venerdì 12 novembre 2010

Il Concilio Vaticano II come la Gerusalemme celeste















Gerusalemme celeste, o Torre di Babele?


A proposito di trionfalismo conciliare, tanto più stupefacente quanto più si palesano, col passare del tempo, gli effetti deleteri dell'applicazione di quell'assise, abbiamo scovato (grazie alla segnalazione di Paul) una vera chicca. Che riesce a battere perfino le iperboli, ormai fruste, di Primavera della Chiesa o di Nuova Pentecoste.

Cliccate a questo link (è il sito ufficiale della diocesi di Torino) per ascoltare l'omelia funebre del 3 novembre scorso pronunziata dall'uscente card. Poletto (sì, proprio quello che ce l'ha con i 'picchiati del latino') e dedicata a mons. Franco Peradotto, vicario generale di tre arcivescovi e promotore dell'esperienza dei preti-operai. Ossia, parlandone da vivo, proprio uno di quegli interpreti del Concilio che ci hanno ridotto così come siamo.

Passato il primo minuto della registrazione il cardinale, commentando a modo suo l'Apocalisse, con la visione della nuova Gerusalemme scesa dal cielo e la frase riportata da S. Giovanni: 'ecco io faccio nuove tutte le cose', proclama:
"Ecco io immagino e penso, e sono sicuro di dire una cosa giusta, che questa cosa nuova che Dio ha fatto nel secolo scorso è stato il [scandendo] CONCILIO VATICANO SECONDO" .
E il defunto, che
"ha vissuto la stagione del Concilio con grande entusiasmo e con grande impegno, può fare sue queste parole di Giovanni: ho visto cieli nuovi e terra nuova; ha visto, protrebbe ben dire, come con il Concilio Vaticano II il Signore ha fatto nuove tutte le cose all'interno della Chiesa, ponendo la Chiesa in un atteggiamento nuovo, più profetico nei confronti del mondo"
E col Concilio si fa pure carriera:
Ecco perché due cardinali di Torino, il card. Pellegrino prima e il card. Ballestrero dopo, che sono stati non per caso tutti e due padri conciliari [..] lo hanno voluto come loro collaboratore, perché fosse di aiuto a presentare, a far conoscere, a far entrare nella mente e nel cuore della gente i contenuti del Concilio e soprattutto lo Spirito del Concilio. E don Franco ha svolto questo compito con grande entusiasmo.

Un'attività indefessa da agit-prop:

predicazione, conferenze in tutta Italia per illustrare i documenti del Concilio, attraverso una interpretazione anche del suo ministero attento veramente a costruire una chiesa più profetica, più nuova, più rinnovata a livello di liturgia, a livello di dialogo col mondo e soprattutto a livello di comunione interna. Un ministero alla luce di questa aria nuova del Concilio Vaticano II.
Insomma: l'ermeneutica della rottura esaltata ed incensata. Appropriato in effetti che si trattasse di un epicedio, di un'orazione funebre...

Enrico

116 commenti:

  1. Attenti ai colpi d'aria12 novembre 2010 11:49

    "...questa aria nuova del Concilio Vaticano II".

    Okkio ai colpi d'aria che ci si ammala facilmente, soprattutto se ci si mette in corrente.
    :)

    RispondiElimina
  2. ...ed in fatti la Diocesi di Torino ed il Piemonte in genere che lo "Spirito del Concilio" l'ha fatto soffiare come e più che da altre parti, si trova oggi invasa dalle sette sataniche, strozzata dall'assenza di Sacerdoti (li chiede in prestito ad altre Diocesi), straziata da ciò che resta dei Salesiani e indebitata per la costruzione di sedicenti 'aule liturgiche'. Soffia o Concilio e spazzane via degli altri!

