mercoledì 21 giugno 2017

Le quattro ferite. Analisi di un breve brano di Mons. Lefebvre.

Le quattro ferite 
di Enrico Salvi 
Mi sono imbattuto in un breve ma denso brano dell’Itinerario spirituale di Mons. Lefebvre (Ichthys 2000) che mi ha molto edificato.
Ovviamente, neanche a dirlo, la pastorale e l’omiletica attuali suonano tutt’altra musica, con grave inganno e confusione dei fedeli ipnotizzati da pistolotti più o meno prolissi farciti con le solite generiche, universalistiche, laicistiche, vuote parole: “pace”, “amore”, “libertà” e “accoglienza” che con l’itinerario spirituale cui ogni singola anima è chiamata, è che è l’unica cosa che conti, hanno niente, ma proprio niente a che vedere.
Di più, è quasi certo che il linguaggio attraverso cui si esprime il brano risulti di stampo “medievale” e perciò incomprensibile agli occhi di chi è stato sedotto dalle moderne e misericordiose sirene che infestano la Chiesa Cattolica e sono abilissime nella mistificazione culturale e teologale perpetrata proprio a mezzo di un lessico parlato e scritto sottilmente ambiguo, una mistura micidiale di verità ed errore grazie al delirio cerchio-bottista, insufflato dal tizio solfureo, del voler “dialogare con il mondo”.
In ogni caso, almeno a chi ha orecchi per intendere, auguro buona lettura e, ancor di più, buona meditazione.
Invece, per chi si “sdegnerà” pensando “
ma tu guarda questo dov’è rimasto”, non resta che una preghiera perché lo Spirito Santo lo illumini. Anzi, prima lo svegli.
  ES



«La nostra esperienza quotidiana e la dottrina della Chiesa ci insegnano che la grazia del battesimo non ci libera da tutte le conseguenze del peccato originale. Queste conseguenze spiegano perché la nostra vita spirituale si configuri come un combattimento spirituale che dura tutta la vita terrena. Questo insegnamento è fondamentale e presiede anche a tutto il nostro apostolato. Noi restiamo dei malati e abbiamo bisogno del Medico delle nostre anime  e dei soccorsi spirituali che Egli ha previsto. Ecco l’insegnamento della Chiesa espresso da san Tommaso d’Aquino (I – II, q. 85, q. 3) in padre Thomas Pègues O. P., La Somme de saint Thomas en forme de cathéchisme, p. 128:

“La santità originale è stata perduta a causa del peccato del primo uomo. Per questo tutte le forze dell’anima restano, in una certa misura, distolte dal loro proprio fine, per il quale erano ordinate alla virtù; e questo distogliere si chiama la ferita della natura (vulneratio naturae).

In quanto la ragione è distolta dal suo ordinamento al vero, si ha la ferita dell’ignoranza (vulnus ignorantiae).

In quanto la volontà è distolta dal suo ordinamento al bene, si ha la ferita della malizia (vulnus malitiae).

In quanto la fortezza è destituita dal suo ordinamento alle cose ardue, si ha la ferita della debolezza (vulnus infirmitatis).

In quanto il desiderio è distolto dal suo ordinamento a ciò che è dilettevole secondo ragione, si ha la ferita della concupiscenza (vulnus concupiscientiae)”.



Nella sua prima epistola, san Giovanni conferma questa verità: “tutto quello che è nel mondo è concupiscenza della carne, concupiscenza degli occhi, orgoglio della vita" (1 Gv. 2, 16).
Queste quattro ferite toccano le nostre quattro virtù cardinali e perciò provocano in noi un disordine continuo. La più devastante sembra sia quella dell’ignoranza o cecità, cioè la misconoscenza di Dio e di Nostro Signore Gesù Cristo. Infatti è in questa conoscenza che risiede la vita eterna: “Poiché la vita eterna è che essi conoscano Te, solo vero Dio, e colui che Tu hai mandato, Gesù Cristo” (Gv. 27, 3)».

6 commenti:

  1. Dopo San Pio X e Pio XII il più grande uomo di Chiesa del 900.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. C'è una guarigione attribuita a Mons. Lefebvre, ma come ovvio la "Chiesa" ha sempre insabbiato tutto....preferisce canonizzare modernisti fautori del Concilio Luterano II....

      https://www.radiospada.org/2017/04/il-miracolo-di-lefebvre-per-la-prigioniera-cinese/

      Elimina
    2. Concilio Luterano II: geniale! Però dovrebbe dirsi Luterano I, dato che tutti i Concili precedenti sono cattolici.

      Elimina
  2. Carissimi "non mi piace", cos'è che non vi piace? Tutto quello che mette a nudo la vostra pavidità interiore? Tutto ciò che viene a minacciare la vostra autoindulgenza? Tutto ciò che insidia il vostro sentirvi a posto? O non vi piace tutto ciò che non riuscite a capire avendo la testa ingombra dai canti delle misericordiose sirene?

    RispondiElimina
  3. Chissà se il candidato alla beatificazione don Milani ...

    RispondiElimina
  4. Che interceda dal cielo perché corrispondendo alla grazia serviamo fedelmente Gesù.

    RispondiElimina

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.