lunedì 11 gennaio 2016

MARTIN LUTERO - di A. Pellicciari: "Corrosione della Chiesa Cattolica mediante la protestantizzazione" (ed. Cantagalli)

http://www.edizionicantagalli.com/cgi-bin/catalogo/index_catalogue.pl Grazie al blog di Father Z  riportiamo un articolo di Andrea Gagliarducci, uscito su Vatican Monday del 04.01.2016 quale commento al nuovo libro di Angela Pellicciari, MARTIN LUTERO, sul pericoloso ed avanzato processo di corrosione della Chiesa Cattolica mediante una lenta e sorda protestantizzazione che sta mirando, ora come non mai, a destabilizzare il Ministero petrino e a deleggittimare il Magistero della Chiesa. 
Ecco la quarta di Copertina:

"Giornalisti, uomini di cultura e, in generale, la nostra classe dirigente, sono estimatori della Riforma protestante. Le nostre difficoltà, non ultime quelle economiche, sarebbero imputabili all'impermeabilità di noi italiani al vangelo della libertà proclamato da Lutero. A quasi cinquecento anni di distanza vale la pena domandarsi se questa valutazione corrisponda al vero oppure no. Capita con Lutero come all'epoca di Maometto: nel giro di qualche decennio l'orizzionte politico-religioso-economico-culturale cambia completamente. Perché? Che tipo di stato e di cultura si affermano con la Riforma? "Martin Lutero" risponde a queste domande a partire da cosa Lutero ha scritto, predicato e insegnato. Una lettura dettagliata ed argomentata che offre non pochi spunti di riflessione." ANGELA PELLICCIARI, Martin Lutero, ed. Cantagalli 2015, € 12,90, pagg. 173

Ecco alcuni  estratti del commento di Gagliarducci:

L'argomento non si occupa solo dei possibili effetti della Riforma sulla disciplina cattolica. Essa implica la natura stessa della Chiesa di Roma, come è stato storicamente concepito. Attraverso la sua predicazione, Martin Luther messo in discussione la sovranità della Santa Sede. Ha sostituito di fatto le nozioni di libertà e di scelte responsabili con il concetto di misericordia, e quindi valutate l'essere umano non è pienamente responsabile delle sue scelte, che è, non è libero. Ha scatenato la Chiesa dalla autorità del Papa, e sostituisce l'autorità del Papa con l'autorità di principi, cioè, con il potere secolare. Infine, ha avviato una campagna di denigrazione contro la Chiesa cattolica che risuona ancora nelle campagne dei media anticattolici attuali.



"Martin Luther" (Siena: Cantagalli, 2015), è un piccolo libro dello storico Angela Pellicciari, mette in luce il reale contenuto della predicazione e gli scritti di Martin Lutero. Leggendo il libro ci aiuta a capire molti dei dibattiti in corso. Soprattutto oggi è importante essere consapevoli del nemico nascosto e sottile che è la protestantizzazione.



Dall'elezione di Papa Francesco, questi temi sono diventati il ​​centro della agenda dei media concentrati sul Papa venuto dall'Argentina. L'Enfasi di Papa Francesco 'sulla misericordia si inserisce, alla fine, con l'idea di una Chiesa necessariamente disimpegnata a livello politico, ma molto impegnata su temi sociali. Dal momento che il Papa non ha preso parte al Concilio Vaticano II, era considerato più vulnerabile per la campagna mediatica che tende a ritrarre il Concilio come rottura nella storia della Chiesa.

[...]
La spinta per la soggettività è stato uno degli argomenti di Martin Lutero nella sua predicazione anti-romana. Angela Pellicciari scrive: "Con l'eliminazione della funzione del magistero, la negazione dell'ordine sacerdotale, l'esaltazione della libertà individuale e il rifiuto dell'importanza dei lavori per raggiungere la salvezza, ognuno fa le proprie scelte. Ognuno legge la Bibbia e la interpreta a modo proprio, confidando nell'aiuto dello Spirito Santo ".




    Alla fine, il rischio di istituzionalizzazione del "caso per caso il discernimento" è quello di arrivare al "dalla sola Scriptura" (sola fide) nozione che Martin Lutero ha promosso. Il sacerdote che discerne, caso per caso, mette da parte la funzione del magistero e fonda la sua attività sul suo personale interpretazione delle Scritture. Egli esercita un enorme potere discrezionale, ma è più un potere umano che uno derivato da Dio.