    RispondiElimina
  3. Ma non si vergognano questi pastori di mentire così spudoratamente, perchè oggi come oggi non è più possibile dire delle....tali ignorando totalmente lo stato di crisi della Chiesa e della sua diocesi in primis.
    Dicendo che "con il Concilio Vaticano II il Signore ha fatto nuove tutte le cose all'interno della Chiesa,"
    il card. Poletto vuole forse convincerci che il Signore ha voluto la distruzione della Liturgia, lo scempio liturgico e dottrinale ?
    Beh, almeno è coerente quando dice che "il defunto si è attivato per  far entrare nella mente e nel cuore della gente i contenuti del Concilio e soprattutto lo Spirito del Concilio,"...sopratutto lo spirito (scritto maiuscolo, quasi fosse lo Spirito Santo stesso) e quale  sia lo spirito di cui parla il cardinale lo  sappiamo, purtroppo è vero l`armada postconciliare  è riuscita a farlo entrare nelle menti, ingannandole, strumentalizzandole, che sia entrato nei cuori, mi sia permesso di dubitarne.

    RispondiElimina
  4. Il canto del cigno di Poletto12 novembre 2010 12:18

    Suona patetica quesa enfatizzazione del Concilio V2, che ricorda tanto quel SUPERDOGMA di ratzingeriana memoria, in base al quale interpretare tutta la storia della Chiesa. Speriamo in tempi migliori, in cui si guardi con maggiore serenità al Concilio a suoi documenti alla sua corretta interpretazione.

    RispondiElimina
  5. Meno male che se n'è andato anche Poletto, uno di meno...purtroppo per Nosiglia c'è da attendere ancora un po'. Finiranno questi fanatici, prima o poi.

    RispondiElimina
  6. Un cardinale di Santa Romana Chiesa, che sulla Gerusalemme Celeste dice:

    "Ecco io immagino e penso, e sono sicuro di dire una cosa giusta, che questa cosa nuova che Dio ha fatto nel secolo scorso è stato il [scandendo] CONCILIO VATICANO SECONDO" .

    *************

    ineficia la Parusia di Cristo che tutti attendiamo.... "ecco io penso, io immagino....e sono sicuro di dire cosa giusta" è un atteggiamento di alta superbia a meno che, con questo rifare NUOVE TUTTE LE COSE, egli non intendesse inglobare anche il Concilio di Costantinopoli, di Efeso, Lateranense, di Trento del Vaticano Primo.....perchè senza dubbio il Signore è il RESTAURATORE DI UNA CHIESA SEMPRE REFORMANDA....ad ogni epoca, ad ogni ciclo storico il Signore fa "nuova ogni cosa" per mezzo della Chiesa, ma da questo a rigettare il passato glorioso della Chiesa o vergognarsene identificando nel Concilio ultimo LA FINE DEI TEMPI E L'INSTAURAZIONE DELLA GERUSALEMME CELESTE, ce ne corre...e direi anche che siamo sul rasoio dell'eresia...

    :-[  fra qualche anno questa omelia sarà bella che dimenticata, in compenso nell'oggi molti fedeli vengono tratti in inganno o per essere buoni, vengono confusi con affermazioni AMBIGUE ancora in riga per la DISCONTINUITA' E PER LA ROTTURA....

    RispondiElimina
  7. dice ciò perchè è disperato: ha vissuto il concilio, ha visto che la chiesa invece di fiorire è andata in rovina, e piuttosto che ammetterlo grida a gran voce queste cose per convincere anzitutto sè stesso. il sentir ripetere che va tutto bene lo rassicura e lo storna dall'idea di avere avuto actuosa participatio allo sfacelo. e come lui tanti altri.

    RispondiElimina
  8. DANTE PASTORELLI12 novembre 2010 13:00

    Ma quali altri meriti han da rivendicare ecclesiastici come Poletto? Dunque è sufficiente la solita sfaldata paccottiglia conciliare.

    RispondiElimina
  9. DANTE PASTORELLI12 novembre 2010 13:02

    Non credo che Poletto rimarrà nella storia.

    RispondiElimina
  10. nessun merito, tranne che far parte della cordata di Sodano (e non è un merito farmne parte)

    RispondiElimina
  11. Temo che con Nosiglia la musica non cambierà.
    Speriamo tra 10 anni..

