Post in evidenza

Ora puoi... aiutare MiL

Se volete aiutare e sostenere MiL, potete fare una donazione anche piccola.   Ricordiamo ai nostri lettori infatti che MiL si sostiene solo ...

venerdì 13 gennaio 2023

Prossimo convegno del Centre International d’Études Liturgiques (CIEL) a Roma il 20 febbraio 2023: «L’altare e il suo orientamento»

Vi proponiamo – in nostra traduzione – la lettera numero 912 pubblicata da Paix Liturgique il 10 gennaio 2023, in cui – in occasione del suo prossimo convegno (Roma, 20 febbraio) – si presenta il Centre International d’Études Liturgiques (CIEL), la sua storia e la sua attività, con l’intervista al presidente Rubén Peretó Rivas.

L.V.


In occasione del prossimo convegno del Centre International d’Études Liturgiques (CIEL), abbiamo chiesto al suo direttore, Rubén Peretó Rivas, professore di filosofia presso l’Universidad Nacional de Cuyo, a Mendoza, in Argentina, di rilasciarci un’intervista per presentare il CIEL e le sue prossime attività.

Paix Liturgique - Qual è la vocazione e l’obiettivo del CIEL?

Rubén Peretó Rivas - Il Centre International d’Études Liturgiques (CIEL), fin dalle sue origini, è nato con la chiara vocazione di approfondire gli studi e le ricerche sulle radici e lo sviluppo della liturgia. Il secolo scorso è stato segnato dall’interesse per la liturgia, a partire dal Movimento Liturgico in tutte le sue fasi e varianti; dalle riforme operate da San Pio X sul Breviario, dal venerabile Papa Pio XII sulla Settimana Santa e, soprattutto, dall’immenso sconvolgimento operato da San Paolo VI dopo il Concilio ecumenico Vaticano II, con le polemiche e persino le rotture che ha comportato; poi il marcato interesse per la liturgia malata da parte di Papa Benedetto XVI, che ha così spesso sottolineato la centralità della liturgia per la vita cristiana, e le sue decisioni concrete – il motu proprio Summorum Pontificum – nel tentativo di raggiungere una necessaria pace liturgica dopo la guerra aperta dalla liturgia di San Paolo VI. Tutto ciò dimostra che la questione liturgica, così com’è oggi, richiede uno studio serio, perché solo sulla base di conoscenze verificate con i metodi che la scienza mette a nostra disposizione, possiamo avere dialoghi tra Cattolici che siano veramente fruttuosi e che portino a risultati utili per la Chiesa. E, inoltre, dibattiti lontani dall’ideologia che spesso forza o ignora i dati storici per imporre la propria visione.

Paix Liturgique - In che modo il CIEL svolge la sua missione?

Rubén Peretó Rivas - Il principale strumento che permette al CIEL di raggiungere i suoi obiettivi è l’organizzazione di convegni o incontri annuali in cui diversi specialisti si incontrano per presentare e discutere i risultati delle loro ricerche su un determinato argomento. Successivamente, gli atti di queste riunioni vengono pubblicati in modo che il maggior numero possibile di persone possa accedere a queste informazioni.
In questo modo, il CIEL è un facilitatore della ricerca liturgica e della sua diffusione.

Paix Liturgique - Qual è la storia del CIEL?

Rubén Peretó Rivas - Il CIEL è un’istituzione che esiste da quasi trent’anni e, in questo periodo, la sua attività si è manifestata principalmente nell’organizzazione di incontri scientifici che hanno riunito, tra il 1995 e il 2006, accademici e ricercatori di liturgia, in un quadro di studio e di discussione che favorisce l’approfondimento della conoscenza dei riti del culto cattolico, essenzialmente latino. Sono state inoltre istituite delegazioni in diciotto Paesi in Europa, America e Asia per promuovere in vari modi la rivalutazione della liturgia cattolica sulla base della conoscenza delle sue fonti e tradizioni.
Più di centocinquanta relazioni sono state lette e discusse in conferenze tenute in Francia e in Inghilterra, trattando argomenti diversi come il linguaggio liturgico, la partecipazione dei fedeli e gli aspetti storici e teologici del Messale Romano, tra molti altri. Tutto questo ricco materiale è stato raccolto in undici volumi, che costituiscono un patrimonio prezioso, di grande utilità per lo studio ma anche per chi, senza appartenere all’ambito accademico, è interessato ad approfondire le proprie conoscenze in materia.


Paix Liturgique - Possiamo parlare dell’emergere di una nuova fase del CIEL?

Rubén Peretó Rivas - In effetti, la nostra istituzione ha attraversato una prima fase durata undici anni. Poi, dopo una pausa, le attività sono riprese nel 2020, con l’organizzazione di un convegno a Roma sul tema della diversità dei riti liturgici a cui hanno partecipato diversi specialisti provenienti da Spagna, Francia, Stati Uniti, Italia e Inghilterra. Purtroppo, le restrizioni imposte dalla pandemia di Covid ci hanno costretto a interrompere nuovamente i nostri incontri, che riprenderanno nel 2023.

Paix Liturgique - Quindi il CIEL organizzerà una nuova conferenza l’anno prossimo?

Rubén Peretó Rivas - Sì, si terrà il 20 febbraio a Roma, presso l’Istituto Maria Santissima Bambina, proprio di fronte al colonnato di San Pietro. Il tema sarà «L’altare e il suo orientamento», con la partecipazione di specialisti come Ángel Pazos López, dell’Universidad Complutense de Madrid, don Roberto Spataro S.D.B., dell’Università Pontificia Salesiana, Marc Levatois, dell’École normale supérieure, e don Claude Barthe, di Parigi. Verranno inoltre presentati libri di recente pubblicazione su temi liturgici e progetti di ricerca in corso.

Paix Liturgique - Chi può partecipare?

Rubén Peretó Rivas - I convegni del CIEL sono aperti a tutte le persone interessate. Il modulo di iscrizione si trova in fondo a questa lettera.

Programma del convegno del CIEL del 20 febbraio 2023:

Istituto Maria Santissima Bambina
(Roma - via Paolo VI, 21)

- ore 9:30: ricevimento;
- ore 10:00: Rubén Peretó Rivas: presentazione del convegno;
- ore 10.15: don Roberto Spataro S.D.B. (Pontificia Università Salesiana): Quae docuerint Patres Ecclesiae de altaribus. L’insegnamento dei Padri della Chiesa sugli altari;
- ore 11:15: Angel Pazos López (Universidad Complutense de Madrid): L’altare e i suoi elementi nell’immagine medievale. L’altare e i suoi elementi nell’immagine medievale;
- ore 12:15: presentazione dei progetti di ricerca;
- ore 12:45: buffet;
- ore 14:15: Marc Levatois (Parigi): L’orientamento dell’altare nella costruzione simbolica dello spazio;
- ore 15:15: Rubén Peretó Rivas: presentazione dei libri;
- ore 16:15: don Claude Barthe (Parigi): La storia del versus populum dagli anni ’20-’30 del XX secolo;
- ore 17:15: fine delle attività.

Link di registrazione alla conferenza: invitation.oremus.plus.

Nessun commento:

Posta un commento

AVVISO AI LETTORI: Visto il continuo infiltrarsi di lettori "ostili" che si divertono solo a scrivere "insulti" e a fare polemiche inutili, AVVISIAMO CHE ORA NON SARANNO PIU' PUBBLICATI COMMENTI INFANTILI o PEDANTI. Continueremo certamente a pubblicare le critiche ma solo quelle serie, costruttive e rispettose.
La Redazione