sabato 27 febbraio 2010

Si avvicina il concistoro


di GIACOMO GALEAZZI

I ministri vaticani Amato, De Paolis, Baldelli, Burke. Gli arcivescovi diocesani Dolan, Nichols, Léonard e altri quattordici presuli dei cinque continenti. Sono le nuove porpore di papa Benedetto. Secondo quanto si apprende in Vaticano, il terzo concistoro di Joseph Ratzinger dovrebbe aver luogo alla fine di novembre ed essere annunciato ad ottobre. Sarà il Papa a firmare l’elenco definitivo in cui fino all’ultimo potranno entrare e uscire i nominativi.
Le poltrone disponibili sono 19 più le cinque che si libereranno all’inizio del prossimo anno quando altri porporati (Ruini, Panafieu, Vidal, Garcia-Gasco Vicente, Keeler) raggiungeranno gli ottant’anni e perderanno il diritto di entrare in conclave.
Nelle diverse zone del pianeta e nelle varie correnti ecclesiastiche, gli aspiranti cardinali sono molti, perciò alcuni resteranno al palo per non sbilanciare troppo sul versante geopolitico la mappa delle gerarchie ecclesiastiche da cui uscirà la Chiesa di domani. «Non può essere un concistoro tutto incentrato sull’Italia o l’Europa», spiegano in Curia.
Per dare «nuova linfa» al Sacro Collegio, considerato «il club più esclusivo del mondo», il Pontefice deciderà probabilmente di derogare al tetto massimo stabilito dalle norme vigenti di 120 cardinali elettori.
Il 27 gennaio il porporato canadese Ambrozic, arcivescovo di Toronto dal 1990 al 2006, ha compiuto 80 anni. Quindi, il Collegio cardinalizio risulta attualmente composto da 182 porporati, di cui 111 elettori. Nei prossimi otto mesi «out» altri 10 cardinali: gli americani Maida e McCarrick, gli italiani De Giorgi e Giordano, lo spagnolo Herranz, il neozelandese Williams, il francese Poupard, il siriano Daoud, il camerunese Tumi e il lettone Pujats.
Nel concistoro di novembre per la creazione di nuovi cardinali, dunque, i posti disponibili saranno almeno diciannove. E nei primi due mesi del 2011 cinque porporati compiranno ottanta anni. Gli ecclesiastici della Curia romana per i quali la porpora è scontata sono il ministro del Bilancio (De Paolis), Segnatura (Burke), Penitenzieria (Baldelli), Cause dei Santi(Amato), Ordine di Malta (Sardi), San Paolo fuori le Mura (Monterisi), Unità dei cristiani (Koch, imminente successore di Kasper).
Ad essi si aggiungono i nuovi responsabili delle congregazioni per il Clero, i Religiosi e i Vescovi la cui nomina verrà ufficializzata nei prossimi mesi al pari di quella dell’arcivescovo di Torino (in «pole position» il bertoniano Versaldi). Tra i capi dei Pontifici Consigli (cioè i ministri vaticani di seconda fascia per i quali la nomina cardinalizia non è «ex ufficio», automatica), sono candidati i responsabili della Cultura (Ravasi), Sanità (Zimowski), Immigrati (Vegliò), Testi legislativi (Coccopalmerio), Comunicazione (Celli). Considerati anche i tanti italiani in lista, alcuni di loro potrebbero essere rinviati al prossimo turno.
Inoltre, riceveranno la berretta rossa nelle diocesi gli arcivescovi Betori (Firenze), Romeo (Palermo), Marx (Monaco), Nycz (Varsavia), il cistercense Tempesta (Rio de Janeiro), Dolan (New York), Nichols (Westminster), il primate di Spagna Rodriguez Plaza (Toledo), Léonard (Buxelles), Duka (Praga). Nell’elenco papale potrebbero figurare anche Collins (Toronto), il salesiano milanese Fanizzi (Montevideo), Ranjith (Colombo),Pasinya (Kinshasa),Bakot (Yaoundé), Lwanga (Kampala), Okada (Tokyo), Maung Bo (Yangon), Twal(Gerusalemme).

