venerdì 7 dicembre 2018

Il Nunzio Gullickson: intolleranza verso il Vetus Ordo "qualcosa di diabolico"


Da  Gloria TV.
L

“Sono enormemente rattristato dal sentire persone (perfino vescovi) militare contro la Summorum Pontificum e contro il tenero rifiorire delle celebrazioni regolari con il Vetus Ordo" 

scrive l'arcivescovo Thomas Gullickson, Nunzio Apostolico a Berna (Svizzera) sul suo blog (18 novembre).
Per Gullickson, c'è "qualcosa di diabolico" nell'intolleranza verso quanto "è stato sempre e ovunque nella Chiesa, con grande profitto nei secoli".
Ciò gli ricorda l'espressione inglese "Cut off your nose to spite your face" ["tagliarsi le gambe da soli"].

Foto: © Joseph Shaw, CC BY-NC-SA, #newsBejkmzabgn

2 commenti:

  1. "Tagliarsi le gambe da soli" non è riferibile agli attuali dirigenti ecclesiastici Bergoglio in testa: è ormai evidentissimo che, al contrario, sono proprio lor signori che stanno tagliando le gambe alla Chiesa. Chiaro che non ci riusciranno, ma è ora che ci si renda conto che lo scisma interno al Cattolicesimo, che si riflette sul popolo dei fedeli, è un dato di fatto.

    RispondiElimina
  2. Quel nunzio ha colto nel segno e dato che l'odio verso il VO è violento e del tutto acritico, è spiegabile solo con la psicopatica difesa d'ufficio di una riforma " rapida e radicale" ( parole dei novatori!)che, millantata come risolutiva della riduzione della frequenza alla Messa sta producendo l'effetto contrario, della quale rifiutano di ammettere il fallimento e il danno procurato alla Chiesa. Non resta, infatti, a loro che cercare di attirare gente con blasfeme carnevalate, che scandalizzano i fedeli e che i mitrati ( adeguati) si guardano bene dal reprimere,

    RispondiElimina

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.