venerdì 26 marzo 2010

Settimana Santa a Campocavallo - Marche


Domenica delle Palme e la Settimana Santa
a Campocavallo di Osimo


L’organizzazione liturgica dei Francescani dell’Immacolata , che reggono il bellissimo Santuario della Beata Vergine Addolorata a Campocavallo, non smette mai di farci delle piacevoli sorprese.
.
.
DOMENICA DELLE PALME - 28 marzo
ore 16:00 - Santuario della B. V. Addolorata
.
rito della Benedizione delle Palme
a cui seguirà la Processione e la Santa Messa Solenne,
canti gregoriani a cura del Maestro Simone Baiocchi.
.
.
La particolarità della cerimonia di Domenica prossima, che inizia con la Processione, che commemora l'ingresso di Gesù in Gerusalemme, sta nella statio alla porta della Chiesa e nell'ingresso solenne in chiesa .
Durante la Santa Messa solenne il canto della Passione sarà eseguito in gregoriano da tre Sacerdoti.
.
SACRO TRIDUO della SETTIMANA SANTA
Cappella del Prodigio ( davanti al Santuario )

- Giovedì Santo 1° Aprile - ore 18:00 : Messa “ In Coena Domini”,
.......................... reposizione del Sacramento nel Santo Sepolcro;
- Venerdì Santo 2 Aprile - ore 17:00: Messa “dei Presantificati”;
.................................................... .....Adorazione della Croce e canto degli Improperi;
- Sabato Santo 3 Aprile - ore 17:00: Veglia pasquale;
........................................................Benedizione del Cero pasquale e canto dell’Exultet;
........................................................canto delle Lezioni; Messa Cantata della Risurrezione;
.
DOMENICA DI PASQUA DI RESURREZIONE DI N.S.G.C. 4 aprile
ore 16,45 : nel Santuario
aspersione con l’acqua benedetta durante la Veglia;
S. Messa solenne di Pasqua
.
.
.
Il Sacro Triduo pasquale, lo ripetiamo, sarà celebrato solennemente nella Cappella detta del Prodigio ( davanti al Santuario attuale ) dove l’Immagine della Santa Vergine Addolorata da quella chiesetta rurale volle, nel giorno del Corpus Domini del 1892, più volte aprire gli occhi mostrando la Sua amorevolezza a delle persone, semplici ma dalla grande fede, della campagna osimana.
Imploreremo la Santa Vergine di rivolgere verso di noi, in ogni circostanza della nostra vita, “gli occhi tuoi misericordiosi” particolarmente verso i Sacerdoti, in questo anno Sacerdotale, verso la Chiesa e verso il Papa che è particolarmente avversato !
Ricordate questo passo dell’omelia del Cardinale Castrillòn Hoyòs al Pontificale di Campocavallo?
“I nemici più o meno manifesti di Gesù pare che vogliano fare del mondo come un'immensa corte di Erode, impegnati a scorgere una qualsiasi traccia di vita cristiana per distruggerla radicalmente. A somiglianza del loro modello, dapprima sono ipocriti, poi spietati, Infatti inizialmente si mostrano nostri amici volendo far credere che essi tengono al decoro della vita cristiana e per ciò la vogliono sfrondata da ogni cosa che la deformi; poi si manifestano a viso aperto affermando che il cristianesimo soffoca l'autodeterminazione dell’individuo e per ciò lo combattono senza quartiere”
Preghiamo per i nostri Sacerdoti e per il Papa.

8 commenti:

  1. Perchè  nella Cappella del prodigio e non nella chiesa grande? Forse per non urtare i superiori? Anche qui la stessa ambiguità della intervista a padre Apollonio: nella chiesa  grande le funzioni novus ordo, nella dependence  i reietti. Non bisogna fidarsi di certa cente che sta con i piedi in due staffe.

    RispondiElimina
  2. "Deposuit potentes de sede,
    et exaltavit humiles"

    un po' di pazienza... il Signore è sempre con gli ultimi

    RispondiElimina
  3. quale Autorità26 marzo 2010 04:16

    <span> nemici più o meno manifesti di Gesù pare che vogliano fare del mondo come un'immensa corte di Erode, impegnati a scorgere una qualsiasi traccia di vita cristiana per distruggerla radicalmente.</span>

    RispondiElimina
  4. Andrea Carradori26 marzo 2010 08:18

    Va bene l'esortazione evangelica di " un cristiano".
    Intanto i potenti e despoti stanno sempre nei loro posti di "primi" ...
    Ora è il momento della preghiera e del silenzio.

