mercoledì 19 maggio 2010

I (buoni) frutti del Motu Proprio.



Pubblichiamo alcune foto di un evento mirabile e degno di riverente stupore e di gioiosa commozione.
Negli Stati Uniti, lo scorso 15 marzo 2010, 10 novizie della famiglia benedettina di "Maria, Regina degli Apostoli", si sono consacrate a Dio con la professione solenne dei voti perpetui.
Oltre alla notizia già di per sè mirabile (notevole è il numero!) è degna di nota soprattutto la loro scelta di aver prediletto il rito tridentino per offrirsi in anima e corpo al Signore e dedicarsi per tutta la vita a Lui (e ciò spiega il numero consistente di novizie!).
La cerimonia ha avuto luogo nell'antico Oratorio cattolico di San Patrizio, la più antica chiesa della città del Kansas (nello stato del Missouri, in cui il 77% degli abitanti è cristiano, di cui il 10% cattolico).
Ad accogliere la promessa solenne delle novizie, e a consacrarle vergini del Signore, è stato il Vescovo diocesano S.E.R.ma Mons. Robert W. Finn, molto vicino all'Opus Dei e alla Tradizione (incoraggiò, infatti, la celebrazione della S. Messa tridentina già ai tempi di Giovanni Paolo II, in applicazione della Lettera Quattuor abhinc annos.)
Sulla vita del Vescovo, che compì diversi studi presso le Pontifice Università e Accademie Romane, si veda il LINK ufficiale della diocesi.
Alla cerimonia, e alla seguente S. Messa (anch'essa in rito tridentino) hanno partecipato alcuni preti della città, e i sacerdoti dell'Istituto di Cristo Re, accolti nella diocesi di Kansas City-St Joseph proprio da Mons. Finn e che officiano proprio nella chiesa di San Patrizio.
Pubblichiamo qui di seguito alcune foto.
Per chi fosse interessato a vederne di più, vada al sito indicato in calce.








31 commenti:

  1. Le nostre diocesi agonizzano per mancanza di sacerdoti, mentre i seminari Tradizionalisti traboccano di vocazioni. Gli istituti religiosi in agonia chiudono per mancanza di aspiranti alla vita religiosa, e là col 10% di cattolici, 10 novizie...la stessa Chiesa, ma due modi differenti di pregare e di credere in Dio.
    I fatti parlano ai modernisti, ed a chiacchiere stiamo a zero.
    Da voi la vigna è incolta, da NOI la vigna è fiorente.
    Tra poco finite le scorte di "vino scadente", torneremo a inebriarci di "vino eccellente".

    RispondiElimina
  2. Un 15% di vescovi alla Finn anche in Italia sarebbe pretendere troppo?
    Ci accontenteremmo, per ora, anche di un 10%.
    Ma per il momento son solo sogni sotto gli occhiali da sole.............
    8-)

    RispondiElimina
  3. Caro Bile, sogni anche tu!
    Il vino eccellente ancora da noi non arriverà. Per altre annate ancora il mercato vitivinicolo ecclesiale proporrà solo un vino che se fosse scadente sarebbe già tanto; è vino imbevibile che qualunque enologo getterebbe nel wc; ma si sà i preti non si intendon molto di vino.
    vuoi una prova?

    eccola:
    il vescovo di Savona, tempo fa, comprò del vino non solo scadente, ma addirittura invendibile, ci mise sopra la sua etichetta e lo vendette; le cronache dicono che andò a ruba.
    I cattolici adulterati si bevono tutto, anche il vino adulterato.

    RispondiElimina
  4. p.s.

    ecco la fonte dove leggere la bella notizia del vescovo che compra vino cattivo e lo vende come buono:

    http://fidesetforma.blogspot.com/2010/05/quando-si-parla-dei-nemici-della-chiesa.html

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' tutto vero purtroppo...e il Vescovo in questione si chiama Mons. Domenico Calcagno, ora Cardinale!!!!

      Elimina
  5. istriano......19 maggio 2010 13:15

    .........Questa e' la VERA Chiesa Cattolica!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  6. Numero di nuove vocazioni tendenzialmente costante. Nuove vocazioni tradizionali in aumento. Nuove vocazioni progressiste in forte declino.
    Per forza di cose tra una decina d'anni cominceremo a vedere molti più vescovi tradizionali in giro. Se qualcuno venisse spedito anche a sud di Roma, male non farebbe.

