giovedì 20 febbraio 2020

CIEL, Convegno sulla Liturgia a Roma - i testi degli internventi. II Parte, Mons. Ferrer Grenesche

Dopo il primo intervento, segue quello di Mons. Juan-Miguel Ferrer Grenesche, decano della Cattedrale di Toledo e cappellano per il Rito Mozarabico.
Vi presentiamo un breve estratto. 
Luigi 

Qui il I intervento


La liturgia ispano-mozarabica a Toledo 

1. Introduzione 



Per molte persone, parlare della liturgia ispano-mozarabica significa parlare di un curioso fenomeno religioso/culturale che si conserva a Toledo. Ma essendo Toledo la diocesi alla quale appartengono le parrocchie i cui parrocchiani permettono a questa liturgia di rimanere in vita (se non ci fossero fedeli questa liturgia sarebbe una semplice reliquia del passato come la liturgia del sud delle Gallie o la liturgia celtica; o si tratterebbe di "usi liturgici" tipici di una cattedrale, come succede con la liturgia bracarense o con la di Lione, in Francia), questo non è un fenomeno esclusivo di Toledo, ma è la liturgia del vecchio rito Ispano-Visigoto, che anche i mozarabi hanno custodito fino al suo progressivo assorbimento nelle
realtà rituali di tutto l'Occidente europeo (processo che vede il suo punto di riferimento nel
consiglio di Burgos del 1080). 


Per chiarire che questa liturgia, (l'unico elemento vivente che è rimasto dell'antico Rito Ispano-Visigoto), è un'eredità di tutti i cattolici spagnoli e persino solo di tutti gli spagnoli (come possono essere altri monumenti della nostra eredità storia culturale), dopo il rinnovamento dei loro libri liturgici, per adattarli alle norme generali della liturgia stabilite nel Concilio Vaticano II, è stata concessa un'ampia capacità ai vescovi delle diocesi spagnole di poter concedere nelle loro Chiese il permesso di celebrare in questa forma liturgica, sia occasionalmente, sia in alcuni giorni dell'anno o anche su base giornaliera se esiste una comunità stabile di fedeli che ne assicurasse la partecipazione (in particolare se fosse una comunità di fedeli già personalmente attaccata al rito, sia che fosse una comunità religiosa che volesse averlo come proprio). 

Tuttavia, si è voluto riconoscere che l'Arcivescovo di Toledo è il superiore o responsabile del rito. Per due motivi, perché è l'ordinario dei fedeli che storicamente mantengono viva questa liturgia e in secondo luogo ricordando che l'Arcivescovo di Toledo era il superiore del rito a cui apparteneva questa liturgia e con cui è nato, motivo, tra l'altro, del che verrà riconosciuto dopo, e lo detiene ancora, il titolo di Primato delle Spagne. Questo riconoscimento non implica alcuna collisione con la giurisdizione di ciascun Vescovo nella sua diocesi, ma è un aiuto e una garanzia in modo che ciascun Vescovo possa assicurare la corretta celebrazione di questa liturgia nella sua diocesi, così come il modo di garantire che qualcuno promuova e veglie sulla sopravvivenza di questo tesoro comune con autorità e forti argomentazioni storiche. In questo momento, tuttavia, una commissione “ad hoc” sta lavorando sotto la supervisione della Santa Sede per perfezionare e completare il supporto canonico di questa venerabile liturgia e le responsabilità su di essa della Santa Sede, Conferenza Episcopale Spagnola, Arcivescovo di Toledo e ogni Vescovo nella sua diocesi. 

...


2. Una chiesa Rituale o Rito. 

Molte volte tendiamo a pensare che lo sviluppo della Chiesa sotto forma di Chiese Rituali o Riti sia un fenomeno esclusivo dell'Oriente. Ma in Occidente vi fu un altro sviluppo diverso in cui era nota solo un'unità canonica, teologica, spirituale e liturgica, il Rito Romano. E tutte le varietà che esistono ed esistevano all'interno di questa grande unità erano semplici grazie, privilegi o concessioni della Santa Sede a determinati ordini, diocesi o gruppi di diocesi di una regione o nazione. Ma questa valutazione è chiaramente contraria alla realtà degli eventi storici. 
[...]


Bibliografia utilizzata per questa dissertazione. 


R. FRÖHLICH, Histoire de l’Eglise, panorama et chronologie, Parigi 1984. 
AA.VV., Los Primados de Toledo, Toledo 1993. 
J.- Andrés LÓPEZ-COVARRUBIAS, Cronología histórica de Toledo, Toledo 2008. 
Rivista, Liturgia y Espiritualidad , XXV, num. 1/2 (1994) 


Nessun commento:

Posta un commento

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.