Fonte: La Stampa, 27 febbraio 2010, via Amici Papa Ratzinger

63 commenti:

  1. Mi auguro che Mons. Ravasi non riceva mai la porpora, se non quando avrà compito 80 anni è sarà divenuto inoffensivo.
    Altra cosa: come mai nella lista dei "cardinabili" non viene menzionato l'arcivescovo di Utrecht e primate d'Olanda (non ricordo come si chiama, ma so che è un valido prelato, discretamente legato alla tradizione)? Forse la sua non è una sede episcopale di diritto cardinalizio? Spero che qualcuno mi possa rispondere. Grazie.

    RispondiElimina
  2. NO! Manca Mons. Filoni, sostituto nella segreteria di stato del Vaticano,protettore dei neocatecumenali e stretto collaboratore del Papa e nemico occulto della TRADIZIONE. Suggeriamo al nostro amato Benedetto XVI di promuoverlo, così perderà l'indiscusso e oscuro potere che si è conquistato per la bontà del Sommo Pontefice e del card. Bertone, ... alla fine si troverà qualcuno capace di risolvere i problemi anzichè crearli ... Preghiamo!

    RispondiElimina
  3. L'eventuale avanzamento di carriera di Filoni sarebbe certo una iattura. Speriamo e preghiamo perchè a nessuno venga in mente di promuoverlo, soprattutto a quel furbetto di Bertone, che mi pare alquanto miope quanto a nomine (basti pensare a Versaldi suo candidato per Torino, bah!).

    RispondiElimina
  4. Il Primate d'Olanda si chiama mons. Wim Eijk, e anche a me stupisce non ci sia. Mi pare che Utrecht (la Diocesi di cui è Vescovo) sia sede Cardinalizia.

    RispondiElimina
  5. Sì, Utrecht è sede cardinalizia (basti pensare ad Alfrink e Simonis). Se mons. Eijk non è stato incluso nella lista è per una svista del giornalista oppure perché si attende che Simonis ne compia 80. Vedo che non c'è neppure un prelato trad-friendly come Vigneron di Detroit. Infine Dio ci preservi dalla nomina di Ravasi, Romeo e Piero Marini.

    RispondiElimina
  6. Anselmo d'Aosta27 febbraio 2010 18:47

    Dio ci liberi dalla nomina di Romeo .    Vi ricordate le sue malefatte?
    Quando era nunzio in italia, inviò una missiva a tutti i vescovi per fare un certo "referendum" su chi doveva essere a parere della base ( democrazia :La Chesa siamo noi) il Presidente della CEI. Naturalemte un anti ruiniano..... Risultato...fu cacciato e promosso arcivescovo di Palermo!

    E nella CEI? All' uscita del MP "Summorum pontificum" fece in sede di riunione il diavolo in quattro contro il papa.

    Così arrivò palermo: Povera Palermo!

    Per il festino di Santa Rosalia, il clero palermitano ha lanciato un messaggio chiaro e forte : lo lasciò solo nella processione con le reliquie della Santuzza. La processione ricorda la liberazione della peste di Palermo. 
    Preghiamo il Signore per intercessione delle sante Lucia, Agata e Rosalia che non venga imposta la berretta cardinalizia. In conclave sarebbe un  bel problema gestire quella "piovra". 

    RispondiElimina
  7. Esprimo tutta la mia sorpresa nel vedere nella lista dei neo-porporati Romeo, Arcivescovo di Palermo, nemico giurato del MPSPC
    :'(

    RispondiElimina
  8. galeazzi non è il Santo Padre e questa lista non è ufficiale. Potrebbe essere benissimo che il Papa rompa le consuetudini, e magari non dia la porpapora nè a lui, nè a betori; e meno che mai la dia a ravasi. Ricordon a tutti che NON ESISTONO SEDI CARDINALIZIE, esistono solo consuetudini, per nulla coercenti. Viva Burke cardinale, viva Burke Papa!

    RispondiElimina
  9. non esistono sedi cardinalizie, esiste solo la prassi di creare cardinali gli arcivescovi di alcune diocesi "importanti".

