giovedì 29 dicembre 2016

Card. Ratzinger sul matrimonio: "Il Papa non ha il potere di cambiare la dottrina"

Il Card. Ratzinger, in un vecchio libro "Dio e il Mondo" (Ed. San Paolo, 2001) aveva già allora ribadito, come riporta il quotidiano Kath news del 29.12.2016, che il Papa non ha l'autorità di cambiare la dottrina.Quanta attualità!

L'allora cardinale aveva detto che la Chiesa di Cristo non si basa su decisioni umane, non sulle azioni arbitrarie dei vescovi o papi, ma si basa sulla rivelazione di Dio nel Vecchio e Nuovo Testamento, in particolare nel messaggio di Gesù.  
Egli ha ribadito che la nostra dottrina cristiana della salvezza è infatti attestata nella Bibbia e nela tradizione apostolica della Chiesa. Cristo ha  conferito ai suoi apostoli il potere sacerdotale per condurre gli uomini a Dio, ma non il diritto di cambiare la dottrina divina o i sacramenti (tra cui il matrimonio appartiene). 
IL Prefetto della Dottrina aveva ricordato che il Papa non è un sovrano della fede, ma il primo tra i servi, e citando il filosofo cattolico Dietrich von Hildebrand, ha ripetuto che "il più grande errore del nostro tempo e credere che la religione debba essere adattata all'uomo e non l'uomo alla religione".Questi concetti Benedetto XVI li ha ripetuti e spiegati nel libro intervista "Dio e il mondo" in cui dice espressamente: "Il Papa non è il capo supremo - infatti un appellattivo voluto da Gregorio Magno per il papa è "servo dei servi di Dio"- ma è  il garante di obbedienza e non può fare ciò che vuole: egli è il baluardo contro l'arbitrio". 
Parlando espressamente del matrimonio Papa Ratzinger dice: "Facciamo un esempio: Dal Nuovo Testamento sappiamo che il sacramento del matrimonio rato e consumato è indissolubile e gli sposi sono inseparabili. Ora, ci sono correnti che dicono che il Papa potrebbe cambiare questo corso. No, non può cambiarlo "

  Potete trovare il testo originale in tedesco qui
Roberto

29 commenti:

  1. Io non ci credo affatto che lo mettano al corrente di quel che succede.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti lui guarda solo "Uno mattina"....

      Elimina
  2. E basta , abbiate un po' di carita' !
    Voi siete sicuramente il non plus ultra , migliore in tutto e per tutto .

    RispondiElimina
  3. Scusa ma carità per cosa?
    Siamo noi che chiediamo carità, verità e tutto il resto, ci arrivi a capirlo????

    RispondiElimina
  4. Mary, proprio voi che con indifferenza farcite di menzogne le vostre calunnie nei confronti del papa?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Calunnie? Ma quali calunnie? Basta aver orecchie per udire e occhi per vedere! Ah beh, certo, conoscere o l'italiano o lo spagnolo, perché le altre lingue conosciute dai suoi Predecessori l'attuale Vescovo di Roma se le sogna, il primo papa senza laurea da secoli!

      Elimina
  5. Oggi è la Festa di San Tommaso Becket. Esempio di coraggio per difendere l'onore di Dio e la libertà della Chiesa. Perche, a mio parere, questa è la questione. Perchè tanti anni di fare la vita impossibile a Benedetto XVI? Per intronizzare Bergoglio. Ricordatte la forza di Giovanni Paolo II nel difendere la vita di fronte ai potenti del mondo. Ratzinger e Caffarra ne sono testimoni. E non solo. Dimentichiamo le debolezze del Papa Wojtyla. Lui ha stato un grande difensore del Cattolicesimo. Ricordo le sue parole a Sicilia: il Giudizio di Dio un giorno verrà!
    Invece Bergoglio...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "Chi dice di essere nella luce e odia suo fratello, è ancora nelle tenebre. Chi ama suo fratello, rimane nella luce e non vi è in lui occasione di inciampo. Ma chi odia suo fratello, è nelle tenebre, cammina nelle tenebre e non sa dove va, perché le tenebre hanno accecato i suoi occhi". Una parte della prima lettura di oggi (dalla prima lettera di san Giovanni apostolo).

