giovedì 25 febbraio 2016

E' stata approvata la Cirinnà: ce ne ricorderemo dei responsabili. Dentro e fuori il Parlamento



Da leggere anche (QUI) Cascioli

Aggiornamento ore 19.30: Il Senato ha approvato la fiducia sul maxiemendamento sostitutivo del testo del ddl sulle Unioni civili. I voti a favore sono stati 173 e i contrari 71. 
I sì alla fiducia sulle unioni civili arrivano con 245 senatori presenti e 244 votanti. 
Ora il provvedimento passa alla Camera. 
A favore, oltre alla maggioranza, ha votato il gruppo Ala e anche la componente Idv del misto ha annunciato il voto a favore mentre Laura Bignami (misto-Movimento x) ha votato no e ha annunciato le sue dimissioni. Prima della chiama il Movimento 5 stelle è uscito dall'aula. 
Nella maggioranza non hanno partecipato al voto i senatori del Pd, Felice Casson e Luigi Manconi, e i senatori di Ap Aldo Di Biagio, Roberto Formigoni, Giuseppe Marinello, e Maurizio Sacconi. Hanno dichiarato la loro contrarietà i gruppi Cor, Lega, Gal (con la 'dissidenza' di Riccardo Villari) e Sel. Tra i senatori a vita hanno votato a favore Mario Monti e Giorgio Napolitano. 
Il presidente del Senato Pietro Grasso, chiudendo la seduta dopo il via libera dell'aula alle unioni civili, ha convocato la conferenza dei capigruppo per martedì primo marzo alle 15. 

34 commenti:

  1. GLI UOMINI DI CHIESA HANNO TRADITO.

    IL PAPA SI OCCUPA CONTINUAMENTE DI POLITICA (si veda le continue prese di posizione sui migranti (musulmani) MA NON HA VOLUTO DIRE NIENTE SULLA LEGGE CIRINNA'.

    VERGONA E IGNOMINIA!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se ci si sposa in chiesa o se si è fedeli lo si deve fare per la propria coerenza religiosa, non per legge

      Elimina
    2. Quindi se legalizzano l'omicidio per te è tutto ok; basta che per coerenza religiosa i cristiani osservino il quinto comandamento.

      Elimina
    3. Ti rendi conto che paragoni l'infedeltà all'omicidio? E magari gli omosessuali agli assassini? La gente come te rovina la Chiesa. Ma, grazie a Dio, siete una infima minoranza.

      Elimina
    4. Sei il solito ideologo, purtroppo di "nuovi" come te, ce n'è una vomitevole quantità.

      "anonimo" non ha paragonato i termini.
      Ma ha messo in evidenza l'assurdità della posizione di chi riduce la fede a fatto meramente privato, indipendentemente da ciò che accada nella dimensione pubblica; lo ha fatto con un'immagine forte, per meglio far risaltare il paradosso, senza equiparare omosessualità e omicidio...

      Tu invece rispondi con l'espediente retorico delle tre carte, confondendo volutamente i termini materiali (infedeltà/omicidio) coi principi formali di metodo (la collettività approva XYZ tanto io continuo a tenermi coerente a ABC) come una Barbara D'Urso qualsiasi...mancano le espressioni fintamente scioccate e gli applausi, poi mandiamo la pubblicità.

      Elimina
    5. Concordo in pieno! La responsabilità della Chiesa è enorme! E' vero che i politici cattolici hanno votato a favore della legge per conservare soprattutto la poltrona, ma è pur vero che molti di loro hanno tacitato la coscienza sulla base delle tante ambigue aperture e frasi infelici del Papa, del Sinodo e di altri pastori in tema di omosessuali, visti come solo persone da rispettare e da accogliere e dunque portatori di diritti da tutelare e non invece come persone che si macchiano di un peccato gravissimo che grida vendetta al cospetto di Dio e che debbono perciò invitarsi al pentimento e alla conversione. Da questo messaggio ambiguo al matrimonio e all'adozione il passo non è poi così lungo, anzi è inevitabile!!

      Elimina
    6. E poi mi delude questo Nuovo. Sta cominciando a perdere il passo. Chi è lui per giudicare un omicida? Aspetta aspetta che non ci sia mica diventato un omicidofobo...

