lunedì 2 ottobre 2017

Nuovo ristorante San Petronio

di Mons. Benigno Umberti

Gran sacrilegio nella chiesa magna:
invece del Signor c'è la lasagna;
nella nuova chiesa orrizzontale,
non entrò neppur la carne di maiale.
Grande sdegno nel regno animale
per questa grande ingiustizia sociale;
(del tortellino la degustazione
portato avrebbe a conversione!)
Siam giunti proprio alla follia,
diciamo no alla suino-fobia!
Del maiale bisogna star senza,
solo per lui non c'è accoglienza… 
Che il Signore ci esaudisca,
e la nottata, deh, finisca!
Che dal Ciel cominci il repulisti,
di compagni, massoni e modernisti!

21 commenti:

  1. "Occorre mettere dei paletti." (Vlad III di Valacchia)

    RispondiElimina
  2. Exurge Domine et judica causam tuam.

    RispondiElimina
  3. La pur preziosa e meravigliosa lingua italiana non contempla una parola adeguata per definire le pappate che i modernisti organizzano nel luogo sacro. Tutte le parole più orribili e terribili, più taglienti, caustiche e indicibili del vocabolario italiano sono miseramente approssimative.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Concordo con Ito Vomi. Saranno soddisfatti i modernisti che intervengono con i loro commenti su questo blog mostrando il loro sdegno per il linguaggio a loro parere insultante e vergognoso utilizzato dai cattolici. Questa volta non potranno lamentarsi, visto che nessuna parola insultante e vergognosa è stata utilizzata, dal momento che non esiste. Forse c'è bisogno di coniare un neologismo, ma non è impresa facile.

      Elimina
  4. Ammazza che poeta...anche se ha ragione. Ma perché scrivere dei versacci?

    RispondiElimina
  5. la mia casa è casa di preghiera e voi ne avete fatto ..........

    RispondiElimina
  6. Vergognosa profanazione di una basilica ridotta ad osteria per gli interessi ideologici ed affaristici di chi, nascondendosi dietro ai 'poveri', vuole sovvertire la dottrina della Chiesa cattolica, riducendo la casa di Dio a spelonca umana, ispirandosi alla deriva antropologica nata con il CVII. L'abbuffata, fortemente avversata, prima in S. Maria in Trastevere, ridotta a covo di una certa Comunità, non poteva non essere trasferita nella sede dell'attuale arcivescovo e offerta a un Bergoglio che non sa andare oltre la demagogia pauperistica, spacciata per Vangelo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @Anonimo4 ottobre 2017 10:22. Incommentabile. Spero che lei non si pensi cristiano cattolico. Le assicuro in ogni caso la mia preghiera!

      Elimina
    2. Notevole il contributo di Anonimo delle 10:22, si tratta di un vero commento cristiano cattolico, non ipocrita, e che prende atto di certe squallide realtà.

      Elimina
    3. Egregio Stefano Amore, non so se il suo cognome sia vero oppure uno pseudonimo. In ogni caso, vorrebbe spiegare cos'è "amore"? E poi: cosa c'è di "incommentabile" in ciò che dice Anonimo 10:22? Evidentemente lei sì che si pensa "cristiano cattolico", pleonasmo che la dice lunga sul suo "amoroso" ecumenismo. Lei è un amatore modernista e tanto basta.

      Elimina
  7. Profanazione?...per favore rispettiamo il senso delle parole.

    http://www.lastampa.it/2017/10/01/vaticaninsider/ita/vaticano/quei-poveri-che-pranzano-in-chiesa-e-laccusa-di-profanazione-uLUgbqrmYi7EmAeuCq22xM/pagina.html

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quanto scritto su vaticaninsider è un capolavoro dell'alchimia modernista che con l'amarcord di ciò che facevano "nel passato" e impugnando il Vangelo propina un umanitarismo ecumenico che te lo raccomando!

      Elimina
    2. Chissà perchè non fanno lo stesso nelle sinanoghe e nelle moschee.....non arriva col cervello vero?
      Chissà perchè Cristo scacciò i mercanti dal Tempio....forse perchè era poco misericordioso?
      Gli articoli bergogliani precompilati dai soliti del Partito sono fantastici! Ridiamo per non piangere!

      Elimina


    3. Vangelo secondo Matteo

      Capitolo 21


      12Gesù entrò poi nel tempio e scacciò tutti quelli che vi trovò a comprare e a vendere; rovesciò i tavoli dei cambiavalute e le sedie dei venditori di colombe 13e disse loro: "La Scrittura dice:
      La mia casa sarà chiamata casa di preghiera
      ma voi ne fate una spelonca di ladri".

      1 Corinzi 11:22-34 Conferenza Episcopale Italiana (CEI)

      22 Non avete forse le vostre case per mangiare e per bere? O volete gettare il disprezzo sulla chiesa di Dio e far vergognare chi non ha niente? Che devo dirvi? Lodarvi? In questo non vi lodo!

      Elimina
  8. Ha detto bene Gas, stanno riducendo Gesù a una macchietta compassionevole. Certo clero moralista dipinge il Vangelo come un carosello di spot dolciastri e lacrimevoli, distorcendone il vero significato.

    RispondiElimina
  9. le ordinazioni di bergoglio per me sono tutte invalide

    RispondiElimina
  10. Anche a Genova ad ogni Natale fanno il pranzo nella bellissima ed insigne Basilica della Nunziata, oggi affidata alla Comunità di S. Egidio (dopo essere stata per molti anni officiata dai Francescani).
    Il pranzo dei poveri, in sè lodevole, diventa però una passerella per magnificare la Comunità di S. Egidio e quindi il centro-sinistra cui si riferisce (si ricordi che Andrea Riccardi è stato ministro del governo Monti che ha massacrato le classi sociali più deboli per favorire i ricchi ed i grandi poteri finanziari, è detto tutto).
    Vedremo quest'anno, dopo che i liguri hanno finalmente mandato a casa il centro sinistra dalla Regione e da questo ed altri Comuni.
    Si noti comunque che a Genova, come a Bologna ed altrove, non mancano soluzioni alternative: per esempio i padiglioni della Fiera, oltretutto più adatti e comodi perchè già dotati di servizi igienici, cucine e quant'altro occorre, mentre la chiesa per sua natura è destinata ad altro uso.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @Sandro55. Ogni anno a Genova si svolgono più di 30 pranzi di Natale, alcuni nelle chiese, non solo la Basilica dell'Annunziata del Vastato, altri in locali di diversa natura. Il vero problema non è una questione di necessità di utilizzare la Basilica, ma è il senso stesso di accomunare il sacramento del povero (Giovanni Crisostomo) con il sacramento dell'altare. Se lei ha partecipato a una liturgia della Comunità di Sant'Egidio come mi è capitato talvolta, avrà notato la cura per la liturgia, i bei paramenti, l'incenso utilizzato in ogni occasione, il decoro l'ordine e i canti (cantano anche il credo). La presenza dei poveri a pranzo nella Basilica rende ancora più ricca e vera la liturgia eucaristica.

      Elimina
  11. Cosa volete?! Per la neochiesa bergogliana Dio non esiste! Conta solo sfamarsi in allegria in questo mondo e poi... l'amoooore (in tutte le salse) ci sazierà con voluttà...

    RispondiElimina

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.