Post in evidenza

Clamoroso: il Pellegrinaggio a Chartres in diretta TV (olte che su YouTube) #NDC2024 #pentecoste2024 #pentecoste

SEGUI LA DIRETTA Qui sul canale YouTube di Notre Dame de Chretienté tutte le varie dirette.  - sabato 18 maggio a partire dalle ore 6:00 la...

martedì 7 febbraio 2023

Fréjus-Toulon: un'altra diocesi (filotradizionale) commissariata dalla S. Sede. Tutte perfette, quelle "trad-free".

Ed eccone un'altra. Sarà un caso che venga commissariata un'altra diocesi in cui, accanto a vari movimenti laicali post vaticanosecondisti, il Vescovo abbia avuto zelo pastorale ANCHE per i cattolici tradizionalisti? 

Si vede che le diocesi "trad-free" sono tutte bravissime, bellissime, in gambissima, perfettissime. 
Facciamocene una ragione. 
 
Qui di seguito la traduzione del comunicato della diocesi, che conferma l'annuncio fatto dalla Nunziatura Apostolica in Francia (foto qui a fianco). 
Roberto 


COMUNICATO DELLA DIOCESI

"La Santa Sede, attraverso il Dicastero per i Vescovi, ha disposto una visita apostolica alla diocesi di Fréjus-Toulon che avrà inizio lunedì 13 febbraio 2023. Tale visita sarà compiuta da mons. Antoine Hérouard, arcivescovo metropolita di Digione, assistito di Mons. Joël Mercier , già Segretario del Dicastero per il Clero.

Questa visita apostolica offrirà l'opportunità di approfondire e proseguire il lavoro compiuto dal Cardinale Aveline durante la sua visita fraterna. Ciò consentirà così di avere una visione più ampia e chiara della situazione in cui si trova la diocesi di Fréjus-Toulon e di affinare il quadro delle decisioni prese dal suo vescovo, mons. Dominique Rey, a partire dal giugno 2022.

Per questo saranno ascoltati un gran numero di chierici e laici incaricati. Coloro che desiderano fornire una testimonianza scritta ai visitatori possono farlo a questo indirizzo: visite.apostolique@diocese-frejus-toulon.com

Accogliamo questa notizia in un clima di fiducia. Invitiamo tutti i fedeli ei chierici della diocesi di Fréjus-Toulon a portare nella preghiera questa visita, perché porti i frutti attesi per il bene della nostra Diocesi.