sabato 13 giugno 2015

Card. Müller: "la fedeltà alla Tradizione è fedeltà ad un Evento; ècontenuto della Sequela. Non conta il numero dei Vescovi ma la lorodottrina"





Tra gli eminenti relatori del IV convegno sul Summorum Pontificum, organizzato in questo fine settimana (13-14 giugno 2015) all'Angelicum  dall' "Amicizia Sacerdotale Summorum Pontificum" di p. Nuara o. p. e presentato da don Marino Neri, particolarmente significativo e di rilievo è stato l'intervento deI Card. Müller. 

Il Prefetto della Congregazione per la Dottrina della Fede, nel suo pur breve intervento, ha pronunciato alcuni concetti forti e espliciti, che saranno di sicuro destinati ad uscire dall'ambito del Convegno e ad avere certa eco nei prossimi giorni per il peso delle verità espresse e per l'autorevolezza dell'autore. 
Grazie al nostro inviato, che sta seguendo il Congresso di persona e che ha permesso ai lettori di MiL di seguirne in diretta le varie relazioni, vi riportiamo i passaggi più significativi, che, siamo certi, segnano un punto in difesa della Tradizione (e non solo: della Dottrina)  

Il Card. ha espressamente affermato e dichiatato che "La fedeltà  alla Tradizione è la fedeltà ad un Evento", lasciando intendere che non è solo un "modo" di far rivivere, in forme nostalgiche, riti appartenuti ad un passato fasto, ma piuttosto  è la fedele (perchè tramandata nei secoli) celebrazione autentica del Sacrificio incruento della Croce (l'evento).

Sulla Tradizione ha poi aggiunto: 

"la Tradizione è il contenuto della Sequela" a Cristo "che - ha detto il cardinale- ha voluto chiamarsi Verità'

Il Prefetto ha anche detto che "non conta il numero dei vescovi [su una certa questione] ma la qualità della loro dottrina". 

È nostra opinione ritenere che soprattutto queste ultime parole faranno discutere che potramno in qualche modo soccorrere i fedeli del Summorum Pontificum, delegittimando quei vescovi che senza motivo, ma solo per "partito preso", avversano la Tradizione e in modo specifico, ostacolano (o vietano) la celebrazione delle Messe in rito antico adducendo futile e infondate giustificazioni. 

È anche nostro avviso ipotizzare infine che tale affondo rivolto da Müller a certa parte ribelle dell'episcopato, il
cardinale lo abbia pensato anche per altri argomenti, come ad esempio sulla comunione ai risposati, sulla indissolubilità del matrimonio e sulle coppie di fatto.

Redazione MiL

1 commento:

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.