mercoledì 23 luglio 2014

Le Figaro: "Silenzio, siamo perseguitati! Il Calvario dei cristiani dell'Iraq"

"Le Figaro , il più importante giornale di Francia, uno dei più prestigiosi del mondo, ha rotto il silenzio dei media sulla persecuzione dei cristiani  in Iraq :" Perché il complotto globale di silenzio sulla persecuzione dei cristiani in Iraq? "
Le Figaro, il più antico quotidiano nazionale francese ha fatto un gesto altamente meritorio ed onorevole diventando questo Mercoledì il primo giornale, fra quelli più importanti del mondo,  ad aver collocato in prima pagina e come titolo principale la persecuzione dei cristiani stanno subendo in Iraq: "Il Calvario dei cristiani dell'Iraq"
Anche in prima pagina, l'editoriale principale di oggi è stato :  "Silenzio, siamo perseguitati!" , un'accusa terribile diretta contro i complici di questo genocidio, incominciando dai media che riescono a tenere in silenzio l'opinione pubblica  di un Occidente che è sempre incline a manifestazioni pacifiste ed umanitarie (ma non questa volta!), 
E in particolare questa dolorosa osservazione è rivolta ai Governi delle Nazioni le cui popolazioni sono in maggioranza cristiani, almeno di nome ".

Silenzio, siamo perseguitati! 
Editoriale di Étienne de Montety

Da
LE FIGARO

Lo Stato islamico ha dichiarato guerra ai cristiani di Mosul. 
Costretti a lasciare il "Califfato" o a sottoporsi alla tassa  riservata agli " Infedeli ", sicuramente destinati alla vendetta popolare  ne è prova la " N" -  " Nazareno " -  incisa sulle loro case, i discepoli di Gesù Cristo,  declassati come cittadini di  seconda classe , non avranno altra scelta ben presto che a "convertirsi" o a perire di spada ... 
L'intolleranza religiosa non è più nascosta. 
Tutto questo è sostenuto dal capo ( degli jihadisti N.d.R.)  Abu Bakr al-Baghdadi, che si fa chiamato Ibrahim. 
Con una sinistra ironia: Ibrahim è il nome arabo di Abramo, padre dei credenti, che veniva dall'Iraq, sotto il cui nome musulmani e cristiani della regione dovrebbero incontrarsi e vivere in pace. 
I cristiani dell'Iraq sono stati 1 milione prima dell'intervento americano. 
Essi al momento non sono più di 400.000 . 
Perseguitati con  ogni tipo di molestie, violenze, persecuzioni, essi sono stati costretti a prendere  la via dell'esodo. 
Uno di questi esuli, Joseph Fadelle, ha raccontato in un libro, " il prezzo da pagare" , il destino terribile riservato per molti anni ai suoi correligionari . 
Con l'installazione del "Califfato", la minaccia è ormai chiara: il cristianesimo viene considerato come  il nemico !
Certo, le principali voci hanno alzano da mesi la loro indignazione : Papa Francesco, ha suonato l'allarme e ha assicurato ai suoi fratelli la sua piena compassione. 
Il segretario generale delle Nazioni Unite, Ban Ki-Moon, ha appena condannato la persecuzione come un "crimine contro l'umanità." 
Gli Uffici Esteri sono preoccupati ed aumentano il loro tono di disapprovazione della persecuzione. 
Cosa allora ? 
L'opinione pubblica europea, così desiderosa di mobilitazioni, petizioni, manifestazioni di ogni genere ... in questo caso non ha reagito affatto !  ( Difatti i Vescovi Francesi non hanno avuto esitazioni ad aderire al cosiddetto " Digiuno climatico " - che fa tanto moda ... ma guai a parlare di " digiuno per i fratelli perseguitati per la fede cattolica " o di " digiuno per le vocazioni sacerdotali" o peggio di " digiuno per la famiglia " N.d.R.)
Silenzio, stiamo perseguitando ...  Silenzio siamo perseguitati !
Riusciremo a restare sordi per molto più tempo? 
Forse noi desideriamo spostare  un massacro che deve avvenire al di fuori della pausa estiva?  O dopo il Tour de France
Prima che le grandi folle vadano in vacanza? 
Di fronte alla processione terrificante di orrori, espulsioni, omicidi a Mosul, potremo mostrare ancora   la nostra totale indifferenza? 
Cristiani o non cristiani,  per quanto tempo ancora vogliamo rimanere sordi prima che queste terribili parole del clamoroso Vangelo in tutto il mondo: "Se loro tacciono, le pietre grideranno" !

Nessun commento:

Posta un commento

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.