Post in evidenza

MiL ha bisogno di voi lettori: DONAZIONI

A sx (nella versione per pc) e su palmare (voce " Donazione ") troverete la possibiltà di donare. Vi speghiamo il perchè.  Potrete...

sabato 10 settembre 2022

Dopo la Messa sull’acqua in Italia, ecco ora la Messa di Monika in Svizzera

Vi proponiamo – in nostra traduzione – la lettera numero 882 pubblicata da Paix Liturgique il 5 settembre 2022.
Dopo la notizia riportata dal sito Crotonenews (QUI, poi ripresa da MiL QUI, QUI, QUI, QUI e QUI) della Santa Messa celebrata da don Mattia Bernasconi, vicario della pastorale per i giovani della Parrocchia di San Luigi Gonzaga di Milano, in mezzo al mare e con materassino come altare, la lettera racconta del caso della «Messa» abitualmente "concelebrata" da una donna a Illnau-Effretikon (cantone di Zurigo) e approfondisce i diffusi gravi abusi liturgici sui quali il competente Vescovo di Coira (imposto da Papa Francesco contro il Capitolo della Cattedrale) ha finalmente aperto, con molto ritardo, una (timida) inchiesta canonica (di cui abbiamo dato notizia qui ieri). 

«Ma la cosa più urgente è ovviamente sradicare la Messa tradizionale…».

L.V.


È valida questa strana «messa» concelebrata da una donna, un animatore parrocchiale in partenza a Effretikon, vicino a Zurigo, e un sacerdote con la stola arcobaleno, domenica scorsa, 28 agosto?

Il blog di Yves Daoudal, ripreso da Riposte Catholique, descrive questa «celebrazione»:

«Questo è un eufemismo: le deviazioni sono intrinseche alla nuova messa. Dopo la messa sull’acqua in Italia, è in Svizzera che scopriamo una festa delirante. Monika Schmid è responsabile della parrocchia di San Martino a Illnau-Effretikon (cantone di Zurigo) da 37 anni. All’età di 65 anni, va in pensione (finalmente!).

Domenica ha celebrato… la sua messa d’addio. L’ingresso è una canzone africana. Poi Monika si è recata all’altare, con un bastone di legno in mano, accompagnata da un sacerdote, don Regli, un teologo, e da un diacono con la stola arcobaleno. L’intera “squadra liturgica” si toglie poi le scarpe e rimane scalza fino alla fine.

Monika tiene l’omelia e sta dietro l’altare accanto al sacerdote, rivolta verso il popolo, durante la consacrazione. Una donna per concelebrare? Una pratica normale in Effretikon. “Fate questo in memoria di me!”. Il Pater inizia così: “Madre e Padre Dio nei cieli”. Monika Schmid chiude con un triplo Shalom».

Il sito Kath.ch non esita a fornire i nomi dei partecipanti all’altare: «Flauto dolce, organo e violoncello accompagnano la preparazione del dono. Monika Schmid è sull’altare con Marion Grabenweger [teologa legata a questa chiesa, secondo il suo LinkedIn], Josef Regli [cappuccino], Felix Hunger [sacerdote amministratore della parrocchia] e Stefan Arnold [il diacono con la stola arcobaleno]. Celebrano il pasto come Gesù fece una volta con i suoi discepoli. Monika Schmid pronuncia le prime parole».

Il celebrante è padre Josef Regli, un frate minore cappuccino, secondo il giornale della parrocchia. Il media cattolico svizzero Kath.ch non esita a dare un resoconto emotivo di questa celebrazione: «Monika Schmid chiude gli occhi più volte durante la funzione, come se qualcuno le mettesse qualcosa tra le mani. Sta a piedi nudi sul suo terreno sacro. Le lacrime ci sono sempre. Ancora e ancora si riprende e torna al suo ruolo di guida della chiesa. Lo riempie di una presenza radiosa, potente e materna».

