Post in evidenza

URGENTE APPELLO AI GRUPPI STABILI ITALIANI: comunicateci conferme o variazioni alle vostre Messe

ABBIAMO URGENTE BISOGNO DEL VOSTRO AIUTO!  Viste le ultime notizie sulla CEI e sulle risposte dei Vescovi  sul Summorum Pontificum i...

mercoledì 13 maggio 2020

Famiglia Cristiana esalta Silvia-Aisha che ha abiurato la fede cattolica

Per commentare le affermazioni di Famiglia Cristiana ci affidiamo ad Anselmus nel suo ottimo articolo: "Non possiamo più chiamarla Silvia, ma dovremmo chiamarla Aisha" (link sotto) "... Il ritorno a casa di Silvia però, è segnato da alcuni dispiaceri che non possono passare inosservati. Non possiamo più chiamarla Silvia, ma dovremmo chiamarla Aisha, perché, durante il tempo del suo “sequestro” ha deciso di abiurare alla Fede cattolica e convertirsi all’islam. Questa decisione, comporta l’abbandono del suo nome di Battesimo e di tutte quelle belle realtà che hanno animato la sua vita fino ad oggi. 
Noi però, continueremo a chiamarla Silvia, perché così è registrata all’anagrafe dello Stato Italiano, quello Stato fatto di persone umili e semplici che ha pagato più di 4 milioni di
euro per il suo riscatto. 
Inoltre, per noi cristiani, il Sacramento del Battesimo come tutti gli altri Sacramenti ha il carattere indelebile. Silvia, potrà anche dire di aver abbracciato liberamente, senza forzature, la fede islamica, ma ciò non toglie che il Battesimo che ha ricevuto permane nella sua vita e da oggi in poi, quel Battesimo, sarà pietra d’inciampo per ricordarle il gravissimo peccato che ha compiuto, rinnegando la fede del suo Battesimo, la fede che i suoi genitori hanno chiesto per lei, in forza della loro fede, la fede che lei stessa ha portato avanti per buona parte della sua vita, per lo meno da quando è stata capace di intendere e volere. 
C’è un altro dispiacere che fa piangere i nostri cuori, soprattutto quando pensiamo ai martiri di questi ultimi anni, morti dilaniati dall’odio di quegli islamici che si definiscono appartenenti all’isis o ad altre compagini criminali. 
Ci dispiace apprendere che hanno suonato le campane a festa nel suo paese di origine e che magari si organizzerà una festa negli ambienti dell’oratorio che lei ha frequentato." ( Cfr. In tua justitia QUI )
AC

Silvia Romano, Famiglia Cristiana: «E' un modello per i nostri ragazzi» 

Per Famiglia Cristiana Silvia Romano, la ragazza liberata dopo tanti mesi di prigionia e convertita all'Islam prendendo il nome di Aisha – è un modello per i giovani. 
«E' un raggio di luce che illumina questo tempo buio». 
Il settimanale dei Paolini, diffuso nelle parrocchie italiane, riflette sulla terribile vicenda umana segnata da oltre un anno e mezzo di prigionia della giovane cooperante sequestrata in Kenya mentre lavorava per una ong marchigiana, mettendo in evidenza il «grande esempio di compattezza e coraggio molto vicina a quella di tanti ragazzi e ragazze che continuano a tenere alto lo guardo e a trasforamre la loro vita in una opportunità». 
«Grazie Silvia. Oggi prendiamo le tue parole e le regaliamo ai nostri figli perche le regalino a se stessi e al loro presente così faticoso. »
Famiglia cristiana ricorda la frase pronunciata dalla ragazza appena sbarcata a Roma.  
« Sono stata forte. Silvia è una donna forte da raccontare oggi ai nostri figli». 

Fonte: Il Messaggero QUI

24 commenti:

  1. ma che paroloni abiurato, non sarà mai stata cattolica, come la intende il Tradizionalisti. ha solo scelto, tra l'altro bene, immaginiamo si sposi, con un marito poligamo, se non le va di adempiere
    al dovere coniugale, il marito avrà dm alternative valide. le donne della Tradizione, subiscono in silenzio il dovere da compiere, ma in cuor loro non vogliono, è un dovere. Una cosa bella è un piacere non dovere. la Chiesa ha rovinato tutto.ho già detto, se tutto si rinnova rinnoviamci come si deve. del resto la primogenitura è quella di isma.el. vi invito tutti: digiuni solo fino al tramonto. poligamia concubinato. tradizioni forti per chi vuole se no vabene uguale nessuno vi potrà dire o obbligare a guanti inginocchiatoi altro. un tappeto va bene conoscere la geografia per sapere come orientarsi va bene quella della V elementare. no che tutti sono teologi ,esperti di liturgia, quasi aspiranti santi. poi il pard.iso e che para.diso di vergini. a voi piace vincere facile

    RispondiElimina
    Risposte
    1. 09:28 non so se sei ancora in in tempo per una visita psichiatrica. Mi sa che è troppo tardi.

