mercoledì 29 giugno 2011

Ordinazioni dell'Istituto di Cristo Re Sommo Sacerdote



Tra pochi giorni, e come di tradizione da ormai 21 anni, si svolgeranno le ordinazioni dell’Istituto di Cristo Re Sommo Sacerdote in conclusione dell’anno accademico, a Gricigliano, nella cappella del Seminario, dedicata all’Immacolata Concezione (Villa Martelli – Via di Gricigliano, 52 – Sieci), oppure a Firenze, nella chiesa dei Santi Michele e Gaetano (Piazza Antinori – Firenze).
4 luglioFirenze, Chiesa dei Ss. Michele e Gaetano, ore 16: S. Messa solenne per la vestizione dei seminaristi dell’anno di spiritualità.
5 luglioGricigliano: S. Messa letta per le tonsure e gli Ordini minori.
6 luglio - Firenze, Chiesa dei Ss. Michele e Gaetano, ore 9,30: S. Messa pontificale celebrata da S. Ecc. Rev.ma Mons. Athanasius Schneider, O.R.C., Vescovo Ausiliare di Astana, per l’ordinazione di 9 suddiaconi.
7 luglio:
- Firenze, Chiesa dei Ss. Michele e Gaetano, ore 9.30: S. Messa pontificale celebrata da S. Em. Rev.ma il Sig. Cardinale Raymond Leo BURKE, Prefetto del Supremo Tribunale della Segnatura Apostolica, per l’ordinazione sacerdotale di don Federico Pozza (Italiano), don Bertrand Bergerot (Francese), don Brieuc de La Brosse (Francese) e don Matthieu Thermed (Francese).
- Gricigliano, ore 18.00: Vespri pontificali e Te Deum di ringraziamento per la chiusura dell’anno scolastico del seminario, presieduti da S. Ecc. Rev.ma Mons. Giuseppe BETORI, Arcivescovo di Firenze, alla presenza di S. Em. Rev.ma il Card. BURKE.
Fonte: Istituto di Cristo Re Sommo Sacerdote

16 commenti:

  1. Gaudeat Mater Ecclesia!!! Gloria e onore imperituri all'istituto e al cardinale-Dio lo salvi-, e possano presto esserci prelati provenienti da tale casa!!! (ps: per curiosità, come mai non portano la tonsura?)

    RispondiElimina
  2. Il termine tonsura allude sia al particolare taglio di capelli (chierica) che contraddistingueva i chierici e i religiosi dai laici, sia al rito che segnava l'ingresso nello stato clericale e che prevedeva appunto il taglio di alcune ciocche di capelli. Che il rito abbia avuto origine come imposizione pubblica e solenne del segno, ossia della chierica, è evidente. E di fatto, fino all'epoca moderna, tutti i chierici e i religiosi portavano la tonsura, anche se di forma e di grandezza diversa a seconda dell'ordine o del grado. Questa unanimità fu rotta dal ristabilimento del clero cattolico in alcuni Paesi protestanti, dove le condizioni socio-cultuali suggerirono alla Chiesa di derogare ad alcune norme secondarie circa la tenuta degli ecclesiastici, come l'uso in pubblico della veste talare (sostituita dal clergyman) e, appunto, la chierica. La tonsura venne tuttavia mantenuta come rito di ingresso nello stato clericale, anche se non corrispondeva più ad un reale modo di tagliarsi i capelli. Del resto, anche prima di allora, i membri di taluni Ordini, pur avendo già la chierica in quanto religiosi, dovevano comunque sottoporsi al rito della tonsura, come stabilito dal Pontificale Romano, nel caso in cui accedessero agli Ordini sacri. Dopo le riforme successive al Concilio Vaticano II, la tonsura come segno è stata abbandonata quasi dappertutto, purtroppo anche dagli Istituti tradizionali, i quali hanno preferito almeno per il momento, concentrarsi sul recupero di aspetti più importanti e più urgenti della Tradizione. Ovviamente, la si è mantenuta come rito, che, se non segna più ufficialmente l'ingresso nello stato clericale (Paolo VI stabilì che ciò avvenisse con l'ordinazione diaconale), costituisce pur sempre una sorta di "ammissione agli ordini". Credo però che, se la situazione resta stabile, si dovrà prima o poi tornare anche sull'importanza del segno, spazzato via e relegato nell'oblio dalla smania di innovazione.

    RispondiElimina
  3. DEO GRATIAS!

    p.s.: le celebrazioni sono aperte a tutti? Anche quelle in Gricigliano?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Certo! I Canonici ed i Seminaristi di Gricigliano sono felici di accogliere i fedeli, così come le Suore Adoratrici del Cuore Regale (ramo femminile dell'ICRSS). Diffondiamo la vera dottrina cattolica!

      Elimina
  4. Anch'io penso che sia opportuno che prima o poi acceda all'ordine episcopale anche qualche sacerdote proveniente da istituti o congragazioni religiose che fanno "l'esperienza della tradizione". Forse i tempi non sono ancora maturi ma, sulla base della rigogliosa crescita dei suoi membri, ritengo che non mancheranno molti anni a che sia tratto qualche vescovo dai Francescani dell'Immacolata.

    RispondiElimina
  5. Sicuramente saranno Vescovi migliori di certi attuali.... vabbe' non e' che ci vuole molto...

    RispondiElimina
  6. Per essere migliori degli attuali, basto io, che sono una capra!

    RispondiElimina
  7. Ecco questa è invece uno di quegli elementi che una liturgia tradizionale che voglia essere viva e non un fossile ambulante potrebbe tranquillamente accantonare. Diverso il caso della veste.

    RispondiElimina
  8. sono un ospite che conosce da diversi anni l'istitituto, e posso dirvi che sono molto gentili ed accoglienti verso coloro che vogliono venire a vedere le loro funzioni, soprattutto le ordinazioni di fine anno.
    Qundi tali ordinazioni sono aperte a tutti coloro che vogliono venire, sia a Firenze presso la Chiesa di S. Gaetano, che presso Gricigliano, per il quale non ci sono restrizioni da parte dei superiori. La scelta di ordinare i sacerdoti a Firenze invece che a Gricigliano, è dettata soprattutto dallo spazio che offre la chiesa di Firenze rispetto alla cappella della casa di formazione, la quale anche se grande non è i grado di offrire sufficienti posti per gli ospiti, ma che cerca giustamente di privileggiare i parenti e gli amici degli ordinandi. Perciò chi vuole e desidera andare vada con tranquillità, poichè non vi sono nessune restrizioni da parte dei superiori i  quali anzi sono molto favorevoli a far conoscere tale realtà.

    RispondiElimina
  9. Perbacco ma c'è anche un italiano tra gli ordinandi! I miei migliori auguri di felice ministero a tutti i prossimi novelli sacerdoti ma in particolare a Don Federico Pozza: la nostra Patria ha fame di veri sacerdoti italiani come Iddio comanda in apostolato nella nostra beneamata nazione...preghiamo che sia l'inizio di una lunga serie di vocazioni italiane per l'Istituto di Cristo Re, la Fraternità San Pietro e l'Istituto Buon Pastore...Ad multos annos!!!

    RispondiElimina
  10. Anch'io sono d'accordo!

    RispondiElimina

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.