Monika Schmid, abituata alle assurdità liturgiche?


Tre settimane fa, ha rilasciato un’intervista al Tages Anzeiger, un giornale svizzero-tedesco, in cui ha spiegato di essere stata responsabile della parrocchia per 37 anni e di essersi vantata di aver «cambiato la Chiesa dal basso» senza fare riferimento a nessuno, nonché di aver celebrato diverse unioni omosessuali.

Dal 2008, e da un programma sugli abusi all’interno della Chiesa, era in conflitto con il vescovo Huonder, che aveva cercato di rimuoverla, senza riuscirci. D’altra parte, era sostenuta dalla frangia più progressista della diocesi, di cui era la leader. Ironia della sorte, al suo posto subentrerà un giovane sacerdote.

Una diocesi in cui tutto è permesso?


La città di Zurigo è compresa nella diocesi di Coira, dove il nuovo vescovo, Mons. Bonnemain – che sostituisce Mons. Vitus Huonder, partito per ritirarsi in una scuola della FSSPX nella Svizzera tedesca – si è fatto notare fin dal suo arrivo, e non per il suo rispetto della tradizione e del magistero della Chiesa. Il predecessore di Mons. Huonder, Mons. Haas, già vittima dei progressisti zurighesi, era stato esiliato nella diocesi di Vaduz creata ad hoc.

Monsignor Bonnemain, che ha posato con una maglietta di «Calvin» (Klein) per la stampa e che ha annunciato che non avrebbe avuto le armi episcopali, è stato imposto da Papa Francesco, di cui è un caro amico. Il blog di Yves Daoudal ha ricordato il momento del suo insediamento:

«Il vescovo di Coira viene eletto dal capitolo della cattedrale tra tre nomi indicati dal papa. Per sostituire il vescovo Huonder, Francesco ha fatto tre nomi, secondo le sue direttive… Sembra senza precedenti che il capitolo della cattedrale abbia rifiutato tutti e tre i nomi. Il Papa ha quindi imposto il suo candidato. Si tratta di Joseph Maria Bonnemain (canonico di Coira, nato a Barcellona da padre svizzero e madre spagnola), che ha 72 anni. Sacerdote dell’Opus Dei, si potrebbe pensare che sia “conservatore” se non “ultra”. Ma non è affatto così. È un ultra… di Francesco. Nel 2017 ha pubblicato un commento all’Amoris Letitia, che in gran parte è una citazione del documento dei vescovi di Buenos Aires secondo cui la Chiesa permette ora agli adulteri di ricevere la comunione (che Francesco ha reso la posizione ufficiale della Chiesa pubblicandola negli Acta Apostolicae Sedis).

Per il direttore di Cath.ch, il sito ufficiale della Conferenza episcopale svizzera, Bonnemain è un “superuomo” in grado di sanare le ferite inferte alla diocesi da Haas e Huonder, e minaccia: “Questi sacerdoti che erano contro Bonnemain devono dimettersi immediatamente, o essere messi a tacere per sempre”».

Il suo insediamento, nel marzo 2021, fu l’occasione per dare il tono giusto, come ricorda ancora Yves Daoudal: «Diede la comunione (?) a tre personalità calviniste: Rita Famos, presidente della Chiesa riformata svizzera (quindi la massima autorità calvinista del Paese), Michel Müller, presidente del Consiglio della Chiesa riformata di Zurigo, e Mario Fehr, membro del governo del Cantone di Zurigo.

Un sacrilegio pubblico compiuto da un vescovo sotto gli occhi e quindi con l’assenso di un cardinale (e implicitamente almeno del papa che impose Joseph Bonnemain a Coira).

Almeno se si considera che Joseph Bonnemain ha effettivamente consacrato le ostie. Dal momento che mostra apertamente di non credere nella Presenza Reale più di quanto non credano le persone a cui dà la “comunione”, ci si può chiedere se la consacrazione sia valida.

