sabato 14 novembre 2009

Anche gli ortodossi contro i giudici di Strasburgo (Apcom)


Roma-Atene, 13 nov.09 (Apcom) - La Chiesa Ortodossa greca ha chiesto a tutti i cristiani d'Europa di sostenere il ricorso contro la sentenza emessa dalla Corte europea dei diritti dell'uomo di Strasburgo contraria all'esposizione del crocifisso nelle classi della scuola pubblica in Italia. Lo riporta il sito web della Bbc. Secondo la Chiesa Ortodossa greca la sentenza relativa al caso italiano rappresenta un precedente, e per questo ha convocato un Santo Sinodo per la prossima settimana per mettere a punto un piano d'azione.


Fonte: Apcom


20 commenti:

  1. Deo Gratias una reazione più dignitosa e più incisiva - a livello internazionale - dello scarno e tiepido comunicato CEI, che oltretutto è più direttamente parte in causa!

    RispondiElimina
  2. sì ora voglio vedere se hanno il coraggio di scagliarsi anche contro la severa chiesa ortodossa (che non si lascia certo mettere i piedi in testa ed è più combattiva della nostra)

    RispondiElimina
  3. è più identitaria della nostra che non ha saputo custodire la splendida e perenne eredità dell Tradizione

    RispondiElimina
  4. della serie.....
    l'erba del vicino è sempre più verde.....

    RispondiElimina
  5. Il primo ministro greco quando si insedia giura sul vangelo davanti all'arcivescovo di Atene. Immaginate come hanno preso la sentenza di Strasburgo...

    RispondiElimina
  6. infatti: loro sono più identitari, consapevoli, gelosi della propria tradizione e della proprio fede.
    Sì, l'erba del vicino è più verde, anche perchè di nostra non ce n'è quasi più! ce l'hanno quasi tutta estirpata. e di erba a noi c'è rimasta solo quella mala.

    RispondiElimina
  7. ...è più verde perchè...:
    quando raccontavo alla nostra amica (badante rumena, di religione ortodossa) che nella chiesa Cattolica c'è stato un grande cambiamento negli anni '60, che ha voluto aggiornare la Liturgia ai tempi moderni, lei è trasecolata e ha detto:
    "Ma perchè mai...?
    Io penso che non è possibile questo! quando una cosa è SACRA, non possiamo cambiarla a nostro piacimento!".....
    .........

    vox populi

    RispondiElimina
  8. Filippo Burighel14 novembre 2009 17:14

    A questo punto, mi immagino le frotte di imbelli si lanceranno a dire che questi richiami "da crociati" non sono "buon ecumenismo".
    Ma se i cristiani divisi non si uniscono "ecumenicamente" almeno attorno a Cristo per cosa dovrebbero riunirsi?

    RispondiElimina
  9. Riiunirsi identitariamente intorno ad un vessillo. Suprema eresia. Il Gesù ridotto a bandiera di lotta politica revanscista.
    Invece di seguire l'Evangelo, dalla cui meditazione mi si è affacciato il fortissimo pensiero:
    Gesù è venuto ad abolire la RELIGIONE.
    Eppure quello che mi sembrava una personale opinabile comprensione,
    devo ascoltarlo da vegliardi ed insigni biblisti, Giuseppe Barbaglio e Sobrino in particolare ….
    Eppure in questo tempo di cristianesimo integrista ed apologetico,
    figlio di quel relativismo e nichilismo,
    che qualcuno finge di aver trovato su qualche pianeta alieno
    per lanciare nuove crociate
    tra gli uomini
    corre un brivido di gelo…
    e intanto molti si illudono…
    Ossa morte e orecchi chiusi alla profezia del Concilio.

    RispondiElimina
  10. Filippo Burighel14 novembre 2009 18:12

    "Lotta politica revanscista"?
    Questa dovevo ancora sentirla...

    RispondiElimina
  11. nuova era conciliare14 novembre 2009 18:25

    ...ah, è tornato quello che proclama la "profezia del Concilio"!
    ...cioè la profezia che tutte le altre profezie supera e annulla, e che Gesù Cristo era ancora ben lungi dal conoscere, perchè ne fu solo un lontano "precursore"!
    Bene, amici, dobbiamo deciderci a rifare i calendari dell'orbe cattolico datando la storia non più dall'anno 1 (nascita di Geù a Betlemme), ma dall'anno 1962:
    resettiamo dunque lo spazio-tempo universale cristiano,
    pronti tutti?

