Post in evidenza

Clamoroso: il Pellegrinaggio a Chartres in diretta TV (olte che su YouTube) #NDC2024 #pentecoste2024 #pentecoste

SEGUI LA DIRETTA Qui sul canale YouTube di Notre Dame de Chretienté tutte le varie dirette.  - sabato 18 maggio a partire dalle ore 6:00 la...

venerdì 12 aprile 2024

Una Parrocchia troppo progressista per i Belgi nell’Arcidiocesi di Malines-Bruxelles?

Vi proponiamo – in nostra traduzione – la lettera numero 1022 pubblicata da Paix Liturgique l’8 aprile, in cui si continua l’analisi della disastrosa situazione della Chiesa cattolica in Belgio (ne abbiamo già parlato QUIQUI e QUI su MiL).
In particolare si racconta della (ex) Parrocchia di Buizingen, sottocomune di Halle nelle Fiandre, ora divenuta «comunità di fede» non più in Comunione con l’Arcidiocesi di Malines-Bruxelles (che si è caratterizzata per un atteggiamento ondivago), da tempo «laboratorio» di esperimenti pastorali e liturgici estranei alla Chiesa cattolica.
Il risultato di almeno due decenni di modernismo, in cui i sacerdoti conservatori sono cacciati e la prima religione nelle grandi città è diventata l’Islam.

L.V.


Il catastrofico mons. Luc Terlinden, Arcivescovo metropolita di Malines-Bruxelles e becchino della Chiesa cattolica in Belgio (Paix Liturgique, lettre n. 1019) [QUI su MiL. N.d.T.], ha deciso di espellere dalla Chiesa cattolica una «Parrocchia» eterodossa (debitamente finanziata dai contribuenti belgi, attraverso il finanziamento pubblico dei servizi religiosi), prima di fare una penosa marcia indietro una volta che la stampa fiamminga è venuta a conoscenza dell’argomento.

La Vlaamse Radio- en Televisieomroeporganisatie – l’emittente pubblica fiamminga – ha riferito il 26 marzo, ripresa e tradotta dal blog cattolico conservatore Belgicatho, che «l’Arcidiocesi di Malines-Bruxelles sta espellendo la Parrocchia Don Bosco di Buizingen dalla Chiesa cattolica». Buizingen è una frazione del Comune di Halle, nel Brabante fiammingo, alla periferia di Bruxelles, 15 chilometri a sud della stazione Gare du Midi.

E c’è una buona ragione per questo: «La Messa nella Parrocchia di Don Bosco si svolge da tempo senza sacerdote e spesso è guidata da donne. La chiesa viene utilizzata anche per altri scopi, come corsi di yoga e di danza», spiega l’emittente Vlaamse Radio- en Televisieomroeporganisatie, descrivendo una Parrocchia in gran parte protestantizzata – come era prevedibile, visto che alla fine del 2023 un membro dell’équipe liturgica ha espresso preoccupazione sulla stampa fiamminga per il rifiuto della Diocesi di Malines-Bruxelles di permettere a chiunque di celebrare i sacramenti.

Lezioni di yoga, nessuna iconografia religiosa e un banchetto in chiesa

Le foto della chiesa diffuse dalla stampa fiamminga non fanno pensare che si tratti di una chiesa cattolica: niente statue, niente vetrate, niente iconografia religiosa, muri di mattoni grezzi, un coro non propriamente sacralizzato – vi si tengono lezioni di yoga – e cuscini fino ai gradini dell’altare, che è una specie di stretto blocco di roccia grezza. Dall’autunno 2023, nella chiesa è stato aperto un «centro di sviluppo personale» e una biblioteca per bambini. I sessant’anni della Parrocchia (1963-2023) sono stati celebrati con una Messa e un banchetto con tavoli allestiti immediatamente all’interno della chiesa, per tutta la sua lunghezza, secondo le foto ancora diffuse dalla stampa fiamminga.

La Parrocchia diventerà ora una comunità di fede distinta, in gran parte separata dalla Chiesa cattolica. «Spero sinceramente che non sarà completamente al di fuori della Chiesa cattolica», afferma la coordinatrice Els Paridaens. «Ora si discuterà delle implicazioni legali e finanziarie. Sappiamo già che potremo continuare a utilizzare la chiesa. Ci hanno detto che la gente apprezza il nostro modo di operare. Ma per avere un posto nella struttura più ampia della Chiesa cattolica, dobbiamo essere una Parrocchia. Vorremmo essere una “chiesa laboratorio”, un progetto sperimentale in cui anche le persone possano trovare il loro posto».

