giovedì 25 febbraio 2016

Il Papa scrive a Socci: "Grazie per le critiche"

Il Papa scrive a Socci: "Grazie per le critiche"

di Antonio Socci - Libero Quotidiano, 20 febbraio 2016

Venerdì scorso passavo frettolosamente da casa dei miei, piena di ricordi di mio padre, come il suo quadro più bello: un minatore esanime trasportato su una barella dai compagni (mio padre stesso in miniera un giorno rischiò la vita e restò mutilato).
È lui che mi ha insegnato che la vita è lotta per la propria dignità e per la verità. E mi ha testimoniato che la libertà è perfino più importante del pane. A lui, che da minatore cattolico il 18 aprile 1948 si batté per la libertà del nostro Paese, devo l' insegnamento più importante: vivere senza menzogna.  E a lui ho pensato venerdì, quando mi è arrivata quella lettera per posta prioritaria.
Mia madre stupita mi ha consegnato la busta bianca, col timbro della Città del Vaticano, sussurrandomi: «Ma ti ha scritto il Papa?».

In effetti la grafia era inequivocabile. Proprio il Pontefice, con una stilografica a inchiostro nero, ha tracciato il mio indirizzo e il mittente, dietro la busta (una "F." per Francesco) e sotto: «Casa Santa Marta - 00120 Città del Vaticano».
Ho pensato a mio padre perché per me è il simbolo di quel popolo cristiano a cui dobbiamo tantissimo, quel popolo cristiano che è disprezzato dall' establishment intellettualoide che
esalta Francesco (penso a Repubblica).
Quel popolo cristiano che si è sentito abbandonato dai suoi pastori negli ultimi tre anni. Papa Francesco infatti ha un gran successo mediatico tra i mangiapreti, ma ha portato la Chiesa in una grande confusione. Basti vedere le dichiarazioni fatte anche ieri sul volo di ritorno dal Messico dove si è "immischiato" pesantemente sulle politiche dell' immigrazione, ma ha affermato di non volersi immischiare nella discussione italiana relativa alle unioni gay (eppure è vescovo di Roma e primate d' Italia).

Ma voglio fare un esempio più clamoroso. Proprio venerdì, mentre ricevevo la sua lettera, vedevo il Santo Padre in tv per la Dichiarazione firmata da lui col Patriarca ortodosso Kirill. È un memorabile pronunciamento storico-politico con cui la Chiesa Cattolica romana e la Chiesa ortodossa, insieme, hanno rovesciato l'«Agenda obamiana» a cui il Papa si era finora - disastrosamente - sottomesso. La Dichiarazione riporta la Chiesa sulla via di Benedetto XVI, infatti è un vero siluro contro «la dittatura del relativismo» dell' Occidente e contro la dittatura dell' islamismo dell' Oriente. È un grido di libertà che esalta le nostre radici cristiane, dall' Atlantico agli Urali, e ci restituisce alla grande storia dell' Europa dei popoli e delle cattedrali.
Il contrario di ciò che Francesco ha fatto in questi anni.  Infatti la Dichiarazione fa una vigorosa difesa (finalmente) dei cristiani perseguitati e della libertà religiosa a tutte le latitudini, con l' appello a una coraggiosa testimonianza cristiana nella vita pubblica; attacca la tecnocrazia nichilista dell' Europa occidentale che ha rinnegato le sue radici cristiane e che emargina fino al disprezzo i cristiani; infine fa una difesa tenace della famiglia naturale e della vita dal suo concepimento fino alla sua fine naturale.
Tuttavia, subito dopo la pubblicazione solenne e in mondovisione di questo documento, papa Bergoglio ha cercato di "rimangiarsi" la firma minimizzandone il significato. Riducendo tutto a una photo opportunity. Come si spiega questa repentina e incredibile marcia indietro? Evidentemente l' Impero che ha "dimissionato" Benedetto XVI e che sostiene il pontificato di Francesco non gli consente di ribaltare la collocazione geopolitica della Chiesa.

Per questo Francesco (che pure sulla Siria nel 2013 si permise una coraggiosa indipendenza) è subito tornato nei confini assegnati. Gli è stato facile anche per la leggerezza con cui abitualmente dice, disdice e si contraddice, a seconda degli interlocutori. Il suo magistero è spesso cangiante come la veste di Saruman.  Probabilmente ora anche al Patriarcato di Mosca si chiederanno quanti Francesco sono in circolazione. Noi ce lo chiediamo da tre anni. Qualunque barca condotta così affonda, infatti la confusione nella Chiesa regna sovrana. Forse per questo il Papa chiede insistentemente preghiere. Purtroppo però lui ha molti adulatori, cortigiani, lustrascarpe e tifosi che lo esaltano, ma ben pochi pregano per lui e per la barca di Pietro che rischia di colare a picco fra gli applausi e le risa del mondo. 

