sabato 22 agosto 2015

La S.Messa indebolisce l’impero di Satana. 20 Santi ci parlano della Messa

Soltanto in Cielo comprenderemo quale divina meraviglia sia la Santa Messa. 
Per quanto ci si sforzi e per quanto si sia santi ed ispirati, non si può che balbettare su quest’Opera Divina che trascende gli Uomini e gli Angeli. 
Ed allora abbiamo chiesto…. a 20 santi, un parere ed un pensiero sulla Santa Messa. 
Ecco che cosa siamo in grado di farvi leggere. 
Un giorno, fu chiesto a Padre Pio da Pietrelcina: “Padre, spiegateci la Santa Messa”. 
Figli miei – rispose il Padre – come posso spiegarvela? 
La Messa è infinita, come Gesù… 
Chiedete ad un Angelo cosa sia una Messa ed egli vi risponderà, con verità: 
Capisco che è e perché si fa, ma non comprendo, però, quanto valore abbia. 
Un Angelo, mille Angeli, tutto il Cielo sa questo e così pensano”. 
Sant’Alfonso de’ Liguori arriva ad affermare: “Dio Stesso non può fare che vi sia un’azione più santa e più grande della Celebrazione di una Santa Messa”. 
San Tommaso d’Aquino, con frase luminosa, scrisse: “Tanto vale la Celebrazione della Santa Messa, quanto vale la Morte di Gesù in Croce”. 
Per questo, San Francesco d’Assisi diceva: “L’Uomo deve tremare, il Mondo deve fremere, il Cielo intero deve essere commosso, quando sull’Altare, tra le mani del Sacerdote, appare il Figlio di Dio”. 
In realtà, rinnovando il Sacrificio della Passione e Morte di Gesù, la Santa Messa è cosa tanto grande da bastare, 
Essa sola, a trattenere la Giustizia Divina.
Santa Teresa di Gesù diceva alle sue figlie: “Senza la Santa Messa che cosa sarebbe di noi? 
Tutto perirebbe quaggiù, perché soltanto Essa può fermare il braccio di Dio”. 
Senza di Essa, certamente, la Chiesa non durerebbe e il Mondo andrebbe disperatamente perduto. 
Sarebbe più facile che la Terra si reggesse senza Sole, anziché senza la Santa Messa” – affermava Padre Pio da Pietrelcina, facendo eco a San Leonardo da Porto Maurizio, che diceva: “lo credo che, se non ci fosse la Messa, a quest’ora il Mondo sarebbe già sprofondato sotto il peso delle sue iniquità. 
È la Messa il poderoso sostegno che lo regge”. 
Gli effetti salutari, poi, che ogni Sacrificio della Santa Messa produce nell’Anima di chi vi partecipa, sono ammirabili: 
-ottiene il pentimento e il perdono delle colpe; 
-diminuisce la pena temporale dovuta ai peccati; 
-indebolisce l’impero di Satana e i furori della concupiscenza; 
-rinsalda i vincoli dell’incorporazione a Cristo; 
-preserva da pericoli e disgrazie; 
-abbrevia la durata del Purgatorio; 
-procura un più alto grado di gloria in Cielo
 “Nessuna lingua umana – dice San Lorenzo Giustiniani – può enumerare i favori dei quali è sorgente il Sacrificio della Messa: 
-il peccatore si riconcilia con Dio; 
-il giusto diviene più giusto; 
-sono cancellate le colpe; -annientati i vizi; 
-alimentati le virtù e i meriti; 
-confuse le insidie diaboliche”. 
Se è vero che tutti noi abbiamo bisogno di Grazie, per questa e per l’altra vita, nulla può ottenercele da Dio come la Santa Messa.
San Filippo Neri diceva: “Con l’orazione noi domandiamo a Dio le Grazie; nella Santa Messa costringiamo Dio a darcele”. 
In particolare, nell’ora della morte, le Messe, devotamente ascoltate, formeranno la nostra più grande consolazione e speranza e una Santa Messa, ascoltata durante la vita, sarà più salutare di molte Sante Messe, ascoltate da altri per noi dopo la nostra morte. 
Assicurati – disse Gesù a Santa Gertrudeche, a chi ascolta devotamente la Santa Messa, Io manderò, negli ultimi istanti della sua vita, tanti dei miei Santi, per confortarlo e proteggerlo, quante saranno state le Messe da lui bene ascoltate”. 
Quanto è consolante ciò! 
Aveva ragione il Santo Curato d’Ars di dire: “Se conoscessimo il valore del Santo Sacrificio della Messa, quanto maggiore zelo porremmo per ascoltarla!”. 
E San Pietro G. Eymard esortava: “Sappi, o Cristiano, che la Messa è l’atto più santo della Religione: tu non potresti far niente di più glorioso a Dio, né di più vantaggioso alla tua Anima che di ascoltarla piamente e il più sovente possibile”. 
Per questo, dobbiamo stimarci fortunati, ogni qual volta che ci è offerta la possibilità di ascoltare una Santa Messa, né tirarci mai indietro di fronte a qualche sacrificio per non perderla, specialmente nei giorni di precetto (Domenica e Feste). 
Pensiamo a Santa Maria Goretti che, per andare a Messa nel giorno di Domenica, percorreva a piedi, tra andata e ritorno, 24 chilometri! 
