giovedì 20 febbraio 2020

CIEL, Convegno sulla Liturgia a Roma - i testi degli internventi. III Parte, padre Seàn Finnegan

Segue ora un estratto dell'intervento di padre Seàn Finnegan, docente presso il Seminario di S. Giovanni a Wonersh.
Luigi.  

Qui il I intervento, qui il II intervento

Perché Sarum?

Bene, per cominciare, perché tutti qui sono interessati alla Liturgia. Ma non intendo che questo discorso sia semplicemente un esercizio di archeologia liturgica. Vorrei suggerire che, in effetti, la conoscenza di questo argomento e di argomenti simili può e dovrebbe essere essenziale per qualsiasi tentativo di dirigere ulteriori riforme liturgiche. Quindi non sto suggerendo che il Sarum stesso sia l'unica chiave del nostro futuro liturgico, ma ha qualcosa da insegnarci, come discuterò, ed è, in ogni analisi, un buon esempio del suo tipo.

            
Conoscete tutti il ​​nome di Sir Winston Churchill: ciò che meno si sa di lui è che, nel suo tempo libero, era un pittore e, più pertinentemente, uno storico. In un discorso del marzo 1944, si dice che abbia detto "Confesso di essere un grande ammiratore della tradizione. Più puoi guardare indietro, più puoi guardare avanti '. Se intendiamo (come sono sicuro che tutti qui oggi) che la nostra liturgia dovrebbe crescere organicamente piuttosto che essere ingegnerizzata dal nulla di preesistente, rende lo studio delle forme precedenti della liturgia - quelle, intendo, che pre-datano il Missale Romanum del 1570 - essenziale se vogliamo capire perché la liturgia che celebriamo ora, sia in forma straordinaria che ordinaria, è diventata così com'è e come può svilupparsi senza perdere il suo carattere intrinseco. Alla Riforma e ancora ai nostri giorni
c'è stata troppa estrapolazione dalla liturgia di una "chiesa primitiva" ipoteticamente concepita (qualunque cosa significhi) direttamente al presente. In una lettera, Tolkien ha sviluppato un'immagine che San John Henry Newman usa nel suo Saggio Sullo Sviluppo della Dottrina Cristiana: è come se avessimo considerato una ghianda, che non possiamo nemmeno vedere, come intrinsecamente migliore della quercia matura in cui essa è cresciuta e avessimo abbattuto la quercia nella speranza di trovare la ghianda originale. Un tale progetto è inutile e difficilmente ci insegnerà qualcosa di utile. [...]

Perché non, quindi, semplicemente studiare la Forma Straordinaria della Liturgia, ad esempio nella sua manifestazione del 1570 o addirittura del 1962? Bene, come ha osservato l'eminente musicologo László Dobszay, scomparso, la Forma Straordinaria della Liturgia non è in realtà l'antico Rito Romano, ma una versione modificata per l'uso della Curia Papale e della Cappella Papale, sostanzialmente ridotta in termini di complessità e solennità. Dobszay ha commentato che se si desidera comprendere l'antico e immemorabile rito occidentale, è necessario infatti esaminare tutte le forme varianti di quella liturgia che esisteva nel Medioevo e stabilire testi e pratiche comuni. Nello stesso lavoro scrive "La tradizionale liturgia romana si trova in ciò che è comune nonostante i cambiamenti in superficie." Che questi riti siano varianti significa che troveremo differenze, a volte sostanziali, tra di loro. Ma ci sono anche cose comuni alla maggior parte o persino a tutte che non sono tipiche delle attuali forme ordinarie o straordinarie della Messa.

Per prendere due esempi a caso; le braccia del celebrante, aperte, in modo crucis dopo la consacrazione e la processione verso la fonte battesimale durante i Vespri la Domenica di Pasqua: sono entrambi elementi classici del rito romano che non sono conservati né in forma ordinaria né straordinaria, ma solo nelle varianti medievali del rito romano.

[...]
Finalmente, nonostante l'energia di questo movimento liturgico, accadde l'impensabile. Con la pubblicazione del Novus Ordo Missæ, nel 1969, quasi tutti questi usi locali e religiosi sono semplicemente scomparsi. Lione, Braga, il domenicano, il carmelitano, il cistercense, il premostratense e molti altri furono consegnati al museo. Perfino Toledo, Milano e i Certosini modificarono i propri Messali secondo lo spirito del Messale Romano del 1969, sebbene il rito di Toledo abbia mantenuto il suo carattere molto più energicamente. Penso che ci sia una crescente consapevolezza che questa denaturazione sia stata un errore. Le celebrazioni del tradizionale rito domenicano stanno aumentando, ma non credo che ci sia molto altro da fare. Un monastero cistercense in Germania, che aveva rianimato il suo rito, mi pare, ora è stato chiuso.

Quindi, per tornare alla mia domanda; Perché Sarum? Perché questa variante e non un'altra? Ci sono molte risposte a questa domanda, e la prima è che è semplicemente quella che conosco di più. Sto preparando Messale di altare, di cui ho un esempio qui. Ma Sarum ha anche un grande valore intrinseco, che esplicherò in seguito.

STORIA DELL'USO

L'Uso Sarum è la variante del rito romano utilizzata nella maggior parte delle isole britanniche dal tempo dell'arrivo dei Normanni in Inghilterra, nel secolo XI fino al secolo XVI. La gente crede che l’Uso Sarum sia in gran parte derivato dall'Uso di Rouen, anche se con il passare dei secoli ha acquisito un'autenticità e un carattere a sé stanti che lo hanno reso ampiamente ammirato. A sua volta, si ritiene che abbia esercitato un'influenza sulla creazione dell'Uso Domenicano quello di Nidaros e forse anche quello di Braga grazie a una principessa Inglese che si sposò con la famiglia Reale Portoghese e conservò la sua cappella.
            