    RispondiElimina
  12. nuova era conciliare14 novembre 2009 18:30

    ...nascita di Gesù, eh...
    (già, ce ne vogliono far dimenticare perfino il Nome SS.mo di Nostro Signore, figurarsi se hanno a cuore le sorti del crocifisso, quella Croce che veneriamo dicendo:
    Adoramus te, Christe, et benedicimus tibi.
    Quia per SANCTAM CRUCEM tuam redemisti mundum !)

    RispondiElimina
  13. Gesù è venuto ad abolire la RELIGIONE
    ---------
    come, come?!
    Ma che, per caso ci siamo sintonizzati sulle ultime notizie di Radio radicale?
    Scommetto che a lei risulta che Gesù ha deciso di abolire soprattutto la religione cattolica e la Chiesa da Lui fondata, perchè la ritiene ormai superata, vero sig. Celestino?

    RispondiElimina
  14. Mentre ecco che cosa ci tocca di leggere su una rivista"cattolica" ...Jesus :

    http://www.finesettimana.org/pmwiki/uploads/Stampa200911/091114bartolomei.pdf

    RispondiElimina
  15. Filippo Burighel15 novembre 2009 01:03

    Luisa, lei ci porta la testimonianza del solito terzomondismo idiota di certe frange del clero progressista e dei loro collaboratori.
    Per questa gente la Chiesa dovrebbe essere una via di mezzo tra una ONG e la CGIL, con le Conferenze Episcopali sempre più ridotte a emuli ridicoli del Partito Comunista. Secondo loro andare a costruire un pozzo o una scuola in Africa li mette in pari col totale abbandono in cui lasciano le loro diocesi.
    Quando Nostro Signore ci ha detto di amare il prossimo non intendeva di guardare a chi soffre dall'altra parte del mondo fregandocene di chi soffro sotto casa nostra. Soprattutto non voleva che noi facessimo i piccoli ingegneri per i poveri ignorando di diffondere il Vangelo e i Sacramenti, magari persino lasciando che i nostri preti missionari si mettano a fare gli sciamani praticando circoncisioni tribali.

    RispondiElimina
  16. come spessissimo accade nei commenti si esce sempre dal seminato.
    che cosa interessano con il post tutti gli sproloqui qui di sopra scritti?
    invece di commentare la notizia... si è finisce per scrivere vacuità!
    vorrei riportare l'attenzione sul tema del post: l'unità della chiesa cattolica e ortodossa in difesa del crocefisso in Europa! COMMENTIAMO QUESTO!

    RispondiElimina
  17. E commentiamolo: qui nel blog abbiamo visto più volte atteggiamenti ostili al mondo ortodosso. C'è chi non perde occasione di sottolineare che si tratta di eretici e scismatici. Ci vorrebbe più tatto e più riguardo per chi su molti fronti sta combattendo al nostro fianco e in certi campi può anche darci qualche lezioncella (per esempio su come si preserva l'integrità della liturgia).

    RispondiElimina
  18. Per par condicio però aggiungiamo - e non è certo uno scoop - che all'interno del mondo grecortodosso c'è chi dice ancora peggio della Chiesa cattolica e del papa.

    RispondiElimina
  19. Gli ortodossi di buonsenso e i cattolici tradizionalisti di buon senso si intendono molto bene. Il fatto è che ogni tanto salta fuori qualche spaccone a dar via epiteti poco urbani, naturalmente in nome del rigore dottrinale.

    RispondiElimina
  20. Filippo Burighel15 novembre 2009 19:55

    Caro anonimo delle 12.01, non è la prima volta che leggiamo di preti e laici che si dicono cattolici (magari "adulti") e che si pronunciano apertamente contro il crocifisso nei luoghi pubblici.
    E francamente, non riesco a non vedere l'evidente comunione di atteggiamenti "orizzontali", relativistici e addirittura sincretistici tra questi soggetti e quelli che in giro per missioni, nel nome dell'abusata "inculturazione", si trasformano in una sorta di sciamani-stregoni vudu.
    Il problema del crocifisso è solo una parte di un problema ben più grande di cui ambienti del clero e loro seguaci laici mal guidati sono fiancheggiatori o persino co-artefici.

    RispondiElimina

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.