sabato 18 ottobre 2014

Per l'arcivescovo di Kiev occorre insegnare il catechismo al Papa


L'arcivescovo maggiore greco-cattolico di Kiev S. Shevchuk

Questo è il concetto espresso dalle parole del coraggioso Arcivescovo Maggiore di Kiev, come le riporta Mattuzzi su Il Foglio, dette nel corso dell'accesa discussione, per non dire aperta rivolta, con cui i Padri Sinodali si sono imposti al card. Baldisseri, a mons. Forte e al Papa:

L’arcivescovo maggiore di Kiev, Svetoslav Shevchuk, parlava addirittura della necessità di “mandare un chiaro messaggio ai fedeli e al Papa” sul fatto che “la famiglia è l’unione stabile, fedele e sacramentale tra un uomo e una donna”.  

E' davvero la prima volta (e spero anche l'ultima) che mi capita di leggere che un presule ritenga indispensabile ribadire un argomento del catechismo con un messaggio chiaro rivolto non solo ai fedeli, ma anche al Papa. Quest'ultimo, che dovrebbe confermare i fratelli nella Fede, ha invece bisogno di essere confermato lui.

Enrico

56 commenti:

  1. Salutare atto di carità intellettuale. Anche Paolo si trovo' nella necessità di dover ricordare energicamente a Pietro il suo dovere.
    Antiquario

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Assurdo.
      Pietro è il successore di Cristo, Paolo un parvenu che non è mai stato discepolo (non ha mai conoscito Gesu) e ha usato il cristianesimo per giustificare la propria misoginia e sessuologia.

      Elimina
    2. anonimo delle 7:54 lei scrive cose inaccettabili! Ma è cattolico o sta provocando?

      Elimina
    3. Ubi Petrus ibi Ecclesia.
      Cum Petro e Sub Petro
      Sine Petro nulla Ecclesia
      oppure si diventa scismatici.....
      e Petrus oggi si chiama Jorge Mario Bergoglio, che piaccia o meno

      Elimina
    4. e che allora , Pietro sia Pietro caro il mio anonimo delle 19,26 e che ti piaccia o no !!!!!!!!

      Elimina
    5. no Hierro , il bell' anonimo delle 7,54 ha solo dierrea in testa , al posto della materia grigia

      Elimina
    6. Paolo richiamò Pietro in fatto di costume, non di dottrina. E lo richiamò proprio perché l'atteggiamento che Pietro aveva assunto contraddiceva l'insegnamento che egli aveva ricevuto direttamente dallo Spirito Santo, cioè quando davanti ai suoi occhi fu effuso sui pagani. Pietro, dunque, non errò mai in fatto di dottrina.
      Francesco

      Elimina
  2. Al punto in cui siamo, dovremmo auspicare una pioggia di messaggi del genere, affinché il Papa inizi a parlar da Pietro e non da Simone.

    RispondiElimina
  3. Fatti inauditi , ma di che stupirsi? Non avevamo già assistito ai prodromi sempre più chiari ? Sono i frutti ormai maturi (ma non si esclude un processo ulteriore verso la marcescenza )del mitico concilio , ormai anche i normalisti più ebeti ne dovranno prendere atto ;o piuttosto anche loro accetteranno la negazione esplicita (seppur ammantata di affabulazioni , )del Vangelo ?

    RispondiElimina
  4. A proposito , che fine ha fatto il calunniatore cirenaico ? Anche lui ormai senza parole ? Me lo auguro , forse anche in lui si sta facendo strada un barlume di verità

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se intendi Simon l'helvetico, Turiferario, che lo conosce bene, dice che scrive nel blog Croce Via (pellegrininellaverita). Si potrebbe controllare.