[...] 

In una cattedrale come Sarum, ci sarebbe un grande clero, a volte molto grande, di membri del clero il cui scopo era cantare gli uffici e celebrare la Messa con tutta la solennità possibile, indipendentemente dalla presenza di laici. Nel corso del tempo, il modo in cui la liturgia, gli uffici e la Messa, furono celebrati a Salisbury, aumentò di splendore e complessità e divenne molto ammirato e imitato. Così nacque l’Uso Sarum, che significa semplicemente "il modo in cui la liturgia viene celebrata a Salisbury". Poiché altre cattedrali e diocesi hanno cercato di imitare il metodo di Salisbury, il clero di Salisbury ha iniziato a scrivere attentamente come venivano fatte le cose lì, motivo per cui sappiamo molto sull'Uso di Sarum; mentre in molti altri luoghi, la consuetudine è stata tramandata con il passaparola diretto, le informazioni ora sono perite a quegli individui una volta che le usanze avevano cessato di essere una tradizione vivente.

[...]

Com’era una Messa di Sarum?

Come nella maggior parte della Francia, una chiesa di Sarum aveva un lungo presbiterio con un breve santuario contenente un altare all'estremità orientale che era circondato da tende sui lati nord e sud e a volte sull'est. Le tende a nord e sud sarebbero state chiuse dall’accolito durante il Canon. Classicamente c'erano solo due candele sull'altare stesso, sebbene spesso ce ne fossero altre intorno all'altare. Sull'altare era appeso una pisside contenente il Santissimo Sacramento. Le chiese parrocchiali (contrariamente all'immaginazione popolare) erano spesso dotate di panchine per i laici nel secolo XVI, e la navata era divisa dal coro da uno jubé - una solida nelle chiese e nelle abbazie maggiori, ma nelle chiese parrocchiali trafitto così come formare una cornice per l'azione visibile sull'altare maggiore. Lo jubé sarebbe tipicamente decorato nelle sue parti più basse con immagini dei santi e sormontato da un grande crocifisso, il "rood", accompagnato da figure della Beata Vergine e di San Giovanni.

Le cerimonie

[...]    
Esternamente, i sacri ministri dell’Uso Sarum sembravano molto simili a quelli della maggior parte degli Usi Romani durante il Medioevo. I paramenti erano praticamente gli stessi in tutta Europa: la forma della casula alla fine del secolo XV era simile in tutto il Nord Europa. Anche se diverse casule pre-Riforma sono sopravvissute fino ai giorni nostri, per quanto ne so, esiste solo un esemplare che esiste ancora nella sua forma originale. Potete vedere che è di colore blu. Non c'era una particolare sequenza di colori del Sarum (sebbene un vittoriano chiamato Percy Dearmer cercasse di crearne uno) e il blu era molto comune, essendo fatto dalla comune tintura di erbe britanniche chiamate Woad. Questo esempio particolare ha, in dietro, le armi dell'Abbazia di Whalley (il suo ultimo abate fu ucciso da Enrico VIII), e i colori liturgici romani sono stati aggiunti attorno al bordo, il che significa che è stato usato durante gli anni della persecuzione. Ho avuto una copia moderna di questo e posso dirvi che è molto comodo da usare, più di qualsiasi altra forma. È pieno nella parte posteriore e tagliato stretto nella parte anteriore. Ha una stola e un manipolo intonati, sia molto lunghi che stretti. L’Uso Sarum non ha usato il velo del calice ma invece un corporale di grandi dimensioni, o un paio di essi, che era attirato dalla parte posteriore sopra il calice; questi corporali erano tenuti in una "cassa corporale" o in una borsa che non corrispondeva necessariamente al tessuto delle vesti.

Diacono e Sudiacono erano parati come aspettavamo; l'Accolito nelle feste importante era considerato, ed era investito come, un ministro sacro, in una tunica, e a lui (non al Sudiacono) era affidata la patena durante il Canone; questo era tenuto in una sciarpa di seta, (in altre parole non era simile al nostro moderno velo omerale), che pendeva sopra la spalla sinistra dell'Accolito. Come in molti altri riti Medievali, un vescovo, in particolare il Giovedì Santo, era assistito da sette diaconi e sette sudiaconi.

[...]

L'Orate Fratres è interessante:

Orate Fratres et sorores pro me, ut meum pariterque vestrum Acceptum sit Domino Deo nostro sacrificium.
La risposta è detta sottovoce:
Spiritus Sancti gratia illuminet cor tuum et labia tua: e accipiat Dominus digne hoc sacrificium laudis de manibus tuis pro peccatis et offensionibus nostris.

[...]

Conclusione

Quindi, sto suggerendo un restauro totale della liturgia di Sarum per diventare la liturgia normale delle isole britanniche e del suo mondo culturale? Bene, sarebbe bello, ma piuttosto poco pratico. Credo, tuttavia, che dovrebbe essere celebrato più comunemente e sicuramente meglio conosciuto, come dovrebbero essere molte altre liturgie locali. La prima parte del ventesimo secolo vide la rinascita di molti Usi degli ordini religiosi; ciò dimostra che è certamente possibile ravvivare anche riti locali della famiglia romana. No meno importante, un simile risveglio arricchirebbe la nostra comprensione del Rito Romano e fornirebbe una base sicura per qualsiasi sviluppo autenticamente organico ritenuto necessario. Sarum è solo un esempio; ce ne sono molti altri e spero che le future conferenze CIEL possano esaminarne alcuni.

1 commento:

  1. Mi basterebbe tornare al Messale del 1962 su tutto l’Orbe cattolico

    RispondiElimina

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.