Io invece prego per lui. Nel mio libro La profezia finale, ho concluso così la lettera aperta a Franceso dove lo esortavo a combattere virilmente con noi la «santa battaglia» contro la notte, contro il Mysterium iniquitatis ormai dilagante: «Io vivo anche una mia guerra personale, durissima, che combatto con la mia famiglia contro il male e che da anni ci fa stare sul Calvario (...). Le assicuro che nell' offerta di questo martirio - insieme a tutta la Chiesa e all' umanità - c' è anche lei, con papa Benedetto XVI. La nostra preghiera è a Dio, perché restituisca e conservi sempre alla Chiesa e al mondo la luce del Vicario di Cristo, specialmente nelle tenebre dell' ora presente. Caro papa Francesco, sia uno dei nostri veri pastori sulla via di Cristo, con papa Benedetto che la sostiene con la preghiera e il consiglio: aiuti anche lei la Chiesa, oggi smarrita e confusa, a ritrovare la via del suo Salvatore e così riaccenderà quella luce che permetterà all' umanità di non perdersi in un abisso di violenza. Tutti i santi del Cielo pregano per questo».  Nelle pagine precedenti del libro non ho lesinato (dolorose e amare) critiche a questi tre anni di Francesco, e l' ho esortato a difendere la Chiesa e la fede cattolica anziché farsi "usare" ed esaltare dai nemici di essa. L' ho implorato di non umiliare più la Chiesa, di non proclamare la resa, solidarizzando con gli avversari, ma invece di opporsi al dominio del «nuovo potere» che - come diceva Pasolini - è «completamente irreligioso, totalitario, violento, falsamente tollerante, anzi, più repressivo che mai, corruttore, degradante». Io credo che nel profondo papa Francesco ne sia convintissimo. E, dibattendosi fra gli Imperi, cerchi una strada che scaltramente tolga la Chiesa dall' angolo: ma si può essere più scaltri di Dio? Può esservi una via più scaltra di quella di Cristo che è la testimonianza alla verità fino alla croce? Può esserci un annuncio del Vangelo che non sia anche un giudizio sul mondo e sulle tenebre dei poteri mondani? «Se non c' è lotta non c' è cristianesimo», dice Benedetto XVI.
È stolto mettersi contro il Potere? San Paolo ci avverte che è attraverso la stoltezza della predicazione della verità che Dio salva il mondo «perché ciò che è stoltezza di Dio è più sapiente degli uomini, e la debolezza di Dio è più forte degli uomini» (1Co 1, 25).

