sabato 2 ottobre 2010

Cresime "straordinarie" presso la parrocchia di Trinità dei Pellegrini a Roma

Domenica scorsa, 26 settembre 2010, presso la parrocchia della Ss.ma Trinità dei Pellegrini in Roma, retta dalla Fraternità Sacerdotale di San Pietro, S.Ecc.Rma Mons. Fernando Arêas Rifan, (vescovo tit. di Cedamusa e Amministratore Apostolico dell’Amministrazione Apostolica personale di São João Maria Vianney, in Brasile, che lunedì 27 settembre si è recato dal Papa, in visita "ad limina Apostolorum", link) ha celebrato una messa prelatizia per la Confermazione di alcuni ragazzi della parrocchia.
Ecco alcune foto. Molte altre le potete vederne al sito della FSSP (link).













13 commenti:

  1. Questi sono esempi di Fede convinta!
    Vedere gente matura che si accosta ai sacramenti in questo modo è meraviglioso.
    Ringraziamo lo Spirito Santo.

    RispondiElimina
  2. Avrei una curiosità: mercoledì scorso ho partecipato per la prima volta alla Messa secondo il rito di San Pio V nella Cappella del Sacro Cuore a Milano e ho notato che durante la predica Padre Konrad zu Loewenstein alzava leggermente la berretta come segno di rispetto ogni volta che nominava il Signore, la Madonna e San Michele Arcangelo, ebbene mi chiedevo se questo gesto è una particolarità del solo Padre Konrad o se è una prassi consolidata nella Messa tridentina.

    RispondiElimina
  3. X Guglielmo: no non mi pare si possa definire prassi consolidata, anche perchè non tutti indossano il tricorno durante la predicazione. Non è un gesto del solo padre zu Loewenstein, ma non è neppure un gesto diffusissimo. Diciamo che alcuni lo fanno, ed è una gran bella cosa, più eloquente di tante parole.
    Ma lo stesso discorso varrebbe per il medesimo gesto fatto col cappello civile: chi lo usa più il cappello? e tra coloro che lo usano (foss'anche il berrettino da baseball) chi si ricorda di levarselo per salutare una persona?

    E' un gesto che potremmo definire demodè, ma forse propio per questo molto "chic", e certamente signorile.
    Non per nulla il padre zu Loewenstein è figlio di  principi.

    RispondiElimina
  4. .............al centro dell'attenzione....Lui....GESU'..................!!!!

    RispondiElimina
  5. Siamo fortunatissimi noi milanesi ad aver un santo prete come don Konrad che ci visita mensilmente: è una vera e propria boccata d'ossigeno per l'anima...
    Poi sei stato fortunato: c'era pure la messa in canto ;)

    RispondiElimina
  6. Nobis quoque peccatoribus2 ottobre 2010 17:42

    Belle immagini e un tempo cio' era "ordinario"

    OT leggo che Mons. Boulanger ha autorizzato la FSSPX a celebrare una messa nella cattedrale di Lisieux.

    FdS

    RispondiElimina
  7. :-D Che bello!
    Mi duole sentire sempre giudizi negativi da parte di laici che frequentano la FSSPX riguardo alla FSSP all'IBP ai FI e all'ICRSP *DONT_KNOW*
    Secondo me sono solo invidie...

    RispondiElimina
  8. Credo che i mugugni abbiano origine dalla natura cattoindultista di queste realta', che sono per la Messa di Sempre ma hanno firmato le clausole in piccolo "non disdegnare la Messa NO ed il CVII".
    Penso sia questo il motivo, se sbaglio... mi corrigerete!!! :-D :-D :-D

    RispondiElimina
  9. In un nido di vipere come la gattolica, poi!

    RispondiElimina
  10. <span>...ma hanno firmato le clausole in piccolo</span>

    Quelle vessatorie.

    RispondiElimina
  11. E nel frattempo a Roma si briga per aggiungere alla schiera di "riserve indiane tradizionaliste" anche la FSSPX; per il momento Fellay sembra tenere duro, ma poi????

    RispondiElimina
  12. Quella Santa Messa e' una spina nel fianco degli ultramodernisti curiali meneghini, tenete duro! 8-) 8-) 8-)

    RispondiElimina

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.