lunedì 13 febbraio 2017

Per tutti coloro che hanno a cuore la restaurazione della Civiltà cristiana

Molto volentieri segnaliamo. 
AC 

"L'azione", di Jean Ousset. 
Un manuale per i controrivoluzionari di oggi 
di Federico Catani 

Chiunque abbia a cuore la restaurazione della Civiltà cristiana e si adoperi per ristabilire l’ordine cattolico nell’attuale società deve anzitutto formarsi. 

La preparazione culturale è fondamentale per rispondere adeguatamente alle sfide che pone il mondo moderno: senza studio il rischio – divenuto tante, troppe volte realtà – è di venire inesorabilmente schiacciati dalle menzogne imposte e diffuse dalla Rivoluzione. 

Senza formazione o con una formazione superficiale, inoltre, si diventa insipidi, come lo sono oggi tanti presunti “cattolici di parrocchia”, che di Cattolicesimo non hanno più nulla, avendolo sostituito con un vago filantropismo posto al servizio delle mode del momento. 

Tuttavia, se la formazione è importante, è anche vero che agli ambienti controrivoluzionari è
mancata e manca spesso la capacità tecnico-pratica di attuare quanto appreso intellettualmente. 

In effetti, nonostante sia più grande di quanto uno possa immaginare guardando la tv o leggendo i giornali, la resistenza alla Rivoluzione si trova comunque di fronte a grandi limiti strategici, dovuti a vari motivi, come ad esempio eccessive e inutili rivalità personali o un eccessivo intellettualismo. (Sottolineatura nostra.N.d.R.)

Per queste ragioni va salutata con gioia la pubblicazione, per la prima volta in Italia, de “L’azione - Manuale per una riconquista cattolica politica e sociale” (Editoriale Il Giglio, Napoli 2016). 

Il libro, dell’intellettuale tradizionalista francese Jean Ousset (1914-1994), e tradotto da Guido Vignelli, più che un trattato teorico è un manuale d’azione, che ogni gruppo controrivoluzionario dovrebbe non solo leggere, ma studiare. 

Ousset, lo ricordiamo, nel 1954 fondò la Cité Catholique, organizzazione di coordinamento delle varie realtà tradizionaliste francesi, nota per i suoi convegni nazionali e internazionali e che ebbe grande seguito anche in altri Paesi d’Europa e dell’America Latina. 

Come ricorda Vignelli nell’introduzione, durante gli anni del pontificato di Giovanni XXIII, anni di cambiamenti nel mondo e nella Chiesa, tre libri in particolare si proposero di impostare un programma di riconquista cristiana della società: “Pour qu’ll règne” di Jean Ousset, “Revolução e Contra- Revolução” del prof. Pinio Corrêa de Oliveira (1959) e “Cristianesimo e ordine civile” di don Gianni Baget Bozzo (1961). 

L’opera di Ousset però non è mai stata tradotta in Italia. “Pour qu’ll règne” è un lavoro monumentale, volto a sistematizzare la teoria e l’azione per un ritorno alla Regalità sociale di Cristo, unico antidoto contro la Rivoluzione dilagante. 

Quella pubblicata dall’Editoriale Il Giglio è solo la parte finale del libro di Ousset, che dal 1968 divenne un testo autonomo: “L’Action”, per l’appunto. 

Per Ousset il dramma del cattolicesimo del XX secolo è stato l’aver separato il pensiero dall’azione e la dottrina dal metodo. 

Troppe volte anche oggi si fa un gran parlare ma poi molti preferiscono non sporcarsi le mani, pensando che prima o poi la Provvidenza sistemerà tutto. 

Ora, se è vero che senza l’intervento divino l’uomo non può sconfiggere la Rivoluzione, è altrettanto indispensabile darsi da fare: “I soldati combatteranno in nome di Dio e Dio donerà loro la vittoria”, diceva Santa Giovanna d’Arco, citata opportunamente da Ousset, il quale ricorda pure come l’ortodossia cattolica abbia sempre insegnato che «bisogna pregare come se la nostra azione fosse inutile, ma agire come se la nostra preghiera fosse altrettanto inutile». 

Ci vuole dunque un sano equilibro che eviti sia il fideismo che si rifugia unicamente nella preghiera, sia l’attivismo senza alcuno sguardo soprannaturale. 

Ousset parla ai laici di azione, ma non smette di ricordare l’importanza decisiva dei ritiri, della Santa Messa e degli esercizi spirituali. 

Come sintetizza efficacemente Vignelli, l’intellettuale francese aveva ben presente la necessità di «formare nuove élites e classi dirigenti, influenzare le istituzioni, controllare il potere, gareggiare con i mass-media». 

Questa è la missione specifica dei laici cattolici, che devono essere sempre più consapevoli del loro ruolo e della necessità di una legittima autonomia dalle gerarchie ecclesiastiche, oggi sempre più schierate a favore della modernità (e se questo era vero negli anni Sessanta-Settanta, attualmente lo è all’ennesima potenza). 

Per Ousset «si trattava innanzitutto di formare militanti cristiani convinti, coerenti e credibili, uniti da legami di amicizia, da un’identica dottrina e da un comune metodo di azione, allenati al senso critico e al rigore morale, abituati a osservare, analizzare, progettare, ma anche a decidere e ad agire. 
Essi dovevano diventare una élite seria, diffusa e influente, capace di trattare con le persone e con gli ambienti sociali più diversi, capace di agire nella vita civile usando i più efficaci strumenti d’informazione, propaganda e persuasione, caratterizzati da un contatto personale, azione in gruppi ristretti, massima libertà di iniziativa». 

