Post in evidenza

Clamoroso: il Pellegrinaggio a Chartres in diretta TV (olte che su YouTube) #NDC2024 #pentecoste2024 #pentecoste

SEGUI LA DIRETTA Qui sul canale YouTube di Notre Dame de Chretienté tutte le varie dirette.  - sabato 18 maggio a partire dalle ore 6:00 la...

sabato 27 aprile 2024

"Il libro della Fiducia" di Raymond de Thomas de Saint-Laurent

Riceviamo e pubblichiamo.
L’unica Fiducia che importa e l’unica che ci piace. 
Luigi C.

Il libro della Fiducia, di Raymond de Thomas de Saint-Laurent

La fiducia è una grazia spirituale che può essere definita come una speranza rinvigorita dalla fortezza. La fiducia ci dà la certezza di essere esauditi nelle nostre preghiere e la prima cosa che dobbiamo chiedere è proprio la fiducia, che ci farà infallibilmente ottenere tutti i beni spirituali che chiediamo e anche quelli materiali, nella misura in cui non pregiudichino i beni spirituali, a cui tutto deve essere ordinato. L’immagine della Madonna della Fiducia che si venera nel Seminario romano ci esprime nel suo sguardo affettuoso e consolante questa verità: nulla è negato a chi nella Madonna confida. Tutto, in Lei e per Lei, ci è possibile.
Il canonico Raymond de Thomas de Saint-Laurent nacque a Lione il 7 maggio 1879 e morì l’11 novembre 1949 a Uzès. Dottore in Teologia e Lettere, fu cappellano della Gioventù Cattolica, Missionario Apostolico, Canonico della Cattedrale di Nîmes e cappellano del Carmelo di Uzès. Svolse anche una prodigiosa attività apostolica, distinguendosi come grande predicatore ed è autore di una vasta opera pedagogica e spirituale tradotta in diverse lingue.

Dettagli

Autore: Raymond de Thomas de Saint-Laurent
Edizione: Edizioni Fiducia
Anno edizione: 2024
Pagine: 77
ISBN: 978-88-86387-439



Nessun commento:

Posta un commento

AVVISO AI LETTORI: Visto il continuo infiltrarsi di lettori "ostili" che si divertono solo a scrivere "insulti" e a fare polemiche inutili, AVVISIAMO CHE ORA NON SARANNO PIU' PUBBLICATI COMMENTI INFANTILI o PEDANTI. Continueremo certamente a pubblicare le critiche ma solo quelle serie, costruttive e rispettose.
La Redazione