    Tra l' altro leggo oggi sulle pagine locali dell Stampa che il parroco di La Loggia, tipico prete "di strada", oggi "benedirà" la nuova locale moschea e gioisce per i fratelli mussulmani.

    RispondiElimina
  12. Per fortuna l'epicedio funebre è anche per Poletto (cioè per il suo governo della Diocesi). prossimo epicedio funebre: quello della Diocesi stessa...
    Aspettiamo l'ordinariato, poi mettiamoci in salvo su quell'arca di Noè, perchè con Nosiglia la musica peggiorerà...
    Fra l'altro il defunto aveva pure celebrato un Messa VO in regime di indulto, ovviamente al ghetto (cioè alla Misericordia). ero presente. Inultile dire che vu un trionfo dell'ecelttismo rubricistico....

    RispondiElimina
  13. Con tutti questi spifferi sarebbe assai economico metter su un impianto eolico ...

    RispondiElimina
  14. .........Poletto....e' come l'aceto....ACIDO!!!!!

    RispondiElimina
  15. Che Pellegrino, Ballestrero e Poletto abbiano rovinato la Gloriosa Chiesa Torine, feconda medre di santi, è sotto gli occhi di tutti, come pure che tale rovina sia stata giustificata sotto il profito teorico-intellettualoide con l'ermeneutica della rottura. Che invece tale rovina (che riguarda la chiesa latina in generale) sia frutto "dell'applicazione" del Concilio V II è cosa da tutta da dimostrare, ove si intenda un nesso di causalità diretta pittosto che una constatazione di fatto (ciò che si è presentato come "applicazione" del concilio è causa della crisi) che nulla dice sul nesso eziologico cra Concilio e sua "applicazione". Spero che di ciò si possa prendere finalmente atto, Poichè ho l'impressione che, nel fare affermazioni temerarie, ci si attenga ad un semplice criterio empirico, senza riflettere che ci sono  cause occulte di ciò che si vede. E se non vi è chiarezza  sulle cause, non vi sarà neppure sui rimedi da applicare.

    RispondiElimina
  16. Che sofferenza vivere in diocesi di Torino!
    Sono abbonato al giornale diocesano "La Voce del Popolo": non salta un numero in cui non si magnifichi quei formidabili anni del Concilio, i fermenti, le spinte, le speranze, etc etc

    Che noia, che barba, che barba, che noia.
    A volte vorrei urlare: BASTAAAAAAA 

    RispondiElimina
  17. Se ci rimarrà, non sarà sicuramente come se lo immagina lui.

    Comunque, de mortui nihil nisi bonum, alla fine mons. Peradotto non era peggio di tanti altri, non era solo i convegni sul CVII e non fece carriera solo per quello (tant'è che da Roma lo trombarono quando fu proposto come vescovo). Celebrò col rito antico, certo nel ghetto, certo tra mille invenzioni, ma ebbe il fegato di farlo almeno una volta, a differenza di tanti conservatoroni di facciata.
    Una cosa è certa: la gestione del Santuario della Consolata di cui era rettore è assai peggiorata da quando non c'è più lui.

    Lasciamo che i morti seppeliscano i morti.

    RispondiElimina
  18. Don Ruggero Marini, che predica in jeans e maglietta da una tivù locale. E' un castigo che a La Loggia non si meritavano (o forse si, visto che il precedente parroco, ora a Moncalieri, è uno di quelli che più si avvicina ad assomigliare a un prete cattolico nella ns. diocesi).

    RispondiElimina
  19. E ora arriva nosiglia....

    RispondiElimina
  20. <span>Ma alla fine, un Concilio cos'è se non la sua applicazione? Una sostanza cos'è, se non la forma che assume nel divenire atto da potenza che era? Alla fine dei tempi, saremo tutti giudicati per le nostre buone inclinazioni, potenzialmente foriere dei migliori atti, o per i peccatti effettivamente commessi?
    </span>