      Elimina
  5. Pare che Giorgio la Carogna la abbia presa molto a male quest'immprovvida uscita del Vescovo ucraino.
    Chiuso in Santa Marta macina livore e ripete ossessivo: "Il Catechismo è una solenne sciocchezza!".
    La banda di manigoldi dal sesso incerto che lo circonda annuisce paziente ed aspetta che la carcassa vaneggiante firmi il consueto assegno per pagare loro la sauna gay ove rilassarsi dalle pesanti fatiche che il sinodo dà.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Signor Anonimo, Ella è solamente un fellone maleducato e infigardo.
      Non si offende il Papa! La sfido a duello
      Crocifer

      Elimina
  6. insegnare il catechismo al papa ????

    facciamoci 'na bella carrellata di un tema carissimo a TUTTI i papi del postconcilio: IL MITICO "DIO UNICO E COMUNE" a tutte le confessioni... (argomento in sé più grave del matrimonio perché tocca direttamente il primo comandamento)


    PAPA MONTINI PARAGONAVA I MARTIRI MUSULMANI E CRISTIANI.
    Paolo VI: "Noi siamo sicuri di essere in comunione con voi musulmani, quando imploriamo l'Altissimo, di suscitare nel cuore di tutti i credenti dell'Africa il desiderio della riconciliazione, del perdono così spesso raccomandato NEL VANGELO E NEL CORANO"...

    - PAOLO VI - Angelus Domini. Domenica 9 agosto 1970
    […]Il conflitto [in Terra Santa] impegna tre espressioni etnico-religiose, le quali riconoscono UN UNICO VERO E SOMMO DIO: il Popolo ebraico, il Popolo islamico, e, in mezzo a loro e diffuso in tutto il mondo, il Popolo cristiano, cioè il monoteismo, L’DENTICO MONOTEISMO, nelle sue tre voci più autentiche, più antiche, più storiche, più convinte. Non sarebbe mai possibile, che dal NOME DEL MEDESIMO IDDIO, invece di irriducibili opposizioni, scaturisse un sentimento di mutuo rispetto, di possibile intesa, di pacifica convivenza?
    Il riferimento AL MEDESIMO DIO, AL MEDESIMO PADRE, senza pregiudizio della discussione teologica, non potrebbe un giorno servire alla scoperta, così difficile e così indispensabile, che siamo tutti fratelli?[…]”
    http://www.vatican.va/holy_father/paul_vi/angelus/1970/documents/hf_p-vi_ang_19700809_it.html

    - GIOVANNI PAOLO II
    (GPII non si riferisce solo alle religioni "monoteiste", ma va al di là...)
    Viaggio apostolico in Togo, Costa d’Avorio, Camerun, Repubblica Centro-Africana, Zaire, Kenya, Marocco
    Incontro con i giovani musulmani a Casablanca
    Marocco - Lunedì, 19 agosto 1985
    “NOI CREDIAMO NELLO STESSO DIO, L’UNICO DIO, L’UNICO DIO, IL DIO VIVENTE, IL DIO CHE CREA I MONDI E PORTA LE SUE CREATURE ALLA LORO PERFEZIONE”.

    - GIOVANNI PAOLO II
    Visita a Wadi Al-Kharrar,
    Preghiera del Santo Padre Giovanni Paolo II
    Martedì, 21 Marzo 2000
    “SAN GIOVANNI BATTISTA PROTEGGA L’ISLAM”
    http://www.vatican.va/holy_father/john_paul_ii/travels/documents/hf_jp-ii_spe_20000321_wadi-al-kharrar_it.html

    - BENEDETTO XVI In occasione della visita a Istanbul, 2006
    Nel Libro d’oro del Museo di Santa Sofia scrisse:
    “NELLA NOSTRA DIVERSITA’ CI TROVIAMO DAVANTI ALLA FEDE DEL DIO UNICO, che Dio ci illumini e ci faccia trovare la strada dell’amore e della pace”.
    http://www.stpauls.it/fc06/0650fc/0650fc26.htm

