giovedì 10 dicembre 2015

Mancuso, Bianchi e l'Imam nell'agenda diocesana (ma il seminario è deserto...)

Un Sacerdote ci ha mandato alcuni dolorosi appuntamenti della  stazioni di una prolungata Via Crucis della sua disastrata Diocesi :
"Mancuso predicherà in Quaresima .... 
poi va via lui e arriverà Enzo Bianchi per formare i 3 seminaristi rimasti.... in uno squallido seminario vuoto... 
poi arriva l'Imam che parlerà di nuovo come lo scorso anno nel sagrato della cattedrale...a cui il vescovo , chiamando famiglie musulmane a fine serata regala il Corano tra un abbraccio e un altro....alla fine arriva la modernista famiglia cattolica sempre secondo il copione dello scorso anno..... a cui viene regalata anche la Bibbia". 
C'è poco da commentare questa notizia.
Per rispetto al desiderio del Sacerdote, omettiamo la località e il nome del super ecumenico-moderno Vescovo  che ha già ricenuto la "ricompensa" : il suo Seminario ha solo 3 aspiranti preti!
La "non fioritura" durante la nuova primavera della Chiesa di nuove vocazioni sacerdotali colpisce tutta Santa Chiesa non facendo distinzione neppure le Diocesi rettamente governate da buoni e devoti Vescovi.
Un' interminabile Via Crucis le cui stazioni sono state "democraticamente" imposte dal moderno-ecumenico pastore che ha ricevuto il primo "segno" divino : la mancanza di vocazioni sacerdotali.
Chissà fra i quattro citati (vescovo,priore,teologo e imam) chi ha più fede...

22 commenti:

  1. Chissà perché ma ho come l'impressione che il geniaccio in questione sia l'ordinario dell'arcidiocesi di Vercelli...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. C'è un solo vescovo di Vercelli ed è Sant'Eusebio...

      Elimina
    2. Ah si?
      Perchè dopo Sant'Eusebio la diocesi fu soppressa?
      Ora vado a guardare l'Annuario Pontificio.

      Elimina
    3. Non so se il vescovo in questione sia o meno mons. Arnolfo, ma lui non è certo estraneo a queste e simili idee neo-sincretiste. Tanto più che l'arcidiocesi di Vercelli di seminaristi ne ha davvero 2 o 3 e confina con la diocesi di Biella, che accoglie l'eresiarca Bianchi

      Elimina
  2. Chissa' fra i quattro citati , ( vescovo , priore , teologo e imam ) chi ha piu' fede .....

    forse l' Imam ed è quello di cui sono piu' convinto , gli altri ci credono veramente alla loro VERA FEDE ????

    RispondiElimina
  3. Cerchiamo di aprire i cuori allo spirito conciliare e cominciamo dai fondamentali e cioè la gerarchia canonica del Sacramento dell'Ordine:
    Sagoma
    Macchietta
    Omino Bialetti

    Ciarlatano
    Buffone
    Cialtrone

    Bergoglio è un carrierista.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'omino bialetti ha diritto ad intonare in piviale le antifone "O" con un bambino al seguito in tunicella o e' un privilegio riservato ai lettori del blog di Auge' ma solo nell'ottava della memoria obbligatoria del baccalaureato di Bugnini?

      Elimina
    2. Muoio…!!! Ahahahah

      Elimina
  4. Questa Chiesa è già morta: non fa vocazioni e non converte, sarà spazzata via.

    La nuova Chiesa fedele al magistero di sempre ed attenta alla centralità della Messa sta crescendo ed in pochi anni si imporrà.

    La Chiesa è di Gesù Cristo: non di queste tristissime persone che del Redentore non hanno alcun rispetto.

    RispondiElimina
  5. Se la nuova chiesa è quella di Mons. Negri che viaggia in prima classe e dice stupidaggini continuamente, del Cardinale Pell che spende soldi più di un magnate, e di altri personaggi simili a cui siete tanto affezionati, stiamo freschi.