    RispondiElimina
  10. niente...di nuovo........questi signori...fanno la bella vita!!!!

    RispondiElimina
  11. <span>nvece che stracciarci le vesti per la possibile elevazione a cardinale di quello o di quell altro progressista, perchè non pregate Iddio, ma seriamente però, che il Papa crei cardinali solo i vescovi più ortodossi? avete forse dimenticato la potenza della preghiera? Dio ci ascolta. Voglio raccontarvi questo: nella mia diocesi, Piacenza, si facevano 2 nomi per il nuovo vescovo: DE SCALZI, l abate o GIANNI AMBROSIO... allora ho pregato fortemente san Pietro perchè mandasse Ambrosio, che era ed è vicino alla tradizione, e ho acceso un grosso cero dinanzi la statua del santo, e pensate che il candelabro che lo sorreggesse fu fatto mettere dal parroco di quella chiesa, un liturgista di santa giustina, a cui avevo detto che lo accendevo  per una causa grave :-D ... ora, io non voglio pretendere che Iddio mi abbia ascoltato ed esaudito, ma sapete chi è adesso vescovo di Piacenza? </span>

    RispondiElimina
  12. Da come scrivono certi giornalisti, sembrerebbe che il Cardinalato sia divenuto un diritto e che non sia più, invece, un privilegio che il Papa può o meno conferire. Se, ad esempio, l' attuale arcivescovo di Palermo, non ha meritato la porpora nell'ultimo concistoro, non vedo perchè dovrebbe averla ora, visto che va sempre nella stessa direzione. Ricordo, a questo proposito, quando Giovanni Paolo II  dovette fare marcia indietro, infatti, dopo aver escluso al'arcivescovo Karl Lemann dalla lista dei "neo-cardinali", a causa delle proteste  provenute da certi ambienti germanici dovette rettificarsi, includendolo.

    RispondiElimina
  13. Ciccio di Palermo27 febbraio 2010 21:28

    può stare tranquillo galeazzi, Romeo a breve va in pensione con nessuna berretta rossa in testa. A casa, torna a casa tua romeo.

    RispondiElimina
  14. a oggi direi che è possibile pronosticare che nel prossimo concistoro riceveranno la berretta, per l'ufficio che ricoprono solo i seguenti Arivescovi:
    S. Ec. Rev.ma mons. Angelo Amato, Prefetto Congregazione delle Cause dei Santi
    S. Ec. Rev.ma mons. Fortunato Baldelli, Penitenziere Maggiore della Penitenzieria Apostolica
    S. Ec. Rev.ma mons. Raymond Leo Burke, Prefetto del Supremo Tribunale della Segnatura Apostolica
    S. Ec. Rev.ma mons. Francesco Monterisi, Arciprete della Basilica Papale di San Paolo fuori le Mura
    S. Ec. Rev.ma mons. Velasio De Paolis, Presidente della Prefettura per gli Affari Economici della Snta Sede
    S. Ec. Rev.ma mons. Paolo Sardi, pro-Patrono del Sovrano Militare Ordine di Malta

    RispondiElimina
  15. Speriamo che non succeda, Romeo e' un nemico giurato del Motu Proprio.
    Quando iniziarono le celebrazioni delle Messe Tridentine a Palermo, il porporato chiamo' in curia il Sacerdote ed in quelle 2 ore di colloquio tento' di dissuaderlo in tutti i modi dalla malsana idea di dire la Messa Antica, ma non ci riusci'.

    RispondiElimina
  16. Andrea Carradori28 febbraio 2010 09:50

    Vediamo se fra le prossime nomine cardinalizie compariranno anche :

    - l'Eccellentissimo Redattore di Messainlatino
    - L'Eccellentissimo Redattore di Maranatha
    - L'Eccellentissimo Redattore di Rinascimento Sacro
    - L'Eccellentissimo Prof. Dante Pastorelli.

    L'assoluta fedeltà alla Chiesa, la sofferenza e la dedizione che quotidianamente questi Eccellentissimi riservano per l'affermazione del Magistero della Chiesa, contro le mode transeunte, saranno evidenziate con la consegna della berretta cardinalizia.