    - BENEDETTO XVI. Incontro con i capi religiosi musulmani, con il corpo diplomatico e con i rettori delle università giordane
    MOSCHEA al-Hussein bin-Talal - Amman
    Sabato, 9 maggio 2009
    “LUOGHI DI CULTO, COME QUESTA STUPENDA MOSCHEA di Al-Hussein Bin Talal intitolata al venerato Re defunto, si innalzano come GIOIELLI sulla superficie della terra. Dall’antico al moderno, dallo splendido all’umile, TUTTI RIMANDANO AL DIVINO, ALL’UNICO TRASCENDENTE, ALL’ONNIPOTENTE.
    Ed attraverso i secoli questi santuari hanno attirato uomini e donne all’interno del loro spazio sacro per fare una pausa, per pregare e prender atto della presenza dell’Onnipotente, come pure per riconoscere che noi tutti SIAMO SUE CREATURE”.
    http://www.vatican.va/holy_father/benedict_xvi/speeches/2009/may/documents/hf_ben-xvi_spe_20090509_capi-musulmani_it.html

    - PAPA FRANCESCO, quando intervistato da Scalfari risponde:
    "E io credo in Dio. Non in un Dio cattolico, NON ESISTE UN DIO CATTOLICO, esiste Dio".

    insegnare il catechismo al papa ????
    SI, MA A TUTTI I PAPI DEL POST CONCILIO !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il Concilio è stata la vera catastrofe! Il vaso di pandora dal quale sono uscite tutte le più grandi aberrazioni. O si torna subito alla applicazione delle norme Tridentine dalla liturgia in poi oppure per il Cattolicesimo non resta che cantare il de profundis. Ormai l'emorragia è troppo estesa.

      Elimina
    2. Hierro, la catastrofe mentale è nella sua testa.

      Elimina
    3. La disperazione, Hierro, non è cattolica. Nostro Signore salverà la Chiesa ch'è sua, e con molta misericordia aprirà la mente accecata dell'anonimo che ti chiama in causa.

      Elimina
    4. Caro anonimo delle 20.06 non credo proprio di avere la catastrofe nella testa. Proprio perché sono lucido ritengo di interpretare bene il momento che sta attraversando la Chiesa Cattolica. Lo so che a voi proto-cattolici non piace sentir parlare di attinenza al Vangelo, Tradizione e Catechismo, troppo meglio essere assecondati per poter continuare a fare i vostri comodi: ma allora dico, a che vi serve una religione?

      Elimina
  7. Si ma Ratzinger ha fatto il discorso di Ratisbona, Woytila ha vietato anche l'uso temporaneo delle Chiese vuote da parte dei saraceni.
    La mummia argentina invece è arrivata a dire che l'ateo buono va in paradiso!
    Tutti i Papi ,anche quelli santi, hanno fatto qualche errore invece Giorgio la Carogna li ha fatti tutti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma sei proprio un coglione!!!!!

      Elimina
    2. Anche Wojtyla ha detto che i giusti (anche se non cristiani) vanno in paradiso.

      http://ricerca.repubblica.it/repubblica/archivio/repubblica/2000/12/07/in-paradiso-tutti-giusti-anche-non-cristiani.html

      Ma il tuo Dio è infinitamente buono e giusto, come dice la Chiesa Cattolica? O sei rimasto al dio sadico del Vecchio Testamento?

      Non è possibile che un dio infinitamente buono e giusto punisca delle persone che non sono colpevoli.

      Elimina
  8. Ma a nessuno di voi viene in mente di pensare all'Angelo protettore di llamame Jorge? Beh, se ancora non lo avete fatto, un ripassino veloce, è lì da più di 30 anni.....ad maiora!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se cominciamo a discutere del sesso dell'angelo protettore di Giorgetta la pazza ,ci cacciano dal blog.......

