Post in evidenza

MiL ha bisogno di voi lettori: DONAZIONI

A sx (nella versione per pc) e su palmare (voce " Donazione ") troverete la possibiltà di donare. Vi speghiamo il perchè.  Potrete...

mercoledì 14 settembre 2022

Novus horror Missae: la Messa «alla bersagliera» di don Fabio Corazzina (Diocesi di Brescia) #traditioniscustodes #desideriodesideravi

Potrebbe apparire il pessimo scherzo di un buontempone sacrilego, invece è la Santa Messa celebrata in diretta sulla sua pagina Facebook da don Fabio Corazzina, sessantaduenne parroco di Fiumicello (Diocesi di Brescia), domenica 11 settembre, alle ore 13:40, a Mazara del Vallo (TP).
Pensavamo che questa estate il fondo fosse stato toccato con la Messa sul materassino di don Mattia Bernasconi (la notizia QUI, poi ripresa da MiL QUIQUIQUIQUI e QUI), ed invece eccoci qui con un altro «prodotto» della lettera apostolica Desiderio desideravi.
Sopraffatti dal disgusto, non riusciamo a trovare alcun aggettivo per descrivere quanto si può vedere e sentire dal filmato integrale che riportiamo in calce (e che invitiamo a guardare solo chi non soffre di disturbi cardiaci; per gli altri, proponiamo un breve riassunto fotografico con didascalie).
Però dalle parti di Santa Marta il problema rimane sempre e solo la Santa Messa tradizionale…

L.V.

P.S.: il Vescovo di Brescia è S.E.R. Pierantonio Tremolada, indirizzo di posta elettronica vescovo@diocesi.brescia.it.

Si parte con le letture:


Interviene il tecnico «audio-video»:


La Chiesai «in ascolto»:


Momenti di raccoglimento:


«Questo è il mio Corpo» (con bicicletta in omaggio):


«Questo è il mio Sangue» (sempre con bicicletta in omaggio):


Si alza il vento ed il Corpo di N.S.G.C. prende la via della fuga:


Il «servizio d’ordine» raccoglie da terra e recupera il recuperabile (che è sempre il Corpo di N.S.G.C.):


Il Sangue di N.S.G.C. è troppo, e chi non beve in compagnia…:


La comunione dei fedeli:


«Il Corpo di Cristo»:


Le abluzioni:


La benedizione finale:


Infine, il video integrale della Santa (!!!) Messa (!!!), LA CUI VISIONE È VIVAMENTE SCONSIGLIATA A CHI SOFFRE DI DISTURBI CARDIACI (anche QUI):

Prima parte:


Seconda parte:


Terza parte:

28 commenti:

  1. Non vi va proprio giù che ci siano sacerdoti che portano Dio ai fedeli in ogni circostanza della vita, così come Gesù stesso fece quando era nel mondo, vero?
    Voi non adorate Dio, adorate la forma dei paramenti, la posizione dell’altare, la pianta delle chiese, gli olezzi degli incensi. Se le cose non sono come volete voi, fate i capricci e gridate allo scandalo, perché pensate di avere già il posto assicurato in Paradiso in virtù del messalino che avete sul tavolo e che tutti gli altri che non la pensano come voi debbano chiedervi il permesso per amare Dio ed avere un rapporto personale ed intimo con Lui.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come può sfuggirle la profanazione del Corpo di Cristo? Evidentemente né lei, né questo sacerdote credete nella Presenza Reale.

      Elimina
    2. peccato che la Messa e tutta la liturgia non siano qualcosa di privato e intimistico, ma atti sociali e pubblici, in cui tutto il Popolo di Dio loda la Trinità e partecipa alla Morte e Risurrezione di Gesù
      poteva celebrare una Messa semplice anche portandosi dietro un camice, una stola di colore appropriato, un calice e una patena di materiali poveri e una tovaglia...
      o era proprio necessario celebrare una Messa se non si riesce nemmeno a dare un minimo di dignità alla celebrazione? non si poteva pregare in altro modo?

      Elimina
    3. Il tradizionalismo è un prodotto della modernità, è una reazione parossistica e farisaica. Possono avere delle ragioni ma internamente sono pieni di odio e considerarli cristiani è un parolone, molto pagani, piuttosto. Poi nessuno nega la bellezza e profondità del rito antico che qui viene usato per fare polemica

      Elimina
    4. Può esserci del vero in ciò che Lei dice, ma definire “olezzo” il profumo dell’incenso è semplicemente ripugnante.
      La forma fine a stessa è ripugnante, ma se essa è espressione di sostanza (ogni gesto ha un suo significato) allora diventa sublime.
      In questi giorni è morta la regina Elisabetta: amata dal popolo, semplice (a quanto sembra) nella sua vita privata, ma assolutamente conscia del suo ruolo e con una forma (e cerimoniale) ben precisi nell’esercizio delle sue funzioni. E nessuno le ha rinfacciato questa cosa.
      Ne prenda esempio l’inquilino di Santa Marta, che gode nello svilire in pubblico la sua funzione (mostrandosi in modo sciatto e sbragato), salvo poi agire in modo autoritario e dispotico, facendo a fette chi non è allineato sul suo pensiero.
      Piace tanto a laici e miscredenti; ma non conosco una sola persona che abbia ritrovato la fede grazie a lui.

      Elimina
    5. La religione cristiana : solo apparenza e ipocrisia.

      Elimina
    6. Veramente ora per celebrare la messa di sempre grazie a Bergoglio bisogna superare mille regole compreso il permesso del vescovo e trovando una chiesa non parrocchiale (chissà poi perché)

      Elimina
    7. Caro 06:49, prendi la tua medicazione.

      Elimina
    8. Penso siano le stesse pilloline tue…le passi quando hai finito?