      Elimina
    2. confesso che ci ho capito ben poco, riprovi usando punteggiatura e un dizionario. abiura è la rinuncia alla propria fede. anche se un induista diventa buddista compie abiura.

      Elimina
    3. abiura infatti è un parolone per una che non penso sia stata mai cristiana, ma come tante persone oggi cristiani solo per cultura. La punteggiatura per il resto, si sforzino i Tradizionalisti, leggano tra le righe. Capiranno? no! i Tradizionalisti sono rigidi applicano regole. non amano, pet amare ci si deve abbandonare. non tutto è regola. leggete più volte e capirete ciò che ho scritto, poiché è già tutto nel vostro intimo, ma se non ci si apre, diventa difficile.

      Elimina
    4. quanto non si sa rispondere si offende. Tradizionalisti, i meglio siete voi, questo volete sentirvi dire?

      Elimina
  2. Molto meglio questo che certi giornalastri che impiastrano le menti della gente con cascate di idiozie.

    https://catania.meridionews.it/articolo/87427/il-mondo-ha-paura-del-virus-ma-il-peccato-e-piu-letale-baci-e-abbracci-in-spiaggia-per-celebrare-un-battesimo

    RispondiElimina
  3. Cosa vi aspettavate da un rotocalco da sempre sovversivo e protestantoide anticattolico e dalla morale facile che ha carpito per decenni la buona fede del popolo fedele che desiderava una rivista di sicura dotttrina? Poichè è praticamente sparito dagli abbonamenti e dalle edicole chi lo finanzia ?

    RispondiElimina
  4. Se ci sono dei vescovi rinnegati, anzi mai cattolici veri, che intronizzano il Corano ed esaltano i persecutori violenti dei cristiani profanando un luogo consacrato, con la subdola approvazione degli sbandati organi vaticani, non sorprende il contenuto di quel famigerato settimanale al servizio, per soldi, dei nemici di Cristo e della Sua Chiesa!

    RispondiElimina
  5. In fin dei conti non c'è alcuna differenza fra Silvia Romano che dice di chiamarsi Aisha e chi da tanto tempo,pur professandosi cristiano,in realtà non crede più. Cosa c'è di bello da raccontare ?E' andata in Africa non si capisce a far cosa,è stata rapita da terroristi islamici,è stata prigioniera per 18 mesi,per liberarla è stato pagato un riscatto che servirà per rapire ed uccidere altri cristiani,forse è incinta e se si non si conosce il padre ed è diventata musulmana.Cosa c'è da raccontare ai vostri figli?Ma chianatevi Famiglia arcobaleno e fatela finita .

    RispondiElimina
  6. Buona solennità della Madonna di Fatima, cari amici, oggi un Rosario speciale dobbiamo recitare, per la salvezza delle anime confuse e disorientate, come questa povera figlia che ha rigettato la sola, vera, unica religione rivelata, l'unica che conduce alla salvezza eterna. Una scelta che potrebbe costarle la salvezza eterna: forse non le hanno insegnato il vero catechismo, ricordandole le parole di Cristo "cosa vale all'uomo conquistare il mondo intero, se poi perde la propria anima?". Questo la brava Asia Bibi, invece se lo ricordava benissimo. Ben altra pasta di donna, di cristiana. Christjus Vincit,cara Aisha, Christus Regnat, Christus Imperat, e non c'è odio in queste parole, ma solo amore e zelo per la salvezza delle anime. Portare anime a Cristo, bisogna, altro che abiurare la Sua religione.

    RispondiElimina
  7. Un teatrino messo su ad arte con "benedizione della CEI.
    Di Maio ha detto che non da niente di un riscatto pagato. Ma insomma, questa ragazzetta esaltata è stata liberata con un blitz o con un botto di soldi? La faccenda puzza.

    RispondiElimina
  8. Ci dispiace immensamente che una persona faccia una scelta che, a meno di un futuro pentimento per cui pregheremo che avvenga il più presto possibile, la condurrebbe alla dannazione eterna. Ci rattrista maggiormente che coloro che sono deputati ad operare per la salvezza delle anime se ne rallegrino apertamente. La loro punizione divina sarà ancora più grande.