      Elimina
  9. Ha ragione , Hercule , queste parole sono scandalose . Io in un primo momento non le percepivo come tali , perchè pensavo fossero un appello a quella religione naturale che si trova in ogni uomo , quel riconoscimento di Dio creatore e remuneratore che può salvare chi si trova nell'ignoranza incolpevole. A ciò si aggiunga il naturale ossequi verso parole papali ; rimanevo quindi in un atteggiamento di superficialità che ora ho superato , ma che constato permanga ancora in tanti fedeli ingenui ma non cattivi . Questa materia matrimoniale , con il rimando alla chiarezza inconfutabile del Vangelo , contro cui non c'è sottigliezza sofistica che tenga , mi pare la più adatta ad aprire gli occhi ai suddetti ingenui (di buona volontà )

    RispondiElimina
  10. Uno che invece è sparito per davvero dalla circolazione è Luisa, che scriveva anche lei come Turiferario e altri su Chiesa e Postconcilio.

    RispondiElimina
  11. La vera degnità del turibolo18 ottobre 2014 17:56

    La cattiveria si paga, è vero. E specialmente quella animata dal farisaismo di chi fingendo l'atto di dispensare saggi consigli dall'alto di una pace interiore del tutto presuntiva augura in realtà il male al prossimo. E con la cattiveria camuffata da grande pietà si paga anche la menzogna. E si paga anche la vanità. E si paga anche l'autoimpostura. E l'autoassoluzione dalle infamie perpetrate. Chissà se la lezione è bastata ad aprire un po' certi occhi accecati, quelli di chi ha aggredito, offeso, tradito e vorrebbe ergersi a giudice equanime (ma implacabile) e olimpico pacificatore. Le vie del Signore sono infinite. E qui a pensar vi lasso.

    RispondiElimina
  12. Tanto vi era dovuto. Lasciando questa sede e le consimili, che non leggerò. Chi voleva davvero chiarire sapeva bene dove cercare. Non nelle pagine dei blog, ma nella vita.
    Adios!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non mi sembra che qualcuno pianga per la tua dipartita.

      Elimina
  13. Io dubito fortemente che Bergoglio, Kasper, Forte e Baldisseri siano cattolici. Legittimare omosessualità unioni civili comunioni ai divorziati, convivenze è una cosa sconvolgente ed eretica che va ciontro 2000 anni di storia bene profetizzò san paolo riguardo a coloro che vengon presi da passioni infami! So che Il santo Sinodo di Mosca condannò come eretica setta dei Klysti che sosteneva le stesse idee della Banda dei Quattro Bergoglio Baldisseri, Forte e Kasper. Il più onesto è Kasper lui parlava apertamente gli altri tre hanno ingannato il mondo intero. Ipocriti e Falsi! Dimettetevi! questo è il Sinodo della Vergogna e dei Zozzoni.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La setta dei Khlysti aveva ben altre idee.

      http://it.wikipedia.org/wiki/Chlysty

      Elimina
  14. Ha ricevuto tutti, dal suo album manca solo Luxuria...

    RispondiElimina
  15. E Enrico sa tutto il catechismo?

    RispondiElimina
  16. Insegnare il catechismo a chi ha riabilitato D'Escoto, colui che insegna che Cristo agisce per opera di Fidel Castro ? Affidiamolo a Piero Angela.

    RispondiElimina
  17. bergoglio una lástima, un malo pontifice

    RispondiElimina
  18. Montini,che oggi si beatifica, fu l'origine di questa apostasia. Oggi comincia lo scisma manifesto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Spero di no.
      Già immagino i baccanali questa sera della nota lobby.
      Alcuni di loro ,romanticamente, guarderanno il cielo e vedranno una meravigliosa stella cadente e diranno :"Guarda che bellaaaaaaaaaaaaarg!"

      Elimina
  19. Bergoglio vuole attuare il programma di Martini, e quello rivoluzionario del 68 dei Figli dei Fiori: sesso libero, unioni libere conta solo l'amore il peccato è in non cale. Se questa non è apostasia dalla fede cattolica!
    Disobbedire a un ordine ingiusto è un dovere. Papa Onorio per molto meno fu condannato come eretico da un Concilio Ecumenico. Giovanni XXII fu costretto dai cardinali a ritrattare le sue convinzioni eretiche sulla visione beatifivca.
    Questa situazione tragica io la faccio risalire a Pio IX , papa ottimo ma col culto del romano pontefice ha reso possibile tutto questo.
    I vescovi trasformati in mandarini prima o poi, digeriscono tutto e non reagiscono come dovrebbero.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pio IX ha semplicemente esplicitato nel dogma ciò ch'era creduto dalla Chiesa e professato legittimamente. La papolatria è un'eresia che non si può attribuire a Pio IX, ma solo a coloro che si servono del papa per pararsi le terga quando promulgano dottrine erronee.