Pensiamo a Santina Campana, che si recava a Messa con la febbre altissima. 
Pensiamo a San Massimiliano M. Kolbe, che celebrava la Santa Messa anche quando era in condizioni di salute così pietose che un confratello doveva sostenerlo, all’Altare, affinché non cadesse. 
E quante volte Padre Pio da Pietrelcina celebrò la Santa Messa, febbricitante e sanguinante? 
Nella nostra vita d’ogni giorno, dobbiamo preferire la Santa Messa ad ogni altra cosa buona, perché, come dice San Bernardo: “Si merita di più ascoltando devotamente una Santa Messa, che con il distribuire ai poveri tutte le proprie sostanze e con il girare pellegrinando su tutta la Terra”. 
E non può essere diversamente, perché nessuna cosa al Mondo può avere il valore infinito di una Santa Messa. 
Tanto più… dobbiamo preferire la Santa Messa ai divertimenti, in cui si sciupa il tempo senza nessun vantaggio per l’Anima.
San Luigi IX, re di Francia, ascoltava ogni giorno diverse Messe. 
Qualche Ministro se ne lamentò, dicendo che poteva dedicare quel tempo agli affari del Regno. 
Il Santo Re disse: “Se impiegassi doppio tempo nei divertimenti… nella caccia, nessuno avrebbe da ridire”. 
Siamo generosi e facciamo volentieri qualche sacrificio per non perdere un bene così grande! Sant’Agostino diceva ai suoi Cristiani: “Tutti i passi che uno fa per recarsi ad ascoltare la Santa Messa sono da un Angelo numerati e sarà concesso da Dio un sommo premio, in questa vita e nell’eternità”. 
E il Santo Curato d’Ars aggiunge: “Com’è felice quell’Angelo Custode che accompagna un’Anima alla Santa Messa!”. 
San Pasquale Baylon, piccolo pastorello, non poteva recarsi in Chiesa ad ascoltare tutte le Messe che avrebbe desiderato, perché doveva portare le pecore al pascolo e, allora, ogni volta che udiva la campana dare il segnale della Santa Messa, s’inginocchiava sull’erba, fra le pecorelle, davanti ad una croce di legno, fatta da lui stesso, e seguiva così, da lontano, il Sacerdote che stava offrendo il Divin Sacrificio. 
Caro Santo, vero serafino d’Amore eucaristico! 
Anche sul letto di morte egli udì la campana della Messa ed ebbe la forza di sussurrare ai confratelli: “Sono contento di unire al Sacrificio di Gesù quello della mia povera vita”. 
E morì, alla Consacrazione! 
Una mamma di otto figli, Santa Margherita, Regina di Scozia, si recava e conduceva con sé i figli a Messa tutti i giorni; con materna premura insegnava loro a considerare come tesoro il messalino, che ella volle adornare di pietre preziose. 
Ordiniamo bene le nostre cose, in modo da non farci mancare il tempo per la Santa Messa. 
Non diciamo di essere troppo impegnati in faccende, perché Gesù potrebbe ricordarci: “Marta… Marta… tu ti affanni in troppe cose, invece di pensare all’unica cosa necessaria!” (Lc. 10,41). 
Quando si vuole, veramente, il tempo per andare a Messa si trova, senza venir meno ai propri doveri. 
San Giuseppe Cottolengo raccomandava a tutti la Santa Messa quotidiana: agli insegnanti, alle infermiere, agli operai, ai medici, ai genitori… e a chi gli opponeva di non avere il tempo per andarci, rispondeva deciso: “Cattiva economia del tempo! Cattiva economia del tempo!”. 
È così! 
Se veramente pensassimo al valore infinito della Santa Messa, brameremmo parteciparvi e cercheremmo, in tutti i modi, di trovare il tempo necessario. 
San Carlo da Sezze, andando in giro per la questua, a Roma, faceva le sue soste presso qualche Chiesa, per ascoltarvi altre Messe e, proprio durante una di queste Messe in più, ebbe il dardo d’Amore al cuore al momento dell’elevazione dell’Ostia. 
San Francesco di Paola, ogni mattina, si recava in Chiesa e si tratteneva, là dentro, ad ascoltare tutte le Messe che si celebravano.
San Giovanni BerchmansSant’Alfonso Rodriguez – San Gerardo Maiella, ogni mattina, servivano più Messe che potevano e con un contegno così devoto da attirare molti fedeli in Chiesa. 
Che dire, infine, di Padre Pio da Pietrelcina
Erano tante le Messe in cui era presente, ogni giorno, partecipandovi con la recita di tanti Rosari? 
Non sbagliava davvero il Santo Curato d’Ars a dire che “la Messa è la devozione dei Santi”. 
Lo stesso bisogna dire dell’Amore dei Santi Sacerdoti alla celebrazione della Messa: non poter celebrare era per loro una sofferenza terribile. 
Quando sentirai che non posso più celebrare, tienimi per morto” – arrivò a dire ad un Confratello San Francesco Saverio Bianchi.
 
