lunedì 10 febbraio 2020

10 febbraio: ricordiamo anche i 50 preti infoibati


Dal blog di Campari e de Maistre 
RIP


5 commenti:

  1. Le foibe: ulteriore motivo di divisione del popolo italiano. Più precisamente, riguardo alla Chiesa, fra cattolici e cattocomunisti. Questi ultimi, di concerto ai comunisti puri (vedi ANPI) si sono lasciati andare a commenti giustificazionisti agghiaccianti. Si perpetua così, la distinzione comunista e cattocomunista fra "buoni" (ovviamente loro) e "cattivi".

    RispondiElimina
  2. Tanti auguri di una santa e felice solennità della Madonna di Lourdes a tutti voi, cari amici e conduttori di questo benemerito blog cattolico.

    RispondiElimina
  3. Siamo quasi alla resa dei conti. I "buoni" che gridano "al lupo al lupo" sono loro i veri lupi!!!! Ma il giochino viscido e stomachevole sta pian pianino perdendo il suo effetto allucinogeno, anche se restano molti gli allucinati inguaribili.
    Anche se si sono intrufolati dentro la Santa Chiesa di Cristo, vestendo abiti ecclesiastici, sempre lupi rimangono, e se la intendono con i lupi "laici" cattocomunisti e non che da fuori ululano: "pace...pace... pace". Una situazione davvero laida che non può durare!!!

    RispondiElimina
  4. Sacerdoti, martiri della barbarie ateo-comunista pregate per la Chiesa cattolica,in preda alla miscredenza e all'apostasia, che immemore del vostro sacrificio offerto per la fede è in alleanza con i nemici di Cristo e ne sposa le ideologie anticristiane.

    RispondiElimina
  5. L'odio inestinguibile dei "liberatori"! E la cretineria degli pseudo-preti che hanno gettato il cervello alle ortiche!

    RispondiElimina

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.