giovedì 19 gennaio 2017

Celebrazione ad orientem: come sta andando?



Ringraziamenti all'amico Giovanni per la traduzione. Qualche piccola bella notizia.....
L



Due settimane fa, ho ricevuto il seguente messaggio da un amico sacerdote che regge due parrocchie: “Oggi è stata l'ultima domenica con la Messa Novus Ordo celebrata versus populum nelle nostre parrocchie .... Dalla prossima settimana in poi, tutte le Messe saranno celebrate ad orientem”. Un altro amico, un laico, mi ha scritto negli stessi giorni per dirmi: “(nella nostra) parrocchia ... tutte le Messe saranno celebrate ad orientem durante l'Avvento. Questo è stato annunciato nel bollettino già da un mese, accompagnato da spiegazioni didattiche, e so che Padre X ha già subito alcune opposizioni nei suoi propositi”. Il prete da allora mi ha scritto per dire: “Vorrei ringraziarvi per le vostre preghiere per questo fine settimana. Direi che ho assistito ad una specie di ‘miracolo morale’ (in una delle sue parrocchie). Abbiamo avuto tutte le Messe Novus Ordo celebrate ad orientem, e non un solo parrocchiano ha criticato ciò o si è lamentato, qualcosa che certamente non mi sarei mai aspettato. Alcune persone erano persino soddisfatte di questo”. Detto ciò, non ho ancora sentito quel laico su come sono andate le cose nella sua parrocchia.

In ogni caso, ci sembra una buona idea monitorare come vanno le cose dopo l’appello del cardinale Sarah per tornare a quello che dovrebbe essere, ovviamente, la norma per il culto cattolico: girarsi verso il Signore quando ci si rivolge al Signore. Quindi vorrei chiedere ai nostri lettori, chierici e laici, di riferire nel Combox di questo post le loro esperienze sui luoghi in cui la celebrazione ad orientem è stata ripristinata, anche se solo ad experimentum. Saremo lieti di pubblicare le foto, che è possibile inviare al nostro solito indirizzo di PhotoPost: photopost@newliturgicalmovement.org (Possiamo supporre con sicurezza che Padre X non sia l'unico sacerdote che affronta resistenze su questo tema, quindi se si ha motivo di pensare che il prete locale possa essere messo in difficoltà, si prega di chiedere a lui prima di commentare o inviare in immagini).

Di Gregory DiPippo, pubblicato sabato 3 dicembre 2016

11 commenti:

  1. Che senso ha celebrare ad orientem una cena protestante in cui anche le formule possono essere dubbie?
    Si vede la pagliuzza e non la trave....è tutto il RITO che deve tornare ad essere cattolico.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. è un inizio. non crederai che una mattina una folla di ragazzini ignoranti di latino si svegli con la voglia di messe ad orientem... la situazione è tragica, certo va ripristinato tutto, ma la gente neanche lo sa che si celebrava ad orientem

      Elimina
    2. Quando li scopriranno vedrai che fine faranno....


      http://www.lastampa.it/2016/07/11/vaticaninsider/ita/vaticano/celebrazione-della-messa-nessun-cambiamento-degli-altari-in-arrivo-hz7JoiEsLTEXLcOu7J2AGN/pagina.html

      Elimina
    3. Ha letto Lei il nuovo Missale Romanum per affermare con tanta sicurezza che ha formule dubbie? Li dico che legga l'originale latino per capire la sua ricchezza nel solco della Tradizione della Chiesa. In linea con il Liber Sacramentorum del beato Cardinale Schuster.
      Quam egregie ac feliciter prius perficitur altero!

      Elimina
  2. Nella foto si vedono le carteglorie, non si riferisce certamente alla Messa Cattolica ma a quella Luterana di Paolo VI. Sarebbe meglio specificare.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Niente di Luterano. Non facciamo il gioco a Bergoglio. Il nuovo Missale Romanum è ortodosso ad summum. Legga i bellissimi Praefationes della Preghiera Eucaristica. Li raccomando i due "Praefatio" delle Feste del'Immacolata e del'Assunzione.
      Quam egregie ac feliciter prius perficiatur altero!

      Elimina
    2. Lei invece si legga le parole della consacrazione con una nuova traduzione, cambiate (da "per molti" a "per tutti") rendendola con rischio di essere invalido. Poi dopo che Bergoglio a dato libertà di fantasiose traduzione del Messale non ne parliamo.
      La Messa tridentina è eredità degli Apostoli, la Nuova Messa è stata studiata ex novo dietro i tavolini di una pizzeria (testimonianza di un Cardinale). Non parliamo poi degli abusi...

      Elimina
  3. A Bologna nella chiesa di San Salvatore, fino ad un anno fa circa, la celebrazione era sempre ad orientem, causa anche uno splendido altare non ancora disfatto.

    Purtroppo, in concomitanza con l'adorazione perpetua (24h), operazione di per se lodevolissima, hanno messo un banchetto con qualche drappo davanti all'altare per avvicinare l'ostia e da quel momento hanno iniziato a celebrare versus populum.

    Peccato.

    RispondiElimina
  4. Vanno rimosse intanto le tavole davanti agli Altari. Orrende e d'intralcio.

    RispondiElimina
  5. Invece di parlare in continuazione di novus ordo non potete occuparvi di più della Messa di sempre? Ci sono diocesi in itaakia in cui ultimamente il numero delle Messe regolari mensili é drasticamente calato e qui ci si trastulla coi quattro gatti che provano a celebrare ad orientem in usa..

    RispondiElimina
  6. Ennesima censura sui commenti ?

    RispondiElimina

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.