domenica 19 giugno 2011

Sancta Trinitas.


IN NOMINE PATRIS ET FILII ET SPIRITUS SANCTI


GLORIA PATRI, ET FILIO ET SPIRITUI SANCTO
SICUT ERAT IN PRINCIPIO ET NUNC ET SEMPER, ET IN SAECULA SAECULORUM


AMEN



Oratio (della Festa della SS.ma Trinità): "O Dio onnipotente ed eterno, che mediante la professione della vera fede concedi ai tuoi servi di conoscere la gloria dell'Eterna Trinità e di adorare l'Unita nella potenza della sua maestà: fa' che siamo protetti contro le avversità dalla fermezza della stessa fede."

Come ci insegna il Catechismo, i misteri principali della nostra santa fede sono due. L'Unità e Trinità di Dio; l'Incarnazione, Passione, Morte e Resurrezione di Nostro Signore Gesù Cristo.

Unità di Dio significa che c'è un solo Dio solo, perfettissimo, increato, indipendente, purissimo, semplicissimo, eterno, immenso, onniscente e sapientissimo, onnipotente, misericordioso, giusto, santo, verace, fedele e provvidente. Trinità di Dio significa che in Dio sono tre Persone perfettamente uguali, e realmente distinte: Padre, Figlio e Spirito Santo. Tre Persone realmente distinte significa che in Dio una Persona non è l'altra pur essendo tutte e tre uno stesso Dio e un solo Dio ed aventi in comune ogni perfezione ed ogni operazione ad extra.

Questo immenso e ineffabile mistero, dogma e fondamento della Teologia cristiana, è mirabilmente condensato nelle parole del Prefatio della Ss.ma Trinità:
"È veramente degno e giusto, conveniente e salutare, che noi, sempre e in ogni luogo, Ti rendiamo grazie, o Signore Santo, Padre Onnipotente, Eterno Iddio: che col Figlio Tuo unigénito e con lo Spirito Santo, sei un Dio solo ed un solo Signore, non nella singolarità di una sola persona, ma nella Trinità di una sola sostanza.
Cosí che quanto per tua rivelazione crediamo della Tua gloria, il medesimo sentiamo, senza distinzione, e di tuo Figlio e dello Spirito Santo.
Affinché nella professione della vera e sempiterna Divinità, si adori: e la proprietà nelle persone e l’unità nell’essenza e l’uguaglianza nella maestà.
La quale lodano gli Angeli e gli Arcangeli, i Cherubini e i Serafini, che non cessano ogni giorno di acclamare, dicendo ad una voce"


Col segno di Croce, identificativo di ogni Cristiano, esprimiamo, con le parole, l'Unità e la Trinità di Dio, e con la figura della Croce segnata sul nostro corpo, ricordiamo la Passione Morte e Resurrezione di Gesù Cristo.

litanie sulla Santissima Trinità: qui

6 commenti:

  1. Perchè Dio è rappresentato con un'aureola trinagolare?

    RispondiElimina
  2. <span>La Chiesa, benché formata da persone diverse per lingua, cultura e riti, professa con voce unanime l'unica fede ricevuta da un solo Signore e trasmessa dall'unica Tradizione Apostolica. Professa un solo Dio - Padre, Figlio e Spirito Santo - e addita una sola via di salvezza.</span>
    <span></span>

    RispondiElimina
  3. @GL
    Nel corso dell'altomedioevo – mentre fervevano i dibattiti attorno al dogma trinitario – le rappresentazioni della Trinità furono poco frequenti ed assunsero per lo più forme astratte, incentrate spesso su figure geometriche.
    Un esempio è dato dai tre cerchi concentrici crocisegnati che troviamo nel mosaico del  V-Vi sec. presente ancor oggi nel Battistero di Albenga.
    Molteplici sono i simboli astratti che furono adottati nel tempo per rappresentare la Trinità (il triangolo equilatero, tre cerchi intrecciati, ecc...). Negli antichi documenti che le contenevano, tali figure assumevano (come ad esempio il sigillo composto da "tre anelli borromeiani" contenuto in un manoscritto del XIII sec.) il ruolo di emblemi pensati per evocare profonde ed enigmatiche verità.

    RispondiElimina
  4. e perchè l'aureola triangolare ce l'ha solo Dio?

    RispondiElimina
  5. ma chi è Dio? caro Ospite?

    RispondiElimina

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.