    RispondiElimina
  17. Ciccio Palermo, se quello che mi dici è vero, sono felicissimo!
    :-D
    Ma chi verrà a Palermo al posto suo? *DONT_KNOW*

    RispondiElimina
  18. DANTE PASTORELLI28 febbraio 2010 12:17

    Però io vorrei anche il galero e le conigliette reggi-coda.

    RispondiElimina
  19. <span>Approfittando della fotografia che illustra l'articolo, vi invio questo link a ebay, dove si può leggere una divertente descrizione dell'articolo in vendita.</span>
    http://cgi.ebay.es/COSTUME-of-PRELATES-Nainfa-Traditional-Vestments-1909_W0QQitemZ280470967445QQcmdZViewItemQQptZLH_DefaultDomain_0?hash=item414d5f5495

    RispondiElimina
  20. E' bene sottolineare che è ora di finirla di parlare di "sedi cardinalizie" o di "uffici di curia cardinalizi": finché si procede così non si va verso il meglio, ma verso il peggio. Certe diocesi "cardinalizie" sono le più malmesse come vocazioni, e i vescovi stanno a guardare senza far nulla....peché allora fare cardinali questi? Non ci sono persone più meritevoli, magari in diocesi più piccole?

    RispondiElimina
  21. Andrea Carradori28 febbraio 2010 13:15

    @ Per l'esimio Prof. Pastorelli
    Le "conigliette reggi coda" non fanno parte della tradizione della Chiesa, come Ella sa bene.
    Nihil innovetur, almeno da parte nostra...
    Magari al posto dei porta-borse si potrebbero assoldare dei caudatari, giovanotti in possesso della  laurea in teologia o in liturgia ( tanto sono disoccupati...)

    RispondiElimina
  22. Andrea Carradori28 febbraio 2010 13:19

    <span>Dimenticavo una nomina importante</span>.
    Tanto siamo abituati ai "ripescaggi" tardivi (ricordate la nomina "aggiuntiva" del Card. Kasper ) ?
    L'Eccellentissimo Redattore di Fides et Forma ( che ultimamente è stato visto, e fotografato, intra moenia...)

    RispondiElimina
  23. Cardinale mancato = attapirato28 febbraio 2010 14:23

    Ci hanno fatto sapere che terminata la consegna delle sacre berrette cardinalizie a quelli che , come me, non avranno ricevuto la Porpora Cardinalizia, per mancanza di sponsor laici o di riviste prestigiose a-cattoliche..., sarà consegnato dal Camerlengo di Santa Romana Chiesa il "Tapiro d'oro".
    Neppure la soddisfazione di essere "attapirati dal Papa" ...
    Bisogna accontentarsi del Camerlengo.
    Fra gli attapirati del prossimo concistoro anche tutti coloro che hanno creduto che il Motu Proprio Papale potesse essere attuato in tutte le Diocesi del mondo, anche in Italia.
    A questi sarà aggiunta anche una particolare qualifica di " inguaribile credulone " che sarà direttamente impressa nella base del Tapiro d'oro.
    A.D. MMX

    RispondiElimina
  24. Puoi dirci quali furono i motivi di attrito del clero palermitano con il vescovo Romeo? purtroppo devo dire che l'atteggiamento del papa è stato ambiguo: ok, mi hai fatto le scarpe e io ti mando in una diocesi cardinalizia! non era meglio se prendeva il posto di Bregantini a Locri o nella diocesi in Molise dove l'hanno spostato?

    RispondiElimina
  25. E io ricordo, purtroppo, che dopo l'allontanamento causa protezione ai neocat, il pontefice attuale ha promosso alla porpora cardinalizia anche Cordes... temo che anche Romeo e Filoni lo saranno. Bello, questo atteggiamento: pregate per me, perché sappia resistere ai lupi, io intanto li promuovo!

