martedì 28 giugno 2016

Mal di pancia liturgici durante le dirette TV da Etchmiadzin (Armenia)

"Celebrano all'antica! Anche i cattolici facevano così, poi venne il Concilio!  "...
Alcuni attenti lettori di MiL ci hanno segnalato che  durante le dirette TV della Divina Liturgia celebrata domenica 26 giugno dal Catolicos Karekin II Patriarca supremo di tutti gli Armeni alla presenza di Papa Francesco nella Cattedrale Madre di Etchmiadzin,  diversi sono stati i meritati elogi nei confronti del sacro rito.
Per non parlare dei paramenti del Clero armeno che sono stati entusiasticamente esaltati per la loro ricchezza, per contraddirsi solo due attimi dopo quando è stata inneggiata la simplicitas del vestiario del Papa...che indossava però una bella
stola ricamata con gli stemmi di Benedetto XVI ...


Non è la prima volta che in occasione delle celebrazioni della Divina Liturgia Cardinali, Prelati o giornalisti TV hanno giustamente elogiato quegli antichi e solenni riti.
Uno rimase famoso.
Dicitur che  in occasione di una visita ufficiale  ad Atene un Prelato (ora Cardinale di Curia) assistette alla Divina Liturgia nella Cattedrale Ortodossa al termine della quale volle esprimere personalmente all'Arcivescovo la sua compiaciuta ammirazione per quel sacro rito.
La risposta dell'Arcivescovo greco, schietta come lo stile degli ellenici, fu  una doccia fredda per il Prelato cattolico "Perchè allora voi cattolici avete distrutto completamente la vostra antica Liturgia?"
La frase citata rimbalzò poi nei  corridoi delle Sacre Congregazioni... fino alla pubblicazione del Motu Proprio Summorum Pontificum che ricevete subito gli apprezzamenti, come ben sappiamo, proprio dai nostri fratelli Ortodossi.
 


L'ammirazione liturgica della leadership cattolica, che dice di apprezzare la Divina Liturgia orientale, si arresta inerosabilmente  davanti al  muro ideologico che circonda la "riforma liturgica" post-conciliare : i puri di cuore   lo scavalcano  mentre  gli ignavi vi rimangono appresso.


Un esempio: la Comunità dei Padri Rogazionisti di Assisi ha dedicato un'intera pagina nel loro sito  alla "bellissima" Divina Liturgia del Catolicos Karekin II  alla presenza del Sommo Pontefice Francesco. (cliccare QUI )
Chissà però se quei bravi religiosi hanno mai assistito ad una Messa Solenne o a un Pontificale in  ritus antiquior cattolico: glielo consigliamo fraternamente anche perchè oltre alla bellezza di un rito che fonda le radici nell'epoca apostolica essi  vi potrebbero scorgere anche un intenso aspetto vocazionale.
Senza disporre difatti di alcun tipo di rèclame diocesana o parrocchiale diversi giovani trovano il loro compimento spirituale delle celebrazioni nel ritus antiquior: ministranti , cantori, organisti, apparatori
In questo tempo di magra per la  spiritualità e per la vera "partecipazione" alla vita ecclesiale esistono ancora dei volontari liturgici ( che non sono dei marziani extra-terresti) che si sacrificano nel più totale nascondimento perchè vogliono piacere solo a Dio.

Soltanto liberando la mente dal veleno  "ideologico post-sessantottino"  si potrebbero notare le tante affinità fra il "ritus antiquior" Romano e la Divina Liturgia orientale.
Sono le immagini delle dirette TV da Etchmiadzin a mostrarcele : la posizione dell'Altare "ad Crucem" o "ad orientem", il Calice coperto, la doppia confessione con l'invocazione alla Madonna, agli Angeli e ai Santi, il lavabo,  le posizioni posturali del celebrante, l'entrata pontificale sotto il baldacchino ecc. ecc.
"Nemo propheta acceptus est in patria sua" ci dice il Santo Vangelo.
Ci rallegriamo dunque per le espressioni di compiacimento che i nostri  fratelli Ortodossi indirizzano sempre più spesso alla nostra "liturgia ritrovata"  poi, ne siamo sicuri,  "col tempo e con la paglia matureranno anche le nespole"...
AC
Ad laudem Dei


***

Il Santo Padre Francesco e il Catolicos Karekin II  incedono processionalmente sotto il baldacchino liturgico e vengono incensati ripetutamente da due sacri ministri.


***

L'Altare (rigorosamente ad orientem) e il Calice coperto
 

4 commenti:

  1. Sono curioso di conoscere meglio quali sono le caratteristiche liturgiche comuni alla messa tridentina e quella ortodossa. Sapete indicarmi per favore dei siti liturgici dove approfondire?

    RispondiElimina
  2. Gli armeni hanno rito proprio con alcune differenze rispetto a tutti gli altri inclusi i greco ortodossi. Per esempio sono gli unici a non aggiungere acqua al vino nel calice.

    RispondiElimina
  3. Alla consolazione per il rito è purtroppo seguita presto la desolazione per le dichiarazioni papali pro gay e pro Lutero!

    RispondiElimina
  4. Gli armeni sono monofisiti, la loro chiesa è orientale, non ortodossa. Probabilmente non aggiungono acqua al vino proprio per via del monofisismo. Il rito romano, anche quello antico è diverso dai riti orientali. È evidente che la sostanza è la stessa, ma i riti sono diversi.

    RispondiElimina

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.