    RispondiElimina
  21. <span>......e quante anime continueranno ad ammalarsi di infezioni varie da "concilioma"....e si perderanno su altre strade, lontano dalla Chiesa, che con la scusa del concilio le ha date in pasto a un <span>cristianesimo mondanizzato, </span>sempre più scialbo, ambiguo, stravolto, gaudente e materialistico....finchè la Fede antica (di "prima") giunge a svaporare del tutto e sfociare nell'indifferentismo, o in qualche fanta-religione new-age   !
    (....non ne posso più....    *DONT_KNOW*  ....non ne posso più  *DONT_KNOW*  ....  
    stringo i denti e tiro avanti, chi sa se campo 20-30anni ancora co 'sta solfa alle omelie urlate tutte contro MP e WW-il <span>kounzil-geist</span>....e mi tocca mettere i tappi nelle orecchie alle Messe con karaoke e<span> kikatekesi per adulti</span>annunciate-Udite-Udite a destra e a manca : " venite tuitti, venite, il mega-koncilio chiama tutti a raccolta, adunata -Adunata ! nelle magnifiche piazze della grande Città che cresce come la Grande Mela della nuova Kiesa konciliare....CONVERSIONE, CONVERTIRSI TUTTI ALLA FEDE CONCILIARE ! ! INCHINARSI AL RE CONCILIO ! ....non ne posso piùù...  :-[   :-[   :-[  ....  
    baastaaa....  >:o   >:o   >:o  ....)</span>

    RispondiElimina
  22. Rallegriamoci ,amici, e non disperiamo. Il trionfo del male (nella Chiesa e fuori), e' solo apparente, ma alla fine la vittoria sara'di Cristo su tutti i suoi nemici (compreso gli apologeti del CV2 e del suo spirito).

    RispondiElimina
  23. Alcune considerazioni da un torinese:
    - naturalmente il saggio Cardinale Saldarini (che idealmente Poletto ha sepellito, ma che è vivo!!!) esiliò il Peradotto mellifluo da incarichi diocesani, bollandolo con il titolo di provicario generale (che voleva dire tutto e nulla, visto che vicario generale era l'ottimo mons. Micchiardi!);
    - Poletto &C. hanno dimenticato totalmente Saldarini. Quando a maggio venne alla Sindone, il caridnale emerito Saldarini, Poletto & C. si guardarono bene dal dirlo alla gente;
    - Poletto & C. hanno dimenticato Saldarini... prova ne è il sito diocesano della diocesi torinese che non riporta traccia dell'Arcivescovo emerito;
    - Poletto&C. non lasceranno alcun segno... ma lasciano ferite dolorose da guarire... vedi certe nomine, certe scelte pastorali;
    - Poletto & C..... beh! presto finiranno anche loro!

    Piccola osservazione:
    1. il giorno dell'ingresso di Nosiglia a quanto pare Poletto lo accompagnerà e non si toglierà dai piedi...
    2. altro personaggio intrigante è l'individuo mielense Fiandino (ausiliare di Torino) il quale da Vescovo si è fatto venire la vocazione da parroco, naturalmente alla Crocetta, la parrocchia più in e più ricca della Città, mica in un sobborgo di periferia: beh, costui ieri sera nella mia parrocchia ha invitato un certo Melloni... vi dice nulla questo nome???? Come dire? Non le correnti CVII, ma la tempesta!

    RispondiElimina
  24. Sì più passa il tempo e più il cardinale Saldarini è dimenticato e negletto. Eppure egli tentò di raddrizzare la barca piena di buchi della Chiesa torinese  per riportarla alla centralità della fede ma la Provvidenza diversamente dispose. E allora ricordiamolo nella preghiera. Egli vive da più di diceci anni un silenzioso calvario in espiazione forse dei  nostri peccati . Primo fra tutti: quello di non averlo capito.Magari avessimo la sua fede. 

    RispondiElimina
  25. Senza Raccomandazioni12 novembre 2010 17:09

    Caro Guido, ti va ancora bene...Con un titolo del genere, "La Voce del Popolo", poteva anche capitare qualche esaltato articolo su Stalin...

