domenica 12 giugno 2011

Utile et humile et pretiosa et casta. E fuori luogo!



Senza addentrarci nel merito dei referendum in corso, e sopra ad ogni schieramento politico, ricordando solo che l'acqua è ricca di significati divini per molte religioni, ed è il simbolo di Salvezza battesimale per il Cristianesimo, possiamo senz'altro dire che quanto si vede in questa foto è, a dir poco, ORRIPILANTE!

76 commenti:

  1. Filippo Burighel12 giugno 2011 15:54

    Io ho aderito al movimento per l'acqua pubblica. Ciò non toglie che trovi vomitevole questa scena.

    FUORI LA POLITICA DALLE NOSTRE CHIESE E DAI SACRAMENTI!!!

    RispondiElimina
  2. Scrivi qui il tuo nome...12 giugno 2011 15:58

    Anch'io ho votato si' ai 4 referendum ma questa foto e' al contempo ridicola, irritante e blasfema

    RispondiElimina
  3. Che strumentalizzazione sfacciata!

    Riguardo al referendum e qualsiasi altra votazione per me rimane ancora valido il "non expedit" di Pio IX!
    :)

    RispondiElimina
  4. ma no.....    =-O
    non è possibile...ditemi che siamo su scherzi a parte  !
    ogni giorno crediamo di aver superato il limite del cattivo gusto e della profanazione dell'altare de Santo Sacrificio, ed invece veniamo sorpresi da un pugno in faccia....qualcosa che supera in volgarità ed empietà tutto ciò che abbiamo già visto: non c'è più alcun limite alla dissacrazione della santa Messa, perchè....
    perchè  è chiaro: il maledetto    vietato vietare   inaugurato dal mitico CV2  colpisce ancora !
    :(
    ogni giorno ci viene ricordato da questa   creatività sfrenata  quel proclama d'ars poetica che recitava:
         ....è del poeta il fin la maraviglia
            chi non sa far stupir vada alla striglia .....
    e Nostro Signore si deve adeguare a queste idee mirabolanti, una più balorda dell'altra  !
    a fare da pretesto e sgabello oper i nostri proclami pubblicitari mondani, circensi e politici....
    La Messa è diventata solo un  PALCOSCENICO stabile.....,, sui cui  si può inscenare di tutto e di più !

    RispondiElimina
  5. <span>ma no.....     =-O   
    non è possibile...ditemi che siamo su scherzi a parte  ! 
    ogni giorno crediamo di aver superato il limite del cattivo gusto e della profanazione dell'altare del Santo Sacrificio, ed invece veniamo sorpresi da un pugno in faccia....qualcosa che supera in volgarità ed empietà tutto ciò che abbiamo già visto: non c'è più alcun limite alla dissacrazione della Santa Messa, perchè.... 
    perchè  è chiaro: il maledetto    vietato vietare   inaugurato dal mitico CV2  colpisce ancora ! 
    :(  
    ogni giorno ci viene ricordato da questa   creatività sfrenata  quel proclama d'ars poetica che recitava: 
         ....è del poeta il fin la maraviglia 
            chi non sa far stupir vada alla striglia ..... 
    e Nostro Signore si deve adeguare a queste idee mirabolanti, una più balorda dell'altra  ! 
    a fare da pretesto e sgabello per i nostri proclami pubblicitari, mondani, circensi e politici.... 
    La Messa è diventata solo un  PALCOSCENICO stabile.....,, sui cui  si può inscenare di tutto e di più:  una   "cattedra"   da cui più facilmente si possono rovesciare sulle  docili masse dei fedeli  "obbedienti" qualsiasi   idea o convinzione, che farà presa, indubbiamente, perchè il gregge-popolo di Dio   sa    da sempre  che bisogna    obbedire   a ciò che viene  fatto  "dall'altare" : perchè  ci si può fidare, se   "quella cosa"   è Dio che la sta dicendo,   indubbiamente,    attraverso l'altare !</span>
    .....e così hanno fatto per 46 anni,  pretendendo  OBBEDIENZA CIECA  ATUTTO CIO' che veniva fatto e detto, a tutte le EMPIETA' E ICONOCLASTIE, ai sacrilegi  di ogni sorta, quando  TUTTE LE BARRIERE del sacro, del pudore, del BELLO E DEL BUONO e del VERO sono state abbattute....
    e con questo infame plagio permanente delle coscienze -fatto DAGLI ALTARI- non sarà più possibile   discernere con la retta ragione il vero dal falso, il bene dal male: e le anime saranno sempre più oscurate e sbandate !
    Signore, soccorri la tua Chiesa .....