Tra la Parrocchia «laboratorio» di Buizingen e l’Arcidiocesi di Malines-Bruxelles «l’acqua era troppo profonda»

Un altro titolo della stampa fiamminga, il quotidiano De Standaard, ha toccato questo argomento:

All'inizio della Settimana Santa, dopo una serie di colloqui, la Parrocchia di Buizingen ha ricevuto il messaggio finale dall’Arcivescovado di Malines-Bruxelles: a causa della «natura fondamentale delle differenze di opinione», la Chiesa di Don Bosco non può più continuare a esistere come Parrocchia nell’area di Halle.
Negli ultimi mesi, la Parrocchia e il Vicariato del Brabante fiammingo e di Malines si sono incontrati più volte per cercare di trovare una soluzione, ma le differenze si sono rivelate troppo grandi. «Ci siamo seduti insieme in modo costruttivo e rispettoso. Ma alla fine entrambe le parti hanno ritenuto che l’acqua fosse troppo profonda», spiega Laurens Vangeel, del Vicariato del Brabante fiammingo e di Malines.
È stata soprattutto «la visione della celebrazione e della presidenza dei sacramenti» (cioè il ruolo del sacerdote in occasione di nascite, matrimoni e funerali, tra gli altri) a costituire un punto di rottura per la Chiesa, secondo la comunicazione ufficiale che il quotidiano De Standaard ha potuto consultare.

Battesimi ed Eucaristia non validi?

Nel descrivere il problema in un altro articolo, l’emittente Vlaamse Radio- en Televisieomroeporganisatie pone delle domande a cui l’Arcidiocesi di Malines-Bruxelles si rifiuta di rispondere, in particolare sulla validità dei sacramenti celebrati:

I problemi sollevati dall’Arcidiocesi di Malines-Bruxelles riguardano «soprattutto il modo in cui si celebrano il battesimo e l’Eucaristia», spiega Luk Vanmaercke, ex caporedattore della rivista Kerk & Leven e ricercatore presso la Katholieke Universiteit Leuven.
Il battesimo viene eseguito da un sacerdote o da un diacono o quando i laici ricevono un mandato battesimale, ma non era questo il caso. Il battesimo è stato quindi eseguito da una persona non autorizzata dalla Chiesa.
La stessa cosa accade durante le celebrazioni eucaristiche. Queste possono avvenire solo sotto la direzione di un sacerdote, ma poiché nella Parrocchia di Buizingen non era presente alcun sacerdote, dobbiamo parlare di una celebrazione di preghiera. «Il nome è una piccola sfumatura, ma è importante per la Chiesa».

Sul sito della Parrocchia di Halle, alla pagina «liturgia»non si parla di un sacerdote, ma c’è questa proposta pastorale nella Chiesa di Don Bosco:

Ogni ultima domenica del mese, ad eccezione del periodo delle vacanze, è prevista una «Messa dei giovani» nella Chiesa di Don Bosco alle ore 10. Chiunque voglia partecipare può mettere il proprio nome e cognome. Chiunque voglia partecipare può segnare il proprio nome. Chi lo desidera può non solo preparare la celebrazione, ma anche condurla in prima persona. I temi possono essere scelti liberamente.

Più avanti, il gruppo di lavoro liturgico viene spiegato così:

All’interno di questo gruppo, facciamo in modo che qualcuno organizzi una celebrazione ogni fine settimana. Ognuno è libero di scegliere un tema. In periodi liturgici importanti come l’Avvento e la Quaresima, lo stesso tema viene esplorato per più domeniche di seguito.

Sono elencati anche i laici che celebrano regolarmente in Parrocchia:

Alis Lories, Els Paridaens, Marga Devalck, Mariël Berben, Nancy Speeckaert, Bart Vanvolsem, Freddy Steens, Jan Vereertbrugghen, Elke De Greef, Luc Christiaens, Jos Bellemans, Greetje Deroose, Kristel Stoffels, Rudy Kips, Katrien Moerman, Ilse Debelder, Eric Verdroncken e Marc Slootmans.

Modernismo, quante divisioni?

