giovedì 10 dicembre 2015

La responsabilità cristiana è la missione

Mons. Luigi Negri, predica in San Pietro
"Una sola grande vocazione appartiene al popolo cristiano: comunicare la vita nuova di Cristo ad ogni uomo perché ogni uomo possa, investito di questa grazia, se vuole, corrispondere e fare anch'egli, a sua volta, esperienza di questa novità. Dunque la responsabilità cristiana è la missione, e questa è stata la grande e straordinaria, lezione della Chiesa nella sua storia bimillenaria, variegata faticosa, talora segnata da tanti limiti, ma segnata anche da tanta gloria.
La Chiesa è questa presenza inesorabile della vita di Cristo che viene offerta a tutti coloro che qualche volta non la desiderano neppure, ma dalla nostra presenza di testimoni vengono sollecitati a guardare Cristo, magari per la prima volta, in un mondo come quello in cui viviamo, così lontano dalla presenza del Signore."

Fonte: Paix liturgique

Tratto dall'omelia di Mons. Luigi Negri, Arcivescovo di Ferrara-Comacchio e Abate di Pomposa, per il popolo del Summorum Pontificum, Basilica di San Pietro, 24 ottobre 2015.

6 commenti:

  1. Ma Mons. Negri non è quello che viaggia in prima classe, che si augura la morte del Papa, etc. etc. Negli ultimi 10 anni c'è un'ampia collezione di fandonie raccontate da questo tizio, e ancora andate appresso a lui?????

    Meno male che fra un anno va in pensione e speriamo che presto Papa Francesco mandi su Ferrara un arcivescovo degno di questo nome che cancelli il prima possibile questi anni di oscurità.

    Se poi questo tizio, invece di dire fandonie dalla mattina alla sera, fosse mandato in Africa a fare qualcosa di utile per l'umanità (insieme a tutti i ciellini) sarebbe ancora meglio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma secondo lei gli Arcivescovi devono viaggiare in seconda classe? Se pagano il biglietto di prima, ben venga! Mons. Negri è ancora uno dei POCHI presuli veramente cattolici in questa Italia di populisti e pauperisti. Ricordiamoci che i vescovi hanno una dignità da difendere, nemmeno io che sono una semplice donna viaggio in treno in quello schifo che sono i vagoni di seconda classe! Che Dio benedica Mons. Negri!

      Elimina
    2. Il prossimo anno ci lascerà e tranne qualche nostalgico nessuno ne sentirà la mancanza. Ciao ciao...

      Elimina
  2. Intendi dire come a Bologna il vescovo di Sant'Egidio…? Brrrrr Ma che ci stai a fare su questo sito??? Se per te il VdR porta luce, per me porta ombra…

    RispondiElimina
  3. Il mio vescovo viaggiava in pullman e non mi pare che sia morto, anzi gode di ottima salute

    RispondiElimina
  4. Mons Negri il prossimo anno andrà in pensione dopo aver fatto per intero il suo dovere di pastore . S. Padre Pio soleva dire:dopo gli 80 (anni) ogni giorno è quello buono (per andare a trovare il Signore).Quindi bisogna sempre essere pronti ed evitare di dire eresie ,anche se si è potenti e riveriti dai nemici della Chiesa.

    RispondiElimina

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.