domenica 4 giugno 2017

Card. Sarah: “La Chiesa sbaglia gravemente se ritiene che la crisi dei rifugiati sia la sua missione primaria”



Di qualche tempo fa, ma pur sempre Sante parole...
L

La Chiesa dovrebbe ignorare la “vera crisi” cui si trova di fronte oggi, se si concentra su questioni di giustizia sociale, piuttosto che la sulla sua missione fondamentale, che è quella di evangelizzare,avverte il cardinale Robert Sarah in un’intervista pubblicata di recente.

“La Chiesa si è gravemente sbagliata per quanto riguarda la natura della sua vera crisi, se pensa che la sua missione essenziale sia di offrire soluzioni a tutti i problemi politici in materia di giustizia, di pace, di povertà, di accoglienza dei migranti, ecc trascurando l’evangelizzazione” ha detto il cardinale ad Aiuto alla Chiesa che Soffre, il 18 aprile.
Sarah, che è il Prefetto della Congregazione per il Culto Divino, ha detto che mentre la Chiesa “non si può dissociare dai problemi umani”, ha alla fine “fallito nella sua missione” se dimentica il vero scopo della sua esistenza.
Il cardinale ha citato Yahya Pallavicini, un ex cattolico italiano che si è convertito all’Islam, condividendo il suo punto di vista: “Se la Chiesa, con l’ossessione che ha oggi con i valori della giustizia, dei diritti sociali e della lotta contro la povertà, finisce come di conseguenza dimenticando la sua anima contemplativa, lei non riuscirà nella sua missione e lei sarà abbandonata da un gran numero di suoi fedeli, per il fatto che essi non sapranno più riconoscere in lei ciò che costituisce la sua specifica missione “.
La missione della Chiesa è riassunta da Gesù nel Vangelo di Matteo quando ha mandato i suoi seguaci a “Andate e ammaestrate tutte le nazioni, battezzandole nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo, insegnando loro ad osservare tutto ciò che vi ho comandato.”Questa missione, secondo il Catechismo della Chiesa cattolica, significa‘annunziare e instaurare in tutte le genti il Regno di Cristo e di Dio’.
Le osservazioni di Sarah sono interessanti data l’enfasi che Bergoglio ha posto sulla Chiesa che lavora con i migranti e rifugiati. Nei suoi discorsi ai leader mondiali, Bergoglio evidenzia frequentemente problemi politici, come la migrazione, con poca menzione di Cristo o chiamata evangelica della Chiesa.
Enfasi del vescovo di Roma sulla costruzione di ponti, non muri , sui migranti che costituisconoono “ non un pericolo ”, e a chiamare ospitalità ai rifugiati “ il nostro più grande sicurezza contro gli atti odiosi di terrorismo ” ha spinto alcune Conferenze episcopali a spostare le loro priorità.
La Conferenza Episcopale degli Stati Uniti, per esempio, è stato premuto da incaricati Francesco di riscrivere le sue linee guida delle elezioni del 2016 con particolare attenzione in materia di immigrazione, povertà e ambiente, minimizzando la vita e la famiglia.
Il Vescovo Robert McElroy, nominato capo della diocesi di San Diego da Bergoglio, ha sostenuto in quel momento che l’enfasi della guida sul male dell’aborto era al passo con le priorità di Bergoglio.
“Bergoglio ha, in certi aspetti della dottrina sociale della Chiesa, radicalmente trasformato la priorità della dottrina sociale della Chiesa e dei suoi elementi,” McElroy ha invitato l’assemblea a quel tempo. “Non la loro verità , non la loro sostanza , ma la loro priorità, che ha radicalmente trasformato, nell’articolare rivendicazioni che ricadono sul cittadino come credente e discepolo di Gesù Cristo”, ha aggiunto.
McElroy chiamato “l’immigrazione”, il “tasto [problema] che dobbiamo affrontare ora nella nostra Chiesa locale,” in un discorso fatto a febbraio per l’Incontro mondiale dei movimenti popolari.
Nella sua intervista con Aiuto alla Chiesa che Soffre, il cardinale Sarah ha criticato le organizzazioni caritative, menzionando in particolare “quelle cattoliche”, che si concentrano “unilateralmente ed esclusivamente su come affrontare le situazioni di povertà materiale”, trascurando la povertà spirituale.
“Ma ‘l’uomo non vive di solo pane, ma di ogni parola che esce dalla bocca di Dio”, come Gesù ci dice: “ha detto il cardinale.
Sarah ha detto che coloro che lavorano per rendere il mondo più giusto, menzionando in particolare sacerdoti e vescovi, devono continuamente trarre forza da Dio se il loro lavoro è quello di dare i suoi frutti duraturi.
“Perché è vero che quei vescovi e sacerdoti che non prendono il tempo – almeno per un paio di giorni – per se stessi in presenza di Dio nella solitudine, nel silenzio e nella preghiera, hanno il rischio di morire a livello spirituale, o per lo almeno, di essiccarsi spiritualmente dentro “, ha detto.
“Perché non saranno più in grado di fornire solido nutrimento spirituale ai fedeli affidati a loro, se loro stessi non traggono forza dal Signore in modo regolare e costante”, ha aggiunto.
Pete Baklinski, 25 aprile 2017




6 commenti:

  1. E' lo Spirito Santo che ispira il Card. Sarah. Chi scrive non conta nulla, questo non gli ha impedito di avvertire sin dal primo istante che quello dell'accoglienza è un deliberato inganno.

    RispondiElimina
  2. Si tratta di un ricatto morale, soprattutto in Italia i governanti hanno tradito i governati, hanno tradito il proprio popolo, e la Chiesa di Roma è corresponsabile, prestandosi a questo etno-masochismo (è chiaro che a rimetterci non sarà solo il popolo italiano in senso etnico, ma anche la cattolicità in quanto tale). Sapevamo comunque dell'avvento di questi tempi oscuri e del relativo degrado. In relazione ad altre confessioni religiose, il degrado si evince dall'uso misticheggiante di credenze giocattolo, specie orientaleggianti, tradizioni sacre che vengono annacquate da persone annoiate. In relazione alla cattolicità, il degrado si evince dal clero stesso, diventato putrescente e corrotto, privo ormai di qualsiasi afflato spirituale, preti terzomondisti che non si ricordano neanche della loro missione sacerdotale e papale. Correttamente nel brano si parla di perdita di spiritualità.

    RispondiElimina
  3. La risoluzione delle questioni sociali, ci comanda Cristo, è subordinata alla ricerca prima di tutto del Regno di Dio e della sua Giustizia perché ci sia dato tutto il resto. E' fondamentale che questo insegnamento ci sia ricordato da un cardinale del cosiddetto terzo mondo che sa bene quali sono le vere cause dei mali di tante popolazioni.

    RispondiElimina
  4. Condivido con il grande Cardinale Sarah

    RispondiElimina
  5. Non è lui che comanda la Chiesa, ma a chi dice di dover OBBEDIENZA....

    RispondiElimina
  6. Domanda: in tutto questo come va considerato il "ogni volta che avete fatto queste cose a uno solo di questi miei fratelli più piccoli, l'avete fatto a me.", tale per cui anche gli atei saranno salvati? Occhio che a furia di guardare il dito si perde di vista la Luna...

    RispondiElimina

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.