Queste sono le cose che ho scritto nel mio libro e su queste mi ha risposto il Papa. Quando ho aperto la busta ho visto che era tutto di suo pugno. So capire il senso di certi "dettagli": i Pontefici comunicano attraverso la Segreteria di Stato (ho ricevuto in passato altre missive papali di questo tipo). Invece questa lettera autografa scritta dal Papa stesso e inviata direttamente, senza passare per nessun ufficio vaticano, ha un significato preciso: vuole essere un segno di familiarità, un gesto paterno, di affetto e di comunione.
Pur sapendo quanto papa Bergoglio ami uscire fuori dai formalismi, non me lo aspettavo. Gli avevo fatto inviare dalla Rizzoli il mio libro perché il sottotitolo recita: «Lettera a papa Francesco sulla Chiesa in tempo di guerra».
Su quel volume avevo scritto una dedica in cui spiegavo al Papa che il libro contiene ciò che in coscienza mi sento in dovere di dirgli. Ma dopo averlo fatto inviare non ci ho pensato più.  Sono dunque rimasto molto sorpreso vedendo la lettera e leggendo le parole - davvero non formali - di papa Francesco: 
«Vaticano 7 febbraio 2016 Sig. Antonio Socci Caro fratello: Ho ricevuto il suo libro e la lettera che lo accompagnava. Grazie tante per questo gesto. Il Signore la ricompensi.
Ho cominciato a leggerlo e sono sicuro che tante delle cose riportate mi faranno molto bene. In realtà, anche le critiche ci aiutano a camminare sulla retta via del Signore. La ringrazio davvero tanto per le sue preghiere e quelle della sua famiglia. Le prometto che pregherò per tutti voi chiedendo al Signore di benedirvi e alla Madonna di custodirvi.
Suo fratello e servitore nel Signore,
Francesco».
Sono parole che non lasciano indifferenti. Ci sono cose di questo Papa che mi commuovono profondamente (l' ho scritto nel libro). Mi entusiasma la sua libertà evangelica, la sua semplicità, il suo essere fuori dagli schemi clericali. È emozionante quando parla dello sguardo di Gesù o, come nei giorni scorsi a Guadalupe, degli occhi materni di Maria. E quando ricorda che il nostro Salvatore non vuole perdere nessuno e si prende ciascuno di noi sulle spalle.  Ma infine un pontificato è anzitutto il suo magistero e il suo governo della Chiesa e di fronte allo smarrimento e alla confusione che in questi tre anni hanno investito il popolo cristiano ho dovuto e voluto dire la verità, a costo del suicidio professionale e morale. Ho buttato alle ortiche quello che il mondo definisce «prestigio», costruito in decenni di lavoro, per diventare un reietto nel mondo cattolico, che è la mia casa. Diventato di colpo un "appestato", in questi due anni ho fatto indigestione di insulti. Quelli più frequenti sono stati i seguenti: «Sei un indemoniato» e «sei impazzito». Altri poi hanno invocato l' arrivo di un esorcista, del Tso o perfino una sentenza di scomunica, hanno insinuato addirittura che fossi stato accalappiato da qualche setta, da qualche bislacco guru o da qualche oscuro "potere" e hanno sentenziato che sarei ormai fuori dalla Chiesa.  Mi hanno messo al bando dai loro media ed è stato messo all' Indice un mio volume in certe librerie cattoliche dove, magari, vendono Augias e Mancuso. C' è perfino chi ha fatto disgustose considerazioni sulle traversie vissute dalla mia famiglia.  Oggi però le parole che Francesco mi ha scritto fanno giustizia di mesi e mesi di insulti. Sono anzitutto, per ciascuno di noi, un esempio di umiltà e di paternità. Ma la legittimazione delle «critiche al papa», contenuta nella lettera, mi pare anche che insegni a essere cristiani virili e non pavidi o opportunisti. Si deve parlare con parresia e non con calcolata ipocrisia.

Nel mio libro avevo riportato le parole del vescovo spagnolo Melchor Cano (1509-1560), grande teologo del Concilio di Trento: «Pietro non ha bisogno delle nostre bugie o della nostra adulazione. Coloro che difendono ciecamente e indiscriminatamente ogni decisione del Sommo Pontefice sono quelli che più minano l' autorità della Santa Sede: distruggono, invece di rafforzare le sue fondamenta». Così motivavo la mia franchezza, come un piccolo aiuto al vescovo di Roma. È molto bello che ora il Papa risponda al mio libro confermando tutto: «In realtà, anche le critiche ci aiutano a camminare sulla retta via del Signore».
Francesco del resto sa bene che, per lui, il pericolo non viene dalla franchezza dei figli di Dio, ma dalla corte: un giorno arrivò a dire che «la corte è la lebbra del papato».  È vero del resto che nella Curia romana e nelle altre curie, sotto il suo pontificato, domina un clima di vero terrore, un' oppressiva aria inquisitoriale, mai vista prima. Ed è sua responsabilità.
Il modo come ha condotto le vicende ecclesiali in questi anni e anche l' ultimo Sinodo purtroppo dimostrano che insieme al Francesco paterno e comprensivo ce n' è uno che usa il potere in modo molto duro. Talora anche per imporre alla Chiesa dottrine eterodosse. È lui che usa il pugno di ferro contro famiglie religiose o ecclesiastici di grande fede e ortodossia e poi elogia e promuove chi va dietro ai venti delle ideologie mondane.

Continuo a sperare vivamente che egli metta fine a questo clima ed esorti tutti a stare nella Chiesa con la libertà e la dignità dei figli di Dio, come lo stesso Concilio insegna (senza temere epurazioni, vendette e umiliazioni). Ma spero soprattutto che sia fedele alla missione di Pietro, cioè che difenda la fede cattolica e non la svenda e nemmeno la stravolga: questo non gli è lecito. Non può farlo. «Perché anche il papa», diceva Joseph Ratzinger, «non può fare quello che vuole. Non è un monarca assoluto, come un tempo lo furono alcuni re. È tutto il contrario, Egli è il garante dell' ubbidienza. Egli è il garante che noi non siamo dell' opinione sua o di chicchessia, ma che professiamo la fede di sempre che egli, opportune importune, difende contro le opinioni del momento».