    RispondiElimina
  6. <span><span>ma no.....      =-O      
    non è possibile...ditemi che siamo su scherzi a parte  !   
    ogni giorno crediamo di aver superato il limite del cattivo gusto e della profanazione dell'altare del Santo Sacrificio, ed invece veniamo sorpresi da un pugno in faccia....qualcosa che supera in volgarità ed empietà tutto ciò che abbiamo già visto: non c'è più alcun limite alla dissacrazione della Santa Messa, perchè....   
    perchè  è chiaro: il maledetto    vietato vietare   inaugurato dal mitico CV2  colpisce ancora !   
    :(     
    ogni giorno ci viene ricordato da questa   creatività sfrenata  quel proclama d'ars poetica che recitava:   
         ....è del poeta il fin la maraviglia   
            chi non sa far stupir vada alla striglia .....   
    e Nostro Signore si deve adeguare a queste idee mirabolanti, una più balorda dell'altra  !   
    a fare da pretesto e sgabello per i nostri proclami pubblicitari, mondani, circensi e politici....   
    La Messa è diventata solo un  PALCOSCENICO stabile.....,, sui cui  si può inscenare di tutto e di più:  una   "cattedra"   da cui più facilmente si può rovesciare, con inaudita violenza  PERSUASIVA, sulle  docili masse dei fedeli  "obbedienti", qualsiasi   idea o convinzione, </span><span>che farà presa</span><span>, indubbiamente, sul 99% dei fedeli </span><span>"spettatori" inerti</span><span>, perchè il gregge-popolo di Dio   sa    da sempre  che bisogna    obbedire   a ciò che viene  fatto  "dall'altare" : perchè  ci si può fidare, se   "quella cosa"   è Dio che la sta dicendo,   indubbiamente,    attraverso l'altare !</span>  
    .....e così hanno fatto per 46 anni,  pretendendo  OBBEDIENZA CIECA  ATUTTO CIO' che veniva fatto e detto, a tutte le EMPIETA' E ICONOCLASTIE, ai sacrilegi  di ogni sorta, quando  TUTTE LE BARRIERE del sacro, del pudore, del BELLO E DEL BUONO e del VERO sono state abbattute....  
    e con questo infame plagio permanente delle coscienze -fatto DAGLI ALTARI- non sarà più possibile   discernere con la retta ragione il vero dal falso, il bene dal male: e le anime saranno sempre più oscurate e sbandate !  
    Signore, soccorri la tua Chiesa , per la tua Giusta Misericordia.....</span>

    RispondiElimina
  7. Paragone assurdo, ma rende l'idea:
    se io domattina vado in ufficio e stendo un lenzuolo propagandistico sulla scrivania, tempo una decina di minuti e la direzione me lo fa togliere, e probabilmente vengo pure convocato per chiarimenti se non per un rimprovero, o richiamo, orale o persino scritto.
    Ciò in quanto induco turbativa ed ostento posizioni non attinenti a quanto si svolge in quella sede.
    Idem per questo disgraziato celebrante, il quale probabilmente, nella sua povertà di spirito, penserà di aver fatto un gesto di grande valenza sociale... anzi, durante i sacri misteri, la sua attenzione sarà concentrata sulla lenzuolata, sulla profanazione dell'altare, ma sempre pro bona causa facimus...
    Poveri noi.
    Dicevo comunque che, mentre nel mio ufficio pagherei comunque le conseguenze del mio gesto, dubito seriamente che questo prelato paghi alcunché, neppure un buffetto dal suo Vescovo...

    RispondiElimina
  8. Simone da Varagine12 giugno 2011 16:43

    Ed ecco, infatti, gli ingredienti della schifosa ricetta:
    - LA non punizione di certi gesti porta alla mancanza di credibilità e di stima
    - la politicizzazione è sempe un pericolo: in chiesa diventa pericolosa e blasfema
    - l'antropocentrismo porta lontani i fedeli: sono immerso tutta il giorno nel mondo, tra uomini che pensano solo a loro stessi, vado in chiesa per respirare un po' e cercare Dio e che mi trovo? questi baluba...

    risultato:
    Post-Concilio bacato e chiese vuote... ma non lo capiscono le gerarchie? Beh... Chiosando Pansa: o sono degli inetti o sono dei concussi! non esiste terza ipotesi

    RispondiElimina
  9. Te lucis ante terminum12 giugno 2011 16:44

    Che orrore, Ma questo prete ha presente quello che avviene sull'Altare????
    Tra l'altro le parrocchie (e varie associazioni cattoliche) entrano a gamba tesa in questo referendum (che non mi pare un dogma di fede o altro) mentre sui crimini orrendi dell'aborto o sulle violenze contro i cristiani quasi sempre tacciono e il loro silenzio è assordante...Per fare un altro esempio, perché non si sente niente sugli insulti che i simpaticoni dell'europride hanno rivolto ieri al Papa e alla Chiesa??? Ma in compenso facciamo propaganda sull'acqua senza se e senza ma... E questo senza entrare nello specifico del referendum che è assolutamente opinabile (penso che voterò qualche sì, qualche no e qualche scheda bianca...)

    RispondiElimina
  10. Il comico è che 9 volte su 10 quelli che plaudono a simili pagliacciate sono gli stessi che si stracciano le vesti per la Chiesa di un tempo che officiava incoronazioni, benediceva labari ed eserciti ecc. ecc.

    RispondiElimina
  11. Quando si decideranno i fedeli a voltare le spalle a questi tristi spettacoli?

    RispondiElimina
  12. Claudio Sinclair12 giugno 2011 17:13

    BRAVISSIMO: lascia che siano gli altri a decidere tutto anche per te!!
    Complimenti vivissimi!!!!

    RispondiElimina
  13. Claudio Sinclair12 giugno 2011 17:17

    Ma quante cavole di volte voti?
    Mi spiego: "qualche" sì almeno due schede, altro "qualche" no almeno altre due e le schede bianche quali saranno mai?