    RispondiElimina
  7. vino cattivo, comprato e rivenduto con falsa etichetta ??

    non c'è che dire:
    un efficace, tremendo (e orrido) simbolo della corruzione generale della Fede cattolica, della spiritualità e della fedeltà a Cristo di tutta la Chiesa, Sua Sposa !

    ricordando quando la Madre Celeste disse a Nostro Signore:
    "NON HABENT VINUM"!.....
    oggi, la Madre della Chiesa, Corredentrice e Mediatrice di Grazia, mandata via dai dotti ministri che non hanno bisogno più della sua protezione materna, la Regina Apostolorum, che era presente, venerata al centro del Cenacolo il giorno di PENTECOSTE , giorno augusto della Chiesa nascente,
    che cosa dovrebbe dire a questi Apostoli del 21.mo secolo ? che ne hanno fatto del vino buono ?
    (ah già, ma loro sono adulti, ormai da 50 anni, non hanno bisogno di Colei che fu considerata "profeta di sventura"....le direbbero: "lasciaci in pace, sappiamo bene da soli come procurarci vino e venderlo anche....!")
    :'(

    RispondiElimina
  8. <span>vino cattivo, comprato e rivenduto con falsa etichetta ??  
     
    non c'è che dire:  
    un efficace, tremendo (e orrido) simbolo della corruzione generale della Fede cattolica, della spiritualità e della fedeltà a Cristo di tutta la Chiesa, Sua Sposa !  
     
    ricordando quando la Madre Celeste disse a Nostro Signore:  
    "NON HABENT VINUM"!.....  
    oggi, la Madre della Chiesa, Corredentrice e Mediatrice di Grazia, mandata via dai dotti ministri che non hanno bisogno più della sua protezione materna, la Regina Apostolorum, che era presente, venerata Madre Santa di Dio al centro del Cenacolo il giorno di PENTECOSTE , giorno augusto della Chiesa nascente,  
    che cosa dovrebbe dire a questi Apostoli del 21.mo secolo ? che ne hanno fatto del vino buono ?  
    (ah già, ma loro sono adulti, ormai da 50 anni, non hanno bisogno di Colei che fu considerata "profeta di sventura"....le direbbero: "lasciaci in pace, sappiamo bene da soli come procurarci vino e venderlo anche....!")  </span>

    RispondiElimina
  9. Il vescovo di Savona non s'intende di vino?


    E chi l'ha detto?

    Se ne intende, se ne intende molto; propio perché se ne intende anziché berselo se l'è venduto.

    RispondiElimina
  10. Ragazzi a forza di parlare di vino mi sono mezzo ubriacato.
    Comunque sono dello stesso parere di LAICO, è questione di matematica e di tempo ( e nemmeno troppo), con la loro " crescita zero " dove volete che vadano.
    A meno di non inventarsi il sacerdozio laico, idea che non mi meraviglierei se nascesse in qualche zona dell'Austria, magari nel famoso stube; Saranno loro malgrado costretti a fare marcia indietro e dire : " Ehm...non è che gentilmente potreste prestarci qualche centinaia dei vostri Ottimi Preti, giusto per non dover chiudere baracca e burattini ?!".

    RispondiElimina
  11. Anselmo d'Aosta19 maggio 2010 15:56

    Immaginate  Forte, Romeo, Tettamanzi, Betori celebrare parati in questa maniera e a vere suore o monache da consacrare con abiti medievali?

    Loro preferiscono le suorine in gonna e golfettino, prive di velo, o con abiti in longuette, facendo ola, ola,

    e per canto di inzio  SIAMO IN ONDA.......  grandioso canto dell'Azione cattolicaa nno 2009  che purtroppo sorbiamo nelle nostre celebrazioni quale "vino cattivo".

    Rassegnamoci è questa la Chiesa di gesù non certo quella di 10 monache benedettine uscite da pagine di storia ammuffite e ingiallite .

    IN ALTO I CUORI 

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bhé, Betori ha nella sua Arcidiocesi i Sacerdoti di Cristo Re e le Suore Adoratrici del Cuore Regale di Gesù Cristo Sommo Sacerdote (casa madre a Gricigliano di Pontassieve) e si reca al loro Te Deum annuale: non lamentiamoci sempre, facendo il gioco dei modernisti!

