mercoledì 26 novembre 2014

S. Messe a Orvieto grazie al Vescovo e all'ICRSS

In applicazione del Motu Proprio "Summorum Pontificum", di Benedetto XVI, anche nella città di Orvieto, dopo la pausa estiva,  ha preso nuovamente  avvio la celebrazione della Santa Messa secondo il messale di San Pio V, detto anche "tridentino" o, più comunemente, "Messa in latino", con la benedizione di Sua Eccellenza il Vescovo Benedetto Tuzia.

Con paterna sollecitudine, sua Eccellenza si preso carico degli aspetti organizzativi, riguardanti la scelta del sacerdote celebrante, che ha visto la riconferma del  Rev. Can. Gilles Guitard, dell'Istituto Cristo Re e Sommo Sacerdote (ICRSS) e nella selezione della chiesa che, grazie all'ospitalità dei Servi di Maria, è ricaduta sulla bellissima chiesa di Santa Maria dei Servi, in via Belisario, proprio lungo il corso principale della città.

Le Sante Messe vi sono stabilmente celebrate la seconda e la quarta domenica di ogni mese, alle 17.30.

4 commenti:

  1. Don Gilles Guitard (con una sola "t") è un giovane sacerdote molto preparato e attivo, studioso di liturgia, di vita santa, che ben conosco essendo stato tra i miei allievi a Gricigliano. Da anni a Roma, ci vediamo poco, ormai, ma siamo comunque in contatto. Son sicuro che ad Orvieto sapranno apprezzar le sue doti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I sacerdoti dell'ICRSP sono molto bravi e molto preparati, confermo.

      Elimina
  2. In riferimento al post successivo " Le critiche al Papa dopo il Sinodo ecc.....",
    ho dovuto leggere nell'incipit " A vantaggio di chi farebbe finta di non capirlo ".
    Ma ho capito bene ?
    Buttiamola sul terreno del calcio.
    La mia squadra del cuore, l'Inter, ha un nuovo presidente.
    Per una serie di motivi non mi piace ma è il mio presidente perchè faccio parte di uno dei tanti club disseminati nel territorio nazionale.
    Essendo io responsabile di un sito che in qualche maniera è un punto di vista informativo dei club dei tifosi dell'Inter un giorno si e un altro pure scrivo male del nuovo presidente ( dopo averlo fatto - un vizietto- anche se in maniera più soft anche dell'altro ora autodimissionato).
    Anzi : mentre i club stanno a convegno a Roma vicini la residenza del presidente dell'Inter, che è stato invitato a partecipare alla riunione, cosa mi invento ? Un articolo contro il nuovo presidente della società Inter che livoroso sarebbe un eufemismo .
    Il presidente, che non solo ha lasciato invariati i nostri club ma non ha, almeno formalmente, toccato la struttura costitutiva dei club, è il nostro presidente : " A vantaggio di chi farebbe finta di non capirlo ".

    RispondiElimina
  3. Sono sostanzialmente daccordo con quello che ho trovato sopra scritto " A vantaggio di chi farebbe finta di non capirlo ".
    Mi chiedo se MiL vuole sostituire la provvidenza che ha i suoi ritmi e le sue cadenze nella storia e per questo ci ha inflitto la sciagura di questo pontificato.
    Più preghiera .

    RispondiElimina

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.