Era tutto uguale. L’ospite principale è stato Martin Kopp, il vicario generale licenziato dall’ex vescovo per mancanza di lealtà (e sostenuto dalle frange più estremiste). Martin Kopp era lì con tre immigrati clandestini. C’era anche una suora con tre prostitute, anche loro d’ufficio – due donne e un uomo. Non è specificato se la comunità LGBTQIA+ fosse rappresentata.

La bolla papale non è stata letta da un dignitario della curia diocesana, ma dalla responsabile della cappellania dell’ospedale di Zurigo, che l’ha portata nella navata, accompagnata da altre due donne, per mostrarla alle poche persone presenti, secondo lo scartamento richiesto da Lord Virus.

Al termine, il nuovo vescovo si è inginocchiato per chiedere la benedizione del pubblico. Naturalmente.

Gion-Luzi Bühler, e di Mons. Martin Grichting, vicario generale all’epoca di Mons. Huonder, che è rimasto delegato episcopale e moderatore della curia diocesana, nominato prelato onorario da Benedetto XVI nel 2011. Due cattivi “conservatori” che dovranno andare in esilio…».

Ordinato nel 2021 all’età di 72 anni, monsignor Bonnemain ha del tempo a disposizione: nell’aprile del 2022 il Papa ha specificato che dovrà rimanere in carica per cinque anni e che il suo mandato sarà esteso oltre il limite teorico dei 75 anni. Originario di Les Pommerats (Giura), è nato il 26 luglio 1948 in Spagna, dove ha compiuto tutti gli studi fino alla fine della scuola secondaria. Ha poi studiato medicina all’Università di Zurigo, quindi filosofia e teologia a Roma.

Un codice per prevenire gli abusi… o per mettere in discussione il magistero della Chiesa

Insediato in pompa magna contro il parere del capitolo della cattedrale, il vescovo Bonnemain non tardò a farsi notare… imponendo ai suoi sacerdoti un codice di condotta nel maggio del 2022, con il lodevole obiettivo di prevenire qualsiasi tipo di abuso.

«Il 5 aprile 2022 il vescovo di Coira Joseph Bonnemain, i tre vicari generali e i massimi rappresentanti delle sette corporazioni ecclesiastiche della diocesi hanno firmato un Codice di condotta sulla gestione dell’energia (Verhaltenskodex).

Il sottotitolo “Prevenzione dell’abuso spirituale e dello sfruttamento sessuale” descrive l’obiettivo della diocesi. Il testo intende guidare il comportamento delle persone che ricoprono un incarico nella Chiesa in termini di relazioni interpersonali. Il Codice di condotta è destinato a essere vincolante per tutti i cappellani, i collaboratori e i dipendenti della diocesi e delle corporazioni ecclesiastiche», spiega Cath.ch.

«Il vescovo Bonnemain ha firmato il codice in aprile con le sette chiese diocesane regionali dei Cantoni Grigioni, Zurigo, Svitto, Uri, Nidvaldo, Obvaldo e Glarona», ricorda Riposte Catholique.

Il codice che propone mira a ridurre il più possibile tali rischi, soprattutto per i sacerdoti. Le situazioni concrete sono regolamentate. Durante il campo, adulti e bambini non devono dormire nella stessa tenda. Sono vietate attività come sauna, wellness o massaggi. È inoltre vietato a un ecclesiastico invitare un minore a casa sua. E addirittura, per evitare qualsiasi malinteso, devono astenersi dal “fare domande offensive sulla vita intima” delle persone a loro affidate”, afferma Le Matin.

Se non fosse che in questa diocesi dalla storia travagliata, l’iniziativa ha incontrato l’ostilità di un buon centinaio di sacerdoti - al di là della frangia conservatrice – di cui una quarantina hanno formato un collettivo e hanno espresso la loro posizione sulla stampa locale – che Riposte Catholique sviluppa.