    RispondiElimina
  26. Redazione di Messainlatino.it12 novembre 2010 18:09

    Eclettismo liturgico o meno, è un gesto da lodare. Ma come: ha momentaneamente abbandonato le delizie della Gerusalemme celeste bugniniana?
    Enrico

    RispondiElimina
  27. A volte ti dimentichi di essere cattolico e di lavorare per l'unità e non per la disunità!
    Ma tonto è!
    MD

    RispondiElimina
  28. tanto è e non tonto è! refuso!
    MD

    RispondiElimina
  29. iosonoiltuogesù@libero.it12 novembre 2010 19:09

    Ma non vi avevo detto di essere una cosa sola nel mio nome.
    E allora perché continuate a litigare nel mio nome?
    Il mio Spirito non abita le vostre parole, perché i vostri cuori e i vostri occhi sono chiusi al mio amore.
    Costruite l'unità, voi che siete miei discepoli.

    RispondiElimina
  30. DANTE PASTORELLI12 novembre 2010 19:19

    Arriva Nosiglia.
    nessuno lo vuole,
    Torino lo piglia.

    RispondiElimina
  31. DANTE PASTORELLI12 novembre 2010 19:21

    Cantodel cigno? No, l'ultimo gracidar di...

    RispondiElimina
  32. DANTE PASTORELLI12 novembre 2010 19:24

    Il fatto è che molto spesso canonizzano i morti esaltandone virtù sconosciute a tutti. Malcostume diffuso

    RispondiElimina
  33. DANTE PASTORELLI12 novembre 2010 19:39

    Di occulto mi sembra ci sia molto in questo commento.

    RispondiElimina
  34. DANTE PASTORELLI12 novembre 2010 19:42

    Siamo alle apparizioni o alla parusìa?

    RispondiElimina
  35. :-D :-D :-D .....grazie, Dante ! impagabile....
        .....  :-D :-D :-D )))))..... 

    RispondiElimina
  36. f. marie des anges12 novembre 2010 22:51

    sono d'accordo. comprese LA RIMOZIONE dell'inginocchiatoio delCAFASSO

    RispondiElimina
  37. f. marie des anges12 novembre 2010 22:53

    HO SENTITO ANCHE IO DIRE LO STESSO.. MA IN CHE PARROCCHIA E'?

    RispondiElimina
  38. f. marie des anges12 novembre 2010 22:55

    SI, IN REGIME SALDARINI... IN PROSSIMITA' DELLA PENSIONE....SI FACEVA QUESTO ED ALTRO....

    RispondiElimina
  39. Disdica l'abbonamento!

    RispondiElimina
  40. Redazione di Messainlatino.it12 novembre 2010 23:36

    Lapsus...

    RispondiElimina
  41. @REDAZIONE.Per favore guardate i dettagli di costui e per favore cancellate. Grazie.

    RispondiElimina
  42. <span> </span>
    Peggio, Dante.

    RispondiElimina
  43. <span> </span>
    Peggio, Dante.

    RispondiElimina
  44. <span> </span>
    Peggio, Dante.

    RispondiElimina
  45. <span> </span>
    Peggio, Dante.

    RispondiElimina
  46. <span> </span>
    Peggio, Dante.

    RispondiElimina
  47. <span> </span>
    Peggio, Dante.

    RispondiElimina
  48. <span> </span>
    Peggio, Dante.

    RispondiElimina
  49. <span> </span>
    Peggio, Dante.

    RispondiElimina
  50. <span> </span>
    Peggio, Dante.

    RispondiElimina
  51. <span> </span>
    Peggio, Dante.

    RispondiElimina
  52. <span> </span>
    Peggio, Dante.

    RispondiElimina
  53. <span> </span>
    Peggio, Dante.

    RispondiElimina
  54. <span> </span>
    Peggio, Dante.

    RispondiElimina
  55. <span> </span>
    Peggio, Dante.

    RispondiElimina
  56. <span> </span>
    Peggio, Dante.

    RispondiElimina
  57. <span> </span>
    Peggio, Dante.

    RispondiElimina
  58. <span> </span>
    Peggio, Dante.

    RispondiElimina
  59. <span> </span>
    Peggio, Dante.

    RispondiElimina
  60. <span> </span>
    Peggio, Dante.