    RispondiElimina
  14. Claudio Sinclair12 giugno 2011 17:18

    Orripilante? E perchè mai? In fondo anche Sua Santità si espresso in qualche modo

    RispondiElimina
  15. Claudio Sinclair12 giugno 2011 17:19

    La Chiesa ha il diritto/dovere di ammaestrare le genti

    RispondiElimina
  16. Esprimersi è certamente legittimo (benché non obbligante); piegare la Santa Messa e la Liturgia della Chiesa è irriguardoso e scorretto.

    RispondiElimina
  17. pepito sbazzeguti12 giugno 2011 17:20

    Mettere davanti all'Altare ciò che è in balìa del pubblico e non può entrare nel tempio : 10 e lode al sacerdote per la corretta applicazione del termine "profanare"! 

    RispondiElimina
  18. pepito sbazzeguti12 giugno 2011 17:28

    Quando il sacerdote darà la faccia al Tabernacolo!

    RispondiElimina
  19. Credete che anche un solo fedele abbia fatto notare al sacerdote che quello striscione non era al suo posto?
    Vedere quelle immagini, ieri, oggi, e senza dubbio anche domani, fa male, fa male vedere quei sacerdoti manipolare in  quel modo indegno e vergognoso la Santa Messa, fa male sapere che l`ignoranza è tale che i fedeli non reagiscono, non sanno più che cosa è giusto e vero e che cosa non lo è, che cosa è bene e che cosa è male, ignoranza seminata, voluta, alimentata da quei manipolatori senza scrupoli.

    RispondiElimina
  20. Esegesi trad.di Luca XIII,1-912 giugno 2011 17:54

    Io non ho ancora deciso se andrò a votare. Se per caso ci vado, e se  mi debbo  comportare secondo ciò che mi dice la mia coscienza, dovrei rendere la vita difficile agli scrutatori, poichè farei mettere a verbale che ritiro solo le schede n.2 e N. 3, alle quali voterei sì.
    Premesso ciò, è una pagliacciata.

    RispondiElimina
  21. Infatti gli "altri" che stanno in alto, storicamente hanno sempre rispettato il risultato del referendum, sbattendosene la ciolla, qualunque sia il risultato (come hanno fatto dopo il referendum sul finanziamento pubblico ai partiti o sulla responsabilità della magistratura).
    Perchè affannarsi con questo referendum? Onde per cui "nonexpedito". 8-)

    RispondiElimina
  22. Qualcuno ha bevuto vino (e molto) prima della Messa, e non durante!

    RispondiElimina
  23. A mali estremi, estremi rimedi !  :) :) :) :)
    SI! SI! SI! SI! , proprio così !

    RispondiElimina
  24. L`abominio non conosce frontiere, la dissacrazione della Santa Messa è ovunque.
    Per chi legge il francese a questo link, potrete leggere il reportage di una Messa durante la quale sono state fatte le "Professione di Fede " dei bambini. Allucinante!

    http://www.leforumcatholique.org/message.php?num=598409

    Se avete lo stomaco forte, ecco il Credo, o dovrei dire il "credo", detto da quella comunità:

    "je crois en Dieu qui est le père de tous les hommes et qui leur a confié la terre
    qui aime l'homme, tous les hommes parce que chaque personne est son enfant
    malgré son silence et son secret, nous croyons que Dieu est vivant en nous
    Dieu nous protège et laisse les portes de son royaume grandes ouvertes
    Dieu le Père nous aide dans les difficultés et les épreuves il nous fait confiance
    Refrain: Seigneur nous croyons en toi fais grandir en nous la foi!

    je crois en Jésus-christ; je crois qu'il est venu sur terre pour nous parler de Dieu
    Jésus fils de Dieu est aussi notre ami notre guide il est source de vie
    il nous donne vie avec le pain et le vin mais aussi avec ses paroles
    il a le pouvoir de guérir il nous relève
    il nous apprend à nous aimer les uns les autres et à aimer Dieu il nous apprend à pardonner
    Jésus nous montre le chemin il est notre lumière, il nous rend libre
    refrain...
    Je crois en l'Esprit-Saint qui est le souffle qui libère et met le monde en mouvement
    c'est l'Esprit de Dieu qui nous pousse à avancer à agir, à aimer , dasn la confiance et l'espérance
    comme un vent, il souffle sur nos vies il relie les hommes et les réconcilie
    il agit dans le coeur des hommes pour faire passer le message du christ
    il nous rassemble dans l'Eglise et nous fera avancer jusqu'à la fin des temps.

    Refrain...

    Sono stata anch`io testimone di un "credo" bricolé dal parroco su suggestione=ordine della sua animatrice liturgica, moooooolto ecumenica.

    RispondiElimina
  25. L`abominio della desacralizzazione della Liturgia non conosce frontiere.
    In Francia, per chi legge il francese, ecco il reportage di una Messa in cui sono state fatte le "Professioni di Fede" dei giovani.
    http://www.leforumcatholique.org/message.php?num=598409
    Ed ecco il Credo...o dovrei dire il "credo", detto da quella comunità.

