Post in evidenza

Ora puoi... aiutare MiL

Se volete aiutare e sostenere MiL, potete fare una donazione anche piccola.   Ricordiamo ai nostri lettori infatti che MiL si sostiene solo ...

lunedì 5 luglio 2010

Matrimonio "tridentino" di Nicola Lamon







Nicola Lamon, musicista, direttore d'orchestra ai vertici in Italia nella direzione della musica sacra nella liturgia romana antica, si è sposato sabato scorso con Eleonora Mary Nicoletto nella chiesa parrocchiale "SS. Trinità" di Fiesso d'Artico, in provincia di Venezia. La cerimonia (naturalmente in rito romano antico) è stata celebrata da padre Konrad zu Loewenstein (FSSP), cappellano di San Simon Piccolo a Venezia.

La cerimonia è stato un vero tripudio musicale, e vale la pena di riportare il programma:
- Entrata: Claudio Monteverdi (Domine ad adiuvandum, dal "Vespro della Beata Vergine")
- Introito: "Deus Israel" (gregoriano)
- Ordinario: Orazio Scaletta "Messa a 3 e basso continuo"
- Graduale-Alleluia: Giovanni Gabrieli "Canzon n.3" a 4
- Offertorio: Gioseffo Guami "Canzon XIX", a 5
- Elevazione: Francesce Usper "O magnum sacramentum", a 3
- Comunione: Andrea Gabrieli "O sacrum convivium", a 5
- Giovanni Gabrieli "Canzon n. 4"
- Finale: Giovanni Martino Cesare "Beata es Virgo", a 3

Flauto dolce: Marco Rosa Salva
Violino barocco: Maria Luisa Barbon
Viola da gamba: Rosita Ippolito
Tromboni barocchi: Valerio Bassanello (Alto), Ivo Pezzutti (Tenore), Saverio De Cian (Basso)
Organo positivo: Fabrizio Mason
Soprano: Sara Bino
Tenori: Massimo Bisson, Jonathan Pradella
Basso: Antonio Furlan
Direttore: Jonathan Pradella

Oltre alle felicitazioni ai due sposi, va in questa sede ricordato l'impegno instancabile di Nicola nella valorizzazione e nella riscoperta del patrimonio immenso della musica sacra, soprattutto veneta. Un lavoro silenzioso che ha permesso di riportare in auge i grandi compositori della scuola veneziana del '600.
Ad Maiora

18 commenti:

  1. Ad Maiora di tutto cuore....
    se siamo riusciti noi a festeggiare 26 e quasi ora 27 anni di matrimonio con il NOM, sono sicura che voi potrete testimoniare maggiormente questa unicità di Grazia che è data (nelle due forme) dal Sacramento del Matrimonio sigillato nella Santissima Eucarestia  ;)

    Dio vi benedica!
    e preghiamo per le famiglie che stanno attraversando momenti critici!

    RispondiElimina
  2. Neanche "Soffierà, soffierà, il vento forte della vita...."!! felicitazioni a Nicola ed Eleonora!!!

    RispondiElimina
  3. Felicitazioni!
    Il 3 settembre 2011, se Dio vorrà, anch'io mi sposerò in Rito tridentino nella Chiesa di San Michele Arcangelo a Latina.

    RispondiElimina
  4. Redazione di Messainlatino.it5 luglio 2010 alle ore 17:02

    2011? Vi programmate con largo anticipo.
    Comunque congratulazioni e felicitazioni, a tutti gli sposi 'tridentini'
    Enrico

    RispondiElimina
  5. Qualcuno sa da dove posso downloadare delle Carteglorie su internet?

    Grazie!

    RispondiElimina
  6. Che siano sempre di più i sacramenti celebrati EF aspettando che la Messa di San Pio V torni ad essere la forma ordinaria.

    RispondiElimina
  7. Auguri di serenità e felicità

    RispondiElimina
  8. Ogni tanto ne compare qualcuna su ebay. Comunque puoi cercare nei negozi di antiquariato: c'è ancora qualche sacerdote moderno che non è ancora riuscito a capire che sono scritte in latino e se ne è disfatto.

    RispondiElimina
  9. A parte l'introito, le altre parti mobili sono state cantate (magari anche solo in tono salmodico)?

    RispondiElimina
  10. Io intendevo delle schede da scaricare; non da comprare!

    Grazie cmq della riposta.

    RispondiElimina
  11. Ma questo se è ai vertici della direzione musicale sacra nel rito antico (che cosa significa poi? vertici di cosa?) al suo matrimonio attacca con l'intonazione "Domine ad adiuvandum" dei vespri... ma che c'azzecca???
    Mi pare più il programma di un concerto che il servizio ad un matrimonio.

    RispondiElimina
  12. Prova qua:

    http://www.calefactory.org/lit-altarcards.htm

    A proposito: evviva gli sposi! Spero che ci sia presto un Battesimo tridentino!  ;)

    RispondiElimina
  13. A settembre convolerò anch'io a nozze, e la celebrazione sarà in rito tridentino. Sapeste però le difficoltà! Il parroco  da quarant'anni non celebra la messa di San Pio V e, piuttosto perplesso (per usare un eufemismo) sull'uso del latino, vorrebbe a tutti i costi infilare surrettiziamente qualche passaggio in volgare e qualche elemento liturgico del NOM (compresa la comunione in piedi e magari in mano). Il Messale da altare del 1962 naturalmente in parrocchia non si trovava più, e così l'ho dovuto comprare io. I ministranti, molto volenterosi, devono però rispolverare i ricordi di quando erano giovanissimi chierichetti, e non è facile. La corale è composta per la maggior parte di giovani o "quasi giovani" (compreso il maestro) che non hanno mai assistito alla Santa Messa VO. Ogni tanto anche la sposa, di fronte alle difficoltà anzidette, vacilla e, forse non del tutto a torto, inclina a considerare lo sposo un po' "fissato"... Come si dice dalle mie parti: "speruma 'n bin"
    Lo sposo (che poi sarebbe lo scrivente) in ogni caso resiste e prega e, se possibile, chiede le vostre preghiere.
    Saluti a tutti   

    RispondiElimina
  14. Congratualazioni vivissime a questi sposi novelli e ai fidanzati in preparazione, il Signore Vi guidi e vi protegga sempre 

    RispondiElimina
  15. Beh, caro Ospite, tienici al corrente sull'evolversi della situazione e poi permettici di vedere qualche foto della S. Messa... Speriamo e preghiamo che tu riesca ad organizzare una celebrazione rubricalmente ineccepibile!

    M. Ph.

    RispondiElimina
  16. E' una cosa bellissima. Auguro agli sposi e nubendi con il rito tridentino la benedizione di Dio su di loro, sul celebrante, sui ministranti e su tutti coloro che si uniranno alla celebrazione eucaristica. DIO LO VUOLE.

    RispondiElimina
  17. Come mai la sposa non indossa il velo? Nemmeno le testimoni lo indossano...

    RispondiElimina

AVVISO AI LETTORI: Visto il continuo infiltrarsi di lettori "ostili" che si divertono solo a scrivere "insulti" e a fare polemiche inutili, AVVISIAMO CHE ORA NON SARANNO PIU' PUBBLICATI COMMENTI INFANTILI o PEDANTI. Continueremo certamente a pubblicare le critiche ma solo quelle serie, costruttive e rispettose.
La Redazione