    Meno male che le cose non vanno come dicono voi ma, finalmente, si comincia a fare un pò di pulizia e ad applicare sul serio il Concilio Vaticano II come fa Francesco e come non ha fatto Benedetto XVI che stava cercando di riportare indietro la chiesa di 60 anni.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anonimo delle 14:58 tutto il potere, lo strapotere, sia nell'Urbe che in ogni diocesi del mondo, a chi sta in mano? A coloro che hanno aperto le porte dell'umile chiesa cattolica al mondo ... secondo lo spirito del CVII... e hanno fatto carriera e soldi a danno della spiritualità... come mercanti in fiera...

      Elimina
    2. Gentile anonimo delle 14 e 58,

      ti ricordo che il Concilio Vaticano II è un Concilio pastorale e che non può esistere una Chiesa 2.0 da contrapporre alla Chiesa anteconciliare.

      La pulizia che tu dici se è da fare è cosa buona che avvenga ma, forse, il VdR dovrebbe anche, a volte, occuparsi della religione cattolica per ammaestrare ed ammonire

      Elimina
    3. Il problema è che ammonisce solo coloro che sono cattolici, per gli altri c'è la sua pseudo misericordia…

      Elimina
    4. Anonimo delle 14:58, il problema non è l'applicazione di un concilio, il problema E' il concilio! Quel concilio che era pastorale e non dogmatico, è stato talmente nocivo che lo stesso Paolo VI disse che: "La Chiesa si trova in un’ora di inquietudine, di autocritica, si direbbe di autodistruzione. (...) Come se la Chiesa percuotesse se stessa". Fino al grido d’allarme del 29 giugno 1972: "da qualche fessura è entrato il fumo di Satana nel tempio di Dio. C’è il dubbio, l’incertezza, la problematica, l’inquietudine, l’insoddisfazione, il confronto". Ma si limitò alla constatazione, senza prendere misure adatte a fermare questa autodistruzione. Ed ecco che ci troviamo al giorno d'oggi. Benedetto XVI voleva cercare di sistemare le cose e qualcuno lo ha costretto a dimettersi perché troppo scomodo, ed ecco Bergoglio che con il suo teatrale modo di fare traghetta la barca di Pietro in acque moooolto pericolose…
      A.

      Elimina
    5. Caro anonimo, ho studiato per anni i documenti del concilio...ti farebbe bene leggerli attentamente per scoprire quanto siano tautologici. L albero si riconosce dai frutti. Sempre.

      Elimina
  6. Veramente caro anonimo delle 14.58 andava ottimamente anche il pontificato del Grande Giovanni Paolo II di cui Benedetto è stato prosecutore. Dunque dove sta il ritorno di 60 anni? Magari fossimo ancora sotto il loro pontificato! Ben inteso: noi stiamo bene anche sotto questo pontificato effimero. ...Vanitas vanitatum!

    RispondiElimina
  7. Ebbene, si mormora di un probabile accorpamento della Diocesi di Biella con quella di Vercelli. Affinità elettive.
    Qualcuno osò sperare in un accorpamento a Novara, la diocesi piemontese più fiorente nei confronti della Messa di sempre, o a Ivrea dove il Vescovo (biellese d'adozione e formazione) è molto aperto in tal senso.
    Ma tant'è, per conservare accesa la lampada della Fede non ci resta che disertare tali incontri accogliendo l'invito di NSGC: chiuditi nella tua stanza e prega il Padre tuo che è nei cieli.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nessuno per ora toccherà i confini diocasani o addirittura la sussistenza di una diocesi (quella di Biella nel particolare).
      I giochi sono svariati e nessuma spinta galantiniana, che finirà abbastanza presto, metterà a repentaglio la saggezza dei confini diocesani attuali.
      Stai tranquillo fratello!

      Elimina
    2. La diocesi di Novara fiorisce di messe vo?! E da quando?! Amico, sei forse rimasto alla prima metà del secolo scorso?

      Elimina
    3. Mi riferisco a Vocogno e Domodossola

      Elimina
  8. Desidero segnalarVi che anche Arona e Pallanza hanno la grazia di avere la Messa V.O.
    Ad Arona, chiesa di S. Marta: il sabato alle 18.30.
    A Pallanza, chiesa di S. Giuseppe: la domenica alle 11.30

    RispondiElimina

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.