      Elimina
    2. Non so cosa si riferisce. Io amo la Chiesa e tutto quello che la Chisa insegna. Ma non posso ammettere l'errore. Ripeto non capisco quello che dice.
      In quanto Bergoglio, io non giudico. Le sue opere lo giudicano.

      Elimina
  6. Nessun Papa nella Storia della Chiesa ha cambiato la Dottrina. Ne Liberio, ne Onorio I, ne Giovanni XXII. Basta consultare un Manuale di Storia della Chiesa. Ad esempio Fliche-Martin or Hubert Jedin.
    Se Bergoglio fosse vero Papa Dio non avrebbe permesso i suoi errori.
    Si veda la condana di Sisto IV a Pietro da Osma.
    La Chiesa Romana non può errare. De fide divina et catholica.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si e gli asini volano....ma per favore.

      Elimina
    2. La Chiesa non sbaglia perché è perfetta ed è istituita da Cristo. Il Papa essendo uomo può sbagliare e quando lo fa smette di esserlo ipso-facto (come ha fatto Ratzinger con le dimissioni). Lo dicono illustri teologi come San Tommaso d'AQuino e San Bellarmino.

      Elimina
  7. Bergoglio davanti a Dio dovrà rispondere di tutte le anime che ha condotto alla perdizione eterna col suo malinteso significato di "misericordia"... Come disse San Giovanni Paolo II ad Agrigento "Verrà il Giudizio di Dio!"

    RispondiElimina
  8. Bergoglio non ha cambiato la Dottrina. Lo ha detto il Prefetto per la Dottrina della fede. Che figura fanno i 4 cardinali. Passeranno alla storia come quelli che hanno fatto resistenza alla forza rinnovatrice dello Spirito. Riformare la Chiesa non vuol dire cambiare la Dottrina. Chi la pensa così o non è istruito bene o è in mala fede...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ci vuole poco a capire che il cambiamento della dottrina di Bergoglio è, furbescamente, di fatto e non di diritto. Il CVII lo dimostra chiaramente!

      Elimina
  9. Ratzinger, sostenuto da una profonda dottrina teologica e canonica e dalla conoscenza di tutte le deviazioni dottrinali di tanta gerarchia che infestano, ormai dilaganti, la Chiesa, prevedeva che queste potrebbero assidersi anche sul trono di Pietro. E' ciò che è avvenuto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ratzinger, è bene sottolinearlo, ha sempre manifestato la sua stima nei confronti di papa Francesco.

      Elimina
    2. Dottrina modernista. Un Papa che dice che i protestanti non hanno bisogno di convertirsi e che l'Antica Alleanza è ancora valida per gli Ebrei è eretico.

      Elimina
    3. Voglio dare un consiglio a chi, magari per caso, incapperà in questo blog: non fidatevi delle parole, degli insegnamenti, di tutto ciò che mettono in bocca a papa Francesco per farlo passare da eretico, ma cercate la verità.

      Elimina
    4. Su quale siti? Quelli controllati dal Vaticano?

      Elimina
    5. Ma ancora lo dovete bannare a sto agit-prop pro-Bergoglio? Sta infestando tutti i blog cattolici.

      Elimina
    6. Papa Benedeto non potrebba, dalla sua posizione, criticare Bergoglio, ma ha sempre, da dacenni, condannando le ideologie sudamericane di stampo massonico-marksista e modernista di cui Bergoglio è il corifeo.

      Elimina
  10. Certo che hai un bel d'affari a rispondervi, ma non lavori o sei stipendiato da Bergoglio....no perché sto notando che sei l'unico a pensarla cosi, e mi chiedevo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' sempre la stessa persona con nick diversi....qualche giovane vicario parrocchiale di periferia che ha il poster in camera di Bergoglio. Su Radiospada scrive sempre lui.

      Elimina
  11. Ah ecco volevo ben dire...
    Beh ma sciur Curato non ha qualcosa da farevin parrocchia, che so, il grest,corsi di chitarra, incontri ecumenici da organizzare o qualche moschea da visitare ? Stare troppo al computer le fa male.

    RispondiElimina
  12. Ah ecco volevo ben dire...
    Beh ma sciur Curat non ha qualcosa da fare in parrocchia?, che so, il grest,corsi di chitarra, incontri ecumenici da organizzare o qualche moschea da visitare ? Stare troppo al computer le fa male.

    RispondiElimina
  13. Tornare subito al Rito Tridentino

    RispondiElimina

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.