mercoledì 5 ottobre 2016

Per il rinnovo della musica sacra

"Molta della musica che abbiamo oggi nella liturgia nella forma ordinaria vive dell’equivoco tra canto religioso e canto liturgico."
Maestro Aurelio Porfiri
Segnaliamo ai nostri lettori le interessanti considerazioni del maestro Aurelio Porfiri sulla nozione di canto popolare e musica sacra pubblicate dai nostri amici di Paix liturgique (che hanno appena dato una bella rinfrescata al loro sito). Queste riflessioni (da scoprire qui e qui) costituiscono il quarto articolo del maestro trasteverino per Paix liturgique:
- il primo si soffermava sulla nozione della partecipazione nel canto popolare (vedere qui),
- il secondo riguardava la questione della solennità nella musica sacra (leggere qui),
- nel terzo ci si interrogava sul rapporto fra il repertorio del passato e le esigenze del presente (da leggere qui).
L'insieme di questi articoli, che sembra iscriversi perfettamente nella logica della riforma della riforma incoraggiata dal Cardinale Robert Sarah nelle sue dichiarazioni da quando è a capo della Congregazione per il Culto divino e la Disciplina dei sacramenti, rappresenta un contributo notevole e meritevole per una migliore comprensione della questione musicale in ambito sacro.

Nello spirito di queste riflessioni, si terrà a Roma, durante il prossimo pellegrinaggio Populus Summorum Pontificum, un evento dedicato alla "musica sacra fra tradizione e innovazione”. Si tratta di una conferenza durante la quale interverranno Mons. Livi, Mons. Miserachs Grau, il maestro Porfiri e l'arcivescovo di Portland, Mons. Sample, autore di una lettera pastorale esemplare sulla musica sacra quando era vescovo di Marquette (per chi legge l'inglese, si trova qui). Durante la serata, il coro Note blu del Maestro Marina Mungai, interpreterà vari pezzi musicali, da Perosi a Bartolucci, da Miserachs a Morelli.

> Chiesa di Santa Maria dell'Orto a Trastevere, Sabato 29 ottobre 2016. Ore 17.