mercoledì 28 agosto 2013

Gesuita della Pontificia Università Javeriana di Bogotà (Colombia) esalta il "diritto all'eutanasia"

Qui da Gloria.tv su segnalazione di un lettore, abbiamo trovato questo video. 
Un padre gesuita pro eutanasia (Colombia)
 
totus catholicus  20/08/2013 00:45:16
Il Padre gesuita Carlos Novoa (docente alla Pontifica Università Javeriana di Bogotà) in un debate nella tv colombiana (programma "Dos puntos"), dell'anno scorso (2012), ha esaltato il "diritto all'eutanasia".

Il video è stato ripreso da http://youtu.be/FPBa5yStERs
 

16 commenti:

  1. Il Gesuita è quello con la cravatta, dotato di io ipertrofico?

    Povero Sant'Ignazio!

    RispondiElimina
  2. In senso letterale, "eu-thanasia", non avrebbe torto. Qui però di tratta di omicidio/suicidio, che è altra cosa.

    RispondiElimina
  3. E' ormai una chiesa in cui ognuno, specialmente gli esponenti del clero, dice e fa quel che gli pare (tranne i Francescani dell'Immacolata e pochi altri).

    RispondiElimina
  4. Adesso lo commissariano e gli impediscono di dire la S.Messa nella Forma Extraordinaria? Si accettano scommesse ... :-)
    Latro Poenitens

    RispondiElimina
  5. Ma cosa dite?
    Io ho ascoltato il video ed il p. Carlos Novoa NON E A FAVORE DELL'EUTANASIA.
    Ma voi capite l'espagnolo???
    Lui fa - come per altro è pienamente contemplato dalla Dottrina della Chiesa - la differenza tra EUTANASIA(che è sempre suicidio e/o assassinato) e ACCANIMENTO TERAPEUTICO(cioè prolungare la vita senza qualità di vita...)
    Ma perché date notizie false???
    Pablo Ortega Fenrnandez, docente de Bioetica

    RispondiElimina
  6. Il gesuita non dice qui nulla che non aderisce strettamente alla dottrina della Chiesa su questa materia.

    Io sono spagnolo, ho visto con tutta l'attenzione il video e devo insistere sul fatto che il Padre Novoa ha difeso in tutti i suoi interventi, con più o meno successo, la posizione del Magistero sull'eutanasia.

    Qualcosa di diverso è che il Padre Novoa visto come un venditore di assicurazioni, ma questa è un'altra storia.

    RispondiElimina
  7. Concede parum,nega saepe,distingue semper,questo il motto dei gesuiti,cui mi pare si attengano scrupolosamente.....la iglesia catolica se va da gareta,no tenimos que rezar.

    RispondiElimina
  8. Certo, se fanno come voi pensate, fanno bene e secondo Dottrina.
    Se fanno diversamente, ognuno fa come vi pare!
    Sempre più patetici questi cristiano-talebani tradizionalisti!!! :-D

    RispondiElimina
  9. Mi sono preso la briga di ascoltare tutto il video.

    Il Padre Gesuita parla di accanimento terapeutico, ma resta contrario, espressamente contrario all'eutanasia "attiva".
    L'interlocutore pro-eutanasia invece, magistrato che cita Hans Küng CONTRO il Gesuita, dimostra sino alla fine la sua contrarietà agli argomenti portati in dibattito dal Padre. Delle due una: o non capiva lui, o qualcuno qui ha preso un granchio.

    Padre Novoa si muove con grande intelligenza su un terreno molto spinoso e dà prova di grande erudizione, battendosi su un piano filosofico e non confessionale per dimostrare ( rivolgendosi ad un uditorio ostile) come NON si possa disporre liberamente della propria vita, non perchè "lo dice la Chiesa" (argomento facilmente rottamabile con un :" e allora i cattolici non lo facciano, ma gli altri scelgano secondo la loro coscienza") ma perchè lo esigono la legge naturale e la ragione.

    Peccato si sia messo Padre Novoa alla gogna.. e da MiL uno si attenderebbe un profilo, una competenza maggiori..

    RispondiElimina
  10. Se servisse ad eliminare una bella fetta di gesuiti...

    RispondiElimina
  11. Ancora una volta, MIL nella sua fretta di sporcare un rappresentante della Chiesa, l'ha fatta di traverso....

    RispondiElimina
  12. Cambiate traduttore!

    RispondiElimina
  13. @ Anonimo28 agosto 2013 19:44
    Secondo me, più che eliminare una bella fetta di gesuiti, bisognerebbe eliminare una molto grande fetta di intolleranti come te!!!

    RispondiElimina
  14. sarà pure docente di bioetica,ma non mi sembra corretta la definizione di accanimento terapeutico come" prolungare la vita senza qualità della vita"Questo apre la strada all'eutanasia,come avvenuto nel caso di Eluana,dove ci si è appellati appunto a questo concetto per attuare un vero e proprio omicidio (qual è quello di sottrarre il nutrimento a chi non è in grado di procurarselo da sè).Invece l'accanimento è il sottoporre a trattamenti medici straordinari,dolorosissimi o costosissimi ,qualcuno ,per prolungare una vita in via di spegnimento comunque (e questo non era il caso di Eluana,che sarebbe tranquilamente vissuta se fosse stata nutrita-il nutrimento non è trattamento sanitario)

    RispondiElimina
  15. Anonimo28 agosto 2013 19:44
    Invece di una bella fetta di gesuiti, bisognerebbe eliminare una grande fetta di intolerranti... senza nessuna allusione personale, per carità! :-)Perché io sono cattolico e quindi tollerante! ;-)

    RispondiElimina
  16. Rilanciate notizie senza neanche ascoltare il video (e forse capire lo spagnolo). Vergogna incompetenti.

    RispondiElimina

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.