    Nella sua enciclica Spe Salvi, Benedetto XVI chiede: "Come può l'idea che hanno sviluppato il messaggio di Gesù 'sia strettamente individualistico e miri solo al singolo? Come si è arrivati ​​a questa interpretazione della «salvezza dell'anima» come fuga dalla responsabilità per l'insieme, e come si è arrivati ​​a concepire il progetto cristiano come ricerca egoistica della salvezza che rifiuta l'idea di servire gli altri? "

    Angela Pellicciari risponde: "Lo ha fatto perché Lutero ha erroneamente interpretato come "sottomissione a Roma" il carisma universale di Pietro e la sua funzione nella difesa di tutta la Chiesa. Di conseguenza, "il corpo è stato abbandonato", sembra "a favore delle anime, cioè della parte più interna di ciascuno di noi, che corrisponde alla nostra coscienza. È come se anima e corpo vengono posizionati uno contro l'altro, e ciascuno di essi va da sè. Come se l'obbedienza alla coscienza è un sostituto all'obbedienza a Pietro. "

    Questi sono ancora i temi principali del nostro tempo. Scuotere i fedeli dall'autorità della Chiesa, Lutero ne ha dato a principi, il potere secolare, un ruolo fondamentale. Egli ha anche affermato l'autorità del potere secolare contro il Papa, se il Papa commette errori. Ma l'autorità del Papa, la sua sovranità, si giustifica con la necessità di indipendenza dal potere secolare. Solo in questo modo - San Leone Magno ha spiegato - la Chiesa può essere credibile e realmente libera.

[...]

Quando il "Concilio dei media" è nato alla fine del Concilio Vaticano II, molti hanno cercato di guidare la Chiesa verso i territori che gli stessi vescovi che hanno preso parte il Consiglio non hanno voluto esplorare. Dopo il Concilio Vaticano II , il dibattito per lo più incentrato (1) sulla possibilità per i preti sposati e il sacerdozio femminile, (2) l'importanza dei vescovi locali , e anche su un enfasi data ai vescovi dal finalmente ammettendo alcuni dei membri del Consiglio del Sinodo per il Conclave , e (3) su un cambiamento di dottrina della Chiesa sulla morale sessuale , al fine di adattarsi meglio allo spirito del mondo .

[...]