      Elimina
    7. Caro Nuovo, è tanto che ni ci incontra-scontra.
      Ogni peccato grave non è solo un'offesa contro la Maestà Divina, ma una ferita inferta alla società. Malum diffusivum sui, come il bonum.
      Se questo malum vien legalizzato si fa come la Seramìs dantesca: che libito fé licito in sua legge. Le nazioni crollano sotto il peso del degrado morale che è causa d'ogni altra forma di degrado.
      Quanto alla fedeltà perché va imposto tale obbligo solo agli sposati anche con rito civile?
      Quanto al paragone omosessuale-omicida, non si deve discutere della singola persona, ma del peccato in sé e dei suoi deleteri effetti. Ripeto ciò che ho già detto da qualche parte: l'omicidio volontario e il peccato contronatura sono due dei quattro peccati che gridano vendetta al cospetto di Dio. Dirò di più. Una vita vissuta nella continuativa condizione peccaminosa(omo o etero non importa, anche se quella omo è ancor più mlalefica) è più grave di un singolo omicidio, se si pensa al danno che ne deriva alla società e, quindi, ad una molteplicità di persone che ne vengon distrutte nella looro vita spirituale.

      Elimina
    8. ni, sta per non! Fretta di chi ha già superato l'ora solita per recarsi al lavoro (volontario, ovvio, alla mia età)

      Elimina
  2. Avete sentito il caridnale Tagle? Per lui i cattolici devono imparare a fare l'elemosina dai buddisti...come se la decima apostolica, le confraternite e i monti di pietà medievali non fossero mai esistiti...dove andremo a finire?

    unum

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma cosa c'entra? Un po' di serietà...

      Elimina
    2. Effettivamente Tagle dovrebb'esser più serio. Si legga il Vangelo.

      Elimina
  3. al family day abbiamo promesso RENZI CI RICODEREMO quando ci permetteranno di votare, ricordiamo che il nostro si sia si ed il nostro no,no per cui memoriziamo i nomi e ricodiamoci della nostra promessa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sai quanti di quelli presenti a Roma votavano a sinistra... E poi Alfano raccoglie un voto prettamente clientelare, invece del 3% prenderà il 2,8%. Sai che danno...

      Elimina
  4. Bisogna cominciare a cancellare abbonamenti o acquisto di giornali presunti cattolici che in realtà erano a favore di questa legge, ad es. Avvennire, La civiltà cattolica. Dovremmo anche smettere di acquistare prodotti di aziende lgbt, basta guardare le pubblicità che hanno fatto per cominciare a stilare la lista, e anche di fare offerte a opere pie che sono state silenziose. Poi il 17 aprile c'è il primo referendum, quello sulle trivelle in mare.

    RispondiElimina
  5. Una legge schifosa che rispecchia lo schifo dell'attuale società. E meno male per ora non ci sono entrate le adozioni.....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Entreranno con successive disposizioni legislative. Il male si può insinuare lentamente.

      Elimina
  6. Siete ridicoli con questa ossessione contro i gay: dimostrate cosi' di essere arretrati come una setta! Ma la nostra Chiesa era e deve essere aperta; madre e non matrigna! Smettetela con queste battaglie culturali con cui agli occhi dei giovani fate vedere i cattolici come dei intolleranti ideologhi. Il cristianesimo non e' un'ideologia. Sono cattolico, amo la buona liturgia ma appoggio anche la legge sulle unioni civili. Dare diritti ai gay non intacca per nulla le famiglie etero!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Intanto, prima di condannare chi segue la legge di Dio sempre predicata dalla Chiesa (che mai fu aperta alle nefandezze dell'omofilìa) faresti bene a studiare un po' di lingua italiana, magari leggendo soltanto il Catechismo, anche quello ratzingeriano ch'è scritto in modo esemplare.

      Elimina
    2. Sono cattolico MA... congiunzione avversativa che contraddice quanto detto in precedenza

      Elimina
    3. Non contraddice un bel niente. Sono cattolico e, a differenza della maggioranza dei lettori di questo blog, non reputo la modernità fonte di tutti i mali. È una vostra mera illusione credere nei bei tempi della societas christiana quando tutto era in regola. Non dare diritti civili ai gay oggi significa chiudere gli occhi di fronte all'evidenza di un cambiamento culturale. Ma non è la prima novità culturale nella storia... Molte cose sono cambiate negli ultimi 2000 anni e siamo sempre riusciti a trasmettere la fede alle nuove generazioni. Voi oggi con questi ragionamenti non sarete in grado di passare la fede ai giovani.

