Post in evidenza

Ora puoi... aiutare MiL

Se volete aiutare e sostenere MiL, potete fare una donazione anche piccola.   Ricordiamo ai nostri lettori infatti che MiL si sostiene solo ...

giovedì 15 dicembre 2022

Associated Press: il caso Rupnik e l'indulgenza verso gli abusi sulle donne

Sulla vicenda di cui ha già parlato ieri sera (QUI), Nicole Winfield di Associated Press ha scritto oggi anche questo articolo (QUI) di cui pubblichiamo di seguito la traduzione italiana.
Pure la Reuters si sta occupando del caso lanciato da MiL con queste parole (QUI): «Zollner [Padre Hans Zollner, gesuita, membro della "Pontificia Commissione per la Tutela dei Minori". N.d.r.] ha detto che l'allarme era stato lanciato prima del 2021, riferendosi a una denuncia che, secondo lui, l'ordine dei Gesuiti aveva ricevuto da una suora nel 1998, quando Rupnik stava completando i lavori di una cappella vaticana per Papa Giovanni Paolo II. "Per amore della trasparenza, dobbiamo sapere chi sapeva qualcosa, cosa e quando, e cosa è successo dopo", ha detto Zollner. "Avremmo potuto scoprire i diversi livelli di responsabilità, il che avrebbe potuto evitare tutto questo", ha detto, riferendosi alla denuncia del 2021. "Mi chiedo e chiedo alla mia comunità, ai Gesuiti: Chi poteva sapere? Chi lo sapeva? Chi ha percepito che qualcosa non andava e non è andato oltre?" ha detto Zollner».
Sulla vicenda vedere MiLQUIQUIQUIQUIQUIQUIQUI, QUI.
Ci chiediamo se, dopo queste menzogne, padre Sosa non si debba dimettere e, di nuovo, fermamente, ci aspettiamo una dichiarazione vaticana su chi ha tolto la scomunica (il Santo Padre stesso, come  risulta MiL?).
Questa traduzione è stata realizzata grazie alle donazioni dei lettori di MiL.
Luigi

Il caso dei Gesuiti sottolinea la segretezza e l'indulgenza per gli abusi sulle donne
NICOLE WINFIELD, Associated Press, 15/12/2022

ROMA (AP) - La rivelazione che il Vaticano ha lasciato libero un famoso sacerdote di abusare della sua autorità su donne adulte per ben due volte ha messo in luce due principali debolezze nelle politiche della Santa Sede in materia di abusi: la cattiva condotta sessuale e spirituale nei confronti di donne adulte viene punita raramente, se non mai, e la segretezza regna ancora sovrana, soprattutto quando sono coinvolti sacerdoti potenti.
L'ordine dei Gesuiti, a cui appartiene Papa Francesco, è stato costretto ad ammettere mercoledì che le proprie dichiarazioni iniziali sul Rev. Marko Ivan Rupnik, un artista religioso riconosciuto a livello internazionale, non erano complete. L'ordine aveva detto che Rupnik era stato accusato nel 2021 di problemi non specificati “nel modo in cui esercitava il suo ministero”, ma che la Congregazione vaticana per la Dottrina della Fede aveva stabilito che le accuse erano troppo vecchie per essere perseguite.
Ma sotto le domande dei giornalisti, il superiore generale dei Gesuiti, il Rev. Arturo Sosa, ha riconosciuto che la Congregazione ha perseguito Rupnik per un caso separato e precedente del 2019, che si è concluso con la sua condanna e scomunica temporanea per uno dei crimini più gravi del diritto canonico interno della Chiesa: aver usato il confessionale per assolvere una donna con la quale aveva avuto in precedenza relazioni sessuali.

Il caso risale al 2015, quando Rupnik si trovava a Roma, e comprendeva anche un'accusa di falso misticismo che non è stata perseguita, secondo una persona che ha familiarità con il caso e che non era autorizzata a parlarne. Rupnik ha subito ammesso il reato di confessione e si è formalmente pentito, e la Congregazione ha immediatamente revocato la sua scomunica dalla Chiesa, ha detto Sosa in risposta a una domanda dell'Associated Press.

Mentre i Gesuiti impedirono a Rupnik di ascoltare le confessioni o di dare direzione spirituale, le restrizioni al suo ministero non gli impedirono di celebrare la Messa o di predicare. Continuò a scrivere e a fare arte senza che il pubblico, le consacrate della sua comunità e persino i suoi confratelli gesuiti sapessero la verità.

Rupnik è sconosciuto alla maggior parte dei cattolici, ma è un gigante all'interno dell'ordine dei Gesuiti e della gerarchia cattolica perché è uno degli artisti più richiesti dalla Chiesa. I suoi mosaici raffiguranti scene bibliche decorano la basilica di Lourdes, in Francia, la cappella vaticana Redemptoris Mater e l'istituto Giovanni Paolo II di Washington, e dovrebbero abbellire la nuova basilica di Aparecida, in Brasile. Ha disegnato il logo vaticano per l'Incontro Mondiale delle Famiglie del 2022 ed è apparso in un’intervista televisiva di Vatican News per descrivere l'ispirazione religiosa che c’è dietro.

Quando questo mese il caso del 2021 è diventato pubblico, i colleghi gesuiti hanno chiesto al Vaticano di fare maggiore chiarezza sul perché Rupnik non sia stato sanzionato dalla Santa Sede dopo essere stato accusato.