      Elimina
    2. Se è per questo è papolatra pure quello che sostiene che se un papa è eretico te lo devi tenere a sfasciare la Chiesa perchè non può essere deposto (al massimo lo puoi sputtanare un pò sui blog)...
      te ricorda nessuno pastorè????

      Elimina
    3. Ancora l'anonimo maleducato. Te l'ho detto: non esiste un tribunale che possa condannare un papa, essendo lui il sovrano legislatore.
      E ti ho consigliato di metter insieme un'orda di barbari anonimi ed andare ad espugnar Santa Marta per deporre il papa e rinchiuderlo nei sotterranei di Castel Sant'Angelo in catene. Roba da poco visto il tuo fervore.

      Elimina
  20. Nerone e Sporo dopo 1950 anni ringraziano Bergoglio per averli sdoganati, e Marino il sindaco di Roma ha subito provveduto a mettere in atto i verba di papa Bergoglio. La palingenesi dei fini: l'ordine dei gesuiti nato per difendere l'ortodossia cattolica ha prodotto il più eterodosso e ignorante dei papi.
    L'arivescovo Maggiore che è il Patriarca degli Ucraini cattolici ha ragione purtroppo non basta insegnargli il catechismo gli si deve insegnare tutto il resto, liturgia, teologia, storia...con lui il papato è diventato ridicolo con incertezze dottrinali a non finire ed è sceso al livello dei papi ignoranti delll'alto medioevo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche Erode antipa ed Erodiade ,Lutero e la Von Bora, non parliamo di Enrico VIII. La loro progenie satanica (ad perditionem animarum pervagantur in mundo) siede ,purtroppo, ora dove non è opportuno che sieda....

      Elimina
    2. 10 100 1000 vescovi di Kiev!!!!

      Elimina
  21. Sto seguendo il rito della beatificazione di Paolo VI trasmesso alla televisione,un senso di profonda angoscia mi ha accompagnato durante tutta la celebrazione, oggi si è celebrata l'eresia nella chiesa, beatificando colui che ha avviato la rovina della chiesa , i frutti si si son visti con il sinodo sulla famiglia. Ho costantemente invocato l'arcangelo S. Michele, questo è l'inizio della fine.



    Oggi speravo di vedere Benedetto XVI meno sorridente, mi sono illuso aspettando una sua reazione a quello che sta avvenendo nella chiesa, ma...sono rimasto deluso.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono sempre più convinto che Benedetto XVI non sia compos sui da un bel po di tempo altrimenti si sarebbe accorto degli inganni che ordivano alle sue spalle e non si sarebbe lasciato menare per il naso da Bertone eleggendo 70 cardinali che gli hanno votato contro! Luigi I di baviera si fidava di Lola Montez fino a perdere il trono, lui si fidava ciecamente di bertone. Firmava tutto non vedeva la realtà se non con gli occhiali di bertone.
      E ricordiamoci che è stato anche lui un progressista si è scansato da loro quando ha visto l'abisso a cui eran diretti Preghiamo per lui , ha seminato del bene che resterà.
      Gli atti del suo governo lascamoli giudicare ai posteri.

      Elimina
  22. anonimo delle 12,27

    mi sorprendo di trovarti sorpreso !!!!!!
    quando tutto è gia' stato pianificato da tempo !!

    con PAOLO MESTO , si vuole beatificare e santificare tutto il Concilio e mai concilio fu piu' santo e dogmatico e infallibile del CONCILIONE BARACCONE !!