      Elimina
  7. Ma quale cattolico del menga. E' ora di finirla di proclamarvi cattolici e poi approvare certe abberrazioni.
    Il battesimo ti definisce cattolico fino all'uso di ragione, dopodiché devi rivoltarti le maniche e seguire sul serio la dottrina cristiana.
    Abbiamo politici marci, sedicenti cattolici che hanno approvato la sodomia ed ora arriverà la pedofilia, sai a lungo andare anche la sodomia stanca. E poi, cosa suggerisce l'agenda europea?
    Noi siamo ridicoli ma tu fai piangere davvero.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. anonimo 26 febbraio 2016 21:16, la informo che la pedofilia è già arrivata e largamente praticata dal clero cattolico dall'america (Boston per tutti) all'europa, all'italia.

      Elimina
  8. Anonimo delle 15,28, se non hai l'elenco dei firmatari, li trovi qui

    http://www.notizieprovita.it/notizie-dallitalia/unioni-civili-al-voto-in-senato-ecco-i-buoni-e-i-cattivi/

    RispondiElimina
  9. Diritti dei gay? Siete degli sciocchi. A chi ha promosso questa legge dei gay non gliene frega nulla. I gay sono solo il pretesto e gli utili idioti per obiettivi ben peggiori e ambiziosi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' vero, Verdini docet. Cercano posti e poltrone. Ma il problema non è se condividono con convinzione la scelta fatta, ma i risultati della loro scelta e le conseguenze che ne deriveranno.

      Elimina
  10. Bisogna ricordarsi bene dei (poco) onorevoli che hanno votato a favore della Cirinnà.
    Ma bisogna anche ricordarsi dei cattivi pastori che li sostengono.
    Abbiamo un parroco che vota e fa votare PD?
    Abbiamo un parroco che invece di incensare il Signore "incensa" i senatori a vita Monti e Napolitano (entrambi hanno votato, ovviamente, a favore della Cirinnà)?
    Benissimo: mandiamo, possibilmente in gruppo numeroso, una email al Vescovo Diocesano ed in copia al Presidente della CEI ed al Papa, comunicando che sino a che quel cattivo pastore non sarà stato rimesso in riga o se necessario rimosso, NON devolveremo più alla Chiesa Cattolica l' 8x1000 nè altre offerte.
    Precisiamo anche il motivo: siccome Uno più importante di noi tutti ha stabilito che "l'operaio è degno della sua mercede", se il parroco lavora per la Chiesa, è giusto che venga retribuito dalla Chiesa (cioè da noi con l' 8x1000), ma se vuole lavorare per il PD, che vada a chiedere il suo compenso al PD.

    RispondiElimina
  11. Ricordo al NUOVO che l'omicidio è già LEGALE! Solo che si chiama aborto! anzi, ora non è più illegale nemmeno l'aborto clandestino.
    Nei paesi più civili come gli USA l'omicidio lo si fa LEGALMNTE con la pena di morte.
    Nel paese più avanzato come la Svezia l'omicidio è già legale con l'eutanasia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Trasferisciti in Uganda

      Elimina
  12. Vorrei tanto non dar l'8x1000 ma alla fine arriva lo stesso alla CEI, solo che viene redistribuita con le altre confessioni compresa quella mussulmana e non è che mi vada tanto di finanziar nuove moschee...CHE FARE???!!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. giulia dallo all'ex abate di montecassino che saprà sicuramente come strisciarlo ahahahaha

      Elimina
  13. è tutto veramente triste. Mi sento responsabile perchè ora capisco che è un disegno che parte da lontano. Dall'inganno dell'aborto ad ora. La chiesa è responsabile per non aver spiegato ai fedeli la verità dietro l'aborto, quella vera, trattandoci da pecore da spaventare. Ora di nuovo è responsabile per il silenzio del papa davanti la distruzione del perno della società, la famiglia. Inganno mascherato da giusta tolleranza verso persone malate e non colpevoli delle proprie èulsioni, ma non èer questo da legalizzare. Il fine lo sappiamo, vogliono i bambini senza rischi. E questo fa comodo in modo trasversale.

    RispondiElimina
  14. Ho letto e riletto i post più volte. A prescindere dalle offese ad hominem (del tipo vai ad imparare l'ortografia), mi stupisco e mi chiedo in quale mondo, voi maggioranza di lettori di questo blog, vivete? Ma chi siete per decidere chi può e chi non può dirsi cattolico? Quando alla fine della crisi modernista papa Benedetto XV (1914-1922) venne eletto disse proprio che nessun cattolico ha diritto di accusare gli altri di essere meno cattolici. Le questioni oggi sono altre: come trasmettere la fede ai giovani. Gli usi e i costumi, carissimi, sono sempre cambiati nella storia. Eppoi, ripeto, molti estimatori del rito straordinario sono gay. Lo so per certo.

    RispondiElimina

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.