San Giovanni della Croce fece capire che lo strazio più grande, patito durante il periodo delle persecuzioni, fu quello di non poter celebrare la Messa, né ricevere la Santa Comunione per nove mesi continui.
Ostacoli o difficoltà non contavano per i Santi, quando si trattava di non perdere un bene così eccelso.
Dalla vita di Sant’Alfonso Maria de’ Liguori, sappiamo che, un giorno, in una via di Napoli, il Santo fu assalito da violenti dolori viscerali. 
Il Confratello, che l’accompagnava, lo esortò a fermarsi per prendere un calmante, ma il Santo non aveva ancora celebrato e rispose di scatto al confratello: “Caro mio, camminerei così dieci miglia, per non perdere la Santa Messa”
E non ci fu verso di fargli rompere il digiuno (a quei tempi… obbligatorio dalla mezzanotte). 
Aspettò che i dolori si calmassero un po’ e riprese, poi, il cammino fino in Chiesa.  
San Lorenzo da Brindisi, Cappuccino, trovandosi in un paese d’eretici, senza Chiesa Cattolica, fece quaranta miglia a piedi per raggiungere una Cappella, tenuta da Cattolici, in cui poter celebrare la Santa Messa.

Anche San Francesco di Sales si trovò in paese protestante e per celebrare la Santa Messa doveva recarsi, ogni mattina, prima dell’alba, in una Parrocchia Cattolica, che si trovava al di là di un grosso torrente. 
Nell’autunno piovoso, il torrente s’ingrossò più del solito e travolse il piccolo ponte su cui passava il Santo, ma San Francesco non si scoraggiò, gettò una grossa trave là dov’era il ponte e continuò a passare, ogni mattina. 
D’inverno, però, con il gelo e con la neve, c’era serio pericolo di sdrucciolare e cadere nell’acqua. 
Allora, il Santo s’ingegnò, mettendosi a cavalcioni sulla trave, strisciando carponi, andata e ritorno, pur di non restare senza la Celebrazione della Santa Messa! 
Noi non rifletteremo mai abbastanza sul Mistero ineffabile della Santa Messa, che riproduce sui nostri altari il Sacrificio del Calvario, né ameremo mai troppo questa suprema meraviglia dell’Amore Divino.
“La Santa Messa – scrive San Bonaventuraè l’Opera in cui Dio ci mette sotto gli occhi tutto l’Amore che ci ha portato; è, in un certo modo, la sintesi di tutti i benefici elargitici”.

Auguriamo a tutti di vivere, pienamente, la Santa Messa, con l’ardore degli Angeli e con l’Amore serafico dei Santi. 

Servizio di Francesco Rossi per Redazione Papaboys 

Fonte :  Papaboys
Ad Jesum per Mariam 
22 Agosto Immaculati Cordis Beatae Mariae Virginis 

~ Omnípotens sempitérne Deus, qui in Corde beátæ Maríæ Vírginis dignum Spíritus Sancti habitáculum præparásti: concéde propítius; ut eiúsdem immaculáti Cordis festivitátem devóta mente recoléntes, secúndum cor tuum vívere valeámus. 
Per Dominum nostrum Iesum Christum, Filium tuum: qui tecum vivit et regnat in unitate Spiritus Sancti Deus, per omnia saecula saeculorum. 
Amen.

3 commenti:

  1. San Giacomo di Cavriana26 agosto 2015 14:09

    Ottimo articolo, speriamo che dopo i pensieri attuali dei nostri Sacerdoti (a devastare la Basilica di sant'Andrea, Bene UNESCO) pensino anche i Fedeli di San Giacomo di Cavriana a cui ormai più di 5 anni fa hanno ingiustamente levato l'unica messa festiva.

    RispondiElimina
  2. Grazie! sacerdote cattolico

    RispondiElimina

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.