    RispondiElimina
  9. Silvia è una giovane , cattolica all'anagrafe ma a digiuno della vera fede nel cuore, che si è trovata a vivere un'esperienza di prigionia forzata, per cui non liberamente può aver aderito alla fede islamica, o almeno in quel contesto non possiamo credere che sia stata una scelta libera. Plagio, paura,non sappiamo. Quindi tanta pietà per questa povera sventurata che, affascinata dalle proposte boniste di alcune ong, anzichè fare volontariato in Italia,dove ce n'è tanto bisogno, ha scelto di farlo in un territorio pericoloso. Nel partire per l'Africa non credo si sia posto il problema della messa domenicale, e questo se fosse vero la dice lunga sulla sua convinzione di fede. Resta il brutto fatto di un sequestro e il dolore, almeno per la famiglia, di recuperarla da un sicuro plagio. A distanza, come madre cristiana avrei preferito che mio figlio tornasse morto ma non apostata, però nessuno di noi può giudicare sul come si sia trovata una giovane inesperta a gestire rapimento, prigionia e quant'altro. Detto questo, ovviamente "Avvenire" non si smentisce mai sul pensiero acattolico e contrario ad ogni forma di verità. A prescindere dal discorso religioso, Avvenire propone un'immagine da eroina ai futuri giovani che si basa sul nulla: la fragilità che impone per sopravvivenza un'abiuria diventa fortezza? Tanta pena nel cuore per una Chiesa che non parla più di Verità, per cui non conosce nemmeno la Carità che è sempre a servizio della Verità. La forza da trasmettere non è nel dire "ce la faremo",ridicolo, ma nel vivere ogni momento abbandonati al Divino Volere , rivestiti dell'armatura di Dio (vedi san Paolo)...allora si, che possiamo parlare di forza da trasmettere ai giovani. La Vergine di Fatima ci protegga e custodisca nella fede, quella vera, quella predicata dalla Chiesa di sempre e non ci faccia perdere la pace quando ascoltiamo dalla voce di alcuni membri della Chiesa cotante corbellerie. Preghiamo piuttosto per questa giovane schiava, che per sopravvivere o per plagio ha lasciato la libertà dei figli di Dio ... preghiamo perché il Signore la liberi perché poi, da libera, possa fare le sue scelte.

    RispondiElimina
  10. "Il Sacramento del Battesimo come tutti gli altri Sacramenti ha il carattere indelebile" è una frase sbagliata. Il carattere è impresso solo da Battesimo, Cresima e Ordine.

    RispondiElimina
  11. Dispiace per la sua conversione islamica, forse già di partenza atea o di poca fede per i suoi aguzzini è stato un gioco da ragazzi convertirla. Forse con molta pazienza e con il tempo specialmente se incontrerà persone di sana fede cattolica, potrà ravvedersi. Non sarei così dura con.lei, ma Famiglia Cristiana è ingiustificabile, un giornale incoerente e rivoltante

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non è solo famiglia scristiana, è il silenzio dei vescovi: é tornata la "figlia", ma non una parola di rammarico per aver perso una pecora. Ma forse hanno già abiurato anche loro...

      Elimina
  12. Ma come si fa a festeggiare una persona che ha salvato la vita ma ha perso l. anima spero che si penta e torni ad essere cattolica bisogna pregare che torni presto cristiana sulla via di damasco

    RispondiElimina
  13. Questo è il frutto di quello che si "predica" nelle parrocchie oggi, ovvero il verbo delle ong immigrazioniste. Il problema non è quello di una mente debole, ma delle gerarchie cattoliche, che incentivano tutto questo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ED ECCO Non poteva mancare un commento contro l'immigrazione ,tipico degli italiani della memoria corta che hanno dimenticato i milioni di figli cacciati dalla patria nel dopoguerra e sparsi in ogni angolo perduto nel mondo,Vergognatevi di cristiani avete ben poco.

      Elimina
    2. ED ECCO Non poteva mancare un commento del solito cattocomunista "misericordioso" con la solita tiritera del dopoguerra che non c'entra un tubo con il fenomeno dell'immigrazione incontrollata. Pussa via!

      Elimina
    3. Concordo. Ma tanto le attuali gerarchie cattoliche hanno il destino segnato, verranno distrutte proprio dagli islamici che hanno incoraggiato e coltivato. Del resto è nella natura delle cose che il più forte prevalga sul più debole, e l'Islam si sta dimostrando più virile della Chiesa di Roma (soprattutto se questa dà un'interpretazione fantasiosa e femminea del Vangelo).

      Elimina
  14. Da quel che dicono i giornali era atea, cresciuta nell'oratorio della parrocchia ma poi diventata atea.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. C'è un nesso tra la formazione in parrocchia e l'abiura: "se il sale perde il suo sapore"... A cosa serve? C'è un nesso tra l'abiura di una "cooperante", e i malati di covid (e di tutte le restanti patologie ...) morti in ospedale, senza sacramenti. Il clero oggi ha responsabilità pesanti come macigni. Il rispetto che gli dobbiamo non deve nasconderci le enormi responsabilità dei nostri pastori.

      Elimina
  15. Non sottovaluterei, circa la sua Conversione ad U, il famoso fattore C.

    RispondiElimina

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.