    RispondiElimina
  26. Un prete "con le palle" finalmente! e tutti gli altri? mica possono sospendere a divinis un prete che celebri la messa di sempre anche contro il parere del vescovo! al massimo lo spostano in un paesello di montagna, ma nel 2010 tutti hanno l'automobile e possono scendere a celebrare anche in città.

    RispondiElimina
  27. Anche Vingt-Trois non l'aveva meritata nel 2006, causa opposizione al motu proprio. il papa gliel'ha concessa nel 2007. così Cordes.

    RispondiElimina
  28. Non ci sono anche preti più meritevoli e santi di quelli che vengono elevati all'episcopato?

    RispondiElimina
  29. Facciamo bene a prenderla sul ridere. Altri invece smetteranno i loro sorrisi farisaici davanti al Giudizio dell'Eterno.

    RispondiElimina
  30. Qualcuno parla che a   Palermo verrà il ruiniano Antonio Staglianò .  Ma in corsa ci sono altri buoni vescovi...un po allineati con il PD ma sempre buoni vescovi. 

    RispondiElimina
  31. Caspita! La crème de la crème.....

    RispondiElimina
  32. Mi sa che come caudatario ti dovrai contentare di Piero Marini, che farà confezionare una bella cappa magna fucsia in poliestere filettato di lamè dai cinesi di Prato e un sombrero di velluto cremisi. :-D :-D

    RispondiElimina
  33. Va bene il totocardinale, è un passtempo come un altro. Ma Avendo avuto papi ultraottuagenari Benedetto XVI non potrebbe abolire questa iniqua norma dettata da Paolo vi per quanto riguarda i cardinali elettori e quella dei 77 per i vescovi diocesani? C'è una pletora di vescovi emeriti depressi e non mi pare giusto. La permanenza nella guida di una diocesi dovrebbe riguardare  solo problemi di salute gravi o dimissioni volontarie.

    RispondiElimina
  34. @Ciccio di Palermo: Romeo è del '38, quindi rimarrà a Palermo almeno altri tre anni! :'(

    RispondiElimina
  35. Preghiamo perché al posto di Romeo a Palermo venga Mons. Oliveri! O:-)

    RispondiElimina
  36. Anselmo d'Aosta1 marzo 2010 13:25

    Perchè il papa vine a Palermo?

    Perchè Romeo, mostrerà una Chiesa che non "è" per un giorno parola d'ordine è: allineati e coperti........ ma dopo che Benedetto XVi con il seguito (primo tutti Guido marinI) avrà laciato Punta Raisi, tutto dovrà tornare come prima....... allora bisognerà cambiare "perchè tuto rimanga come prima" (IL Gattopardo -)

    E così ci prepariamo alla visita del Pap....val bene per un giorno il crocifisso sopra l'altare...val ben per un giorno i cnaeliri sopra l'altare..... ma dopo....la Croce ritorni in un cantuccio e noi solo NOi saremo i protagonisti della messa.......... solo Noi saremo a cui "le pecore" dovranno ubbidire.... e se qualcuno, se qualcuno oserà alzare la voce...sarà schiacciato.......

    Voglio la beretta..........voglio la beretta...... volgio la beretta........ e quindi a tutti i costi ingoierò i rospi che don Guido Marini  mi darà......... attenti a non fare falsi passi. Dopo, solo dopo che avrò la beretta srò IO e solo IO a comandare, la Chiesa di Sicilia. 

    RispondiElimina
  37. Sì, va bene! E perchè non  anche a Giuliano Ferrara, Emilio Fede.........la sora Peppa etc...?

    RispondiElimina
  38. State pur tranquilli che Romeo, Ravasi e company saranne fra i cardinali eletti nel prossimo concistoro.E perchè non anche Forte?  Preghiamo lo Spirito Santo perchè illumini il papa nella scelta dalla quale dipenderà il futuro della chiesa.

    RispondiElimina
  39. Ferrara è più Cardinale di molti cardinali...esempio? Martini, Tettamanzi...ne volete altri? Pronta la lista!
    Matteo Dellanoce
    PS e per fortuna che tra i cardinalabili non ci sono Bianchi, Mancuso ed i vivailconcilio group!

