sabato 11 marzo 2017

Moniti di un tempo che fu


Non era raro, nelle sacrestie, trovare questo monito per i sacerdoti alla concentrazione: 


"Celebra Missam ut primam, ut unicam, ut ultimam".

16 commenti:

  1. Adesso i preti devono correre da una chiesa all'altra per supplire alla carenza di celebranti. E naturalmente non c'è più spazio per la preparazione in sacrestia.

    RispondiElimina
  2. Raccogliersi un attimo e recitare le orazioni mentalmente mentre ci si para è possibilissimo...lo dico da prete che corre da una chiesa all'altra....

    RispondiElimina
  3. La preparatio ad missam in sagrestia, così come le preghiere introitali e quelle finali sono state tolte di proposito dagli inventori del NO.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si, ma non è vietato recitarle. Per quanto riguarda le preghiere di San Tommaso o Ambrogio sono alla fine del messale.

      Elimina
    2. Non è vietato! Uno dei tanti subdoli trucchi di cui abbanda il NO. La SC cui si appellano alcuni tradizionalist (!?!) ribadisce la tradizione ma concede delle aperture, ovviamente da attuare 'con cautela ed eccezione', per nascondere il proposito di generalizzazione.

      Elimina
    3. Vi arrampicate sugli specchi....

      Elimina
  4. Basta recitare ugualmente...

    RispondiElimina
  5. Christifidelis11 marzo 2017 21:44

    Audi Missam
    ut ultimam

    RispondiElimina
  6. Stupendo monito .
    Si puo' avere un primo piano ?
    Vorrei stamparlo , incorniciarlo e donarlo al Sacerdote che verra' a benedire la casa , insieme al libro di Mons.Sarah" La force du silence ".
    Cosa ne pensate ?
    http://www.lanuovabq.it/it/articoli-il-cardinal-sarah-lancia-la-sfidadel-silenzio-17608.htm
    Gina

    RispondiElimina
  7. Il mio parroco non mette la stola sotto la casula -dice -perché tanto non si vede. Distribuisce l'Eucaristia come fosse caramelle. Ha l'allergia per la pianeta e infatti ostacola in tutti i modi il giovane vice parroco a indossarla. L'amitto non ricorda neppure cos' è. L'elevazione è senza un minimo attimo di silenzio. Noto insomma che col passare del tempo la celebrazione è ridotta a un veloce 'fare'. Un monito del genere temo non lo smuova più.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Difatti tanti preti..e non solo..non vestono piu' l'amitto...poi sotto appare la camicia...il colare...di tutto di piu'! Una desolazione!

      Elimina
    2. Spesso un camiciotto bianco sporco ( quando non lo è davvero)senza collare, da inserviente del mattatoio, dal colore indefinibile, con un nastro lungo fino ai piedi,( stola !!??) scarpe da tennis, per dopo scappare di corsa nel cortile magari a giocare a pallone. Un insulto non solo Dio ma anche ai fedeli.

      Elimina
    3. E lei va pure a "messa" da questo "prete"? Siete un po' masochisti....

      Elimina
    4. Mi meraviglio che lei frequenti ancora quella "messa" e quel "parroco"....avrei molti dubbi sulla validità dei sacramenti...

      Elimina
  8. Papa Benedetto pronunciò in occasione di una Messa Crismale, una stupenda omelia sul valore teologico dei singoli paramenti per la Messa che si indossavano con una preghiera. Uno dei tanti motivi di odio contro di lui ma che ricadrà su loro stessi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quello che pregava nelle sinagoghe e faceva elogi a Lutero? Davvero c'è chi crede che ancora ci sia un Papa cattolico?

      Elimina

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.