    RispondiElimina
  5. Bravi campocavallini. Bello il carattere!

    RispondiElimina
  6. Ripeto quello che ho scritto ieri e che è "misteriosamente" scomparso dal blog. L'ambiguità rilevata nella intervista a padre Apollonio si rileva anche nel comunicato delle funzioni per il sacro triduo che vegono dirottate nella cappella del prodigio, mentre ,credo, nel santuario si celebrerà secondo il NO. C'è da far cadere le braccia. Cari frati dell'Immacolata non si può stare con i piedi in due staffe. Voi state dando un cattivo esempio.

    RispondiElimina
  7. Rutilio Namaziano26 marzo 2010 13:59

    Caro Ospite (o Peter)
    le staffe sono la Chiesa di Dio. Invece di essere coesi contro i nemici di Cristo, della Chiesa, del suo Supremo Pastore tu spingi alla divisione. Come fai ad essere così miope? Ti accorgi dei tempi tremendi che stiamo vivendo? Lo capisci che si cerca di distruggere la Chiesa ed il Papa?<span></span>

    RispondiElimina
  8. Andrea Carradori26 marzo 2010 14:29

    @ Ospite delle 12,52.
    Sono un fedele qualsiasi  assiduo nella frequentazione delle SS  Messe nel rito straordinario che vengono generosamente celebrate nel Santuario di Campocavallo dai PP Francescani dell'Immacolata : Santuario-Parrocchia.
    Senza scendere inutili cronistorie, che prima o poi verranno fuori ma non certamente in questo periodo di raccoglimento del tempo di Passione, debbo precisare con la massima chiarezza che i Francescani dell'Immacolata hanno accolto con vero spirito di padri , dimostrando una profonda carità cristiana, il gruppo stabile che all'ultimo momento si è rivolto loro per la celebrazione del Sacro Triduo.
    Giustamentre, essendo il Santuario sede di una popolosa Parrocchia, i PP dellì'Immacolata debbono celebrare i riti nella forma ordinaria.
    Il problema non è nei Francescani nell'Immacolata, ce ne fossero di frati e di preti così ...
    Il problema sta altrove di chi, scavalcando tutto e tutti , documenti del Magistero e persino i propri parroci, fa e disfà provocando dolorose ferite nel tessuto ecclesiale e costringendo famiglie e giovani di essere ospitati, all'ultimo istante, da coloro che degnissimamente chiamiano Padre e che altrettando mirabilmente dimostrano di essere figli del Serafico Santo di Assisi nonchè ispirati dagli insegnamenti di San Massimiliano Maria Kolbe.
    Vorrei ricordare all'Ospite, come a tutti i pazientissimi Lettori, che Campocavallo , di fatto, è l'unico Santuario in cui convergono i fedeli marchigiani.
    Pensate agli sforzi economici che debbono sopportare coloro che vengono da San Benedetto del Tronto, da Pesaro, da Fermo e, nel mio caso, da Tolentino.
    Siamo contenti di devolvere una parte dei nostri stipendi ai benzinai delle nostre città : lo scopo è nobilissimo, la frequentazione delle SS Messe tridentine e la guida spirituale dei PP Francescani dell'Immacolata fanno bene alle nostre anime piagate dai peccati.
    L'ampiezza delle vocazioni in soli due anni di messa stabile ( celebrate anche quando il nostro P.Matteo aveva la febbre alta...) sono il coronamento della santità dei Padri e della loro devozione.
    Come ci potremo sdebitare anche per questa ulteriore non prevista ospitalità ?
    Certamente con la preghiera e con la carità !
    L'ho scritto il tempo di Passione tradizionalmente ci invita tutti ad una pausa di silenzio e di rispetto.
    Verrà il tempo in cui, con la gioia della Risurrezione di Cristo nel cuore, potremmo dire ai Pastori che , all'ultimo istante, ci hanno cacciato : perchè non ci vuoi bene, cosa ti abbiamo fatto di male ?
    Un sincero ed enorme " grazie" ai Francescani dell'Immacolata di Campocavallo, nostri padri spirituali e nostre sicure guide nella preghiera e nella devozione !
    Visto che ci sono guardate questo video ...
    http://www.youtube.com/watch?v=E4Bm6mRZkxE

    RispondiElimina

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.