domenica 9 giugno 2013

Mons. Fellay nel XXV anniversario di consacrazione episcopale: "Resto aperto a contatti con Roma e con il nuovo Papa"

intervista a Mons. Fellay nel XXV di consacrazione episcopale.Fonte FSSPX org. m via RorateCaeli


11. Anche se Mons. Lefebvre ha sempre mantenuto la voglia di arrivare a rapporti pacifico con le autorità romane, le consacrazioni episcopali determinato una nuova fase di trattamento ostile e persecuzione della Società da parte delle autorità romane. Si è tentato negli ultimi dieci anni, almeno, di trovare una risoluzione di queste ostilità e persecuzioni in un modo che in nessun modo compromette i principi della missione della Fraternità. Finora almeno i vostri sforzi non sono riusciti a una soluzione. Perché pensa che, nonostante la tua buona volontà, gli sforzi non sono riusciti finora?
Prima di tutto, vorrei sottolineare che l'iniziativa di normalizzazione è venuto da Roma, non da noi. Non ho fatto op la prima mossa. Ho provato a vedere se la situazione era tale che avremmo potuto andare avanti, mantenendo la nostra identità. Ovviamente, non era ancora il momento.Perché? Le autorità comunque si attengono ancora ai principi pericolosi e velenosi che sono stati introdotti nella Chiesa al tempo del Concilio. Questa è la ragione per cui non siamo in grado di andare avanti.Non ho idea di quanto tempo avremo bisogno, o quante tribolazioni dovremo soffrire fino a quel momento. Forse dieci anni, forse più, forse meno. E 'nelle mani di Dio..

12. Rimarrete aperti a ricevere contatti da Roma e, in particolare, dal nuovo Santo Padre?
Certo, io rimango aperto! E 'la Chiesa di Dio. Lo Spirito Santo è ancora al di sopra e va oltre gli ostacoli messi in atto dopo il Concilio Vaticano II nella Chiesa. Se il Signore vuole che le cose vadano a posto, lo farà. Dio sa quando accadrà, ma dobbiamo essere sempre pronti. Una soluzione completa e vera può venire solo quando le autorità lavorano di nuovo in quella direzione.

13. Quali segni possiamo osseravare per determinare se verifichi una conversione alla Tradizione, o stia iniziando, tra le autorità romane?
E 'molto difficile dire dove inizierà. Abbiamo visto con Papa Benedetto che era soprattutto il grande segno della liturgia e forse altri sforzi che erano meno forti. Questi caduti di fronte a una forte opposizione. Ovviamente, non ce l'ha fatta come possiamo vediamo ora. Ma il cambiamento verrà sicuramente dai vertici.
Qualcosa che può venire dal basso, da vescovi, sacerdoti e fedeli nella Novus Ordo che vogliono tornare alla Tradizione. Credo che questa tendenza sia già iniziata, anche se non ancora molto grande. Ma non è ancora il mainstream, ma è sicuramente un segno. Profondo cambiamento deve venire dall'alto, dal papa. Potrebbe venire da più lati, ma sicuramente vorrà dire mettere Dio e Signore nostro Gesù Cristo al posto giusto nella Chiesa: al centro.

14. Ipotizzando una conversione dalla cima, a Roma, come potrebbe procedere l'opera di restaurazione di tutta la Chiesa?
E 'molto difficile da dire. Ora, se le cose non cambiano, potrebbe significare persecuzione interna e grandi lotte all'interno della Chiesa, come è accaduto al tempo di arianesimo. Se qualcosa accade, per esempio, se ci fosse una persecuzione e poi dopo, il Papa tornasse alla Tradizione, la situazione potrebbe essere completamente diversa. Dio sa che tipo di un progetto Egli seguirà per portare la Chiesa di nuovo in pista.

15. Cosa si può fare per accelerare un tale ritorno alla Tradizione?
La preghiera e il sacrificio! Ognuno deve seguire il proprio dovere di stato, incoraggiare la devozione al Cuore Immacolato di Maria, e pregare il Rosario. Per quanto riguarda il Rosario, io sono aperto a una nuova crociata.

17. Guardando indietro negli ultimi anni, c'è qualcosa che avrebbe fatto diversamente?
Oh, certo. Si è sempre più saggi dopo la battaglia. Avrei enfatizzato di più quello che ho sempre detto, anche se non pensavo che fosse necessario sottolineare: in qualsiasi tipo di accordo, ci sarebbe sempre una condizione sine qua non che non stiamo andando a compromettere. Non c'è modo. Restiamo così come siamo. Questo è ciò che rende noi cattolici, e vogliamo rimanere cattolici.
Certamente avrei fatto, e in effetti, hanno già, il miglioramento delle comunicazioni. Ero paralizzato dalle perdite. Lo farei altrimenti adesso.

18. Al di là di rapporti con Roma, quali sono le tue speranze per i prossimi 25 anni per la Fraternità e la Chiesa?

Che in questi prossimi 25 anni, vedremo il ritorno della Chiesa alla sua tradizione in modo che possiamo vedere una nuova fioritura della Chiesa.