    RispondiElimina
  61. <span> </span>
    Peggio, Dante.

    RispondiElimina
  62. <span> </span>
    Peggio, Dante.

    RispondiElimina
  63. <span> </span>
    Peggio, Dante.

    RispondiElimina
  64. <span> </span>
    Peggio, Dante.

    RispondiElimina
  65. <span> </span>
    Peggio, Dante.

    RispondiElimina
  66. <span> </span>
    Peggio, Dante.

    RispondiElimina
  67. <span> </span>
    Peggio, Dante.

    RispondiElimina
  68. <span> </span>
    Peggio, Dante.

    RispondiElimina
  69. <span> </span>
    Peggio, Dante.

    RispondiElimina
  70. <span> </span>
    Peggio, Dante.

    RispondiElimina
  71. <span> </span>
    Peggio, Dante.

    RispondiElimina
  72. <span> </span>
    Peggio, Dante.

    RispondiElimina
  73. <span> </span>
    Peggio, Dante.

    RispondiElimina
  74. <span> </span>
    Peggio, Dante.

    RispondiElimina
  75. <span> </span>
    Peggio, Dante.

    RispondiElimina
  76. <span> </span>
    Peggio, Dante.

    RispondiElimina
  77. <span> </span>
    Peggio, Dante.

    RispondiElimina
  78. <span> </span>
    Peggio, Dante.

    RispondiElimina
  79. <span> </span>
    Peggio, Dante.

    RispondiElimina
  80. <span> </span>
    Peggio, Dante.

    RispondiElimina
  81. <span> </span>
    Peggio, Dante.

    RispondiElimina
  82. <span> </span>
    Peggio, Dante.

    RispondiElimina
  83. <span> </span>
    Peggio, Dante.

    RispondiElimina
  84. <span> </span>
    Peggio, Dante.

    RispondiElimina
  85. <span> </span>
    Peggio, Dante.

    RispondiElimina
  86. pepito sbazzeguti13 novembre 2010 00:42

    Mi scusi Guy,solo per precisare, ma la forma non diviene:è atto,che ,nella sostanza(sinolo),delimita la materia,la quale è potenza.

    RispondiElimina
  87. Nobis quoque peccatoribus13 novembre 2010 02:00

    Le parole del Cardinale mi hanno ricordato Mario Capanna e il suo "Formidabili quegli anni"......

    Non credo comunque che Mons. Nosiglia iniziera' il proprio ministero citando il decreto del Concilio di Trento sul S. Sacrificio della Messa.

    FdS

    RispondiElimina
  88. Nobis quoque peccatoribus13 novembre 2010 02:00

    Le parole del Cardinale mi hanno ricordato Mario Capanna e il suo "Formidabili quegli anni"......

    Non credo comunque che Mons. Nosiglia iniziera' il proprio ministero citando il decreto del Concilio di Trento sul S. Sacrificio della Messa.

    FdS

    RispondiElimina
  89. Nobis quoque peccatoribus13 novembre 2010 02:00

    Le parole del Cardinale mi hanno ricordato Mario Capanna e il suo "Formidabili quegli anni"......

    Non credo comunque che Mons. Nosiglia iniziera' il proprio ministero citando il decreto del Concilio di Trento sul S. Sacrificio della Messa.

    FdS

    RispondiElimina
  90. Nobis quoque peccatoribus13 novembre 2010 02:00

    Le parole del Cardinale mi hanno ricordato Mario Capanna e il suo "Formidabili quegli anni"......

    Non credo comunque che Mons. Nosiglia iniziera' il proprio ministero citando il decreto del Concilio di Trento sul S. Sacrificio della Messa.

    FdS

    RispondiElimina
  91. Nobis quoque peccatoribus13 novembre 2010 02:00

    Le parole del Cardinale mi hanno ricordato Mario Capanna e il suo "Formidabili quegli anni"......

    Non credo comunque che Mons. Nosiglia iniziera' il proprio ministero citando il decreto del Concilio di Trento sul S. Sacrificio della Messa.