      Elimina
  12. chissà, magari tra trent'anni ci saranno così tanti sacerdoti tradizionali e così pochi progressisti che sarà necessario richiedere esplicitamente la Messa in forma ordinaria :) ... magari il prossimo Papa farà la Summorum Pontificum II per garantire anche la Messa NO ( per gli anziani ovviamente 8-) ).

    RispondiElimina
  13. Nobis quoque peccatoribus19 maggio 2010 16:30

    Ho l'impressione che certi presuli siano infastiditi dalle vocazioni autentiche e lieti di evocare seminari deserti.

    Una delle visioni piu' agghiaccianti e' stata per me quella delle foto di ex seminario (credo a Padova), architettura anni 60/70, in cui erano state dipinte scritte sataniche da alcuni intrusi.

    Allora non potevo capire del tutto. Ora queste immagini sono per me amaramente eloquenti.
    Dovremmo essere sempre grati alle suore che nei loro conventi impetrano la misericordia di Dio su di noi, degni ed indegni.

    FdS

    RispondiElimina
  14. Anselmo d'Aosta19 maggio 2010 16:59

    Osate sognare un Summorum Pont. II >:o >:o >:o >:o >:o  il prossimo papa verrà dall'America latina e sarà necessariamente un filo progressista. Butterà fuori il mons Guido Marini e darà tutto in mano ad un nuovo degno figlio di Piero (scuola NOè, Bugnini)Marini. Così alrogo andrano troni, tronetti, piviali, ferula pianete, candelieri, crocifissi. Insomma tutto quanto farà pensare all'era di Benedetto XVI ( da dimenticare  per i sacerdoti e seminaristi). Le novene sono in corso afidati a persone ben scelte e di fiducia che preghino perchè il Signore dia degno posto nel suo regno all'attuale Pontefice. Naturalmente le cricche più progressiste incessantemente fanno salire preghiere dalle parti piùsperdute della cattolicità, da eremi e da monasteri..........    

    RispondiElimina
  15. Ma se cosi fosse, come lo descrivi, questi signori avranno un bel daffare con la Chiesa Vera nascente e fortemente crescente negli USA! ;)

    RispondiElimina
  16. Qui nella diocesi di Mantova si stanno costituendo le famigerate "unità pastorali". Motivo pratico per sopperire il calo (da parte loro) di vocazioni e (a detta del Vescovo) per adeguarsi ai tempi ( !? )
    Sta di fatto che su 168 parrocchie i Preti disponibili sono 197 dei quali 50 già oltre i 75 anni.
    Frati e monaci sono appena 24, 15 i seminaristi dei quali molti oltre i trent'anni ( quest'anno è prevista una sola ordinazione sacerdotale).
    Sono stati creati 11 diaconi permanenti con una preparazione teologica aghiacciante!
    La soluzione per il momento è di creare maxi parrocchie di 10.000 o più abitanti accorpando fra loro paesi confinanti con storie e realtà poco compatibili.
    Tutti questi sforzi tamponeranno la situazione per una decina d'anni e poi?
    Cosa accadrà quando altri 50 preti supereranno i 75 anni? Faranno parrocchie da 20.000 abitanti oppure chiederanno aiuto ai Tradizionalisti? Ma certo è che per fare questo occorre una buona dose d'umiltà da parte loro. Ammettere d'avere fallito non piace a nessuno, doverlo ammetterlo ad un Prete tradizionalista poi...

    RispondiElimina
  17. Aiuto ai tradizionalisti?????

    MAI!

    Preferiscono estinguersi piuttosto che capitolare.

    E a noi può anche andar bene così.

    Ma l'estinzione non è dietro l'angolo.

    Ancora molte unità pastorali dovranno essere create............

    E con la crisi che c'è ci si permette di mandare in pensione i vescovi a 75 e più o meno a quell'età pure i parroci.

    Comunque pure questa norma dei 75 anni ha il suo lato positivo: mettere fuori gioco neomodernisti che altrimenti avrebbero imperversato per altri 10 /20 anni.

    Come la ridicola norma degli 80 anni per i cardinali: fu pensata e voluta per mettere fuori gioco i cardinali più "tradizionalisti", ma ora può essere utile per mettere fuori gioco gli scalmanati del postconcilio.