    "je crois en Dieu qui est le père de tous les hommes et qui leur a confié la terre
    qui aime l'homme, tous les hommes parce que chaque personne est son enfant
    malgré son silence et son secret, nous croyons que Dieu est vivant en nous
    Dieu nous protège et laisse les portes de son royaume grandes ouvertes
    Dieu le Père nous aide dans les difficultés et les épreuves il nous fait confiance


    Refrain: Seigneur nous croyons en toi fais grandir en nous la foi!


    je crois en Jésus-christ; je crois qu'il est venu sur terre pour nous parler de Dieu
    Jésus fils de Dieu est aussi notre ami notre guide il est source de vie
    il nous donne vie avec le pain et le vin mais aussi avec ses paroles
    il a le pouvoir de guérir il nous relève
    il nous apprend à nous aimer les uns les autres et à aimer Dieu il nous apprend à pardonner
    Jésus nous montre le chemin il est notre lumière, il nous rend libre
    refrain...
    Je crois en l'Esprit-Saint qui est le souffle qui libère et met le monde en mouvement
    c'est l'Esprit de Dieu qui nous pousse à avancer à agir, à aimer , dasn la confiance et l'espérance
    comme un vent, il souffle sur nos vies il relie les hommes et les réconcilie
    il agit dans le coeur des hommes pour faire passer le message du christ
    il nous rassemble dans l'Eglise et nous fera avancer jusqu'à la fin des temps
    .
    Refrain...."

    Sono stata anch`io testimone di un credo bricolé da un parroco su suggestione della sua animatrice liturgica moooolto ecumenica.

    RispondiElimina
  26. In Svizzera: un amico di ritorno da San Gallo, Svizzera Tedesca, mi ha raccontato la Messa....per mancanza di sacerdoti ci sono i famosi raggruppamenti parrocchiali con dei "Pastoral Assistent", assistenti pastorali, laici  che fanno un pò tutto, gestiscono la parrocchia, organizzano e animano  "i servizi della Parola" e.....anche in presenza del parroco, fanno l`omelia e leggono il Vangelo! Ma tutto va bene!

    RispondiElimina
  27. Io ci sono già andato e non ho ritirato una scheda. Però non ho chiesto al parroco questa mattina ( o le mattine precedenti) di appendere all'altare bandiere a mò di paliotti ( anche perchè, chiaramente, il mio parroco i paliotti li ha tutti nascosti O:-) ).
    Sarebbe stato bello un altare con scritto " Gesù, Re dei Giudei, con il legittimo impedimento non sarebbe stato costretto ad andare da Pilato." 8-)

    RispondiElimina
  28. Cattolico Tradizionalista12 giugno 2011 19:24

    Orripilante per davvero! Ma non c'è mai limite al peggio? E poi ci si chiede perchè la Chiesa Cattolica è in crisi...

    RispondiElimina
  29. ...se fossi stato io in quella chiesa....avrei tolto quella stupidata.....ma i fedeli...la gente...?? Sono tutti diventati pecoroni???

    RispondiElimina
  30. E cosa importa se anche il Papa si è espresso a riguardo? Serve mettere un "paliotto" per fare politica così spudoratamente davanti all'altare del Signore? In chiesa si fa la politica o si rende culto a Dio?

    "<span>La Chiesa ha il diritto/dovere di ammaestrare le genti": penso ci siano modi più DIGNITOSI ed EVANGELICI per ammaestrare le genti che appendere un manifesto politico davanti agli occhi della gente che partecipa alla Messa domenicale. </span>
    <span>Il Papa, gent. Claudio, ha anche detto che Gesù non ha mai fatto politica. Io aggiungerei anche: "A buon intenditor..."</span>
    <span></span>
    <span></span>

    RispondiElimina
  31. <span>E cosa importa se anche il Papa si è espresso a riguardo? Serve mettere un "paliotto" per fare politica così spudoratamente davanti all'altare del Signore? In chiesa si fa la politica o si rende culto a Dio?

    "<span>La Chiesa ha il diritto/dovere di ammaestrare le genti": penso ci siano modi più DIGNITOSI ed EVANGELICI per ammaestrare le genti che appendere un manifesto politico davanti agli occhi della gente che partecipa alla Messa. </span>
    <span>Il Papa, gent. Claudio, ha anche detto che Gesù nella sua vita pubblica non ha mai fatto politica. Io aggiungerei anche: "A buon intenditor..."</span> </span>

    RispondiElimina
  32. Fino a quando dovremo tollerare simili profanazioni da parte di preti indegni ? Ma lo sa o finge di ignorarlo il Miracolo che va a compiersi sull'altare ? Ho paura che presto assisteremo a messe sponsorizzate (lautamente remunerate), con relativa esposizione pubblicitaria. Proprio oggi che la Liturgia ci ricorda la discesa dello Spirito santo e la nascita della Chiesa !! Preghiamo il Signore che liberi la sua Chiesa dalle vessazioni di tanti imbecilli. 

    RispondiElimina
  33. Ancora per chi legge il francese , uno stralcio del discorso tenuto da Mons. Fisichella a l’Institut Catholique d’Etudes Supérieures de la Roche-Sur-Yon,

    « La liturgie est l’action principale de l’Eglise à travers laquelle elle exprime ce qu’elle est dans le monde : médiatrice de la Révélation accomplie en Jésus-Christ. Depuis les origines, la vie de l’Eglise a été marquée par l’action liturgique. Quand la communauté annonçait  l’Evangile du salut, elle le rendait vivant et présent dans la prière liturgique, signe visible et efficace du salut. Il ne s’agissait alors plus d’une annonce faite par des hommes de bonne volonté, mais l’action que réalisait l’Esprit Saint à travers la présence du Christ au sein de la communauté des croyants. Ce ne serait pas comprendre l’Eglise que de séparer ces deux moments. L’action liturgique est pour elle comme une sève qui lui permet l’annonce, qui elle-même la ramène à la liturgie comme son complément efficace.<span> La lex credendi et la lex orandi forment un tout où il est difficile de déterminer le début de l’un et le terme de l’autre. La nouvelle évangélisation devra être en mesure de faire de la liturgie son espace vital, afin que l’annonce évangélique acquière tout son sens .</span>»