Dopo aver perfezionato le sue procedure per punire i sacerdoti che abusano dei bambini, l'anno scorso il Vaticano ha aggiornato la sua legge per criminalizzare l'abuso di autorità sugli adulti, e nel 2020 ha rivelato come un ex cardinale un tempo potente, Theodore McCarrick, abbia abusato sessualmente dei suoi seminaristi adulti.

Ma le nuove rivelazioni su Rupnik indicano che i sacerdoti cattolici che abusano della loro autorità per abusare sessualmente, spiritualmente o psicologicamente di donne adulte raramente ricevono sanzioni canoniche, nonostante le stime indichino che i sacerdoti hanno una probabilità quattro volte maggiore di praticare attività sessuali con donne rispetto ai minori.

Sara Larson, direttrice esecutiva di Awake, un gruppo di base statunitense che cerca di educare, difendere e sostenere i sopravvissuti agli abusi cattolici, ha detto che c'è una convinzione apparentemente riflessiva che, a parte la violenza fisica, tutti i contatti sessuali tra adulti siano consensuali. Eppure il movimento #MeToo ha chiarito che le differenze di potere spesso rendono impossibile un consenso significativo.

“Non ci può essere un vero consenso quando un sacerdote si trova in una posizione di autorità spirituale su qualcuno”, ha detto Larson in un'intervista telefonica. “Riconosciamo che l'attività sessuale tra un medico e un paziente, o un terapeuta e un cliente, è un grave abuso di potere, e trattiamo quel tipo di contatto sessuale come un reato. L'attività sessuale tra un sacerdote e una persona che si rivolge a lui per cure spirituali non è diversa”.

Tuttavia, la gerarchia spesso risponde alle donne che denunciano i sacerdoti per aver abusato della loro autorità su di loro incolpando le donne di aver sedotto il sacerdote, o minimizzando l'evento come un semplice “errore” o una “violazione dei limiti” da parte di un sacerdote altrimenti santo, senza considerare il trauma devastante che tale abuso può avere sulla donna, ha detto Larson.

Sosa, ad esempio, non ha mai usato la parola “vittima” nel descrivere le donne danneggiate da Rupnik. Ha invece ripetuto che Rupnik aveva commesso “errori” e che i Gesuiti erano impegnati ad aiutare a “guarire le ferite”.

“Vogliamo andare oltre la questione giuridica e accompagnare il personale che... è portato a fare questo tipo di errore e accompagnare anche le persone che sono state ferite da questo comportamento, per guarire”, ha detto.

Lo scandalo che coinvolge Rupnik è scoppiato la scorsa settimana quando tre blog italiani - Silere non Possum, Left.it e Messa in Latino - hanno iniziato a rivelare le accuse di abusi spirituali, psicologici e sessuali nei confronti di Rupnik da parte di donne consacrate che vivono come suore presso una comunità di Gesuiti a cui era affiliato nella sua nativa Slovenia negli anni Novanta.

Sosa ha detto mercoledì che la denuncia del 2021 risale a quel periodo e che la Congregazione per la Dottrina della Fede ha stabilito che i crimini sono troppo vecchi per essere perseguiti. Ha rivelato che Rupnik fu costretto a lasciare la comunità in Slovenia a causa di un non meglio precisato “conflitto” tra le donne. Un gruppo ha seguito il sacerdote a Roma, dove ha fondato il Centro Aletti dei Gesuiti, uno studio d'arte e un centro studi incentrato sull'impatto della cultura sulla fede cristiana.

Non è stato spiegato perché la Congregazione, che regolarmente rinuncia alla prescrizione per i crimini legati agli abusi, abbia deciso di non farlo questa volta, soprattutto considerando la precedente condanna. L'ufficio, ora chiamato Dicastero per la Dottrina della Fede, è diretto da un gesuita, ha un procuratore gesuita per i crimini sessuali e all'epoca aveva come numero 2 una persona che viveva nel Centro Aletti di Rupnik.

A Sosa è stato chiesto cosa sapesse Francesco del caso di Rupnik o se fosse intervenuto. Sosa ha risposto di non saperlo, ma “potrebbe immaginare” che il prefetto del Dicastero, il cardinale Luis Ladaria, abbia informato il Papa.

Per Doris Reisinger, la gestione del caso Rupnik suona fin troppo familiare. Ha denunciato un abuso sessuale legato alla confessione da parte di un sacerdote quando era una suora. Nel 2019 il Vaticano ha ritenuto che non ci fosse “assoluta certezza morale” nella sua denuncia e ha assolto il sacerdote, che all'epoca della sua accusa lavorava nel Dicastero.

“Non c'è trasparenza e non c'è solidarietà con le vittime di Rupnik, e soprattutto, la cosa più scandalosa, sembra esserci un silenzio deliberato sul caso più recente e sulla scomunica”, ha detto Reisinger in una e-mail. “Personalmente, mi fa stare male”.

Nessun commento:

Posta un commento

AVVISO AI LETTORI: Visto il continuo infiltrarsi di lettori "ostili" che si divertono solo a scrivere "insulti" e a fare polemiche inutili, AVVISIAMO CHE ORA NON SARANNO PIU' PUBBLICATI COMMENTI INFANTILI o PEDANTI. Continueremo certamente a pubblicare le critiche ma solo quelle serie, costruttive e rispettose.
La Redazione