lunedì 12 dicembre 2016

Sì, l’Avvento è un periodo di penitenza



Ringraziando per la traduzione il nostro caro amico Giovanni.
L
https://4.bp.blogspot.com/-w7eECa7BUfY/WEscdayR0AI/AAAAAAAAJjg/aMW08UbpVh88c3Nmzfcl6HONolCh6UThwCLcB/s280/Our%2BLady%2Bof%2Bthe%2BRosary%252C%2BBlackfen.JPGSembra che con l'inizio di ogni nuovo anno liturgico venga pubblicato almeno un articolo tra le pagine cattoliche del web, per “spiegare” che l'Avvento non è un tempo penitenziale. Viene generalmente citato il Codice di Diritto Canonico, dal momento che l'Avvento non è incluso nella lista "ufficiale" dei giorni o dei periodi penitenziali, insieme con l'Ordinamento Generale del Messale Romano, che lo descrive come un periodo di “devota e gioiosa attesa”, senza alcuna menzione di penitenza.


La realtà della questione è più complessa. Le tradizioni della Chiesa non sono ampiamente determinate da o riassunte in qualsiasi Codice di Diritto Canonico, né in alcun Messale o altro libro liturgico. È vero che l'Avvento non è una stagione di digiuno, e non è stato così in Occidente per un tempo molto lungo. D'altra parte, il digiuno di Quaresima, il segno più antico e universale della natura penitenziale di quel periodo, è stato ridotto a un risibile residuo di due giorni, e i molti riferimenti al "digiuno" sono stati rimossi o modificati in “astinenza” nelle preghiere e negli inni della liturgia quaresimale.


Storicamente, l'Avvento e la Quaresima hanno molto in comune liturgicamente, e in realtà questo non è cambiato molto nel rito post-conciliare. I colori liturgici della stagione, viola e rosa, rimangono gli stessi (di seguito maggiori informazioni su questo tema). Da tempi molto antichi, i paramenti che simboleggiano la gioia di un giorno di festa, la dalmatica e la tonacella, sono stati sostituiti in entrambe le stagioni da pianete conserte, che vennero poi (inspiegabilmente) abolite tout court, non solo per l’Avvento (nelle chiese che non le usavano, il diacono e suddiacono servivano in camice, il primo con una stola). Nel nuovo rito, la dalmatica può essere tralasciata “per motivi di necessità, o a causa di un minor grado di solennità” (GIRM 338 [Istruzioni Generali del Messale Romano]). Dal momento che nessuna indicazione viene data su ciò che costituisce “un grado minore di solennità”, chiunque è perfettamente libero di considerare le domeniche di Avvento come meno solenni rispetto ai festeggiamenti del periodo natalizio, e non indossare le dalmatiche (la vaghezza di questa rubrica ha, purtroppo ma inevitabilmente, portato in molti luoghi  all'abuso per cui i diaconi non indossano mai una dalmatica, ma camice e stola secondo la disposizione penitenziale, anche nelle più grandi solennità).


Nella Messa in tempo di Avvento, il Gloria in excelsis si omette di domenica in entrambe le forme del rito romano. Nei giorni feriali di Avvento, l'Alleluja è tradizionalmente omessa prima del Vangelo; questo è facoltativo nel Novus Ordo, vale a dire, un modo perfettamente lecito di continuare ad osservare la tradizione storica della Chiesa. Tradizionalmente, Avvento e
Quaresima comportavano sia la rimozione dei fiori dall'altare, sia il silenziamento dell'organo. Nella liturgia post-conciliare, questo è stato leggermente modificato; fiori e organo sono proibiti durante la Quaresima (non solo scoraggiati), ma possono essere utilizzati in Avvento “con quella moderazione che si addice alla natura di questa stagione” (GIRM 305 e 313). Anche in questo caso, la vaghezza delle rubriche lascia perfettamente liberi di decidere che è meglio tralasciarli del tutto.


Le eccezioni alla regola tradizionale di fiori e la musica d'organo sono le domeniche Gaudete e Laetare, in cui essi potevano essere utilizzati come durante le altre domeniche e feste, con la caratteristica dei paramenti di colore rosaceo, che sono stati pensati come attenuazione del viola penitenziale. Il mantenimento della domenica Gaudete in mezzo dell'Avvento è il segno più evidente che il carattere penitenziale della stagione sopravvive.


E se non fosse, dovrebbe esserlo!


A parte tutto questo, quando arriverà il momento di riformare la riforma (come certamente avverrà, anche se non conosciamo né il giorno né l'ora), si dovrà ammettere che “l’aspettativa devota e gioiosa” è stata un fallimento, e deve pertanto essere eliminata come tale. Non sembra aver raggiunto proprio nulla come mezzo per frenare l'orgia di consumismo che attraversa il tempo di Natale in gran parte del mondo. Lo spettacolo dello shopping del "Black Friday", il giorno dopo il Ringraziamento, è fortunatamente limitato agli Stati Uniti (dove, però, i cattolici sono la maggior singola denominazione cristiana, con un margine enorme…). Il ripristino di alcuni tipi di digiuno e di penitenza in Avvento, già praticati da molti a livello privato, potrebbe dare una potente testimonianza cattolica alla "ragione per la stagione.


Mentre i video del “Black Friday” sono spesso una cosa molto triste da vedere, personalmente ho sempre trovato ancora più triste notare come molti alberi di Natale sono portati sul marciapiede con il cestino dei rifiuti già alla sera del 26. Questo è uno dei tanti segni comuni che, invece di essere vissuta come una stagione di attesa, gioiosa o in altro modo, l'Avvento è diventato in molti luoghi una versione a ritroso delle ottave di Natale e dell'Epifania. Pastoralmente, la Chiesa dovrebbe incoraggiare i fedeli a testimoniare l'importanza della nascita di Cristo, mantenendo tutta la stagione di Natale, con le feste molto antiche e importanti che lo seguono, come quella grande festa prolungata che tradizionalmente era; ristabilire un carattere formalmente penitenziale per l'Avvento potrebbe certamente aiutarci a farlo, come la Quaresima lo fa per la Pasqua.


Pubblicato venerdì 9 dicembre 2016, Gregory DiPippo.


Foto: Domenica Gaudete, Nostra Signora del Rosario, Blackfen, Inghilterra 2013

4 commenti:

  1. L'Avvento non è un tempo penitenziale !? Ma allora perché leggiamo dai Vangeli le prediche di Giovanni i Battista? Non predicava il battesimo della penitenza ? Con che le prepariamo le vie del Signore? E che cosa significa la modestia raccomandata da S. Paolo?

    RispondiElimina
  2. Se l'Avvento non è un periodo penitenziale perché leggiamo dai Vangeli la voce che grida nel deserto di Giovanni il Battista che predica il ' battesimo della penitenza'? Il narcisismo di molti esegeti e di quelli che fanno loro eco, teologi, rubricisti, canonisti etc. etc. hanno disorientato i fedeli che non sanno più come comportarsi.

    RispondiElimina
  3. Visti gli esiti pessimi della riforma, non sarebbe sensato cestinarla invece che riformarla? Si torna a com'era e si va sul sicuro....

    RispondiElimina
  4. Se l'Avvento non è un tempo di penitenza perché nel Vangelo leggiamo le parole di Giovanni il Battista che predica il' battesimo di penitenza per la remissione dei peccati'? Il narcisismo di tanti esegeti, rubricisti, teologi etc. etc. scatenatisi con Il CVII, ha gettato nel disorientamento i fedeli che non vedono più ciò che la Chiesa ha professato da sempre.

    RispondiElimina

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.