    FdS

    RispondiElimina
  92. Nobis quoque peccatoribus13 novembre 2010 02:00

    Le parole del Cardinale mi hanno ricordato Mario Capanna e il suo "Formidabili quegli anni"......

    Non credo comunque che Mons. Nosiglia iniziera' il proprio ministero citando il decreto del Concilio di Trento sul S. Sacrificio della Messa.

    FdS

    RispondiElimina
  93. Nobis quoque peccatoribus13 novembre 2010 02:00

    Le parole del Cardinale mi hanno ricordato Mario Capanna e il suo "Formidabili quegli anni"......

    Non credo comunque che Mons. Nosiglia iniziera' il proprio ministero citando il decreto del Concilio di Trento sul S. Sacrificio della Messa.

    FdS

    RispondiElimina
  94. Nobis quoque peccatoribus13 novembre 2010 02:00

    Le parole del Cardinale mi hanno ricordato Mario Capanna e il suo "Formidabili quegli anni"......

    Non credo comunque che Mons. Nosiglia iniziera' il proprio ministero citando il decreto del Concilio di Trento sul S. Sacrificio della Messa.

    FdS

    RispondiElimina
  95. Nobis quoque peccatoribus13 novembre 2010 02:00

    Le parole del Cardinale mi hanno ricordato Mario Capanna e il suo "Formidabili quegli anni"......

    Non credo comunque che Mons. Nosiglia iniziera' il proprio ministero citando il decreto del Concilio di Trento sul S. Sacrificio della Messa.

    FdS

    RispondiElimina
  96. Nobis quoque peccatoribus13 novembre 2010 02:00

    Le parole del Cardinale mi hanno ricordato Mario Capanna e il suo "Formidabili quegli anni"......

    Non credo comunque che Mons. Nosiglia iniziera' il proprio ministero citando il decreto del Concilio di Trento sul S. Sacrificio della Messa.

    FdS

    RispondiElimina
  97. Nobis quoque peccatoribus13 novembre 2010 02:00

    Le parole del Cardinale mi hanno ricordato Mario Capanna e il suo "Formidabili quegli anni"......

    Non credo comunque che Mons. Nosiglia iniziera' il proprio ministero citando il decreto del Concilio di Trento sul S. Sacrificio della Messa.

    FdS

    RispondiElimina
  98. Nobis quoque peccatoribus13 novembre 2010 02:00

    Le parole del Cardinale mi hanno ricordato Mario Capanna e il suo "Formidabili quegli anni"......

    Non credo comunque che Mons. Nosiglia iniziera' il proprio ministero citando il decreto del Concilio di Trento sul S. Sacrificio della Messa.

    FdS

    RispondiElimina
  99. Nobis quoque peccatoribus13 novembre 2010 02:00

    Le parole del Cardinale mi hanno ricordato Mario Capanna e il suo "Formidabili quegli anni"......

    Non credo comunque che Mons. Nosiglia iniziera' il proprio ministero citando il decreto del Concilio di Trento sul S. Sacrificio della Messa.

    FdS

    RispondiElimina
  100. Nobis quoque peccatoribus13 novembre 2010 02:00

    Le parole del Cardinale mi hanno ricordato Mario Capanna e il suo "Formidabili quegli anni"......

    Non credo comunque che Mons. Nosiglia iniziera' il proprio ministero citando il decreto del Concilio di Trento sul S. Sacrificio della Messa.

    FdS

    RispondiElimina
  101. Nobis quoque peccatoribus13 novembre 2010 02:00

    Le parole del Cardinale mi hanno ricordato Mario Capanna e il suo "Formidabili quegli anni"......

    Non credo comunque che Mons. Nosiglia iniziera' il proprio ministero citando il decreto del Concilio di Trento sul S. Sacrificio della Messa.

    FdS

    RispondiElimina
  102. Nobis quoque peccatoribus13 novembre 2010 02:00

    Le parole del Cardinale mi hanno ricordato Mario Capanna e il suo "Formidabili quegli anni"......

    Non credo comunque che Mons. Nosiglia iniziera' il proprio ministero citando il decreto del Concilio di Trento sul S. Sacrificio della Messa.