    RispondiElimina
  40. ...ma Dio è Onnipotente; Egli vede e provvede! Confonderà gli stolti.

    RispondiElimina
  41. Ho dimenticato  Bruno Vespa !!!

    RispondiElimina
  42. Preghiamo perchè Benedetto XVI non fugga davanti ai lupi !!!!! Altrimenti si farà pecora .........e chi si fa pecora davanti al lupo, il lupo..... se la mangia!!!

    RispondiElimina
  43. DANTE PASTORELLI1 marzo 2010 23:13

    Beppina, la ex moglie di Cossiga?

    RispondiElimina
  44. DANTE PASTORELLI1 marzo 2010 23:15

    però come dispensator di tapiri meglio Staffelli.

    RispondiElimina
  45. DANTE PASTORELLI1 marzo 2010 23:17

    Ma tu pensa ad Aosta. A Palermo comandano i siciliani.

    RispondiElimina
  46. DANTE PASTORELLI1 marzo 2010 23:18

    Ma vuole anche la collaborazione!

    RispondiElimina
  47. noto con sommo dispiacere che il problema maggiore è tutto legato ai riti e non alla Carità. Bastasse una messa in latino piuttosto che in italiano risolveremo la salvezza dell'uomo in un'ora circa. ma il giudizio sarà sulla carità. E poi non perdiamo di vista che la chiesa è di Cristo fondata su Pietro e non da Pietro. Infine personalmente ad un anonimo ministro che celebra secondo l'antica tradizione, preferisco un Ravasiche ha il dono dello spezzar la Parola come pochi

    RispondiElimina
  48. Corpo frantumato2 marzo 2010 07:32

    <span>eh, sì, dài....spezzare, come no...</span>
    <span>continuiamo con queste frasi fatte e strafatte, ripetute, riecheggiate acriticamente, passivamente, senza chiedersi da quali cattedre siano state ammannite!  
    con quali reconditi fini e origini prossimi e remoti !  
    Povera Parola del Signore, il Quale ha detto di essa: "Non sia cambiato uno iota!", mentre qui si riipete,  come fanno tanti i "nuovi conciliari interpreti"....spezzarla in mille frantumi, metterla in un tritatutto "creativo", sottoporla spesso a fantasiose interpretazioni al passo coi tempi, assecondando il pensiero del mondo moderno....dopodichè la Parola di Dio, così come la Chiesa di Cristo, da 40 anni e ancora avanti, diventi sempre più  
    <span><span>un Corpo Mistico dilaniato in</span></span>  
    <span><span></span><span><span>disiecta membra !</span></span></span></span>

    RispondiElimina
  49. Corpo frantumato2 marzo 2010 07:32

    <span>eh, sì, dài....spezzare, come no...</span>
    <span>continuiamo con queste frasi fatte e strafatte, ripetute, riecheggiate acriticamente, passivamente, senza chiedersi da quali cattedre siano state ammannite!  
    con quali reconditi fini e origini prossimi e remoti !  
    Povera Parola del Signore, il Quale ha detto di essa: "Non sia cambiato uno iota!", mentre qui si riipete,  come fanno tanti i "nuovi conciliari interpreti"....spezzarla in mille frantumi, metterla in un tritatutto "creativo", sottoporla spesso a fantasiose interpretazioni al passo coi tempi, assecondando il pensiero del mondo moderno....dopodichè la Parola di Dio, così come la Chiesa di Cristo, da 40 anni e ancora avanti, diventi sempre più  
    <span><span>un Corpo Mistico dilaniato in</span></span>  
    <span><span></span><span><span>disiecta membra !</span></span></span></span>

    RispondiElimina
  50. DANTE PASTORELLI2 marzo 2010 07:53

    Nella fretta si commettono tanti strafalcioni.

    RispondiElimina
  51. DANTE PASTORELLI2 marzo 2010 08:03

    Esiste una carità senza la fede?Il rito esprime le Fede, il rito forma rettamente i fedeli.

    Se fosse risolvibile in un'ora il problema del rito che esprima integralmente la Fede Cattolica, non sarebbero passati già 40 anni e ne dovranno passare chissà quanti altri. E non saremmo ancor qui ad attender la riforma della riforma.