      Elimina
    9. si informi meglio prima di esprimersi riguardo a cose che non conosce al di fuori della sua persone opinione… non sia patetico.

      Elimina
  2. Cosa capiterà al sacerdote che ha fatto questo? Lo stesso che è capitato ai suoi confratelli che hanno fatto simili deviazioni, sia in tema di liturgia sia in tema di dottrina! Nulla!! Basta invece essere apertamente per la tradizione e la scomunica non tarderà ad arrivare! E gli esempi non mancano!!

    RispondiElimina
  3. Penso che sia inutile discutere di spiritualità con certi soggetti, quindi mi limito a sottolineare che questo prende lo stipendio da prete facendo un lavoro palesemente non idoneo.

    RispondiElimina
  4. BASTA DI QUESTO CONTINUO SCEMPIO E PAGLIACCIATA. QUESTI NON SONO PRETI, MA SOLO DEGLI IRRESPONSABILI. LA CHIESA HA L'OBBLIGO DI FARE LA VOCE GROSSA DI FRONTE QUESTE SISTUAZIONI INCRESCIUOSE CHE OFFENDONO LA FEDE CATTOLICA. QUESTO SACERDOTE VA PRESO E' SCOMUNICATO E INVITATO A LASCIARE LA TALARE (CHE NON HA MAI INDOSSATO). SPERO CHE IL VESCOVO ADOTTI DEI PROVVEDIMENTI. CRISTO EUCARESTIA NON VA TRATTATO COME SE FOSSE CIOCCOLATINI DA DISTRIBUIRE. VERGOGNA!

    RispondiElimina
  5. "Fortunatamente non tutte le Messe Novus Ordo sono così"... io avrei iniziato in questo modo l'articolo senza essere sempre pessimistici anche di fronte a tale orrore.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si,non tutte son così,ma questa purtroppo è la moda del momento.Passerà,gli uomini non sono eterni ed al momento opportuno Dio interrompe il carnevale in men che non si dica.Gli uomini passano la chiesa resta.....

      Elimina
  6. Io penso che davanti a "celebrazioni" prive anche di un minimale rispetto per i riti e soprattutto per il Santissimo Sacramento, sia pieno diritto dei fedeli alzarsi e guadagnare l'uscita. Se non si possono impedire certi oltraggi, si può almeno non dare l'idea di approvarli tacitamente. Poi, soprattutto nei casi più gravi, niente vieta di segnalare le cose a chi di dovere.

    RispondiElimina
  7. Il vescovo di Brescia è convalescente dopo trapianto di midollo, penso che l'ultima voglia che abbia sia quella di farsi rompere le balle dai tradizionalisti

    RispondiElimina
  8. È giusto diffondere la fede in ogni luogo, tuttavia ritengo si debba mantenere il giusto decoro. Questi sacerdoti sembrano aver dimenticato la sacralità dei gesti che compiono.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il pessimo esempio viene da chi dovrebbe impedire o punire certi comportamenti ed invece si comporta pure peggio.

      Elimina
  9. Cari redattori di MiL, da vostro affezionato lettore credo che ci sia qualcosa da cogliere nell'insofferenza che alcuni lettori avventizi manifestano nei confronti delle vostre denunce di aberrazioni liturgiche. Il palese abuso non è in effetti la regola, anche se è giusto sottolineare che l'autorità ecclesiastica è inadempiente nel reprimere queste manifestazioni di infantilismo religioso. Credo sia più costruttivo e doveroso denunciare la Messa nuova in sé, con articoli documentati e pensati e non con recriminazioni "scandalistiche". È la Messa nuova in se stessa che è dissacrata e spinge a ulteriori dissacrazioni, le quali - si potrebbe mostrare - non sono altro che il tentativo di rianimare in modo stravagante e carnevalesco il culto artificiale e senza vita nato negli anni Sessanta. Questo sarebbe un contributo più utile alla comprensione, soprattutto in vista del "che fare" : tornare alla Messa di sempre, perché il rito nuovo è aberrante anche quando è "celebrato bene".

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non lo ammetteranno mai.

      Elimina
    2. Basterebbe fare dei post a puntante sul “Breve esame critico del Novus Ordo Missae” del Cardinale Ottaviani! Inutile infatti prendere tutti questi singoli episodi che lasciano il tempo che trovano…

      Elimina
  10. Alcuni preti che celebrano col Vetus...sembrano maschere di Carnevale. Almeno don Fabio è sempre sé stesso...e soprattutto é un prete vero... anche senza paramenti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il suo vescovo la pensa diversamente

      Elimina
  11. Yes, yes, because this kind of aloof attitude towards SACRIFICE OF THE GOD-MAN ON CALVARY, THE SACRIFICE OF ALL TIME, REPRESENTED ON OUR ALTARS is totally acceptable, totally fine, yes, yes....

    are you all out of your mind?!? If you find this acceptable, then it is only because you have chased away even the most remote inklings of God's bounteous grace, which in this age many others are snatching up and seizing the thrones of Heaven which God had ordained for His People. Protestants, Muslims, Hindus, and Jews are walking into Heaven while so-called faithful Catholics ever descend downward into perdition. They're all going to the Latin Mass! And they're all receiving Our Lord in the Blessed Sacrament faithfully, lovingly, and they are growing in faith, hope, and love--loving He Who is Love Itself!

    RispondiElimina

AVVISO AI LETTORI: Visto il continuo infiltrarsi di lettori "ostili" che si divertono solo a scrivere "insulti" e a fare polemiche inutili, AVVISIAMO CHE ORA NON SARANNO PIU' PUBBLICATI COMMENTI INFANTILI o PEDANTI. Continueremo certamente a pubblicare le critiche ma solo quelle serie, costruttive e rispettose.
La Redazione