    E mons.Mgr Alain Castet, vescovo di Luçon di aggiungere, riportando quelle parole:

    "Je souhaite que les paroisses, nos institutions, les mouvements et associations de fidèles fassent de la célébration eucharistique le lieu véritable de leur ressourcement spirituel et de leurs orientations sociales et caritatives <span>en demeurant « fidèle[s]) à ce que l’Eglise a transmis de sa liturgie, de ses rites. (…) En tout cela, (le célébrant) doit en quelque sorte disparaître, s’effacer pour être transparent à l’action de Dieu, à l’action du Christ qui seul peut sanctifier.</span> »

    Le parole sono belle, i fatti seguiranno?

    RispondiElimina
  34. <span>Ancora per chi legge il francese , uno stralcio del discorso tenuto da Mons. Fisichella a l’Institut Catholique d’Etudes Supérieures de la Roche-Sur-Yon,  
     
    « La liturgie est l’action principale de l’Eglise à travers laquelle elle exprime ce qu’elle est dans le monde : médiatrice de la Révélation accomplie en Jésus-Christ. Depuis les origines, la vie de l’Eglise a été marquée par l’action liturgique. Quand la communauté annonçait  l’Evangile du salut, elle le rendait vivant et présent dans la prière liturgique, signe visible et efficace du salut. Il ne s’agissait alors plus d’une annonce faite par des hommes de bonne volonté, mais l’action que réalisait l’Esprit Saint à travers la présence du Christ au sein de la communauté des croyants. Ce ne serait pas comprendre l’Eglise que de séparer ces deux moments. L’action liturgique est pour elle comme une sève qui lui permet l’annonce, qui elle-même la ramène à la liturgie comme son complément efficace.<span> La lex credendi et la lex orandi forment un tout où il est difficile de déterminer le début de l’un et le terme de l’autre. La nouvelle évangélisation devra être en mesure de faire de la liturgie son espace vital, afin que l’annonce évangélique acquière tout son sens .</span>»  
     
    E mons.Mgr Alain Castet, vescovo di Luçon di aggiungere, riportando quelle parole:  
     
    "Je souhaite que les paroisses, nos institutions, les mouvements et associations de fidèles fassent de la célébration eucharistique le lieu véritable de leur ressourcement spirituel et de leurs orientations sociales et caritatives <span>en demeurant « fidèle[s]) à ce que l’Eglise a transmis de sa liturgie, de ses rites. (…) En tout cela, (le célébrant) doit en quelque sorte disparaître, s’effacer pour être transparent à l’action de Dieu, à l’action du Christ qui seul peut sanctifier.</span> »  
     
    Le parole sono belle, i fatti seguiranno?  
     
     
    </span>

    RispondiElimina
  35. Mi piacerebbe sapere dove è presa la foto.
    Cmq dietro il tavolinetto si vedono 3 vecchi arnesi che erano gggiovani durante gli anni del mitico CVII....
    Quando li manderanno in pensione?

    RispondiElimina
  36. Andrea Carradori12 giugno 2011 20:49

    Domani sera potrò scrivere di più.
    Ora posto solo questa FOTO.

    RispondiElimina
  37. Tutto ciò è frutto del Concilio Vaticano  II, che ha omologato il fai da te. Poveri preti come sono caduti in basso ed i fedeli come avranno fatto a concentrarsi su ciò che avveniva sull'altare? Fortuna volle, che per me , questa mattina ho potuto assistere ad una Messa Alta nella mia Città, dove tutti hanno potuto cantare il VENI CREATOR all'inizio e dopo l'EPISTOLA la Sequenza, che gioia! Allez cordialmente.

    RispondiElimina
  38. Io ho votato, ho votato quattro sì, contro queste leggi; comunque secondo i ''presbiteri'' attuali l'altare è Simbolo di Cristo, su di esso non andrebbero neanche le candele, sic, eppure essi non si fanno scrupolo di utilizzarlo a mò di appoggio pubblicitario. La Croce con i candelieri no, il manifesto sì?????????

    RispondiElimina
  39. Alla REDAZIONE: chiedo di conoscere il nome della la chiesa e, soprattutto, del prete cretino che ha avuto il coraggio di celebrare in tale orribile modo

    RispondiElimina
  40. Ho votato Si , ma questo scempio liturgico deve finire. E' ora che i vescovi si diano una mossa....a meno che avallano anche questo. Dopo le bandiere arcobaleno, e la marcia perugia Assisi con tanto di preti ultra comunisti  con le loro bandier arcobaleno sugli altari è arrivqato il prete pro referendum e anti berlusconi. Basta........................................................................................................................
    E Benedetto assiste  dolorosamente ................................................................................. Santità , davanti a questi preti non proponga ma obblighi....ha il potere di farlo-

    RispondiElimina
  41. e se fosse un falso fotomontaggio? Perchè ci sono dei particolari nelle ombre quasi ritoccate .Allez cordialmente.