38 commenti:

  1. E se quella di Papa Francesco fosse una forma per tacitare Socci? Questo è il mio pensiero.

    RispondiElimina
  2. Questo Articolo del Dott. Socci è fra i più significativi! " l' Impero che ha "dimissionato" Benedetto XVI e che sostiene il pontificato di Francesco non gli consente di ribaltare la collocazione geopolitica della Chiesa. ... Forse per questo il Papa chiede insistentemente preghiere. Purtroppo però lui ha molti adulatori, cortigiani, lustrascarpe e tifosi che lo esaltano, ma ben pochi pregano per lui e per la barca di Pietro che rischia di colare a picco fra gli applausi e le risa del mondo".
    Veramente un articolo imperdibile !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Niente "Bah" !
      E' davvero bello.

      Elimina
  3. Gli ha dato una bella lezione

    RispondiElimina
  4. Sì, una lezione di bon ton alla Lina Sotis. Se ti mandano un mazzo di rose tu rispondi con una scatola di cioccolatini.

    RispondiElimina
  5. Papa Francesco è molto più furbo di Socci... e anche di Carradori.
    TEOFILATTO.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non ci vuole tanto per essere più furbo di me...

      Elimina
  6. Sono d'accordo in quanto alla furbizia, non sono d'accordo sul continuare a chiamarlo papa, è solo il vescovo di Roma, di passaggio, nient'altro, per papa si intende altro. Cordialità.

    RispondiElimina
  7. Forse, ormai molto lontano da beghe clericali, non ho capito bene la posizione di Socci. Chiama Francesco Papa e Santo Padre, invitandolo a guidare la santa battaglia. Ma non è lui che ha sostenuto e dimostrato (a modo suo, che non condivido) che Francesco non è il Papa? Ma, ripeto, certo per mia colpa, ho perso qualche passaggio,

    RispondiElimina
  8. Solo al nuovo Conclave forse vedremo cosa sarà rimasto della Chiesa Cattolica.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Niente! La Chiesa Cattolica e' finita!

      Elimina
    2. Ci sei sempre tu, istriano.

      Elimina
    3. Mi sono deluso profondamente di questa Chiesa!

      Elimina
    4. Gli uomini passano, la Chiesa resta. E' una verità consegnataci da Cristo. Chi vi si oppone non è cattolico.

      Elimina
    5. Insisto nel comunicare che Padre Pio in una delle sue molteplici manifestazione disse, anche alla presenza e con la partecipazione dei sacerdoti che Benedetto XVI sarebbe stato l'ultimo Papa (ovviamente a questa Profezia va dato il giusto significato). Questa manifestazione avvenne due anni prima della rinuncia di BXVI e, un anno dopo torno su questa profezia in una manifestazione avvenuta presso un Monastero di Suore in Roma. Di tutto è a conoscenza la Santa Sede.

      Elimina
    6. Quali manifestazioni? Forse delle apparizioni di P. Pio e a chi? E se non fossero autentiche? Se provenissero da qualcun altro?

      Elimina
    7. Francesco D, ma in quale luogo, alla presenza di quali sacerdoti, in quale data? Un po' di prove?

      Elimina
    8. Il mio è solo scoramento per una situazione in cui non riesco a raccapezzarmi più. La mia è solo una speranza che al prossimo conclave ci sia concessa una guida che sappia un attimino riprendere in mano il timone della sana dottrina tutto qua.

      Elimina
  9. E' chiaro che quella di Bergoglio è una mossa strategica e squallida volta a colpire nei sentimenti più ingenui e infantili Socci, commuoverlo e conseguentemente mettere a tacere le sue critiche che stavano diventando dirompenti e imbarazzanti a causa del forte seguito che cominciavano ad avere anche nelle sfere più alte. Tanto è vero, che il vdr non dice di avere letto il libro, ma solo di averlo cominciato: che poi l'abbia letto fino in fondo è tutto da dimostrare e secondo me non l'ha fatto.
    In ogni caso, il gesuita pare avere fatto centro, tanto è vero che da quasi una settimana Socci non parla quasi più di Bergoglio nel suo blog, ma tratta altri argomenti. La stessa strategia fu usata col povero Palmaro, il quale anche lui negli ultimi giorni della sua vita, dopo aver ricevuto la famosa telefonata del prete argentino vestito di bianco, si commosse a tal punto da non essere più in grado di articolare una critica verso bergoglio. L'uomo di santa marta ha un'astuzia che definire diabolica è dir poco.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Segue i consigli di un tale Gesù Cristo: "Se ti schiaffeggiano porgi l'altra guancia". Ovvero in questo caso: se ti criticano, abbozza e ringrazia. Se poi i critici si confondono vuol dire che questo Gesù Cristo qualcosa ne sapeva.

