martedì 4 aprile 2017

Il blog sulla tradizione della Chiesa veneziana

E' nato da pochissimi giorni un nuovo blog (TRADITIO MARCIANA) sulla tradizione e sulla dottrina nella Chiesa patriarcale di Venezia. Come non pensare alla chiesa di S. Simon Piccolo, in cui da anni (e anche ai tempi caldi della "reazione" lefebvriana) si celebra secondo il rito Romano antico. 


Un articolo del blog, rivolge l'attenzione anche al Rito Bizantino e alla Chiesa Ortodossa in generale (ci scusiamo per la precedente imprecisione e ringraziamo i lettori attenti che ce l'hanno segnalata) .Da sempre infatti, Venezia è stata una porta con l'Oriente (greco-ortodosso): basti pensare che molte roccheforti della Serenissima si trovavano non solo sulle coste dell'attuale Croazia, ma giungevano anche a dominare le isole e i mari della Grecia. 




Invitiamo tutti a visitarlo ora e in futuro. TRADITIO MARCIANA



8 commenti:

  1. Mah... sembra come mettere assieme cavoli e patate..

    RispondiElimina
  2. Rito ortodosso??? Quale rito ortodosso????

    Perchè non ci mettete pure l'anglicano allora, almeno non si fa torto a nessuno scisma no?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. beh, i riti orientali sono pienamente approvati dalla Chiesa Romana fin dal Concilio Lateranense IV

      Elimina
  3. Egregi anonimi,dove vedreste l'impossibilità di confrontare l'Ortodossia e il Cattolicesimo?Prima di tutto,si parla sempre e solo di rito bizantino, presente anche nel Cattolicesimo, e sempre da una prospettiva cattolica; anche se si volesse parlare di somiglianza tra Cattolicesimo e Ortodossia a livello teologico (cosa che i fondatori del sito non fanno, occupandosi solo di liturgia), chi mette sullo stesso piano (e sono tanti tra i tradizionalisti) i fedeli di rito tridentino in Comunione con Roma, la canonicamente irregolare Fraternità di San Pio X o gli eretici sedevacantisti, commette errori ben peggiori.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I sedevacantisti non sono "eretici" ma casomai "scismatici". Gli eretici sono i Luterani, quelli che Bergoglio accoglie con i tappeti rossi.
      Secondo cosa per "rito ortodosso" intendiamo la "Divina Liturgia", delle Chiese autocefale della Russia e dei Paesi dell'est.

      Elimina
  4. Non esiste nessun "Rito Ortodosso"; esiste il "Rito Bizantino-Costantinopolitano", maggioritario nella Chiesa Ortodossa ma non esclusivo di essa. Infatti esistono intere Diocesi, con milioni di fedeli (e.g. Leopoli in Ucraina) che liturgicamente seguono il Rito Bizantino-Costantinopolitano ma che sono in perfetta Comunione con la Chiesa Cattolica Apostolica Romana e il Santo Padre. Infatti nel corso della Messa, seguendo le consuetudini di tale Rito antecedenti lo scisma del 1054, si prega per il Papa, menzionandone il nome, almeno 3 volte nel corso dell'intera Liturgia.

    Insomma... parlare di "Rito Ortodosso" sarebbe come parlare di "Rito Cattolico". Non esiste.

    Ambrosianus

    RispondiElimina
  5. In effetti, l'"ortodosso" non è un rito della Chiesa, è semplicemente un'altra religione. A meno che per "rito ortodosso" non si intendano i riti orientali della Chiesa Greco-Cattolica, che non c'entrano assolutamente niente con la cosiddetta "ortodossia", in quanto rientrati in comunione con Roma (Uniati). In verità, la vera e unica Ortodossia è la Chiesa Cattolica Apostolica e Romana, cioè l'unica chiesa che Cristo fondò e dalla quale gli scismatici orientali si separarono definitivamente nel 1054 col patriarca Michele Cerulario, poi scomunicato dal Papa.

    RispondiElimina
  6. Leggendo il blog infatti si parla sempre e solo di rito bizantino, anche se le foto sono tratte da Chiese ortodosse per necessità tecniche. Parlare di "rito ortodosso" è fuorviante, sia perchè non è l'intenzione del blog, sia perchè non esiste.

    RispondiElimina

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.