Post in evidenza

Clamoroso: il Pellegrinaggio a Chartres in diretta TV (olte che su YouTube) #NDC2024 #pentecoste2024 #pentecoste

SEGUI LA DIRETTA Qui sul canale YouTube di Notre Dame de Chretienté tutte le varie dirette.  - sabato 18 maggio a partire dalle ore 6:00 la...

lunedì 24 aprile 2023

Come ti distruggo il Rito della Messa: NOM e cattiva teologia

Esaminiamo in dettaglio il criterio e la logica che spinge papa Francesco e altri detrattori della Messa Tradizionale in latino (MTL) a limitare o addirittura cassare del tutto questo venerabile e antico Rito. Rimarrete anche voi con l'amaro in bocca!
"Nella breve storia del Novus Ordo, che cosa vediamo? Almeno in Occidente, vediamo un'apostasia di massa: milioni di cattolici, cresciuti nel Novus Ordo, hanno lasciato la Chiesa. Altrettanto preoccupante è il fatto che la maggioranza di coloro che ancora frequentano regolarmente il Novus Ordo sono eretici funzionali."
Questa traduz
ione è stata realizzata grazie alle donazioni dei lettori di MiL.
Luigi

Eric Sammons, Crisis Magazine, 30/03/2023 

L'argomento essenziale usato da Papa Francesco e da altri che desiderano limitare o addirittura vietare la celebrazione della Messa Tradizionale in latino si riduce al seguente: "Se un rito liturgico induce le persone ad abbracciare una cattiva teologia, allora

dovrebbe essere vietato". Dal momento che alcuni partecipanti alla Messa Tradizionale in latino starebbero abbracciando una cattiva ecclesiologia (cioè "tendenze scismatiche"), allora la stessa Messa dovrebbe essere rimossa, credono loro.

All'apparenza, questo è un argomento plausibile. Dopo tutto, una delle massime fondamentali del cattolicesimo è lex orandi, lex credendi, che significa che la legge della preghiera è la legge della fede. In altre parole, il modo in cui preghiamo e adoriamo influisce notevolmente su ciò in cui crediamo. Quindi, se una liturgia influenzasse una cattiva fede, dovrebbe forse essere sanzionata dalle autorità della Chiesa.

Tuttavia, esaminiamo questo argomento un po' più a fondo per quanto riguarda la situazione odierna e scaviamo nel solco della storia della Messa Tradizionale in latino, e facciamo lo stesso con la Messa del Novus Ordo.

Dopotutto, se un rito liturgico può essere incolpato per la cattiva teologia di alcuni dei suoi partecipanti, allora tutti i riti dovrebbero essere esaminati per assicurarci di rimuovere tutte le liturgie offensive.

La Messa Tradizionale in latino così come celebrata oggi è il risultato di uno sviluppo organico che è durato oltre un millennio. Il modo in cui tale Messa viene celebrata nel 2023 non è molto diverso da come il Rito romano è stato celebrato nel 1923, nel 1223 o nel 623. Milioni di cattolici sono stati formati nella loro Fede da questa Messa in tutto questo lungo periodo, compresi santi come San Gregorio Magno, San Tommaso d'Aquino, Santa Teresa d'Avila e San Massimiliano Kolbe.

Naturalmente, questa liturgia ha formato anche molti dei grandi eretici del passato, come John Wycliffe, Martin Lutero e Giovanni Calvino. In altre parole, il tradizionale Rito romano non ha una media di battuta del 100%, non ha prodotto solo credenti ortodossi. A causa della natura decaduta dell'uomo, ci saranno sempre quelli che frequentano una liturgia perfettamente ortodossa e finiscono ancora per professare l'eresia. Ma nel complesso, è difficile non rimanere impressionati da ciò che il Rito romano tradizionale ha prodotto; era il fondamento della Cristianità medievale, l'era più gloriosa e autenticamente cattolica di tutti i tempi.

Il Novus Ordo, va da sé, ha una storia molto più breve, essendo stato istituito nel 1970. Ora, per coloro che sostengono che il Novus Ordo sia semplicemente una riforma organica della Messa Tradizionale in latino, vorrei solo far notare che questa tesi non è ciò che stanno sostenendo coloro che vorrebbero limitare la Messa Tradizionale in latino. Stanno trattando il Novus Ordo come qualcosa di fondamentalmente diverso dalla Messa Tradizionale in latino; dopo tutto, stanno sostenendo che tale Rito sia dannoso per i fedeli (perché altrimenti vorrebbero limitarlo?), mentre il Novus Ordo non sarebbe tale. Stanno implicitamente (e talvolta esplicitamente) sostenendo che il Novus Ordo non abbia semplicemente riformato la Messa Tradizionale in latino: l'avrebbe proprio sostituita.

Ma nella breve storia del Novus Ordo, che cosa vediamo? Almeno in Occidente, vediamo un'apostasia di massa: milioni di cattolici, cresciuti nel Novus Ordo, hanno lasciato la Chiesa. Altrettanto preoccupante è il fatto che la maggioranza di coloro che ancora frequentano regolarmente il Novus Ordo sono eretici funzionali. Solo per fare un esempio: i sondaggi mostrano che quasi il 70% dei cattolici in America non crede nella Presenza Reale. Altri indicatori, come la diffusa accettazione tra i cattolici della contraccezione, confermano questa tragica realtà.