      Elimina
    2. ... e se non lo avesse fatto lo avresti accusato di ignorare le critiche! Per gente come te Francesco la verità è un optional

      Elimina
  10. Insisto nel comunicare che Padre Pio in una delle sue molteplici manifestazioni disse, anche alla presenza e con la partecipazione dei sacerdoti, che Benedetto XVI sarebbe stato l'ultimo Papa (ovviamente a questa Profezia va dato il giusto significato nel senso interpretativo). Questa manifestazione avvenne due anni prima della rinuncia di BXVI e, un anno dopo tornò su questa profezia in una manifestazione avvenuta presso un Monastero di Suore in Roma, aggiungendo anche un segreto riguardante BXVI. Di tutto è a conoscenza la Santa Sede.

    RispondiElimina
  11. Qualcuno si domanda ancora le ragioni della persecuzione dei Frati dell'Immacolata; strano perché Papa Francesco stesso ce le ha fornite:

    "Prima di prendere la decisione sono stato consultato dalla congregazione e io ho detto SI', perché questo sia chiaro: IO SONO IL RESPONSABILE..."
    "...Ma c'è un'altra cosa che a me fa capire perché il DEMONIO è tanto ARRABBIATO con tutti voi: la Madonna. C'è qualcosa che il demonio NON TOLLERA...non tollera quella parola nel vostro nome IMMACOLATA, perché è stata l'unica persona solamente umana nella quale lui ha sempre trovato la porta chiusa dal primo momento.."
    www.youtube.com/watch?v=hyxlCj7En8Y
    forse allora possiamo spiegarci anche le "battute" sulla Madonna che apre i cancelli, quando nessuno vede, sulla Madonna postina; il FIAT LUX e l'inizio del Giubileo proprio l'8 dicembre e molte altre "amenità". come ci consiglia l'esimio forse dovremmo WAKE UP

    RispondiElimina
  12. Ecco un altro che per una letterina con la dedica si scioglie in lacrime.

    Che pena.

    Vedrai caro Socci come gli faranno bene le tue critiche... vedrai!

    RispondiElimina
  13. Stimatissimo Prof. Dante Pastorelli aderisco ben volentieri al suo invito e mi limito a riferire quanto mi è possibile dire. Le dico subito che l’inizio del contatto con Padre Pio, attraverso una donna consacrata alla Vergine, conosciuta e seguita dalla Chiesa, è stato, inaspettatamente e per nulla previsto, nell’agosto 2005 a San Giovanni Rotondo presso una piccola Chiesa delle Suore. In quella circostanza mi disse che da quel momento sarei stato un suo inviato per la Santa Sede, alla quale dovevo consegnare i messaggi che ogni mese avrebbe dato per volere di Dio. Messaggi che erano diretti al Santo Padre Benedetto XVI per il tramite di tre Cardinali indicati da Padre Pio (Sodano, Comastri e successivamente a Bertone).
    Questi messaggi/colloqui venivano dati anche alla presenza di sacerdoti e persone consacrate.
    I messaggi, che sono stati dati dall’agosto 2005 al mese di luglio 2013, venivano dati di norma il 24 di ogni mese ad orari diversi, ma a San Giovanni Rotondo avvenivano quasi ogni giorno e anche più volte al giorno. Da Padre Pio ho anche ricevuto – per volontà di Dio – delle missioni una delle quali portata a compimento con l’approvazione della Chiesa. I messaggi venivano dati in diversi luoghi, sempre davanti al tabernacolo. (Chiesa dell’infermeria del Convento Cappuccini di San Giovanni Rotondo, Chiesetta del Centro Spirituale Santa Chiara- SGR , Chiesa Convento Cappuccini di Barbarano di Salò, Monastero Suore Benedettine – Via Salaria, Roma e nella cappellina di famiglia della mistica).
    La Diocesi di San Giovanni Rotondo è perfettamente a conoscenza di tutto.