    RispondiElimina
  42. «Mai, nei nostri giudizi, dobbiamo confondere il peccato, che è inaccettabile, e il peccatore del quale non possiamo giudicare lo stato di coscienza e che, in ogni caso, è sempre suscettibile di conversione e di perdono» (Benedetto XVI)

    RispondiElimina
  43. sinclair è ridicolo cercare di giustificare l'ingiustificabile, perdi credibilità (semmai ne avessi)

    RispondiElimina
  44. Per piacere, sinclair!!!!

    RispondiElimina
  45. Malheuresement, anche in Italia, anche nella mia città, oso dire nella parrocchia nel cui territorio abito, continuano a 'celebrare' preti diciamo creativi che, in barba ad ogni logica e ad ogni norma, ogni domenica 'offrono' una 'creativa' dichiarazione di fede spacciata, nella s. Messa, come Credo!

    La liturgia, qualunque azione liturgica, non è 'cosa nostra' cari e venerati fratelli nel sacerdozio! è innanzi tutto azione di Cristo e della Chiesa ed è sottratta, proprio per questo, alla nostra soggettiva disponibilità! Detto in altre parole non noi salviamo il mondo, ma Cristo. PER FORTUNA!

    RispondiElimina
  46. Cominciamo a dire e a ripetere, sacerdoti e laici, in ogni occasione ciò che viene riportato di Fisichella e di Castet. Infatti non dimentichiamo che molti pensano sia necessario 'violentare' la liturgia per poter 'andare incontro alla gente'! Forse è bene che sappiano che non può essere così!
    e che non è così nei fatti. A PRESCINDERE CHE LE CHIESE SIANO PIENE O VUOTE!

    RispondiElimina
  47. vabbé siamo tutti concordi che è una pagliacciata, ma adesso non è che dobbiamo fare delle simili scene madri... insomma...

    RispondiElimina
  48. bene, io spero sia di non vedere più queste pagliacciate sia di non vedere preti che benedicono labari né officiano incoronazioni

    RispondiElimina
  49. sofferente ignoto12 giugno 2011 23:44

    La foto è tratta da Lavoceviola.net. Si riferisce al raduno regionale delle Comunità di Vita Cristiana della Campania. Dovrebbe trattarsi, quindi, di ambito....gesuitico.

    RispondiElimina
  50. f. Marie des Anges13 giugno 2011 02:13

    Ma se il parroco avesse indossato la berretta o posto un crocifisso al centro dell'altare, sai che richiami dal vescovo!

    RispondiElimina
  51. f. Marie des Anges13 giugno 2011 02:14

    vivi in Paradiso? :)

    RispondiElimina
  52. Filippo Burighel13 giugno 2011 03:18

    Beh, non vorrei dire, ma anche Nostro Signore è stato condannato per referendum popolare. Una certa diffidenza è una precauzione cristiana. :-)

    RispondiElimina
  53. Per fortuna non ho visto questo manifesto prima di votare: se leggevo che Zanotelli è a favore ( o peggio lo vedevo con quei suoi strani vestiti simil-african-contestatori :'( ) quasi quasi dicevo votavo no ai due sull'acqua. Così, certe persone mi rivoltano lo stomaco e mi fanno perdere la piena volontà.
    Questo sacerdote è il modello più puro di cosa sia un teocrazia moderna: se tutti i preti fossero come lui le chiese sarebbero sedi di partito, i parroci sarebbero sindaci, i vescovi presidenti di provincia, e i segretari delle conferenze episcopali sarebbero dei capi di stato ( per diritto divino :'( ).
    Una teocrazia, angosciante al solo pensarci.

    RispondiElimina
  54. ITER PARA TUTUM13 giugno 2011 08:24

    Madov'è questa chiesa e chi è questo parroco?
    Mi piacerebbe fargli sapere ciò che evidentemente non sa: che a privatizzare l'acqua non è stato Berlusconi, ma la sciagurata Legge Galli del Governo Amato DI CENTRO SINISTRA, della quale nessuno chiede l'abrogazione.
    Ricordo anche che in occasione del primo referendum, quello sul divorzio, su ordine del Parroco di allora avevo esposto all'ingresso e nella navata alcuni manifestini che invitavano a votare SI per annullare la legge-divorzio (allora non era ben chiaro che se non si voleva il divorzio occorreva votare SI). Meno di due ore dopo arrivò in pompa magna il Segretario del Vescovo ad ordinarne la rimozione perchè avevamo infranto non so quali norme!!!
    (ora nella stessa Diocesi c'è un Vescovo davvero eccezionale, discepolo dei Cardinali Siri e Bagnasco, ma che non ha vita facile proprio per via della scelleratezza del clero di cui dispone, e non certo per colpa sua...)

    RispondiElimina
  55. Questi scempi non sono cominciati 6 anni fa, è da decenni che durano, forse, dico forse, da voi in Italia sono arrivati più tardi, dunque Papa Benedetto sa, conosce lo scempio dottrinal-liturgico, sa che la Redemptionis Sacramentum è restata lettera morta, sa che la sua Sacramentum Caritatis, se è stata letta, è stata messa in un tiretto chiuso a chiave o è direttamente finita in un cestino, eppure sceglie di non intervenire in modo coercitivo, direttivo, prendendo provvedimenti contro i colpevoli, ma c`è chi dice che non può far altrimenti per timore di rivolte se non scismi....come se di scismi larvati non ce ne fossero già, il Papa  sembra aver scelto di continuare ad esortare, a predicare (liturgicamente) con il suo esempio.
    Anche la sua "riforma della riforma" sembra essere soffocata, chi vuole annegarla, soffocarla, seppellirla sembra stia riuscendo nei suo intenti e chi dovrebbe aiutare il Papa  per concretizzarla, il card. Canizarès afferma perfino che non è bene usare quelle parole(!).....
    Temo dunque che i bricoleurs liturgici, i profanatori liturgici, possano dormire tranquilli, hanno ancora dei bei giorni davanti a loro.