«Secondo il settimanale “Schweiz am Wochenende”, circa 40 sacerdoti hanno firmato una lettera che si oppone al codice, che quindi si rifiutano di firmare. Questo non è dovuto alle precauzioni di cui sopra, ma alla tolleranza degli omosessuali nello stesso documento. La formulazione è la seguente: “Rinuncio a dare giudizi globalmente negativi su presunti comportamenti non biblici sulla base dell’orientamento sessuale”.

I sacerdoti che si rifiutano di firmare la dichiarazione hanno emesso una posizione comune il 28 aprile a nome del “Circolo sacerdotale” (Priesterkreis): “Gli atti omosessuali non sono nell’ordine delle cose e non devono essere approvati in alcun modo. Ci rammarichiamo profondamente”, hanno scritto, “che il vescovo diocesano abbia dato una mano al tentativo di impiantare l’ideologia LGBT nella Chiesa sotto il pretesto della prevenzione delle aggressioni, svuotando così la dottrina di fede della Chiesa della sua sostanza”.

Per i manifestanti, “il codice di condotta viola ripetutamente l’insegnamento e la disciplina della Chiesa cattolica”. Inoltre, porta a un doppio standard istituzionalizzato e quindi all’ipocrisia. Il vescovo non avrebbe dovuto “mai firmare” il documento, come scrive il Circolo dei sacerdoti di Coira. Perché limita la condivisione della dottrina della fede e quindi viola il diritto canonico cattolico.

Essi sottolineano anche una frase del codice di condotta che riguarda i matrimoni: “Nei colloqui pastorali, non affronto attivamente argomenti legati alla sessualità. In tutti i casi, mi astengo dal fare domande offensive sulla vita intima e sullo stato della relazione. Secondo i manifestanti, “chiunque sottoscriva questa sentenza non potrà più firmare un certificato di matrimonio”. I pastori o i loro rappresentanti dovrebbero chiedere ai futuri sposi se accettano il matrimonio come “comunità sacramentale di vita e di amore tra un uomo e una donna”. Quando viene chiesto esplicitamente, devono impegnarsi alla fedeltà, al matrimonio come vincolo per tutta la vita e alla volontà di generare figli.

Secondo la Luzerner Zeitung, il “Circolo” è composto da 43 sacerdoti della diocesi di Coira. Si dice che altri 80 siano simpatizzanti. Secondo l’Annuario Pontificio, nella diocesi di Coira ci sono 347 sacerdoti diocesani e 173 religiosi.

Questi ultimi concludono il loro discorso così: “Chiunque voglia aderire all’intero insegnamento e all’ordine della Chiesa come dipendente della Chiesa sarà gettato in un conflitto di coscienza con il codice. E questo conflitto di coscienza rende impossibile per loro obbedire al proprio vescovo, perché sarebbero infedeli alla Chiesa e al suo insegnamento”.

Il vescovato, in una dichiarazione, ha preso atto di questa posizione. Roland Graf, portavoce del Priesterkreis di Coira, si è rammaricato del fatto che il documento sia stato imposto ai sacerdoti e non sia stato elaborato prima con loro, il che sarebbe stato un approccio veramente “sinodale”».

Con un tale vescovo a capo, non sorprende che i parrocchiani di Zurigo si abbandonino alle assurdità liturgiche. Come disse Vladimir… Ilyich Lenin più di un secolo fa, ed Erasmo qualche secolo prima, «il pesce marcisce dalla testa».