    RispondiElimina
  14. Ma P. Pio aveva bisogno di un suo presunto messo mentre, avendo da vivo il dono dell'ubiquità, avrebbe potuto, e con maggiore forza di convincimento, parlare direttamente al Papa?
    Caro Francesco, tutto è vago. Non basta far nome di conventi, chiesette ecc. Fuori nomi e prove concrete.
    Siamo zeppi di visioni, rivelazioni, locuzioni interiori ecc. ecc.

    RispondiElimina
  15. PICCOLA LEZIONE DI ITALIANO E DI GIORNALISMO ETICO

    Articolo interessante, ma se non riportate la frase precisa non dovreste racchiuderla tra virgolette. È una pessima abitudine che hanno ormai troppi giornalisti, che pur riportando la frase corretta nell'articolo la citano diversamente nel titolo (a cui molti lettori si fermano), spesso stravolgendone completamente il significato grazie a piccole modifiche o riportandola fuori dal contesto.

    Anche questo post non è da meno, perché il Papa ha ringraziato per il gesto di spedire il libro e la lettera, e per le preghiere, NON per le critiche ricevute, di cui si ha detto solo che sono di aiuto. Il ringraziamento per le critiche potrebbe essere sottinteso (anche se penso che non lo sia), ma in questo caso il titolo dovrebbe essere "Il Papa scrive a Socci ringraziandolo per le critiche". Senza virgolette.

    RispondiElimina
  16. Beh, caro Davide, la seconda parte della tua lettera avrebbe anch'essa bisogno di revisione linguistica, e non solo di bello stile.
    "NON per le critiche ricevute, di cui si ha detto solo che sono di aiuto": cosa significa "si ha detto"?
    Quanto al discorso sui titoli concordo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho scritto un "si" di troppo, è un refuso.

      Non capisco comunque cosa c'entrino la necessità di revisioni linguistiche e bello stile della mia lettera, di cui scrivi che "anch'essa" avrebbe bisogno, come se io avessi criticato questi aspetti dell'articolo. Quello che ho criticato non è lo stile ma un errore commesso intenzionalmente.

      Detto questo, ammetto che faccio spesso il "grammar nazi" quando leggo oscenità grammaticali, nell'invana speranza che l'Italia guarisca dal suo elevatissimo tasso di analfabetismo di ritorno e funzionale, ma non mi permetterei mai di dire a qualcuno (che non sia uno scrittore o un giornalista) che ciò che ha scritto necessita di bello stile, che a differenza della grammatica non si impara a scuola, e a differenza delle citazioni volutamente sbagliate non ha implicazioni etiche o conseguenze diffamatorie. Le critiche costruttive (come vuole essere questa stessa frase) sono sempre bene accette, quelle saccenti un po' meno. Le prime spiegano come migliorare, le seconde sono fini a loro stesse.

      Elimina
  17. Prof. Pastorelli mi permetta di esprimere il mio pensiero in relazione alla sua risposta: che pena!

    RispondiElimina
  18. Sign. Francesco D la profezia di P. Pio confermerebbe la tesi di Socci che Francesco non è papa?

    RispondiElimina
  19. Sig. anonimo delle 10.03,quando Padre Pio disse di BXVI "questo sarà l'ultimo Papa"il sacerdote presente al messaggio chiese il perché, ma Padre Pio - per volontà di Dio-non rispose. Certamente questa profezia va analizzata ed esaminata con la massima cura e quindi interpretata. Il tempo chiarirà tutto.

    RispondiElimina
  20. Signor FRANCESCO D. lei potrà anche non poter dire di più, ma converrà che in questo modo la questione rimane effettivamente vaga per chi non ne conoscesse già altri particolari.
    M

    RispondiElimina
  21. Tuttavia Benedetto XVI ha detto subito dopo l'elezione di Francesco che a lui avrebbe prestato obbedienza e lo ha dimostrato incontrandolo più volte e con spirito di amicizia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. FRANCESCO D.3 marzo 2016 11:05

      Il cristiano autentico obbedisce in ogni circostanza. L'esempio l'ho abbiamo da Padre Pio il quale ha sempre obbedito anche quando alcuni uomini della Chiesa l'avevano perseguitato e contrastato.

      Elimina
  22. Ma penso non l'avrebbe fatto nel caso avesse la certezza che questo papa fosse "falso"

    RispondiElimina

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.