Per raggiungere l’obiettivo Ousset raccomandava di dar vita ad un’associazione di associazioni, di «formare una rete di cellule, circoli e gruppi, capace di penetrare negli ambienti più influenti della società civile per informarli, risanarli e coordinarli in una globale azione contro-rivoluzionaria». 

In pratica, «bisognava influenzare dall’interno gli ambienti sociali e i “corpi intermedi” superstiti, per propagarvi le verità e confutarvi gli errori, per rafforzarvi le virtù e indebolirne i vizi, per favorirvi le tendenze sane e combattervi quelle malate, per rafforzarvi le dirigenze in crisi d’identità e di responsabilità». 

Come scrisse Lenin, “se a San Pietroburgo, nel 1917, ci fossero state solo poche migliaia di uomini ben certi di quello che volevano, non avremmo mai potuto prendere il potere in Russia”. 

Sacrosanta verità, perché la storia la fanno le élites. 

E per vincere c’è bisogno di unità di intenti e di comunione fraterna.(Sottolineatura nostra.N.d.R.)

Per questo Ousset, tra le tante indicazioni, mette in guardia da invidie e gelosie, dalla tiepidezza e dal mero volontariato. 

A sinistra c’è sempre chi si dedica a tempo pieno alla lotta. 
Perché non dovrebbe essere così anche in campo cattolico controrivoluzionario? 

Purtroppo questi consigli non sono stati molto seguiti e i risultati sono sotto gli occhi di tutti. Nonostante incoraggianti segnali di speranza, la Rivoluzione avanza. 

Da quanto è possibile notare, però, forse è arrivato il momento propizio per un vero cambio di direzione. 

Di fronte alla crisi dilagante nella società e a quella - eclatante - nella Chiesa, molti giovani stanno aprendo gli occhi e decidono di opporsi al sistema dominante. 

Ed è su loro che bisogna puntare, perché solo loro potranno essere le élites del prossimo futuro. 

Giovani ai quali pertanto sembra particolarmente rivolto questo libro, uscito oltre cinquanta anni fa, che infatti vivamente raccomandiamo di leggere e studiare, perché validissimo anche per i nostri tempi travagliati.

Fonte : Campari & De Maistre

13 commenti:

  1. Per gentilezza è possibile avere indicazione di come acquistare il libro? Grazie

    RispondiElimina
  2. "unità di intenti e comunione fraterna", quelle cioè per cui si distingue il gruppetto di ultraconservatori che non perde occasione per offendere e dileggiare il Papa. Quanto a questo libro mi sembra essere l'ennesimo esercizio retorico che si bea del classico "parlarsi addosso"!. Sempre più isolati i conservatori di destra che da 70 anni diminuiscono sempre più e sempre più sono isolati: in pratica ormai sono un gruppo folcloristico.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. @ Il Nuovo : Per offendere e dileggiare il Papa bastano e avanzano i figuri della stessa congrega d'origine del Santo Padre che gli fsnno dire ( e fare ) quel che a loro aggrada. Non occorre ulteriormente oeffendere e dileggiare il Papa ci pensa da solo con i suoi fedelissimi. Pur nella crisi terribile che si sta attraversando la speranza non deve tuttavia abbandonare il nostro animo " ma dì soltanto una parola...."

      Elimina
    2. "Siamo entrati in Concilio come esigua minoranza ma abbiamo vinto perché il papa era con noi". Così scriveva mons. Bettazzi, insieme a 'misericordiosi' insulti contro papa Benedetto. Oggi quella esigua minoranza di sovversivi infiltrati nella Chiesa con il loro aumentato seguito, innalzano la bandiera Bergoglio, che è uno di loro, come allora quella di Paolo VI.

      Elimina
    3. Il Nuovo: sei già vecchio e ancora non te ne accorgi?

      Elimina
  3. E ti scaldi tanto per un gruppo folk?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non direi proprio che mi stia scaldando... Se vuoi leggere di qualche "scottatura" vai su siti come Chiesa e postconcilio, Radio Spada o Riscossa Cristiana, lì sì che si bolle ... di santa rabbia "cattolica"!

      Elimina
    2. Bergoglio passa, la Chiesa resta, fattene una ragione e non bollire di rabbia. Tutte le religioni si stanno "irrigidendo" e per la Chiesa di Roma sarà lo stesso.

      Elimina
    3. Certo, è passato Pio X e passerà anche Francesco.

      Elimina
    4. Certo cosa? La cattolicità resta, ed è sempre quella, per quanto possa apparire in un dato (nonché limitato) periodo storico.

      Elimina
  4. " Siamo entrati in Concilio come esigua minoranza ma abbiamo vinto perché il papa era con noi" scriveva mons. Bettazzi, abortista, eutanasista,matrimonialista per omosessuali etc. insieme ad insulti a papa Benedetto per il MP e vomitando bile contro i difensori della dottrina di sempre.Ora come allora i massonico-modernisti infiltrati nella Chiesa in numero sempre maggiore dal CVII in poi, approfittano delle parole volutamente equivoche di papi, per condurre subdolamente la distrurzione della dottrina e morale cattolica che resisterà come ha resistito per duemila anni.

    RispondiElimina
  5. Certo che i bergogliani sono insaziabili. Siete convinti che l'imperator abbia sottomesso tutto il popolo ex-cattolico (quanti siano in realtà ce lo dovrebbe dire il sociologo famoso!)? Ordunque, ma perchè svolazzate nelle buie catacombe dei pochi superstiti conservatori (di destra peraltro, oddio che spavento!), invece di godervi la bella aria dei quartieri vaticani. Badate, nei luoghi stretti e circoscritti, i mosconi possono essere facilmente schiacciati.

    RispondiElimina
  6. Dio ci scampi e liberi dai bergogliani misericordiosi, una sottorazza tagliata fuori dal Sacro.

    RispondiElimina

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.