Quando Lutero rompe l'unità della Chiesa con argomenti e offusca gran parte della storia della Chiesa, egli crea un terreno fertile in cui l'odio anti-cattolico può fermentare. Il tema del "libero esame" è ripreso dalla Massoneria che - in nome della ragione - ha lanciato l'attacco più forte contro gli insegnamenti della Chiesa cattolica, minando, in primo luogo, l'autorità della Chiesa.Dopo secoli, l'autorità della Chiesa è stata minata nell'opinione pubblica, che oggi condivide una Chiesa povera che rimane con i poveri e non è coinvolto nelle questioni temporali (lasciando a 'principi' il potere di prendere decisioni sopra gli esseri umani). L'obiettivo finale è di minare completamente gli insegnamenti della Chiesa. Questo obiettivo alla base di molte delle pressioni a cui è avvicinato Papa Francesco nel cambiare l'insegnamento della Chiesa, o, almeno, di essere abbastanza ambigua nelle sue dichiarazioni di lasciare uno spazio libero per diverse interpretazioni.Questo è il caso con il post-sinodale su cui c'è grande attesa per quanto riguarda la misura in cui la sua interpretazione oscillerà da un lato all'altro. È interessante notare che la Chiesa in Germania è stata  quella che ha spinto di più verso un ordine del giorno di misericordia, la stessa realtà della Chiesa a livello locale, che sentiva più di ogni altra l'impatto della Riforma protestante, e che più di ogni altro si sente attratto da spirito del mondo. Il sistema della Chiesa fiscale (la Kirchensteuer) ha reso una ricca realtà locale della Chiesa, ma anche mondano. Benedetto XVI ha sottolineato questo mondanità nei suoi discorsi durante il suo secondo viaggio in patria nel 2011. Il Papa ha anche osservato che le tendenze secolarizzanti sono stati provvidenziali, in quanto hanno permesso la Chiesa a ripensare se stessa in termini più spirituali.Mentre tutti stanno spingendo per una "Chiesa più umana", una "Chiesa più divina" è ciò che è necessario, come ha osservato una volta il cardinale Joseph Ratzinger. Questo è il problema. Il nemico sottile  -che è la protestantizzazione -  è sempre attuale, ed è forse il nemico occulto che la Chiesa deve combattere sopra tutti gli altri.Papa Francesco riuscirà a confrontarsi con esso? Sarà in grado di andare oltre le espressioni che descrivono il suo come un "pontificato di rottura", come il Concilio Vaticano II è stato considerato un Consiglio di rottura?Per questo motivo, il Concilio Vaticano II è ora fondamentale. Il lavoro rigoroso l'Arcivescovo Marchetto deve essere attentamente letto. La sua ultima pubblicazione, i diari di Pericle cardinale Felici, Segretario del Consiglio, testimoniano l'instancabile impegno di questo Padre del Consiglio per portare la Chiesa verso l'unità, nonostante le derive che è venuto fuori durante i dibattiti. Non era un tentativo di soffocare il dibattito, ma piuttosto un tentativo di dare loro una continuità con la storia e la dottrina della Chiesa.In attesa di documento post-sinodale Papa Francesco, tali questioni devono essere meditate. Anche i vescovi e cardinali dovrebbero farlo. Papa Francesco sta cambiando il profilo di vescovi, e di conseguenza quella del Collegio Cardinalizio. Il Papa pone molta enfasi sulle Chiese locali; non vuole più diocesi di Classe A e di  Classe B. Il Concistoro imminente (sarà probabilmente terrà il 20 febbraio) ci deve dare un'indicazione chiara di idee Papa Francesco. Che Concistoro dovrebbe essere posto anche per una discussione su post-sinodale. Quindi, saremo in grado di capire se il Collegio dei Cardinali ha pienamente compreso l'importazione delle questioni in gioco. La Protestantizzazione della Chiesa la lascierebbe a corto di difese. Il mondo secolare potrebbe quindi "conquistare Roma", realizzazare quello che è sempre stato la meta finale.

4 commenti:

  1. Brillantissimo analisi della situazione eclesiale della prof. Angela Pellicciari. Brillante anche gli interventi del compianto Cardinale Pericle Felici, gia' Secretario Generale del Concilio Vaticano II, che ha dovuto lottare nell Aula del Concilio strenuamente per difendere la Dottrina Cattolica, sopratutto con la Nota Explicativa Praevia. Ma come dice la Prof. Pellicciari disparuti pratticamente i Padri Conciliari, ora gli nemici della Chiesa stanno a profittare la debolezza di Papa Benedetto XVI e della sua Curia, per fare un Conclave inaspettato e eleggere un candidato progressista, di deficiente formazione teologica che avra' certamente buona volonta', ma che e' manipolato da protestanti e massoni.

    RispondiElimina
  2. La traduzione, la scrittura in genere, fanno in questi testi abbastanza schifo, malgrado l'importanza degli argomenti: non sarebbe ora di curare un po' meglio la lingua, così come giustamente si raccomanda di essere più attenti e compiti davanti alle cose di religione e alla liturgia in genere? La sciatteria fa sempre male come si evince dai modi con cui ormai si canta (e che cosa si canta!) in chiesa. Si ricordino i rimproveri di San Giovanni Paolo II.

    RispondiElimina
  3. E' una pena che questo interessantisimo post non sia commentato dai lettori. Perche qui (nonostante la traduzione, si fa un sforzo) e' la chiave di tutto quello che avvenne a la Chiesa. Spariti i Padri Conciliari, con un Papa di scarsa formazione dottrinale, la protestantizzazione della Chiesa Cattolica e' un fatto. Gia' diceva il Cardinale Ferdinando Antonelli nelle sue Memorie sulla Riforma Liturgica: Si ha concesso a la mentalita' protestante.

    RispondiElimina
  4. Ritengo che durante la sua vita da sacerdote gesuita prima e da arcivescovo poi, papa Bergoglio abbia accumulato idiosincrasia verso la Santa Sede, e meditato e agito per giungere al soglio di Pietro per soppiantare la nostra vera ed unica dottrina con una tutta sua! Ma c'è un piccolo resto che impedirà tutto ciò! Accolgo volentieri le sue richieste di preghiere per la sua persona!

    RispondiElimina

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.