    Il valore della Messa non dipende dalla cultura o dalla capacità comunicativa del sacerdote.

    RispondiElimina
  52. Anselmo d'Aosta2 marzo 2010 16:21

    Chiedo scusa per gli errori di ortografia.......starò più attento.....ma perdonatemi....ho rabbia, rabbia,....... Da siciliano mi domendo: come mai in Sicilia vi è solo un esempio raririssimo di messa secondo il V.O.?E nelle altre diocesi cosa succede? Credete che veramente non c'è una sola persona che non ami la messa V.O. ?

    Solo un siciliano può capire il dramma della terra di Sicilia.
    Nessuno ha più il coraggio di alzare la testa..........ormai ci si guarda attentamente di tutto e di tutti.

    Le direttive nella C.E. SI. sono state chiare e precise: assolutamente scoraggiare , anche con metodi forti e duri , quei sacerdoti che desiderano celebrare secondo il messale di papa Giovanni XXIII (edizione 1962).

    Nei seminari i liturgisti usciti tutti da una scuola di Brandolini -Bugnini-Marini insegnano con  poche parole che non si deve e non si puà celebrare quella messa.  

    RispondiElimina
  53. Ma è vero che Ravasi contesra la storicità dei Vangeli e se si come mai il papa lo ha  preposto al dicastero della cultura cattolica?

    RispondiElimina
  54. Ciccio di Palermo2 marzo 2010 22:34

    non ha più la forza e la voglia di restare, si mette in pensione anticipata, approfitta dello scivolo.

    RispondiElimina
  55. Ciccio di Palermo2 marzo 2010 22:34

    magari.

    RispondiElimina
  56. Ciccio di Palermo2 marzo 2010 22:36

    difficile mi sembra, romeo è cotto fisicamente. non si regge in piedi.

    RispondiElimina
  57. <span><span>Veda, signora, in fondo la Chiesa non è minimamente toccata da cose come queste, anzi, vi è anche abituata.</span></span>
    <span><span> <span>La Chiesa è santa al di là delle miserie degli uomini di chiesa.</span>
     In duemila anni,  abusi ce ne sono stati</span> 
    <span>a non finire, ma non era mai accaduto che, come oggi, questi interessassero l’intero ecumene cattolico, a tutti i livelli, per tutti i Sacramenti, per di più con tanto di avallo della Santa Sede, sia esso espresso o tacito.</span> </span>

    RispondiElimina
  58. <span>La Chiesa è santa al di là delle miserie degli uomini di chiesa.</span><span></span>

    RispondiElimina
  59. pèpiè


    <span>La Chiesa è santa al di là delle miserie degli uomini di chiesa.</span><span></span>

    RispondiElimina
  60. <span>¿En qué estás pensando...?</span>

    RispondiElimina
  61. ospite - Milano_27 agosto 2010 18:46

    leggevo i commenti di alcuni "tradizionalisti" che di tale hanno ben poco! E' vergognos, è antievangelico che preti del 2010 si soffermino a pensare a rocchetti, cappe, galeri ecc. Questo esprime il vuoto di questi preti che si nascondono in sacrestie pensando agli orpelli della fede! Spiegatemi nelle vostre discussioni dove sta Gesù Cristo, spiegatemi se mai la gente a cui siete stati mandati come pastori vi chiederà mai ciò che voi nelle vostre sterili e vuote disquisizioniproponete.
    Ma non vedete che il mondo protestante avanza, che la gente ha sete di Dio e non delle vostre povere beghe da quattro comare frustate. La Chiesa di Cristo non è questa, vi auguro che nel vostro cammino possiate conoscere Dio.

    RispondiElimina
  62. Le informazioni date sono assolutamente false e fuorvianti dettate esclusivamente da ignoranza e mala fede; ad Acireale ( sarà un caso ma è la diocesi del nuovoCardinale) si celebra la messa in latino ogni domenica nella chiesa di Sant'Antonino.
    Tanto si doveva per precisione.

    RispondiElimina

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.