    RispondiElimina
  56. Campania? allora sono vicino.
    Maditeci dov'è scazttata.... suvvia!

    RispondiElimina
  57. Dopo aver visto quanto fanno in Campania i Gesuiti (per la verità anche altrove!) non mi stupisco più di niente... però che pena!

    RispondiElimina
  58. E' l'idea della Messa oggi più diffusa: un'assemblea tipo consiglio comunale dove il prete è il presidente e dove si discute del tema del giorno. Ah: se la Messa della foto si fosse tenuta ieri (ma visto il colore dei paramenti direi per fortuna di no) sarebbe stata pure violazione della legge elettorale...

    RispondiElimina
  59. Te lucis ante terminum13 giugno 2011 11:06

    Claudio Sincl, tranquillo ho votato quattro volte e basta!!! Ho solo voluto dire che questi referendum non hanno nessuna valenza religiosa che uno può votare come gli pare e che il manifesto sull'altare è un profanazione bella e buona....non stia a cavillare :)

    RispondiElimina
  60.  I gesuiti di Napoli per l’Acqua Pubblica

    "La Comunità di Vita Cristiana (CVX Campania) si schiera a favore e a sostegno dei referendum sull’acqua.
La foto si riferisce alla celebrazione eucaristica della Giornata di fraternità svoltasi ieri all’Eremo dei Camaldoli di Napoli. un esempio che la chiesa di Procida dovrebbe seguire in modo deciso in difesa dei beni comuni degli ultimi e dell’acqua che è MADRE…C’è ancora tempo."

    http://procida.blogolandia.it/2011/06/09/i-gesuiti-di-napoli-per-lacqua-pubblica

    RispondiElimina
  61. <span> I gesuiti di Napoli per l’Acqua Pubblica  
     
    "La Comunità di Vita Cristiana (CVX Campania) si schiera a favore e a sostegno dei referendum sull’acqua. 
    La foto si riferisce alla celebrazione eucaristica della Giornata di fraternità svoltasi ieri all’Eremo dei Camaldoli di Napoli. un esempio che la chiesa di Procida dovrebbe seguire in modo deciso in difesa dei beni comuni degli ultimi e dell’acqua che è MADRE…C’è ancora tempo."  
     
    http://procida.blogolandia.it/2011/06/09/i-gesuiti-di-napoli-per-lacqua-pubblica</span>

    RispondiElimina
  62. Straccioni. Cialtroni. Mentecatti. Ignoranti. Sciatti. Ridicoli. Pietosi.

    RispondiElimina
  63. così il concilioV2, in nome dell'immensa simpatia per il mondo moderno, e del dichiarato culto dell'uomo, ha trasformato i sacerdoti e le celebrazioni, politicizzando la Chiesa, facendo fiorire in essa la "vocazione" alla politica, facendo dell'altare una tribuna politica, e manifestando nelle Messe e nei celebranti quelle 7 evidenti qualità enumerate da Baronio, in una gara di dilettanti allo sbaraglio, pronti a escogitarne cento e una, "chi più ne ha più ne metta", in un tripudio di invenzioni follemente dissacratorie, che dovranno giungere al parossismo antropolatrico, quando nel tempio di di Dio siederà l'anticristo.
    Questi ne sono i prodromi e le spudorate prove tecniche, che si vanno moltiplicando da anni, incontrastati (....ad onta dei numerosi germogli di rinascimento sacro, o annunzi della primavera intravista, ancora  lontana....)

    RispondiElimina
  64. <span>così il concilioV2, in nome dell'immensa simpatia per il mondo moderno, e del dichiarato culto dell'uomo, ha trasformato i sacerdoti e le celebrazioni, mondanizzando e politicizzando la Chiesa, facendo fiorire in essa la "vocazione" alla politica e allo show, facendo dell'altare una tribuna politica e un palcoscenico, e manifestando nelle Messe e nei celebranti quelle 7 evidenti qualità enumerate da Baronio, in una gara di dilettanti allo sbaraglio, pronti a escogitarne cento e una, "chi più ne ha più ne metta", in un tripudio di invenzioni follemente dissacratorie, che dovranno giungere al parossismo antropolatrico, quando nel tempio di di Dio siederà l'anticristo.  
    Questi ne sono i prodromi e le spudorate prove tecniche, che si vanno moltiplicando da anni, incontrastati (....ad onta dei numerosi germogli di rinascimento sacro, o annunzi della primavera intravista, ancora  lontana....)</span>

    RispondiElimina
  65. Claudio Sinclair13 giugno 2011 16:47

    <span>Tranquillo: io non ho alcuna credibilità</span>

    RispondiElimina
  66. Eremo di Camaldoli, Gesuiti, comunità di vita cristiana, dunque cristiani "impegnati"....sopra menzionavo l`ignoranza crassa che è stata volutamente seminata e alimentata dagli ideologi spiritodelconciliodipendenti, ma normalmente le persone su quella foto qualche nozione di che "cosa" sia la Santa Messa, di che "cosa" si svolge su quell`altare, che "cosa " sia quell`altare, dovrebbero averla...o no?