Ora, proprio come il tradizionale Rito romano ha prodotto qualche eretico come Martin Lutero nel mezzo di secoli di ortodossia diffusa, allo stesso modo il Novus Ordo ha prodotto santi nel mezzo di 50 anni di eresia diffusa. Naturalmente, poiché la Nuova Messa è così, come dire, nuova, ci sono solo pochi santi canonizzati in questa epoca, ma basti dire che molte persone sante hanno partecipato al Novus Ordo per tutta la vita o almeno per gran parte di essa.

Detto questo, se vogliamo stabilire lo standard secondo il quale "un rito liturgico che induce le persone ad abbracciare una cattiva teologia dovrebbe essere vietato", è difficile non vedere quale delle due liturgie dovrebbe essere messa sotto processo. I risultati contrastanti della Messa Tradizionale in latino e della Messa Novus Ordo, se messi fianco a fianco, sono chiari.

Per essere ancora più chiari, non sto discutendo qui a favore della restrizione o dell'eliminazione della Messa Novus Ordo. Sto discutendo contro la logica promossa dal papa e da altri per ridurre la celebrazione della Messa Tradizionale in latino. Questa logica attribuisce la colpa a presunti cattivi attori lontani dagli individui e contro una pratica che ha oltre mille anni di valore comprovato. I papi del XVI secolo avrebbero dovuto vietare il Rito romano tradizionale perché è stato quello in cui Lutero, Calvino e Zwingli erano cresciuti? Certo che no, un suggerimento del genere sarebbe stato assurdo. Ma in realtà, meno assurdo dell'idea secondo cui la Messa Tradizionale in latino di oggi dovrebbe essere vietata a causa di problemi avuti con alcuni cattivi YouTuber e tweeter.

Quando la Chiesa ha un problema con persone che stanno seminando il dissenso, essa dispone di un meccanismo per affrontarlo: affrontare gli individui e chiamarli a ritrattare le proprie opinioni problematiche, oppure accettare di essere scomunicate. Il fatto che i dirigenti della Chiesa oggi non lo facciano, ma dirigano invece la propria ira su un rito venerabile e comprovato della Chiesa suggerisce che il problema non è quello che affermano che sia.


3 commenti:

  1. C'è di più.. Lutero Calvino e Zwingli non sopportavano la Messa Apostolica e infatti l'hanno cambiata progressivamente nel culto che hanno adesso i protestanti. Comunque è vero: se ci sono persone che hanno strane idee e frequentano la Messa sia V. che N. la logica vuole che si affrontino quei casi e non sparare nel mucchio. Sennò si dovrebbero abolire sia la Messa V. che N. Perché se è vero che ci sono persone che frequentano solo la Messa V. e rifiutano il CVII, ci sono altrettante e anche di più, che frequentano la Messa N. e hanno idee che cozzano con la stessa Fede Cattolica..

    RispondiElimina
  2. Solo per fare un esempio: i sondaggi mostrano che quasi il 70% dei cattolici in America non crede nella Presenza Reale.

    sta parlando di un UN sondaggio, quello PewResearch, che ha ottenuto come risultato che il 69% di tutti i cattolici autodichiarati dice che il pane e il vino usati per la Comunione sono i simboli del corpo e del sangue di Gesù, mentre il resto dichiara che diventano veramente il suo corpo e sangue https://www.pewresearch.org/religion/2019/07/23/what-americans-know-about-religion/pf_07-23-19_religiousknowledge-00-05/

    peccato che i dati si invertano suddividendo il campione per pratica religiosa: il 63% di chi va a Messa almeno una volta alla settimana crede alla presenza reale https://www.pewresearch.org/wp-content/uploads/2019/08/FT_19.08.05_Transubstantiation_Most-weekly-Mass-goers-believe-transubstantiation-most-other-Catholics-do-not.png?resize=640,502

    lo studio è stato molto criticato per due motivi:
    - molta gente dichiara di andare a Messa ogni domenica, ma in realtà non lo fa
    - la domanda non era ben posta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Giusto far notare se un sondaggio è tendenzioso o le domande malposte. Tuttavia, se chiedessero ad esempio ad un campione di genitori se amano i loro figli, non credo che, per una cosa a cui tengono davvero tanto, il modo in cui è formulato il sondaggio riuscirebbe a cambiare i risultati di tantissimo...
      E quanto ai rispondenti che dicono di frequentare ma poi non lo fanno: non è forse un dato anche quello, che tra i credenti una buona parte non si senta più vincolato dal precetto festivo?

      Elimina

AVVISO AI LETTORI: Visto il continuo infiltrarsi di lettori "ostili" che si divertono solo a scrivere "insulti" e a fare polemiche inutili, AVVISIAMO CHE ORA NON SARANNO PIU' PUBBLICATI COMMENTI INFANTILI o PEDANTI. Continueremo certamente a pubblicare le critiche ma solo quelle serie, costruttive e rispettose.
La Redazione