    FdS

    RispondiElimina
  103. Nobis quoque peccatoribus13 novembre 2010 02:00

    Le parole del Cardinale mi hanno ricordato Mario Capanna e il suo "Formidabili quegli anni"......

    Non credo comunque che Mons. Nosiglia iniziera' il proprio ministero citando il decreto del Concilio di Trento sul S. Sacrificio della Messa.

    FdS

    RispondiElimina
  104. Nobis quoque peccatoribus13 novembre 2010 02:00

    Le parole del Cardinale mi hanno ricordato Mario Capanna e il suo "Formidabili quegli anni"......

    Non credo comunque che Mons. Nosiglia iniziera' il proprio ministero citando il decreto del Concilio di Trento sul S. Sacrificio della Messa.

    FdS

    RispondiElimina
  105. Nobis quoque peccatoribus13 novembre 2010 02:00

    Le parole del Cardinale mi hanno ricordato Mario Capanna e il suo "Formidabili quegli anni"......

    Non credo comunque che Mons. Nosiglia iniziera' il proprio ministero citando il decreto del Concilio di Trento sul S. Sacrificio della Messa.

    FdS

    RispondiElimina
  106. Nobis quoque peccatoribus13 novembre 2010 02:00

    Le parole del Cardinale mi hanno ricordato Mario Capanna e il suo "Formidabili quegli anni"......

    Non credo comunque che Mons. Nosiglia iniziera' il proprio ministero citando il decreto del Concilio di Trento sul S. Sacrificio della Messa.

    FdS

    RispondiElimina
  107. Nobis quoque peccatoribus13 novembre 2010 02:00

    Le parole del Cardinale mi hanno ricordato Mario Capanna e il suo "Formidabili quegli anni"......

    Non credo comunque che Mons. Nosiglia iniziera' il proprio ministero citando il decreto del Concilio di Trento sul S. Sacrificio della Messa.

    FdS

    RispondiElimina
  108. Nobis quoque peccatoribus13 novembre 2010 02:00

    Le parole del Cardinale mi hanno ricordato Mario Capanna e il suo "Formidabili quegli anni"......

    Non credo comunque che Mons. Nosiglia iniziera' il proprio ministero citando il decreto del Concilio di Trento sul S. Sacrificio della Messa.

    FdS

    RispondiElimina
  109. Nobis quoque peccatoribus13 novembre 2010 02:00

    Le parole del Cardinale mi hanno ricordato Mario Capanna e il suo "Formidabili quegli anni"......

    Non credo comunque che Mons. Nosiglia iniziera' il proprio ministero citando il decreto del Concilio di Trento sul S. Sacrificio della Messa.

    FdS

    RispondiElimina
  110. Non era nuova, era vecchia, era aria protestantica. La Collegialità altro non è che una versione moderna del vecchio Conciliarismo.

    RispondiElimina
  111. f. marie des anges13 novembre 2010 12:24

    no è più facile che invece che con il pax vobis incominci con "un bell'applauso"

    RispondiElimina
  112. DANTE PASTORELLI13 novembre 2010 15:08

    Al fumo di Satana che diventa persona?

    RispondiElimina
  113. DANTE PASTORELLI13 novembre 2010 15:09

    Blasfemia.

    RispondiElimina
  114. Meno male che l'epoca poletto é finita Nosiglia sarà peggio dicono alcuni, secondo me peggio di poletto non c'é nulla, neppure la peste avrebbe lasciato dietro tanti morti e tanta sofferenza e lui lo sa bene, é sempre solo apparso ma non ci ha mai annunciato il vangelo di CRISTO, e veramente squallido vivere nella diocesi di Torino

    RispondiElimina
  115. Aiuto che mi sparo!  =-O =-X =-X =-X =-X

    RispondiElimina
  116. Il termine "EPICEDIO" nella sua accezione più classica risulta essere.... l'elogio funebre del fedele animale domestico...

    Certamente il defunto è sicuramente stato fedele e obbediente e domestico....

    RispondiElimina

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.