Una messa «problematica» per il teologo austriaco Hans-Jurgen Feulner, ma Monika Schmid non vede il problema

Come la messa sull’acqua a Crotone, anche quella di Monika ha avuto un grande impatto a livello internazionale e nella stessa Svizzera e ha suscitato un forte dibattito, soprattutto tra i credenti. Il teologo viennese Hans Jurgen Feulner ha rilasciato un’intervista a Kath.ch in cui ha esortato il vescovo a intervenire, affermando che la messa era «problematica» sotto vari aspetti:

«La preghiera eucaristica mi sembra strana, soprattutto perché ovviamente non è una delle preghiere eucaristiche approvate in Svizzera, ma è stata presa da qualche parte. Anche se la preghiera eucaristica su YouTube non è stata ovviamente registrata nella sua interezza, sembrano mancare parti importanti, e le cosiddette intercessioni sono strettamente copiate dalle intercessioni alla fine della Liturgia della Parola […] Anche le introduzioni alle parole del pane e del vino sono state cambiate. Ci si chiede davvero perché, anche qui, siano state apportate diverse modifiche del tutto inutili […] Il problema qui non è che una donna o due donne sembrano concelebrare, ma piuttosto un diacono e diversi fedeli non ordinati accanto ai due sacerdoti. Ciò rende estremamente problematico […].

È un grave abuso quando parti della preghiera eucaristica vengono recitate da un diacono o da un laico o da tutti i fedeli insieme [...] La liturgia non è mai proprietà privata di nessuno, né del celebrante né della comunità. I sacerdoti celebranti hanno quindi il dovere di rispettare l’ordine liturgico, il che include il non permettere a nessun diacono o laico di dire parti della preghiera eucaristica o di alterare i testi approvati o persino di usare le proprie preghiere».

Ha chiesto al vescovo di intervenire e di imporre la pena canonica dell’interdetto personale [la sanzione di privare una persona dei sacramenti] contro i laici che hanno partecipato alla celebrazione, tra cui Monika Schmid: «Il silenzio o l’ignoranza da parte della diocesi non è più possibile. A mio avviso, il vescovo locale, in quanto parroco della sua diocesi, deve intervenire qui, anche dal punto di vista liturgico. E contro tutti coloro che sono stati coinvolti nella concelebrazione della preghiera eucaristica, compresi i sacerdoti, che a quanto pare hanno deliberatamente permesso che ciò accadesse.

Questa grave questione si è svolta in pubblico. Il diritto canonico stabilisce che l’esercizio illegale di un compito sacerdotale, in questo caso la partecipazione illegale alla preghiera eucaristica, deve essere punito con una giusta pena.

La signora Schmid dovrebbe essere bandita perché probabilmente c’è una mancanza di perspicacia e gli avvertimenti sono stati ignorati. Non è la prima volta che lo fa. Anche i sacerdoti dovrebbero essere ritenuti responsabili, poiché il celebrante principale è di fatto il principale colpevole – e l’intera celebrazione è stata probabilmente discussa con lui in precedenza. Se il vescovo non interviene subito, una cosa del genere potrebbe creare un precedente. La punizione della Chiesa è l’ultima risorsa: è un peccato che si sia arrivati a questo punto!».

Su Facebook ha risposto alle critiche, che trova «tristi»: «Mi passa per la testa un canto di benedizione della funzione familiare: “Dio, la tua buona benedizione è come un grande cappello”. Quando la gente si arrabbia, tu mi proteggi, siamo affidati a te e ci piace». Porre fine alla cultura della paura nella nostra chiesa.

Nessuno mette in dubbio la spiritualità di questo servizio, nessuno mette in dubbio la profondità della fede. L’unità della Chiesa dipende ovviamente dai divieti, non dalla fede. Gravi abusi quando preghiamo insieme in una chiesa che sta crollando sotto un vero e proprio abuso. È triste.

Il vescovo di Coira apre finalmente un’inchiesta canonica

Quando cominciò ad essere interrogato da tutte le parti, Mons. Bonnemain si sentì obbligato a rilasciare una dichiarazione molto amministrativa che annunciava l’apertura di un’indagine canonica preliminare, riconoscendo di sfuggita l’esistenza di un «abuso liturgico»:

«Come vescovo diocesano, ho il dovere di reagire agli eventi delle ultime settimane in relazione al pensionamento della direttrice della parrocchia di San Martino, Illnau-Effretikon», ha dichiarato il vescovo di Coira il 2 settembre.