Tutto questo per un numero molto limitato di parrocchiani e di volontari, anche alla luce del crollo della Chiesa cattolica romana in Belgio e delle bassissime presenze in molte Parrocchie belghe, sia sul versante vallone che su quello fiammingo del confine linguistico: «La decisione, comunicata durante la celebrazione di domenica, è stata molto difficile da prendere per i 117 volontari e parrocchiani», spiega la signora Paridaens. Tra questi, come abbiamo visto, 18 celebranti che si alternano – uno ogni dieci parrocchiani.

Nelle prossime settimane la Parrocchia avrà dei colloqui con il Vicariato per definire la decisione. La Parrocchia di Don Bosco Buizingen è ora considerata una comunità o organizzazione di fede indipendente, informa la Diocesi. «Speriamo che questo dia un futuro al funzionamento della comunità di fede Don Bosco Buizingen e della zona pastorale di Halle, e che possano emergere nuove possibilità di cooperazione».


Sotto il patrocinio di un sacerdote impegnato nella lotta contro gli abusi sessuali

Sebbene la Diocesi di Malines-Bruxelles non abbia escluso di continuare ad aiutare questa comunità – a che titolo, tra l’altro? – c’è stato molto clamore mediatico, legato alla personalità di  Rik Devillé, ex Parroco, impegnato nella lotta contro gli abusi sessuali. «La comunità Don Bosco di Buizingen opera progressivamente da quindici anni. Tuttavia, la sua espulsione dalla Chiesa cattolica ha preso piede solo di recente. Rik è stato una fonte di ispirazione per noi e lo rimarrà per molte persone».

Tuttavia, Rik Deville non è più sacerdote dal 2009 – ben quindici anni, anche se in quel periodo aveva già «reso questa Parrocchia la più progressista delle Fiandre», secondo la stampa locale. E da allora, «la Parrocchia ha fatto a meno di un sacerdote», dice il quotidiano De Standaard. «Dalla liturgia domenicale ai matrimoni, le celebrazioni sono presiedute da laici. Ogni settimana, un membro diverso della chiesa guida il servizio. Anche le donne sono benvenute dietro l’altare».

In altre parole, non c’è nulla di cattolico in questa Parrocchia, che non è nemmeno affiliata alla sua Diocesi. Tuttavia, come sostiene l’emittente Vlaamse Radio- en Televisieomroeporganisatie, finché copriva solo il Distretto di Buzingen, nessuno si preoccupava degli eccessi di questa Parrocchia – tuttavia, le Parrocchie intorno ad Halle sono in procinto di essere accorpate nella stessa zona pastorale, una conseguenza del declino della Chiesa nella Diocesi in particolare e in Belgio in generale – così come si deve fare molto con molti meno sacerdoti e risorse; la cattiva gestione finora tollerata, le discrepanze finora tollerate vengono cancellate dalla mappa.

L’Arcidiocesi di Malines-Bruxelles fa una parziale marcia indietro, senza interrogarsi sulla radice del problema

Dopo che la stampa fiamminga ha affrontato l’argomento – e nonostante il fatto che la natura delle divergenze della Parrocchia con il magistero cattolico sia molto chiara – il Vicariato fiammingo dell’Arcidiocesi di Malines-Bruxelles ha voluto negare che la Parrocchia sia stata «portata fuori dalla Chiesa», senza negare la sostanza della questione. Questa pietosa marcia indietro fa pensare che questa vicenda belga continuerà a spese dei contribuenti ancora per qualche anno, prima di spegnersi del tutto…

In un comunicato stampa, l’Arcidiocesi di Malines-Bruxelles afferma:

Dopo approfondite consultazioni nel corso di diversi incontri nell’ultimo anno e mezzo, il Vicariato del Brabante fiammingo e di Malines (parte dell’Arcidiocesi di Malines-Bruxelles) ha stabilito con l’équipe parrocchiale di Don Bosco Buizingen che permangono importanti differenze, principalmente nella visione della celebrazione e della presidenza dei sacramenti.
Data la natura fondamentale delle differenze, l’Arcidiocesi di Malines-Bruxelles ha deciso che Don Bosco Buizingen non continuerà a esistere come Parrocchia nella zona pastorale di Halle. Don Bosco Buizingen può ora funzionare come comunità o organizzazione di fede indipendente. Il Vicariato del Brabante Fiammingo e di Malines e l’équipe di Don Bosco Buizingen continueranno a discutere sull’attuazione pratica di questa decisione.
Per garantire che le prossime discussioni tra il Vicariato e Don Bosco Buizingen si svolgano senza intoppi, non comunicheremo ulteriormente su questo argomento fino a quando tutti i dettagli della nuova struttura non saranno stati elaborati insieme.