    RispondiElimina
  67. <span>Eremo di Camaldoli, Gesuiti, comunità di vita cristiana, dunque cristiani "impegnati"....sopra menzionavo l`ignoranza crassa che è stata volutamente seminata e alimentata dagli ideologi spiritodelconciliodipendenti, ma normalmente le persone su quella foto qualche nozione di che "cosa" È la Santa Messa, di che "cosa" si svolge su quell`altare, che "cosa " È quell`altare, dovrebbero averla...o no?</span>

    RispondiElimina
  68. Meglio un prete che mette un manifesto sull'altare o uno che abusa di un bambino poi si fa un pippotto di coca e poi dice messa?
    O di uno che magari dice a un ragazzo sai mi sento un po solo....però pago bene.... Come ci raccontava l'Ansa qualche giorno fa

    SAVONA. Il vescovo di Savona, monsignor Vittorio Lupi, ha inviato una lettera ai parrocchiani di San Pietro in Noli e sant'Ignazio in Tosse, nel savonese, per comunicare le avvenute dimissioni del parroco ed ex economo della diocesi don Carlo Rebagliati, il sacerdote che si dimise dall'incarico in diocesi perche' sosteneva di aver ''intuito l'esistenza di troppi casi di pedofilia'' nella chiesa savonese, accusato di induzione alla prostituzione. Don Rebagliati e' accusato di aver avuto rapporti sessuali in cambio di favori con un maggiorenne che frequentava la sua parrocchia che lo ha poi denunciato. Per il sacerdote l'accusa e' di induzione alla prostituzione. (ANSA).

    RispondiElimina
  69. <span>
    <p><span>Meglio un prete che ....o che....o che....</span>
    </p><p>ma che senso ha fare certi  paragoni  ? come si può scegliere  tra corruzione e corruzione ?
    </p><p>caro Valdo, si ricordi la sequenza, sempre valida, sia in senso ascendente che discendente:
    </p><p> 
    </p><p>     lex orandi   -->   lex credendi    -->  lex vivendi
    </p><p>Oggi essa si verifica ancora, mostrando e spiegando il degrado estremo dei costumi, seguito al crollo della Fede e del senso del Sacro.
    </p><p>Una volta corrotta la Liturgia, decade la Fede e con essa fatalmente la morale, sia tra il clero che tra i fedeli. Lei non se n'è accorto, dopo 42 anni ?
    </p></span>

    RispondiElimina
  70. <span>

    <span>Meglio un prete che ....o che....o che....</span>
    ma che senso ha fare certi  paragoni  ? come si può scegliere  tra corruzione e corruzione ? (o approvare il presunto "male minore", come fosse inevitabile ? )
    caro Valdo, si ricordi la sequenza, sempre valida, sia in senso ascendente che discendente:
            lex orandi   -->   lex credendi    -->  lex vivendi  
    Oggi essa si verifica ancora, mostrando e spiegando il degrado estremo dei costumi, seguito al crollo della Fede e del senso del Sacro.  Una volta corrotta la Liturgia, decade la Fede e con essa fatalmente la morale, sia tra il clero che tra i fedeli. Lei non se n'è accorto, dopo 42 anni ? 
    </span>

    RispondiElimina
  71. Non ho sentito nessun sacerdote consigliare i propri parrocchiani a votare sindaci che avessero a cuore (almeno in parte) i Principi non Negoziabili e ora mi tocca vedere un simile cartellone appeso all´altare

    RispondiElimina
  72. o vuole che glielo dica con la celebre frase di<span><span> Dostoevskij ?</span></span>
     "Se Dio non c'è, tutto è permesso".
    Quanto più il vero Dio viene scacciato dal nostro orizzonte, e Nostro Signore calpestato, oscurato, emarginato -decentrato e sovrastato dall'UMANO- nella massima e Somma PREGHIERA che esista sulla terra, più gli uomini diventano peggio delle bestie.
    Non c'è più santità, nè desiderio di santità tra gli uomini, da quando la Divina Liturgia istituita da Nostro Signore è stata manipolata, stravolta e in mille modi profanata, con la scusa di essere più "umanizzata" e "comprensibile".

    RispondiElimina
  73. <span>o vuole che glielo dica con la celebre frase di<span><span> Dostoevskij ?</span></span>  
     "Se Dio non c'è, tutto è permesso".  
    Quanto più il vero Dio viene scacciato dal nostro orizzonte, e Nostro Signore calpestato, oscurato, emarginato -decentrato e sovrastato dall'UMANO- nella massima e Somma PREGHIERA che esista sulla terra, più gli uomini diventano peggio delle bestie.  
    Non c'è più santità, nè desiderio di santità tra gli uomini, da quando la Divina Liturgia istituita da Nostro Signore è stata manipolata, stravolta e in mille modi profanata, con la scusa di essere più "umanizzata" e "comprensibile" agli uomini moderni.  </span>

    RispondiElimina
  74. SI SI SI SI :-D :-D :-D :-D

    RispondiElimina
  75. Al di là di ogni idea riguardo il referendum un sacerdote che celebra su una cosa del genere è almeno un ignorante! e vista l'età, che dire, ci vuole pazienza, ci penserà il naturale corso degli anni a fare pulizia nella Chiesa.

    RispondiElimina

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.