«A causa della portata di questi incidenti, non ho deliberatamente agito immediatamente. In una situazione del genere è importante valutare attentamente una linea d’azione appropriata.

La complessità dell’abuso liturgico che si è verificato richiede un’indagine canonica preliminare».

Ma la cosa più urgente è ovviamente sradicare la Messa tradizionale…

18 commenti:

  1. Dio è ovunque e con chiunque lo ami.
    Basta con queste bigottaggini!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non con chi usurpato un ministero che non ha ricevuto!

      Elimina
    2. Ma il prete la formula l’ha detta. Se poi l’ha detta anche qualcun altro, non vedo dove sia il problema.

      Elimina
    3. Che nell'ultima cena non ci fosse Maddalena è tutto da dimostrare

      Elimina
    4. Dire la formula stando accanto all'altare significa avere un ministero sacerdotale.
      La signora Monika non lo ha ricevuto quindi lo sta usurpando

      Elimina
  2. la situazione nella diocesi di Coira è quindi disastrata
    mons Huonder ha mai fatto qualcosa per risolverla, o si è limitato alle belle parole?

    RispondiElimina
  3. Ultimi rigurgiti di un pontificato ormai morente, un pontificato vecchio, desueto, superato, ancorato all'ideologia di sinistra anni '70.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma quindi non capisco: il fatto che uno o più laici abbiano pronunciato le parole della consacrazione INSIEME al sacerdote, invaliderebbe la Messa? Pensate che Gesù scappi? Chissà cosa direbbe alle cappelle integraliste in cui si insegna disprezzo e discriminazione verso gli altri.

      Elimina
    2. Non invalida la Messa, ma è un abuso, perché uno non può esercitare un ordine che non ha ricevuto
      È vietato persino ai diaconi proclamare la preghiera eucaristica!

      Elimina
    3. Gesù è scappato da un pezzo

      Elimina
  4. MAGARI LA INVALIDASSE! Fa molto peggio. La rende sacrilega e tutti i soggetti coinvolti incorrono nella scomunica latae sententiae .Trasformano se stessi in candidati alla dannazione eterna .

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma mi sa che il sacrilegio lo vedete solo voi. Se mi trovassi in una situazione del genere, non avrei problemi. I problemi li vedo più in chi usa il pulpito per invitare a discriminare le persone o a creare tensioni trincerandosi dietro un passatista “Dio lo vuole”.

      Elimina
    2. Cacchio, quello che è successo è espressamente vietato da Redemptionis Sacramentum, quindi è un problema e un abuso
      Comunque se per lei non è un problema che un laico celebri la Messa le consiglio un ripassino al Catechismo

      Elimina
    3. Mi piace quando iniziano a dare del lei! Ahahahha

      Elimina
    4. 1- io non la conosco e non è mio amico
      2- di tutto quello che ha scritto è l'unica cosa a cui si è attaccato... tutto il resto non conta?

      Elimina
    5. Chi morrà (cioè prima o poi tutti) vedrà. Il dubbio che essere eccentrico circa ciò che si è detto e fatto per secoli non sia una cosa non le fa temere di incorrere in una figuraccia? Figuraccia che all'altro mondo potrebbe avere conseguenze ETERNE.

      Elimina
    6. Guarda che tanto di quello che credi divino, in realtà, è tutto umano, parto di ciò che hanno capito secoli e secoli fa uomini come me e te.

      Elimina

AVVISO AI LETTORI: Visto il continuo infiltrarsi di lettori "ostili" che si divertono solo a scrivere "insulti" e a fare polemiche inutili, AVVISIAMO CHE ORA NON SARANNO PIU' PUBBLICATI COMMENTI INFANTILI o PEDANTI. Continueremo certamente a pubblicare le critiche ma solo quelle serie, costruttive e rispettose.
La Redazione