    RispondiElimina
  23. Uno spera sempre...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La Speranza è l' Ottimismo degli Idioti ....... nessuno ci proibisce di esserlo !!!!!!!

      e ........ speriamo sempre !!!!! ..........

      Elimina
  24. Bergoglio ha chiuso il rito dicendo "pregate per me e buon pranzo". Teneva in mano quel brutto pastorale di Paolo vi col Cristo a forma di sardina. Io non sono riuscito a mangiare ma ho pregato dicendo "mio Dio, perché ci hai abbandonato?!".

    RispondiElimina
  25. Il Sinodo era la Corrida di Bergoglio è entrato a gamba tesa facendo parlare Kasper, Forte e Baldisseri, Lombardima dietro c'era lui, poi inviava pizzini a nastro, tacitava i padri impedendo si sapesse i tenori degli interventi, un sinodo bulgaro, eppure non gli è servito a nulla perché i vescovi ispirati da Dio han resistito e ne è uscito scornato. Per lui è la sua camarilla è una disfatta.
    Ha i due terzi dell'episcopato contro! Ne tragga le conclusioni. Ormai è solo un'anatra zoppa.

    RispondiElimina
  26. Se con il “neo beato” (sic, triplo sic!) Paolo VI, Il fumo
    di Satana era penetrato dalle fessure di San Pietro…,
    con Bergoglio, non il fumo, ma Satana in persona
    vi si è insediato!!!
    A nulla servirà la resistenza dei veri vescovi cattolici…,
    tutto è racchiuso nel terzo segreto di Fatima che né
    Giovanni XXIII, né Paolo VI vollero divulgare!...
    Papa Giovanni Paolo II, lo edulcorò con l’interpretazione
    che sappiamo affermando che
    “L’accanimento mediatico è quello di non volersi capacitare che la profezia non è aperta sul futuro, è consegnata al passato. Non ci si vuole arrendere all’evidenza”
    Papa Benedetto XVI ebbe invece il coraggio di dire
    “Si illuderebbe chi pensasse che la missione profetica di Fatima sia conclusa”
    In ogni caso, l’apostasia nella Chiesa è in corso e…
    Con Bergoglio galoppa!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se penso che Pio XII è stato messo in un angolo questo mi fa veramente dubitare un po'...

      Elimina
  27. hanno fatto santo Pio V con il sangue dei valdesi sterminati al sud...la "produzione" di santi e beati è un iter standard...ognuno ha le proprie simpatie (per l'affermazione su Pio V nel passato potevo essere messo al rogo...anche Pio XII non voleva collaboratori ma esecutori...il vescovo Siri lo emulava magnificamente ma lo Spirito Santo ci ha risparmiato da averlo come Pontefice). Un dubbio: perchè nelle decisioni dei Sinodi non partecipano anche le Madri Superiori dei vari ordini religioni femminili...lo Spirito Santo agisce solo tramite il sesso maschile?...date le discussioni del momento ci viene in mente un orientamento strano dello Spirito Santo)...Valerio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non tocchiamo San Pio V per favore! E poi basta rielaborare con la mentalità del XXI secolo cose di 5-600 anni fa! E' un giochino ormai vecchio e degno della peggior URSS. Intanto Paolo VI è beato e Pio V Santo, quindi non confondiamo. Si continua a far passare come colpe della Chiesa quello che in realtà erano volontà dei regni di allora perché visti come sobillatori (i Valdesi) della pace sociale. Infine Siri, checché se ne dica la sfido a dimostrare che non fosse un Sant'uomo...comunque se vuole una religione su misura esiste sempre il calvinismo o l'anglicanesimo o qualche setta protestante....

      Elimina
    2. Eh, sì, Valerio. Cristo e gli apostoli erano maschi. E maschio dev' esser il prete, in quanto dovrà operar come l'alter
      Christus. La Chiesa docente è fatta da maschi. Ciò non significa che non ci siano donne di alta dottrina, spiritualità e santità, anche dottore della Chiesa.

      Elimina

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.