale.
      Un'ipotesi è che serva a far uscire allo scoperto tutti i lupi travestiti da agnelli che ci sono dentro (soprattutto) e fuori alla Chiesa. E anche a contare
      quanti Cristiani sono rimasti sulla Terra prima che torni il Salvatore a dare un'occhiatina se esiste ancora la Fede sulla terra e se è la Fede che ci ha dato lui o qualcosa di diverso (una inter-fede perfettamente adattata alle superiori esigenze del progredito uomo moderno, notoriamente migliore intellettualmente, moralmente e umanamente alla gentaglia troglodita che lo ha preceduto negli ultimi 2000 anni).

      Boh, in tale ipotesi, a me sembra che i danni provocati siano maggiori dei benefici ricavabili: la Chiesa ha sempre saputo chi sono i propri nemici anche in epoche in cui si occultavano figuriamoci oggi che agiscono alla luce del sole!
      Forse servirà a qualcos'altro. Non lo so: le vie del Signore non sono le nostre vie e sono imperscrutabili. Nel nostro piccolo, pregando agiamo e speriamo in Dio.

      ********************************************************************
      Carità nella Verità. Chi è la Verità? Gesù, Figlio di Dio. Chi ha l'obbligo di testimoniare l'unica Verità nel mondo fino all'effusione del sangue? La Santa Chiesa Cattolica, apostolica e romana tramite tutti i suoi figli. Nulla salus extra ecclesiam. Chi le ha dato l'incarico? Dio. E in cosa consiste la testimonianza? Nel dire a tutte le genti che Dio si è incarnato nel suo unico figlio Gesù e chi crede in lui sarà salvato mentre gli altri saranno dannati all'inferno.
      Sic et simpliciter......
      *********************************************************************

      Elimina

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.