In altre parole, quando tutto sarà a posto – e non avrà senso comunicare le legittime domande che i fedeli possono avere sulla validità dei sacramenti o sulla predicazione di questa «chiesa laboratorio».

«In Belgio, sono i sacerdoti conservatori a essere cacciati o scoraggiati con ogni mezzo»

Attualmente in Francia, ma proveniente da una Diocesi fiamminga, questo sacerdote belga si è commosso per la pubblicazione del ritratto di mons. Johan Josef Bonny, Vescovo di Anversa, molto pro-LGBT, da parte di Paix Liturgique (lettre 1014 e 1016) [QUI e QUI su MiL: N.d.T.]:

In Belgio, la Chiesa è un campo di rovine; e da due decenni a questa parte, il crollo sta raggiungendo le Fiandre, che avevano resistito alla scristianizzazione che aveva ampiamente colpito la Vallonia molto tempo prima. D’ora in poi, quando un sacerdote belga sarà un classicista – nemmeno un conservatore – sarà braccato e perseguitato, i leader della Chiesa belga sono i peggiori modernisti che si sono riprodotti, e o fuggirà in un altro Paese – ce ne sono in Olanda, Germania e Francia – o sarà scoraggiato con tutti i mezzi.

Fa un esempio.

C'è una storia di mons. Johan Josef Bonn, Vescovo di Anversa, che chiarisce il suo carattere. Nella sua Diocesi, un sacerdote non indossava la tonaca, ma solo abiti scuri e un clergyman. Si scontrò molto presto con l’ostilità degli altri sacerdoti, molto più anziani, e un giorno, ai margini di una riunione, mons. Bonny lo prese da parte e gli disse di punto in bianco: «Il tuo abbigliamento non ti dona affatto». Mons. Bonny rispose che non avrebbe dovuto vestirsi così, «per rispetto agli anziani che non lo fanno più». Dopo qualche altro anno di persecuzioni e meschinità, si è preso un anno sabbatico, e ora che fa l’autista di ambulanze non tornerà al sacerdozio.

Un sacerdote fidei donum della regione dei Grandi Laghi che attualmente lavora nel sud-est della Francia completa il quadro:

Sono andato a trovare uno dei miei cugini fidei donum in Belgio, nella parte francofona. Da allora, non mi sono mai lamentato della scarsa partecipazione alla Messa – anche se a volte celebro davanti a trenta o quaranta fedeli, la media delle presenze nella chiesa più grande della sua Parrocchia è di quindici persone, e in quelle più piccole di cinque o dieci. È come se la gente si fosse completamente allontanata e non fosse più interessata alla Chiesa, ai sacerdoti o alla salvezza.

Il risultato di decenni di modernismo, delle Diocesi belghe sepolte da Roger Joseph Vangheluwe, già Vescovo di Bruges – finalmente restituito allo stato laicale da papa Francesco, che non vuole sentirne parlare ogni volta che visita il Belgio quest’anno – dal card. Godfried Maria Jules Danneels, già Arcivescovo metropolita di Malines-Bruxelles (morto nel 2019), dal card. Jozef De Kesel, già Arcivescovo metropolita di Malines-Bruxelles, e ora da mons. Luc Terlinden, è che «nelle grandi città belghe, la religione numero uno praticata ora è l’Islam», dice il nostro sacerdote fiammingo che si è rifugiato in Francia. «La natura aborre il vuoto. Il finanziamento pubblico delle confessioni religiose mantiene una facciata decrepita, ma pur sempre un’illusione. Dietro non c’è niente e nessuno. La fine della Chiesa cattolica in Belgio è concepibile da un punto di vista umano – purtroppo, io la vedrò accadere».

Nessun commento:

Posta un commento

AVVISO AI LETTORI: Visto il continuo infiltrarsi di lettori "ostili" che si divertono solo a scrivere "insulti" e a fare polemiche inutili, AVVISIAMO CHE ORA NON SARANNO PIU' PUBBLICATI COMMENTI INFANTILI o PEDANTI. Continueremo certamente a pubblicare le critiche ma solo quelle serie, costruttive e rispettose.
La Redazione