    A proposito, sapete con quale motivazione fu presentata quella norma?
    Sollevare i cardinali anziani dal "peso gravoso" dell'elezione papale!
    Certo i conclavi (fino al 1978) non erano una scampagnata o una gittarella fuori porta: erano faticosi e scomodi (mica per caso: ma per costringere i cardinali a sbrigarsi). Ma di conclave nei secoli scorsi non risulta esser morto nessuno. E se in passato  son riusciti a portare il peso dell'elezione papale vecchissimi cardinali (nel XX secolo, e nel XIX, e nel XVIII secolo etc) non si capisce perché i cardinali odierni  non sarebbero più in grado di portare ilmedesimo peso.

    Ehhhh, caro Paolo VI, una scusa meno ridicola era così difficile da trovare?


    bonne nuit  tout le monde

    RispondiElimina
  18. sì, è l'ex Seminario minore di Padova, a Tencarola. Un edificio enorme che negli ultimi anni era praticamente deserto ( con intere ale chiuse). Ora è stato venduto ( e abbandonato) e il Seminario si è trasferito nell'ex seminario minore dei Domenicani ( edificio certo più bello sotto molti aspetti).

    RispondiElimina
  19. Cari amici, il 3 luglio a Ars saranno ordinati 10 sacerdoti  e 15 diaconi della Comunità San Giovanni,col Card.Caffarra, secondo il rito ordinario. E fino all'anno scorso il ramo contemplativo femminile, della stessa famiglia religiosa, contava sempre almeno una decina di consacrazioni. Certo in Italia non sono ancora molto conosciuti,ma non é solo col VO che ci sono vocazioni, anche se sono molto piu' rare.
    Mi permetto anche di dire che se le suore della bella foto sono novizie,allora fanno la professione temporanea.Se viceversa sono professe temporanee,allora fanno la professione perpetua. Non c'é un VO per il Codice di Diritto Canonico.

    RispondiElimina
  20. Nobis quoque peccatoribus20 maggio 2010 02:26

    Caro Anselmo d'Aosta,

    quanto scrivi rientra pienamente nei piani umani dei neoterici, senza fare i conti con Cristo Signore.

    La realizzazione di tale piani significherebbe che il Signore ha scelto di castigarci a dovere. Quindi continuiamo con novene, preghiere e una vita il piu' possibile santa.

    FdS

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anselmo d'Aosta ha avuto ragione, parbleau!

      Elimina
  21. Niente di cui stupirsi, è evidente che gli ordini che evitano il conciliabolo hanno le vocazioni in quanto ordini cattolici. 

    RispondiElimina
  22. Io so che uno dei motivi per questa regola degli 80 anni fu per una questione di "lucidità mentale", perchè era capitato che diversi cardinali in conclave votassero persone già morte o cose del genere... il che è plausibile, anche se non tutti devono per forza diventare arteriosclerotici a 80 anni, no? ;-)

    RispondiElimina
  23. Mio zio, un padre oratoriano a Prato, diverse volte ha sollevato l'angosciosa questione di fronte ai "confratelli" diocesani. Il seminario di Prato è praticamente inesistente. Una diocesi senza seminaristi, è una dead church walking..

    Sapete la risposta, rilassata e strafottente: "Bhe, faremo venire preti dall'India, o dall'Africa.."

    Eh già!.. Ma che 'cce frega, ma che 'cce 'mporta!...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Solo che non hanno previsto l'imprevedibile (della serie "il diavolo fa le pentole ma non i coperchi"): in Africa sono molto più tradizionalisti degli Europei, loro sanno cos'è la Chiesa Militante!

      Elimina
  24. Dio benedica il Vescovo Finn e l'ICRSS di Kansas City (Canonico don Glenn Gardner). Anche l'ICRSS ha il suo ramo femminile in pieno sboccio di vocazioni: le Adoratrici del Cuore Regale. Tutte giovani!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A marzo a Firenze vi saranno 4 prime professioni dei voti e 3 ingressi solenni in noviziato secondo il rito tridentino fra le Adoratrici del Cuore Regale dì Gricigliano. Le vocazioni tradizionaliste da tutto il mondo abbondano!

      Elimina

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.